Lunedì , 01 Marzo 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
L’Otto per Mille per ospedali, asili nido, scuole, biblioteche, università in Abruzzo 
Lettera aperta dell'UAAR al Ministro Tremonti
28 Marzo 2010
 

Al Ministro dell’Economia e delle Finanze
On. Giulio Tremonti
via XX settembre 97
00187 Roma

 

Roma, 11 marzo 2010

 

Oggetto: destinazione del gettito di competenza statale dell’Otto per Mille IRPEF

 

Gentile Sig. ministro,

come ogni anno, nelle prossime settimane i contribuenti italiani saranno chiamati a indicare come destinare l’Otto per Mille del gettito Irpef. Tra le opzioni a loro disposizione ci sarà anche quella in favore dello Stato: fondi, come recita la legge 222/1985, che lo Stato è poi tenuto a impiegare «per interventi straordinari per fame nel mondo, calamità naturali, assistenza ai rifugiati, conservazione di beni culturali».

Negli anni passati circa un milione e mezzo di cittadini hanno scelto lo Stato: sono in gran parte non credenti che preferiscono che il loro gettito fiscale non sia destinato a finanziare confessioni religiose. I contribuenti non credenti sono i paria dell’Otto per Mille: l’unica scelta non confessionale, per l’appunto lo Stato, si è rivelata spesso deludente, perché è a sua volta servita a finanziare confessioni religiose.

È dunque agevole constatare l’esistenza di una disparità di trattamento nei confronti di una parte cospicua della popolazione (circa il 15-17%, secondo i sondaggi): diversi milioni di cittadini che non solo non credono in Dio, ma ormai non credono nemmeno più che l’Italia abbia uno Stato che faccia proprio il supremo principio costituzionale della laicità, tante sono le discriminazioni che devono quotidianamente subire. Tanti di essi, e da tanto tempo ormai, respingono in toto il meccanismo di ripartizione dell’Otto per Mille. Una posizione che finisce per colpire proprio chi li discrimina: lo Stato stesso, destinatario di un numero di scelte molto inferiore al suo potenziale.

È per questo motivo che l’UAAR, l’associazione di promozione sociale che ha come scopo sociale primario la tutela dei diritti civili degli atei e degli agnostici, le scrive per invitarla a rivedere la politica del governo in tema di utilizzo dell’Otto per Mille di competenza statale. Non c’è bisogno di leggi ad hoc: è sufficiente applicare quella esistente, evitando che tali fondi siano accantonati per esigenze di bilancio o siano destinati (direttamente o indirettamente) a realtà riconducibili alle confessioni religiose, e destinandoli invece a fronteggiare le calamità naturali che tanto frequentemente colpiscono (e purtroppo continueranno a colpire) il nostro paese.

Già lo scorso anno le chiedemmo di destinare i fondi di competenza statale alle popolazioni colpite dal terremoto in Abruzzo. Quanto stiamo vedendo in questi giorni (i ritardi nella ricostruzione, la comprensibile rabbia dei cittadini di quelle zone) mostra come la nostra proposta andasse nella giusta direzione: ci sono connazionali in enorme difficoltà, c’è una vera e propria emergenza, e c’è l’esigenza morale di intervenire subito e adeguatamente per migliorare le loro condizioni di vita. È pertanto indispensabile, a nostro avviso, destinare presto l’Otto per Mille a gestione statale alla ricostruzione con criteri antisismici di ospedali, asili nido, scuole, biblioteche, università della regione abruzzese: non luoghi di culto, per i quali c’è già l’Otto per Mille delle Chiese. Il governo ha già ora la possibilità di spostare fondi cospicui (almeno cento milioni di euro) su interventi concreti: sarebbe delittuoso sprecarla. Anche perché occorre veramente poco per concretizzarla.

In tale occasione ci permettiamo però di inviarle un consiglio che implica un impegno maggiore. Una vera e propria discontinuità con il passato: che cioè lo Stato, per la prima volta dall’esistenza del meccanismo dell’Otto per Mille, chieda ai cittadini di sceglierlo, lanciando una vera e propria campagna pubblicitaria a proprio favore. Il governo potrebbe infatti informare i cittadini della sua intenzione di destinare la propria quota di Otto per Mille all’Abruzzo. Sapendo di contribuire alla ricostruzione di una regione martoriata dal terremoto, molti contribuenti sceglieranno di firmare per lo Stato. In tal modo si attiverebbe tra l’altro una leva economica veramente consistente.

Anche quando non sono molte, l’utilizzo razionale delle risorse a disposizione può effettiva-mente consentire di creare una società migliore. Auspichiamo che sia lei, sia il governo di cui fa parte vi rendiate conto che è una strada realmente percorribile.

 

Cordiali saluti


Raffaele Carcano
Segretario nazionale UAAR


Articoli correlati

  L’Aquila-Ovindoli. Da domani a domenica, il Comitato nazionale di Radicali Italiani
  Terremoto. 8 o 5 per mille: la disinformazione degli zuavi delle gerarchie vaticane
  Sul terremoto
  Terremoto. Tremonti Vs No profit
  Paola Mara De Maestri. Vedo il terremoto e ricordo l’alluvione
  Renato Pierri. Scurdammece 'o passato
  Alessandra Borsetti Venier. La diaspora dei terremotati aquilani
  Vetrina/ Paolo Ruffilli. Dalle pareti aperte
  Terremoto Abruzzo. Ampliare le case o renderle sicure?
  Bruna Spagnuolo. La terra trema
  Un miliardo per il terremoto, no, meglio per la Chiesa Cattolica. Cittadini italiani o vaticani?
  L'Aquila. “Non potete restare così...”
  Marco Perduca. Terremoto: non c'è bisogno di ulteriori tasse, basta l'8x1000. Che aspetta Berlusconi a chiederlo?
  L'Aquila/Napoli. Ospedali che crollano con il terremoto, e quelli da evacuare per le eruzioni?
  Otto per mille. Rivedere il diabolico meccanismo
  Terremoto Abruzzo. Previsioni: falso allarme da denunciare o metodo scientifico da sostenere? Interrogazione
  La tragedia in Abruzzo: avviare il piano di rottamazione del patrimonio immobiliare post-bellico privo di criteri antisismici
  Terremoto Abruzzo. Ripartire con investimenti in democrazia
  L’Aquila. Una sede per la Facoltà di Lettere e Filosofia
  Primo Mastrantoni. Appello a Berlusconi
  Valter Vecellio. Reato di sciacallaggio: più che nuove leggi si assicuri la certezza della pena
  Valter Vecellio. Carcere, nucleare, morti sul lavoro, terremoto in Abruzzo, dissenso in Cina... nessuna notizia
  Elisa Merlo. Più che 'l dolor potrà 'l timor?
  Primo Mastrantoni. Terremoto ed election day. Il “pizzo” della Lega
  Vincenzo Donvito. Terremoto e soldi: Tremonti senza ritegno, conferma la sudditanza al Vaticano
  Doriana Goracci: Risposta a "Cavallotti" con coordinate per aiutare i terremotati dell'Abruzzo
  Macerie di democrazia. SOS L'Aquila chiama Italia
  Doriana Goracci: L’altra verità sul terremoto in Abruzzo. Il caso Giampaolo Giuliani.
  Doriana Goracci: Terremoto a sorpresa? rilevazioni annunciavano sua presa.
  Valter Vecellio. La situazione: bene le prime case a Onna. Ma...
  Luciano Martocchia. Da Annozero all'annozero
  Primo Mastrantoni. Terremoto in Abruzzo. Lo Stato che non c'è
  Terremoto. Animali domestici. Non dimentichiamoli. Raccolta fondi
  Vincenzo Donvito. Due pesi e due misure?
  Mario Staderini. Lettera aperta al presidente Monti: «Domani, al Vaticano, chieda il taglio dell'8x mille»
  Valter Vecellio. Tre notizie da titolo TG!?...
  Vincenzo Donvito. Otto per mille alle confessioni religiose
  La grande truffa dell'otto per mille
  Vincenzo Donvito. Contributi di Stato. La beffa del 5 e dell'8 per mille
  Otto per mille. Funziona bene o no? Interrogazione
  Mario Staderini. Una scossa serve: la dia per prima la Chiesa
  Mario Staderini. Ici e Chiesa: miracolo o bluff?
  Otto per mille (Joshua Held, www.aduc.it)
  Lidia Menapace. Scuole paritarie e tasse dalla Chiesa
  Otto per mille. Il Governo non risponde su spot Giovanardi pro Chiesa cattolica
  Rivedere il meccanismo dell'8 per mille alle confessioni religiose
  Otto per mille e pedofilia. I soldi di tutti i contribuenti italiani per i danni civili in Usa?
  In libero stato! Al Teatro Vittoria di Roma lunedì sera
  Asti. Domani i Radicali iniziano raccolta firme su Pista ciclabile e 8x1000
  20 Settembre... 2009: Modifichiamo la disciplina dell'8x1.000!
  Giovanardi sottosegratario del Vaticano? Da cosa dice sull'otto per mille sembrerebbe di sì
  Michele Dubini. ICI Vaticano: benefici costosi e distorsivi
  Giulia Crivellini. Chiesa e Ici: chi ne è (davvero) esente?
  Comunità cristiane di base. ICI e Chiesa cattolica
  Iniziativa Otto per Mille “Ma forse non tutti sanno che…”
  Mille! Otto per mille! (di Giannino - www.aduc.it)
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy