Mercoledì , 20 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Il blog di Alejandro
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
A. Torreguitart Ruiz. Fidel si fa da parte
...c’è Mariela Castro che si dà un gran da fare
...c’è Mariela Castro che si dà un gran da fare 
19 Dicembre 2007
 

Tu guarda cosa sento oggi alla televisione. Fidel si fa da parte. Largo ai giovani! scrive. Eccheccazzo, mica sono eterno. No, eterno no. Ma durare hai durato parecchio. Mi pare che sei capo di Stato dal 1959, mica poco. E ora sento la mesa redonda, quella specie di programma politico dove sono tutti d’accordo ma fanno finta di fare un dibattito, leggono una lettera, ché da quando stai male t’avanza un sacco di tempo e lo passi scrivere. Il moderatore (pure se alla mesa redonda da moderare c’è poco mica litiga nessuno) dice che hai preso in seria considerazione l’ipotesi di metterti da parte, mica vuoi chiudere la strada a persone più giovani, hai comandato abbastanza, a tutto c’è una fine e poi bisogna essere conseguenti fino in fondo, come un tale che fa l’architetto, vive in Brasile e c’ha quasi cent’anni.

Ti basta scrivere un po’ di articoli sul Granma, fornire esperienza che proviene da un’epoca eccezionale, quella prima del muro quando il mondo era diviso in due e c’erano i comunisti e i fascisti, tu pensa. Adesso che sono tutti uguali hai trovato una strada nuova, quella ecologica no global, aggrappato a Chávez, amico un tanto al barile che accoglie alfabetizzatori e medici rivoluzionari. Fidel scrive al popolo e usa la mesa redonda, il programma che fa sganasciare dalle risate tutto il popolo, ché da quando è scappato Carlos Otero resta la trasmissione più comica della televisione cubana.

Mica lo dice quando si fa da parte, in fondo c’ha solo ottantun’anni e il fratellino settantasei, sono due ragazzini, ma c’è gente più giovane di loro, non possono tarpare le ali ai ragazzi, devono provare pure loro cosa vuol dire comandare una rivoluzione. Tanto per dire c’è Mariela Castro che si dà un gran da fare, manca solo di memoria, poverina, soffre di amnesie giovanili, dice che Cuba è sempre stato un paradiso per i gay, pure ai tempi delle Umap, pure quando Arenas marciva in galera, pure quando mettersi un orecchino e indossare i jeans significava essere antisociali. Se questi sono i giovani meglio i vecchi, penso. Ma mai disperare. Verranno tempi migliori.

 

Alejandro Torreguitart Ruiz

L'Avana, 18 dicembre 2007

Traduzione di Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Garrincha e Mariela Castro
  Uno scrittore pericoloso: Reinaldo Arenas
  Antonio Stango. La blogosfera libererà Cuba?
  Orlando Luis Pardo Lazo. Pessima poesia
  Cuba. Wendy Iriepa e Ignacio Estrada oggi sposi
  Mariela Castro chiede diritti per i gay cubani
  Yoani Sánchez sfida Mariela Castro
  “La discriminazione degli omosessuali è stata colpa mia!”
  A. Torreguitart Ruiz. Yoani Sánchez contro Mariela Castro
  Cuba. Omofobia e ragion di Stato
  A. Torreguitart. Siamo tutti finocchi
  Gay.it. Cuba. Annullato il primo Pride della storia dell'Isola
  Yoani Sánchez. Paseo orgoglioso
  Garrincha. Prostitute a Cuba
  Omar Santana. Il regalo di Ahmadinejad
  Gordiano Lupi. A Cuba aumenta la repressione
  Yoani Sánchez. Il Quartiere Rosso e le vetrine cubane
  Gordiano Lupi. “En el cuerpo equivocado” di Marylin Solaya
  La Cuba di Mariela Castro
  Yoani Sánchez. Galletta
  Yoani Sánchez sarà testimone al matrimonio di Wendy
  Cuba. Un 8 settembre di arresti e violenze
  Yoani Sánchez ospite virtuale alla Fiera del Libro di Miami
  Le favole di Mariela e la stampa compiacente
  Yoani Sánchez. Breve incontro con Mariela
  Antúnez, un “diamante nero” nelle carceri cubane
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Moriremo tutti, anche se non siamo Cabrera Infante
  Fidel Castro, le UMAP e la persecuzione dei gay
  Gordiano Lupi. Sul libro di Carlos Carralero uscito da Spirali
  Reinaldo Arenas. Lo sposo del mare
  Letteratura e censura a Cuba
  Gianfranco Spadaccia. Cuba, processo a mezzo secolo di regime
  Carlos Carralero. Miti dell’antiesilio e la difesa degli antimiti
  Gordiano Lupi: L’Avana secondo Virgilio Piñera
  L’UNEAC riabilita Reinaldo Arenas
  Yoani Sánchez. La luce in fondo al tunnel
  Wendy Guerra. La letteratura cubana è una sola
  La morte di Carlos Victoria
  NNI 15. Massimo Campo. Raccontare Cuba parlando di sesso
  NuovaCuba. Il castrista digitale
  Libri e autori assenti alla Fiera del Libro dell'Avana
  L'ostilità “incomprensibile” di Lupi “contro” Cuba e Fidel Castro
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 8 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy