Domenica , 21 Luglio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Aspettando il 26 luglio. Parlerà Fidel o Raúl? 
Il fantasma del passato contro la speranza del cambiamento
25 Luglio 2010
 

Dopo essere scomparso per quattro anni dalla scena pubblica, Fidel Castro è tornato alla ribalta, si è fatto vedere alla televisione cubana e nei centri di lavoro, al ritmo di cinque apparizioni in dieci giorni.

Il suo tema ricorrente durante queste uscite pubbliche non riguarda la politica interna e neppure lo stato di degrado della vita pubblica e dell’economia cubana. No davvero. I suoi discorsi - meno lunghi che in passato - vertono sulla politica estera e sono più apocalittici del solito. Secondo il vecchio Comandante il mondo è sull’orlo di un nuovo conflitto nucleare per un probabile attacco degli Stati Uniti e di Israele nei confronti di Iran e di Corea del Nord. Fidel forse non ricorda che in tempi moderni il mondo è stato davvero vicino al conflitto nucleare e allo scoppio di una terza guerra mondiale. In quel caso il merito sarebbe stato soltanto suo e di una scellerata crisi dei missili che vide protagonisti Kennedy e Krusciov.

La sua riapparizione in pubblico provoca diffidenza tra i cubani. Secondo Yoani Sánchez, Fidel vuole distogliere l’attenzione dai veri problemi in un momento in cui il regime castrista si trova in una posizione delicata dopo la scarcerazione dei prigionieri politici. «Quando morì Orlando Zapata Tamayo, il 24 febbraio, comparvero foto di Fidel sulla stampa. La strategia si ripete», ricorda la blogger cubana. Le apparizioni pubbliche di Fidel mirano a controbattere i modesti segnali di apertura, vogliono tagliare alla radice la speranza che Raúl Castro parli di vere riforme economiche nel discorso per l’anniversario dell’assalto alla Caserma Moncada, che avrà luogo lunedì 26 luglio. «Abbiamo il timore che la presenza di Fidel crei un ambiente poco propenso al cambiamento», ammette il dissidente Óscar Espinosa Chepe, che spera in Raúl Castro e confida che «abbia il coraggio necessario per imporsi alla parte più talebana del regime».

Yoani Sánchez parla di un’altra possibilità, una sorta di accordo tra fratelli, sulla base del quale Fidel si occuperebbe dei temi di politica estera e Raúl dei problemi interni. Ma la paura maggiore tra i cubani è che Fidel sia tornato alla carica per recuperare il potere. «Corre voce che sarà Fidel a pronunciare il discorso del 26 luglio», dice la blogger. Espinosa Chepe non lo crede possibile: «Sarebbe il colmo!».

L’aspetto di Fidel è migliorato, nonostante i suoi 83 anni, ma sono in molti a parlare dei suoi gravi problemi di salute.

«È difficile valutare la salute mentale di una persona ossessionata nelle sue tematiche e che parla senza rispondere a domande. Non si vede mai in diretta. Le sue apparizioni sono sempre registrate», assicura Yoani Sánchez e aggiunge: «Se fosse mio nonno ti direi che sta molto bene, ma come presidente non ha le capacità per governare».

«Fidel Castro è un uomo problematico, i cubani ridono dei suoi discorsi apocalittici, in pochi leggono le sue Riflessioni e neppure i media ufficiali pubblicano più i suoi discorsi integrali», dice Espinosa Chepe. Lunedì 12 luglio Fidel è comparso in televisione, ma secondo Yoani Sánchez «l’hanno visto in pochi perché è una figura che appartiene al passato». La blogger aggiunge che Fidel ha detto agli economisti cubani di dedicare quattro ore al giorno per programmare la situazione dopo la guerra nucleare. Un vero paradosso!

«Mancano soltanto due giorni al discorso del 26 di luglio e niente fa presupporre che sia diverso dal solito: espressioni retoriche e incendiarie, ma senza alcun risultato nella vita reale», conclude Yoani.

Tutto fa pensare che la blogger abbia ragione, ma in ogni caso attendiamo con curiosità l’arrivo del prossimo 26 luglio.

 

Gordiano Lupi

 

 

Fidel Castro ha reso omaggio ai caduti del 26 luglio

nel Municipio di Artemisa

Sulla rivista CUBADEBATE (24/07/2010) molte foto dell'evento

 

Yoani Sánchez commenta: «Fidel Castro appare in televisione con una camicia verdeolivo ma senza i suoi gradi da Comandante. Che cosa vorrà dire?».

E ancora: «Juan Juan Almeida ha fatto ritorno ala sua casa, ma sarà controllato a vista fino al 26 di luglio. Il regime non vuole sorprese né contestazioni». (Gordiano Lupi)

 


Articoli correlati

  Yoani Sánchez. Una visita più simbolica che politica
  Cuba, 26 luglio. Raúl Castro non parla
  Yoani Sánchez. Cuba. Il numero 1.5
  Cuba. Stato sociale, forse cade un tabù
  Cuba. Liberato Lázaro González Adán, in carcere dal 2004
  A Cuba reimpasto nel governo
  Raúl Castro convoca per aprile 2011 il 6° Congresso del PCC
  Cuba. Meno detenuti politici, ma situazione diritti non migliora
  Yoani Sánchez. Mi dimeno nell’Olimpo
  Garrincha. Il cambiamento di Raúl
  Le riforme di Raúl non si fermano
  Lula paragona i dissidenti cubani ai delinquenti comuni brasiliani
  Raúl Castro riapre il settore dei trasporti ai privati
  Iniezioni di libero mercato e campi da golf per l'economia cubana
  Valter Vecellio. La situazione. Cuba, come prima, peggio di prima
  Gorki Águila. “El general”. Arrestato mentre la registrava
  Yoani Sánchez. Che cosa fa un presidente?
  Domenico Vecchioni. “Raúl Castro”
  Cuba senza Castro. L'ottimo libro di Giorgio Ferrari
  Yoani Sánchez. Assenza di colori
  A. Torreguitart. Speedy Gonzales e il socialismo realista
  Yoani Sánchez. Il sermone di José Conrado nella chiesa di legno
  Yoani Sánchez. Il peccato originale
  Raúl Castro: “Il futuro è nel privato! Ma siamo ancora socialisti...”
  Yoani Sánchez. La presenza di Fidel unica sorpresa del Congresso
  Raúl Castro apre al lavoro privato ma non parla di libertà
  Gordiano Lupi. Le innovazioni del sistema cubano
  Omar Santana e la situazione cubana
  Breve analisi economico-politica del 2009 di Raúl Castro
  Reinaldo Escobar. Te l’avevo detto
  I risultati del Congresso del Partito comunista cubano
  Cuba. Riappare in pubblico Fidel Castro
  “Fidel Castro vivrà 140 anni, nonostante la malattia”
  Rafael Alcides. Teatro
  Omar Santana. Ottantotto
  “Fidel Castro in fin di vita”. Ma è solo una voce diffusa su Twitter...
  Fidel Castro presenta le sue memorie
  Gordiano Lupi. Della morte di Fidel
  Messaggi in bottiglia dall’isola dei non connessi
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Il vecchio non tira il calzino
  Miami. Feste per la morte di Castro?
  CubaDebate pubblica foto recenti di Fidel Castro per smentire voci sulla sua morte
  Gordiano Lupi. Muore Juan Almeida. Fidel Castro è ancora più solo
  Wendy Guerra. Vivo all’Avana
  Fidel Castro tra cinema e realtà
  Yoani Sánchez. Cuba sopravvive a Fidel Castro
  Fidel Castro? “È lucido e sta lavorando molto”
  Omar Santana. Voci sulle condizioni di Fidel Castro
  Orlando Luís Pardo Lazo. Non siamo niente
  Gordiano Lupi. Fidel Castro e le “Riflessioni” bonsai
  Omar Santana. “Vado a tagliare la torta!”
  Reinaldo Escobar. L’ultima morte di Fidel Castro
  L'Avana. Fidel in pubblico
  Garrincha. Castroriflessioni
  A. Torreguitart Ruiz. Buon compleanno, Fidel!
  Carlos Alberto Montaner. La nuova morte di Fidel Castro
  Fidel Castro compie 85 anni
  Fidel Castro moribondo?
  L'aggressività americana alla prova di Libia e Siria
  Smentite nuove voci sulla morte di Fidel Castro
  Gordiano Lupi. Fidel Castro è vivo e vegeto
  Dissidenti cubani e mistificazioni italiane
  Gordiano Lupi. Fidel Castro in delicato stato di salute: non tornerà ad apparire in pubblico
  Fidel vota alle elezioni cubane
  Pedro Argüelles Morán. León Profeta
  Ad agosto in uscita un nuovo libro di Fidel Castro
  Yoani Sánchez. Populismo alla cubana: conquiste, minacce e leadership
  Wendy Guerra. Benvenuti nel capitalismo selvaggio
  Gordiano Lupi. Maledetto sigaro (2000)
  Buon compleanno, Fidel!
  Gordiano Lupi. Cuba prima della rivoluzione
  Yoani Sánchez. Materia da cartomanti
  Jardim. Halloween 2012
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Ottantasette e non li dimostra
  Gordiano Lupi. Fidel Castro è vivo
  Reinaldo Escobar. Il testamento politico di Fidel Castro
  Carlos Alberto Montaner. Un anno senza Fidel
  Fidel Castro non scrive e non parla
  Fidel Castro è vivo e posa accanto a Lula
  Fonti cubane parlano di Fidel Castro in fin di vita
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.4%
NO
 24.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy