Venerdì , 18 Ottobre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Carlos Alberto Montaner. La nuova morte di Fidel Castro
(foto Alejandro Ernesto / EFE)
(foto Alejandro Ernesto / EFE) 
21 Ottobre 2012
 

Periodicamente si diffonde la voce della morte di Fidel Castro. È diventata quasi un’abitudine. I mezzi di comunicazione di tanto in tanto mettono in primo piano la possibilità della sua prossima morte e si preparano per il grande funerale. Questa volta “la notizia” è partita dal Venezuela e sembrava verosimile. Fidel era in assoluto silenzio da diversi mesi, si diceva che questa cosa era la conseguenza di un grave episodio cerebro-vascolare che lo aveva reso moribondo. Stiamo parlando di un uomo di 86 anni, quindi la notizia non era per niente sorprendente. Nella sua situazione, non è tanto strana la sua morte, quanto l’ostinata insistenza a restare vivo. Sembrava una buona idea morire proprio nel cinquantesimo anniversario della Crisi dei Missili. Una preziosa coincidenza storica.

Alla fine di tutto sappiamo che il suo mausoleo è pronto nel cimitero di Santa Ifigenia, a Santiago de Cuba, 765 chilometri dall’Avana, molto vicino alla tomba che conserva i resti mortali di José Martí. Si sa, anche, che il previdente Raúl Castro ha già scritto il comunicato stampa e ha pronta la liturgia di un così atteso decesso. Se c’è una cosa che non lo prenderà di sorpresa, è proprio la morte del fratello. Lui è una persona organizzata. È sempre stato dipendente da Fidel e sarà così fino all’ultimo. Non ignora che la sua esistenza è stata plasmata da Fidel da quando era un adolescente. Quando Raúl pensa o dice che “deve la vita a Fidel” né è proprio sicuro. Fidel “l’ha fatto” da capo a piedi, come lo scultore che intaglia una figura di legno. Come Geppetto fece Pinocchio.

Probabilmente, prima il feretro sarà vegliato all’Università dell’Avana o in Piazza della Rivoluzione. La guardia d’onore sarà composta da alcuni dei più importanti veterani della Sierra Maestra ancora in vita. Subito dopo, il cadavere percorrerà la strada centrale dalla capitale fino a Santiago de Cuba, la città dalla quale partì per prendere il potere, il primo gennaio del 1959. Fidel, molto prudente, impiegò una settimana per fare quel viaggio circondato da una folla entusiasta. Per rifare quel percorso, da morto, coperto dalla bandiera cubana, impiegherà meno tempo, ma sarà ugualmente una marcia lenta. Basta vedere il rituale per verificare che i morti, ovunque, si muovono sempre lentamente. All’interno della scenografia rivoluzionaria, quell’ultimo atto, carico di simbolismi, ha una certa importanza. Genio e personaggio, mai detto fu migliore, fino alla sepoltura.

Non ha senso supporre che Raúl Castro nasconderà la morte di suo fratello. Con quale obiettivo? Ha ben salde in mano le redini del potere. Quando accadrà, poche ore dopo l’annuncio dato dal generale-presidente, le emittenti radio cominceranno a suonare marce militari e temi funebri, mentre un annunciatore costernato proclamerà con voce grave l’ora in cui il portavoce del governo, o lo stesso Raúl, si rivolgerà alla nazione per fare un annuncio importante. Tutti ne intuiranno il contenuto, e la notizia, debitamente filtrata, sarà raccolta da tutte le agenzie di stampa internazionale.

Da un punto di vista psicologico l’evento riveste molta importanza. Tre generazioni di cubani sono nate e cresciute all’ombra di Fidel. Anche se tutti attendono la sua morte, la notizia sarà un bel colpo e il regime farà tutto il possibile per sottolineare il dolore della popolazione, come accadde in Corea del Nord alla morte di Kim Il Sung o in Spagna dopo la scomparsa di Franco. Il dolore, pensano, serve a unire le masse.

Che cosa accadrà, allora? Senza dubbio continuerà, inesorabile, il processo di abbandono e di negazione del caudillo morto. Accade sempre. Se non lo fa lo stesso Raúl, lo farà il suo successore. Stalin, che era Dio in Terra nella vecchia URSS, morì nel marzo del 1953 circondato da innumerevoli promesse di adesione eterna ala sua memoria. La sua gloria durò solo fino al febbraio del 1956. Nel corso del Ventesimo Congresso del Partito Comunista fecero a pezzi la sua memoria. A Fidel accadrà lo stesso.

 

Carlos Alberto Montaner

(da El Nuevo Herald, 21 ottobre 2012)

Traduzione di Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Gordiano Lupi. Jeffrey Goldberg risponde a Fidel: “Nessun malinteso!”
  Miami. Muore suicida lo storico cubano Carlos Ripoll
  Carlos Alberto Montaner. La primavera latinoamericana
  Gordiano Lupi. Il periodico di Yoani
  Álvaro Vargas Llosa. Una principessa tra due mondi
  “Havana Real” di Yoani Sánchez presentato a Miami
  “El otro paredón”, L’altro muro. Assassinio della reputazione a Cuba
  Carlos Alberto Montaner. I tre misteri di Hugo Chávez
  Carlos Alberto Montaner. Trionfa Chávez. Si consolida Capriles
  Carlos Alberto Montaner. HAVANA REAL di Yoani Sánchez
  Cuba libre era solo un cocktail
  Carlos Alberto Montaner. La Cuba di Raúl Castro: il lato peggiore dei due mondi
  Obama e Raúl Castro: incontri e disincontri
  Letteratura e censura a Cuba
  Carlos Alberto Montaner. Cuba dopo Chávez
  Gordiano Lupi. Il Granma diffama Carlos Alberto Montaner
  Carlos Alberto Montaner. Anatomia del tentativo di assassinare la mia reputazione
  Carlos Alberto Montaner. Un altro che è disposto a morire
  La moglie del colonnello. Gordiano Lupi intervista Carlos Alberto Montaner
  Gordiano Lupi. Conversazione con Carlos Alberto Montaner
  Gordiano Lupi alle Isole Tremiti con Carlos Alberto Montaner per “La moglie del colonnello”
  Carlos Alberto Montaner. Quel che il Papa ha visto a Cuba
  Yoani Sánchez ospite virtuale alla Fiera del Libro di Miami
  Anna Cherubini. Le domande da fare a Montaner
  Un socialismo dal volto capitalista
  “El otro paredón”: Distruzione della reputazione a Cuba
  Con "La moglie del colonnello" di Carlos Alberto Montaner
  Prensa Gulag. Il nuovo romanzo di Julio San Francisco
  Carlos Alberto Montaner. Benvenuto, Pablo Milanés
  Rafael Alcides. Teatro
  Yoani Sánchez. Cuba sopravvive a Fidel Castro
  Fidel Castro presenta le sue memorie
  Omar Santana. Ottantotto
  Messaggi in bottiglia dall’isola dei non connessi
  Gordiano Lupi. Fidel Castro è vivo
  Ad agosto in uscita un nuovo libro di Fidel Castro
  Reinaldo Escobar. L’ultima morte di Fidel Castro
  L'aggressività americana alla prova di Libia e Siria
  Orlando Luís Pardo Lazo. Non siamo niente
  Gordiano Lupi. Della morte di Fidel
  “Fidel Castro in fin di vita”. Ma è solo una voce diffusa su Twitter...
  Omar Santana. “Vado a tagliare la torta!”
  Gordiano Lupi. Fidel Castro è vivo e vegeto
  Fidel Castro tra cinema e realtà
  Gordiano Lupi. Fidel Castro in delicato stato di salute: non tornerà ad apparire in pubblico
  L'Avana. Fidel in pubblico
  Cuba. Riappare in pubblico Fidel Castro
  Fidel Castro moribondo?
  Wendy Guerra. Benvenuti nel capitalismo selvaggio
  Gordiano Lupi. Muore Juan Almeida. Fidel Castro è ancora più solo
  A. Torreguitart Ruiz. Buon compleanno, Fidel!
  Fonti cubane parlano di Fidel Castro in fin di vita
  Omar Santana. Voci sulle condizioni di Fidel Castro
  Wendy Guerra. Vivo all’Avana
  Dissidenti cubani e mistificazioni italiane
  Fidel Castro compie 85 anni
  Aspettando il 26 luglio. Parlerà Fidel o Raúl?
  Garrincha. Castroriflessioni
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Il vecchio non tira il calzino
  “Fidel Castro vivrà 140 anni, nonostante la malattia”
  Yoani Sánchez. Populismo alla cubana: conquiste, minacce e leadership
  Fidel Castro è vivo e posa accanto a Lula
  Pedro Argüelles Morán. León Profeta
  CubaDebate pubblica foto recenti di Fidel Castro per smentire voci sulla sua morte
  Miami. Feste per la morte di Castro?
  Buon compleanno, Fidel!
  Gordiano Lupi. Fidel Castro e le “Riflessioni” bonsai
  Gordiano Lupi. Cuba prima della rivoluzione
  Smentite nuove voci sulla morte di Fidel Castro
  Fidel vota alle elezioni cubane
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Ottantasette e non li dimostra
  Jardim. Halloween 2012
  Fidel Castro non scrive e non parla
  Fidel Castro? “È lucido e sta lavorando molto”
  Reinaldo Escobar. Il testamento politico di Fidel Castro
  Gordiano Lupi. Maledetto sigaro (2000)
  Yoani Sánchez. Materia da cartomanti
  Carlos Alberto Montaner. Un anno senza Fidel
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 3 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy