Mercoledì , 17 Settembre 2014
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Cuba. Chaviano, da 13 anni in carcere, si iscrive al Partito Radicale
20 Aprile 2007
 

Con una lettera consegnata all’ambasciata italiana e indirizzata ai cinque radicali che si sono recati un mese fa a Cuba per l’iniziativa nonviolenta di sostegno alle Damas de blanco “per la libertà e nonviolenza a Cuba”, Ana B. Aguililla Saladrigas ha comunicato la volontà sua e del marito Francisco Chaviano Gonzáles di essere membri del Partito radicale.

 

 

L'Havana - Roma, 20 aprile 2007

 

Onorevoli
Maurizio Turco, Vicepresidente del Senato del Partito Radicale e Parlamentare europeo
Maria Fida Moro, Ex Senatrice Italiana
Marco Cappato, Eurodeputato
Matteo Mecacci e Elisabetta Zamparutti, membri del Partito Radicale Transnazionale

 

Egregi signori

 

Sono la moglie di Francisco Chaviano Gonzáles, il prigioniero di coscienza a Cuba che ha dovuto trascorrere il più lungo periodo di prigionia (ad ora tredici anni).

Desidero innanzitutto ringraziare del gesto bello, coraggioso e solidale che è stato da parte vostra quello di marciare sul nostro suolo per un significativo richiamo al nostro governo per la libertà di mio marito e degli altri prigionieri di coscienza. Avete scritto con questo una pagina unica e molto bella nella nostra storia che non potrà mai essere dimenticata.

Chaviano ha 55 anni, soffre di problemi di ischemia e di un tumore ai polmoni con rischio per la sua vita. Secondo le riduzioni di pena di un mese per ogni anno trascorso, già dovrebbe essere liberato, però per il momento il tribunale non ha dato risposta alla nostra petizione. Ogni domanda che voi farete al Governo di Cuba per la liberazione di mio marito sarebbe di estrema importanza.

Francisco Chaviano è membro del Partito Radicale Transnazionale con sede a Roma dal 1992 quando segretaria generale era Emma Bonino.

Dopo il suo incarceramento mi sono iscritta anch'io intorno al 1996 essendo stata visitata da tre dei suoi membri: Begonia Rodriguez Antiguedad Zarras, Sandro Ottoni e Tanja Rizman.

A Chiaviano e a me piacerebbe continuare ad essere membri di questo prestigioso partito che segue la via della lotta pacifica per i diritti civili iniziata da Gandhi.

Appartengo anche a un gruppo di donne che iniziò la propria lotta nel 1995 quando mio marito era in sciopero della fame chiedendo la riapertura del suo caso e che si costituì come tale il 14 maggio del 2000. Si chiama Comitato delle Madri per la Libertà dei Prigionieri Politici “Lenor Pèrez”. Ai nostri inizi ci riunivamo nella Chiesa di S. Rita e marciavamo per la 5a Av. alla fine della messa, però al costituirsi delle Damas de Blanco (delle quali abbiamo fatto parte) decidemmo di spostarci in altre chiese perché le altre comunità conoscessero il nostro dolore, benché in alcune occasioni ci uniamo a loro. Il nostro gruppo è piccolo però preghiamo per la libertà di tutti i prigionieri politici di Cuba e si uniscono sporadicamente altre donne parenti dei prigionieri o che si identificano con la nostra lotta.

Non volendo perdere l'essenziale di questa lettera vi saluto ringraziandovi una volta di più per la vostra recente partecipazione senza precedenti alla nostra battaglia per la libertà dei prigionieri politici e in particolare di mio marito Francisco Chaviano González.

Non sono sufficienti le parole per esprimere la mia gratitudine per tanta solidarietà emotiva.

 

Ana B. Aguililla Saladrigas (moglie di Francisco Chaviano González)

 

Fonte: www.radicalparty.org


Articoli correlati

  Cuba. Liberato Lázaro González Adán, in carcere dal 2004
  La verità su Cuba
  «Sono di ritorno dall’inferno…» Liberato Francisco Chaviano
  Il venerdì nero dei diritti umani
  Dissidenti cubani? Arrestati e condannati in base alla legge
  Il mio vaso di Pandora contro l’intolleranza
  A Cuba si vive un luglio rovente
  ULC. Lettera alla Unione Europea dei cubani in esilio in Europa
  Cuba. I funerali di Orlando Zapata Tamayo
  La missione delle Dame in Bianco: Lottare per la Libertà del popolo cubano
  Raúl rivolto a Fidel: "Cazzo, è un'infermiera! Non è un Dama in Bianco!"
  Carlos Carralero. “A Cuba non si tortura... A Cuba non si uccide... A Cuba non c’è opposizione al regime...”
  Sesta marcia delle Dame in bianco
  Cuba: Raydel Poey e Yasser Portuondo liberi
  Yoani Sánchez. Intimidazioni per chi manifesta per la libertà di parola
  Marianna Mascioletti. Cuba, atto terzo. La fabbrica degli eroi e il Nobel per la pace
  Atto di ripudio organizzato contro le Damas de Blanco
  Liberiamo i prigionieri politici. Tuteliamo i diritti umani a Cuba
  Democrazia cubana e modello statunitense
  Michele Minorita. L’associazione “Zone del silenzio” per conoscere la verità, per ottenere giustizia
  Raúl Castro «rammaricato» per la morte di Orlando Zapata Tamayo
  Nuovo nome alle Dame in Bianco in memoria di Laura Pollán
  Oswaldo Payá Sardiñas. Forte repressione contro le 'Damas de Blanco'
  Cuba. Repressione contro le Damas de Blanco
  Esuli cubani si incontrano con deputati del Parlamento europeo a Bruxelles
  Massimo Campo. L'universo della dissidenza
  Gordiano Lupi. Il regime nega l’evidenza
  Gordiano Lupi. Il Parlamento Europeo assegna il “Premio Sakharov” al dissidente cubano Guillermo Fariñas
  A Cuba continua la repressione
  Yoani Sánchez. Il mio ultimo briciolo di fede
  Cuba. In libertà alcuni prigionieri politici
  Legislatori USA nominano le Damas de Blanco e Biscet per il Nobel della Pace
  Joel Rodriguez. Cuba: la Chiesa a 90 gradi
  Preparativi per la visita del papa all'Avana
  Pannella sulla manifestazione di radicali ieri a Cuba, e su altre iniziative di politica transnazionale
  Cuba senza Castro. L'ottimo libro di Giorgio Ferrari
  Cuba: Il 2012 inizia sotto il segno delle Damas de Blanco
  Un rosso scolorito
  Gordiano Lupi: “Sono stato minacciato”. Yoani Sánchez e gli stalinisti
  La fine del venerdì nero con parole di speranza. Nuovo premio per Yoani
  Gordiano Lupi. 'Peones' della dittatura
  Pablo Pacheco Ávila. Voz tras las rejas. Dal Blog “Voce tra le sbarre”
  Yoani Sánchez. Il buon pastore
  Gordiano Lupi. A Cuba segnali di fermento
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
Ucraina nell'Unione europea?

 74.0%
No
 26.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - R.O.C. N. 7205 I. 5510 - ISSN 1124-1276