Martedì , 22 Settembre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò Madama [ARCHIVIO 06-12]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Otto per mille. Rivedere il diabolico meccanismo 
Soldi al terremoto? No, priorità alle casse vaticane
20 Maggio 2009
 

Sulla scia di una iniziativa lanciata nelle scorse settimane avevamo trasformato in ordine del giorno, e quindi in atto di formale di impegno per il Governo, la volontà di destinare la quota statale dell'otto per mille alla ricostruzione dell'Abruzzo, come già previsto dalla legge.

Ciò che si chiedeva era “solo” che il Governo lo facesse sapere ai contribuenti affinché apponessero la loro firma sulla dichiarazione dei redditi. Considerato che neppure il 40% esprime una scelta tra Stato e confessioni religiose, e che solo il 10 sceglie lo Stato, fare una campagna di informazione avrebbe permesso allo Stato di rivolgersi a quel 60% dei contribuenti. Visto che comunque l'otto per mille dell'Irpef viene sottratto interamente al gettito fiscale (1 miliardo per il 2008) e ripartito in base alle scelte espresse, una campagna per la quota statale da destinare alla ricostruzione dell'Abruzzo e al recupero dei beni culturali avrebbe consentito di recuperare un bel po' di soldi. Ma l'ironia ha voluto che il relatore e il Governo si siano espressi contro con la motivazione più incredibile: operazione troppo onerosa ed estranea alla materia!

False entrambe, ma le parole tradivano la vera preoccupazione: operazione onerosa, non per le casse italiane ma per le casse dello Stato vaticano e estranea alla materia dell'otto per mille, dove la quota statale è una foglia di fico per coprire lo scandalo di uno Stato che usa i soldi dei contribuenti, anche di quelli che non vogliono, per pagare una confessione religiosa.


L'occasione è buona per ribadire la necessità di rivedere complessivamente la materia. Alla Camera è già depositata una proposta di legge costituzionale di Maurizio Turco di revisione complessiva, al Senato ne depositeremo un'altra nello spirito di ridurre il danno, quindi per modificare il meccanismo diabolico delle scelte non espresse: solo chi sceglie si vedrà sottratto il suo otto per mille al gettito fiscale.


Donatella Poretti



Di seguito l'odg G12 e lo stenografico della seduta di ieri 19 maggio:


Considerato che:


- il necessario e urgente sforzo economico che il Governo sta mettendo in atto per il soccorso, l’assistenza e la ricostruzione delle zone colpite dal sisma in Abruzzo;

- che la ricostruzione avverrà in tempi brevi e direttamente sotto la responsabilità della Presidenza del Consiglio;

- che tra le misure proposte per il finanziamento della ricostruzione delle zone terremotate si ipotizzano la proroga dei termini per le scadenze fiscali per il pagamento di tasse e tributi locali e nazionali, nonché la sospensione, per un certo periodo di tempo, del pagamento delle rate dei mutui, così come dei contributi previdenziali locali;


considerato inoltre

- che il gettito dell’8permille relativo al 2008 ha superato complessivamente il miliardo di euro. Ogni cittadino che presenta la dichiarazione dei redditi può scegliere la destinazione dell’8permille del gettito IRPEF tra sette opzioni: Stato, Chiesa cattolica, Chiesa cristiana avventista del settimo giorno, Assemblee di Dio in Italia, Unione delle Chiese Metodiste e Valdesi, Chiesa Evangelica Luterana in Italia, Unione delle Comunità Ebraiche Italiane. La scelta si compie mettendo la propria firma sul modello in corrispondenza dell’istituzione prescelta. Se non si appone alcuna firma la ripartizione avviene seguendo la percentuale delle scelte espresse;

- tra le finalità dell’utilizzo dei fondi dell'8permille della quota statale vi sono, tra le altre cose, le calamità naturali e la conservazione dei beni culturali;

- secondo gli ultimi dati ufficiali completi sulle preferenze degli italiani sono quelli relativi ai fondi incassati dallo Stato e dalle confessioni religiose nel 2004, relativi ai redditi del 2000, denunciati nel 2001, e che secondo tali dati solo il 10,28% dei contribuenti ha scelto lo Stato come destinatario dell’8permille, ma solo il 39,6% ha scelto una destinazione della propria quota dell’8per mille;

- con la legge finanziaria del 2004 si è stabilito che dalla quota devoluta allo Stato vadano sottratti 80 milioni di euro, che vengono trasferiti nelle spese ordinarie.


Impegna il Governo:


a lanciare una campagna informativa relativa alla possibilità di destinare l’8permille allo Stato per far fronte alle spese necessarie per la calamità naturale abruzzese e per la conservazione di tutti i suoi beni culturali.


Poretti, Bonino, Perduca


************************


PRESIDENTE. Essendo stato accolto dal Governo, l'ordine del giorno G10 non verrà posto in votazione.


Sull'ordine del giorno G12 c'è un invito al ritiro. Senatrice Poretti, lo accoglie?


PORETTI (PD). Signora Presidente, il relatore poc'anzi mi ha invitato a ritirarlo perché troppo oneroso. Mi chiedo dove sia l'onere e lo chiedo al relatore, perché se è il caso potrei anche cambiare idea. In realtà, l'ordine del giorno prefigurava come avere soldi a disposizione. Infatti, l'8 per mille dell'IRPEF - come lei mi insegna - viene comunque sottratto al gettito fiscale. Non capisco quindi la motivazione, se il relatore mi convince posso anche ritirare l'ordine del giorno.


D'ALÌ, relatore. Domando di parlare.


PRESIDENTE. Ne ha facoltà.


D'ALÌ, relatore. La motivazione dell'invito al ritiro era duplice. La prima si riferiva all'onerosità, perché la campagna informativa, che farebbe contenti alcuni mezzi di comunicazione, se svolta a livello nazionale potrebbe essere estremamente onerosa. L'altra motivazione nasceva dalla convinzione che l'ordine del giorno fosse estraneo alla materia. Durante l'espressione del parere ho precisato che la collocazione della materia è più da 5 per mille che da 8 per mille. Il mio giudizio resta quindi confermato per cui permane l'invito al ritiro, altrimenti il parere è contrario.


PRESIDENTE. Senatrice Poretti, insiste per la votazione dell'ordine del giorno G12?


PORETTI (PD). Signora Presidente, ringrazio il relatore per avermi dato almeno una risposta, anche se chiaramente non mi ha convinto, ma credo non abbia convinto neppure se stesso.

Lei sa benissimo, infatti, senatore D'Alì, che l'8 per mille prevede esattamente tra le destinazioni della quota statale le calamità naturali e, visto che stiamo parlando di terremoto e di conservazione dei beni culturali, mi chiedo davvero se in questo luogo le parole abbiano un senso.

Colgo comunque l'occasione per fare una dichiarazione di voto in dissenso dal mio Gruppo e per dire che, almeno io, voterò a favore di quest'ordine del giorno, cioè della possibilità per lo Stato di fare pubblicità per sollecitare quel 60 per cento degli italiani che non sceglie la destinazione del proprio 8 per mille, affinché quest'anno invece lo faccia, ricordando che tra le destinazioni dell'8 per mille della quota statale c'è, appunto, anche quella relativa alle calamità naturali.

Concludendo, mi appello al Governo affinché riveda la sua posizione ed accolga l'ordine del giorno in esame, perché temo che l'onerosità sia invece quella delle casse della Chiesa cattolica. Infatti, se non ci si vuol mettere a fare una campagna di informazione in questo senso, evidentemente è perché si decide di non mettersi in concorrenza con chi invece fa pubblicità e, soprattutto, prende la quota e la fetta più grossa, approfittando anche del meccanismo diabolico dell'8 per mille, che permette di sottrarre tale quota anche a chi non sceglie, ripartendola poi in base alle scelte di chi si è invece espresso. In questo caso, quindi, evidentemente il parere più che venire dal Governo dello Stato italiano proveniva da quello dello Stato Vaticano.

Insisto dunque per la votazione dell'ordine del giorno G12.


Articoli correlati

  Asti. Domani i Radicali iniziano raccolta firme su Pista ciclabile e 8x1000
  Terremoto. Tremonti Vs No profit
  Giovanardi sottosegratario del Vaticano? Da cosa dice sull'otto per mille sembrerebbe di sì
  Mario Staderini. Lettera aperta al presidente Monti: «Domani, al Vaticano, chieda il taglio dell'8x mille»
  Vincenzo Donvito. Otto per mille alle confessioni religiose
  Mario Staderini. Una scossa serve: la dia per prima la Chiesa
  La grande truffa dell'otto per mille
  Rivedere il meccanismo dell'8 per mille alle confessioni religiose
  Otto per mille e pedofilia. I soldi di tutti i contribuenti italiani per i danni civili in Usa?
  L’Otto per Mille per ospedali, asili nido, scuole, biblioteche, università in Abruzzo
  Vincenzo Donvito. Contributi di Stato. La beffa del 5 e dell'8 per mille
  Otto per mille. Il Governo non risponde su spot Giovanardi pro Chiesa cattolica
  Mario Staderini. Ici e Chiesa: miracolo o bluff?
  Otto per mille (Joshua Held, www.aduc.it)
  Lidia Menapace. Scuole paritarie e tasse dalla Chiesa
  20 Settembre... 2009: Modifichiamo la disciplina dell'8x1.000!
  Giulia Crivellini. Chiesa e Ici: chi ne è (davvero) esente?
  Un miliardo per il terremoto, no, meglio per la Chiesa Cattolica. Cittadini italiani o vaticani?
  Comunità cristiane di base. ICI e Chiesa cattolica
  Vincenzo Donvito. Terremoto e soldi: Tremonti senza ritegno, conferma la sudditanza al Vaticano
  Michele Dubini. ICI Vaticano: benefici costosi e distorsivi
  Vincenzo Donvito. Due pesi e due misure?
  Valter Vecellio. Tre notizie da titolo TG!?...
  Iniziativa Otto per Mille “Ma forse non tutti sanno che…”
  Mille! Otto per mille! (di Giannino - www.aduc.it)
  Otto per mille. Funziona bene o no? Interrogazione
  Marco Perduca. Terremoto: non c'è bisogno di ulteriori tasse, basta l'8x1000. Che aspetta Berlusconi a chiederlo?
  In libero stato! Al Teatro Vittoria di Roma lunedì sera
  Terremoto. 8 o 5 per mille: la disinformazione degli zuavi delle gerarchie vaticane
  Primo Mastrantoni. Terremoto in Abruzzo. Lo Stato che non c'è
  Primo Mastrantoni. Terremoto ed election day. Il “pizzo” della Lega
  Sul terremoto
  L'Aquila. “Non potete restare così...”
  Bruna Spagnuolo. La terra trema
  Terremoto Abruzzo. Previsioni: falso allarme da denunciare o metodo scientifico da sostenere? Interrogazione
  Elisa Merlo. Più che 'l dolor potrà 'l timor?
  Terremoto Abruzzo. Ampliare le case o renderle sicure?
  Valter Vecellio. Carcere, nucleare, morti sul lavoro, terremoto in Abruzzo, dissenso in Cina... nessuna notizia
  L’Aquila-Ovindoli. Da domani a domenica, il Comitato nazionale di Radicali Italiani
  Doriana Goracci: L’altra verità sul terremoto in Abruzzo. Il caso Giampaolo Giuliani.
  Terremoto. Animali domestici. Non dimentichiamoli. Raccolta fondi
  L'Aquila/Napoli. Ospedali che crollano con il terremoto, e quelli da evacuare per le eruzioni?
  La tragedia in Abruzzo: avviare il piano di rottamazione del patrimonio immobiliare post-bellico privo di criteri antisismici
  Terremoto Abruzzo. Ripartire con investimenti in democrazia
  Vetrina/ Paolo Ruffilli. Dalle pareti aperte
  Doriana Goracci: Terremoto a sorpresa? rilevazioni annunciavano sua presa.
  Valter Vecellio. La situazione: bene le prime case a Onna. Ma...
  Doriana Goracci: Risposta a "Cavallotti" con coordinate per aiutare i terremotati dell'Abruzzo
  Luciano Martocchia. Da Annozero all'annozero
  L’Aquila. Una sede per la Facoltà di Lettere e Filosofia
  Primo Mastrantoni. Appello a Berlusconi
  Paola Mara De Maestri. Vedo il terremoto e ricordo l’alluvione
  Macerie di democrazia. SOS L'Aquila chiama Italia
  Renato Pierri. Scurdammece 'o passato
  Alessandra Borsetti Venier. La diaspora dei terremotati aquilani
  Valter Vecellio. Reato di sciacallaggio: più che nuove leggi si assicuri la certezza della pena
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy