Martedì , 21 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Il blog di Alejandro
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Alejandro Torreguitart Ruiz. Moriremo tutti, anche se non siamo Cabrera Infante
Guillermo Cabrera Infante
Guillermo Cabrera Infante 
14 Ottobre 2010
 

Un giorno come un altro all’Avana senza un cazzo da fare, leggendo Cabrera Infante per capire quanto poco sono vicino all’idea di scrittore e per contrasto quanto lui fosse immenso con i giochi di parole di Tre tristi tigri, le descrizioni intense, i sogni a occhi aperti sull’Almendares, piccolo Gange dell’Oceano Occidentale, tra il doppio orizzonte del muro del Malecón e la linea azzurra piegata, profonda cicatrice che divide le acque. Cabrera Infante sapeva pure scrivere come chi non amava, imitando lo stile poteva stendere infinite versioni della Morte di Trotzki, come l’avrebbe raccontata Martí, passando per Piñera, omaggiando persino l’odiato Carpentier. Personaggi come Bustrófedon che giocano con le parole per pagine e pagine me li sogno la notte, ché soltanto lui poteva avere l’umorismo, l’ironia, la genialità d’inventare scioglilingua e nonsense tirando avanti un capitolo senza una trama, una storia, grazie a una serie di virtuosismi lessicali. Porca eva, se penso che uno scrittore come questo mi tocca leggerlo di nascosto, ché se il poliziotto all’angolo se ne rende conto mi sbatte al fresco, pure se è difficile, per lui Cabrera Infante o un piccolo poppante sono la stessa cosa, credo che nella campagna da dove proviene tanto tanto l’avranno obbligato a leggere Carpentier, Guillén e Martí senza capirci un cazzo. Questi caproni orientali addestrati per rendere la vita difficile non distinguono Miguel Barnet da Reinaldo Arenas, credono che Fidel Castro sia l’erede di José Martí e l’unica cosa che puoi fare è tenerli alla larga, magari allungando una bottiglia di rum e qualche sigaro, di tanto in tanto, così bevono, fumano e ti lasciano in pace. Tanto prima o poi muoiono tutti, come scriveva il buon Cabrera Infante, siano felici, amareggiati, intelligenti, ritardati, chiusi, aperti, allegri, tristi, belli, brutti, barbuti, alti, bassi, loschi, sinceri, forti, deboli, potenti, infelici, persino i poliziotti muoiono, persino gli scrittori che possono fare con due parole o quattro lettere un inno, uno scherzo, una canzone. Persino Cabrera Infante è morto, cazzo. Persino lui.

E allora leggendo Tre tristi tigri con la copertina camuffata dal Granma, ché a quello serve, come fodera per nascondere è perfetta, mi rendo conto che mio padre ne sta facendo un altro uso, pare che lo legga davvero quel giornalaccio e commenta pure…

Chávez ha criticato la consegna del Premio Nobel per la Pace al dissidente Liu Xiaobo. È finita come con Barack Obama, nessuno dei due meritava di vincere –, dice con aria grave.

Io me ne stavo lì tranquillo con il mio Cabrera Infante, ero arrivato al punto dove il protagonista guarda il porto e scopre una relazione tra il mare e il ricordo, non soltanto perché è vasto, profondo ed eterno, ma anche perché viene in ondate successive, identiche e incessanti. Certo che è dura dopo aver assaporato una frase simile contestare le cazzate di Meo Porcello, perdere tempo con un ciccione in camicia rossa che grugnisce contro i lacchè degli imperialisti, irretiti da un dissidente e dalla libertà di pensiero.

Babbo, mica crederai a quel che dice Chávez?

Il Granma parla di solidarietà verso il popolo cinese. Sono loro che ci danno una mano, insomma, non ci possiamo mettere a sostenere gli americani, mica fanno niente per noi…

Povero papà, si vede che leggi solo il Granma e guardi Cubavision con quel fesso di Randy Alonso, presidente del circolo dei giornalisti che organizza tavole rotonde tra gente che sgrana lo stesso rosario. E allora cosa ti devo dire? Tanto lo so come va a finire…

Hai letto cosa scrive il Granma su Vargas Llosa? Pure lui non era degno del Nobel per la letteratura…

Non so niente di letteratura ma in televisione dicono che García Marquez è il solo vero Nobel sudamericano. Vargas Llosa è un venduto, un traditore, un servo degli imperialisti.

Inutile dire a mio padre che Vargas Llosa si è dissociato dalla rivoluzione dopo il caso Padilla, quando furono in molti a mollare Fidel, ché non comprendevano perché non si dovesse esprimere un pensiero critico. Inutile. Lui legge solo il Granma e ascolta Randy il pelato. Buon pro gli faccia, allora.

Torno a Cabrera Infante. Premio Cervantes grazie a Vargas Llosa, spagnolo d’adozione, che amò Tre tristi tigri e lo volle incoronare tra i libri più importanti scritti in lingua spagnola. Porca eva, io non seguo la corrente perché il misterioso ci vuole governare. No davvero. Penso che moriranno tutti prima o poi, pure il nostro grande alleato, il Presidente della Repubblica Popolare di Cina, Hu Jintao, pure Meo Porcello che sbraita da Caracas e le ultime elezioni mica gli sono andate così bene, pure Fidel Castro che è tornato a parlare e la cosa più strana non è quella, ma che nel mondo ci sia ancora un sacco di gente che l’ascolta, pure Raúl che c’ha in testa un modello cinese, ma mica s’è capito quale, forse neppure lui si raccapezza molto, a me sembra il modello marabù, vista l’erbaccia che c’è da estirpare. I sogni della ragione generano mostri, ma i sogni di chi non ragiona non possono generare niente, purtroppo. Moriremo tutti, prima o poi. Come diceva Cabrera Infante, dissidenti e lacchè, servi del potere e d’uno Stato arrogante, divulgatori di menzogne e uomini coraggiosi. Mario Vargas Llosa prima di morire vorrebbe passeggiare di nuovo per le strade dell’Avana, incontrare vecchi amici, vedere Cuba finalmente libera. Aveva detto la stessa cosa Cabrera Infante e se l’è portato via una setticemia del cazzo in un ospedale di Londra. Siamo ottimisti, allora. Non ci pensiamo.

Mia madre in cucina fa bollire l’acqua per cuocere riso e fagioli, forse ha rimediato pure bistecca di soia, l’ultimo ritrovato della libreta contro la fame. Lascio perdere mio padre e ricomincio a leggere.

Il Malecón scorreva sotto la macchina diventato un piano d’asfalto, con ai lati le case rosicchiate dall’acqua salata e il muro interminabile e in alto i cieli nuvolosi o parzialmente nuvolosi e il sole che declinava irresistibilmente, come Icaro, verso il mare…

Una setticemia del cazzo, un genio simile se l’è portato via una setticemia del cazzo per una frattura all’omero dopo una caduta in casa. Tu pensa morire a Londra di setticemia, mica ad Alamar o a Guanabacoa. Morire senza vedere The Lost City, senza salutare Andy García, senza calpestare le strade d’una città vissuta per tutta la vita come un fantasma del passato. Una città bastarda e corrotta, distrutta e malandata, affascinante e puttana, una città che morirà anche lei, come moriremo tutti, ma che per il momento è diventata davvero L’Avana per un Infante defunto. Per sempre.

 

Alejandro Torreguitart Ruiz

L’Avana, 10 ottobre 2010

Traduzione di Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Lupi parla di Cuba all'Argonauta di Radio Rai
  Gordiano Lupi. Il periodico di Yoani
  Letteratura e censura a Cuba
  Gianni Minà diffama Yoani Sánchez
  Libri e autori assenti alla Fiera del Libro dell'Avana
  Gordiano Lupi. “Così in pace come in guerra”
  Gordiano Lupi. La castroenterite
  Un Festival controrivoluzionario
  Gordiano Lupi. La ninfa incostante (2008) di Guillermo Cabrera Infante
  Gordiano Lupi. Puro humo (1985)
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Il vecchio non tira il calzino
  “The Lost City” di Andy Garcia (2005)
  NuovaCuba. Il castrista digitale
  Il mio amico Calvert Casey
  Castroenterite. Come prevenire e (possibilmente) curare, in Italia, la terribile pandemia
  Lezama Lima e Virgilio Piñera, due scrittori per un destino
  Pubblicato a Cuba un libro su Cabrera Infante
  Gordiano Lupi. Il regime cubano riabilita Cabrera Infante
  All’Avana senza pace e senza guerra
  Yoani Sánchez. La luce in fondo al tunnel
  Anticipazione: Alejandro Torreguitart Ruiz. Caino contro Fidel
  Gordiano Lupi. Piperno vince lo Strega… ed è subito notte!
  Guillermo Cabrera Infante. Estelita, la mia “ninfa incostante”
  Guillermo Cabrera Infante. La cicala e la formica
  Pubblicano le Opere complete di Guillermo Cabrera Infante, sette anni dopo la sua morte
  Gordiano Lupi. L’Avana letteraria di un Infante defunto
  Gordiano Lupi. La cartografia intima di un congedo
  San Quentin Tarantino
  Una visione di Fellini
  Guillermo Cabrera Infante e i fiancheggiatori di Castro
  Guillermo Cabrera Infante. La morte di mia madre
  Vargas Llosa ricorda i suoi giorni a Cuba con l'ultimo romanzo di Cabrera Infante
  Guillermo Cabrera Infante. Todo está hecho con espejos (1999)
  Gordiano Lupi. Caro Bertinotti, questa se la poteva proprio risparmiare…
  Gordiano Lupi. “O” (1975) di Guillermo Cabrera Infante
  Gianni Minà racconta Cuba
  Gordiano Lupi. Da Gibara a Londra
  Gordiano Lupi. Amazzone notturna
  Guillermo Cabrera Infante alla Fiera del Libro di Miami
  Bellezza e finzione di Marilyn Monroe
  Gordiano Lupi. Un nuovo film sui gay a Cuba
  A. Torreguitart Ruiz. Fidel si fa da parte
  L'ostilità “incomprensibile” di Lupi “contro” Cuba e Fidel Castro
  Gianfranco Spadaccia. Cuba, processo a mezzo secolo di regime
  Gordiano Lupi. Sul libro di Carlos Carralero uscito da Spirali
  Reinaldo Arenas. Lo sposo del mare
  “La discriminazione degli omosessuali è stata colpa mia!”
  NNI 15. Massimo Campo. Raccontare Cuba parlando di sesso
  L’UNEAC riabilita Reinaldo Arenas
  Uno scrittore pericoloso: Reinaldo Arenas
  Gordiano Lupi: L’Avana secondo Virgilio Piñera
  La morte di Carlos Victoria
  Carlos Carralero. Miti dell’antiesilio e la difesa degli antimiti
  Wendy Guerra. La letteratura cubana è una sola
  Fidel Castro, le UMAP e la persecuzione dei gay
  Il Dalai Lama e Liu Xiaobo
  Nobel per la Pace al cinese Liu Xiaobo
  Massimo Campo. L'universo della dissidenza
  Vargas Llosa elogia la blogger Yoani Sánchez
  Orlando Luis Pardo Lazo. Il suicidio del socialismo
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Il miglior periodico del mondo
  Gordiano Lupi. Mario Vargas Llosa riceve il Nobel per la Letteratura
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez intervista Vargas Llosa
  Vargas Llosa e Garcia Marquez, una rivalità eterna
  Una piattaforma per Cuba democratica
  Yoani Sánchez incontra Vargas Llosa in Perù
  Spot/ Piccola maratona di lettura a Padova il 27 agosto
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy