Mercoledì , 18 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Michele Minorita. L’associazione “Zone del silenzio” per conoscere la verità, per ottenere giustizia
29 Aprile 2010
 

La nota di oggi comincia con la notizia della costituzione di un’associazione che riunisce i familiari delle tante persone che sono entrate vive in un carcere, in un commissariato, in una stazione dei carabinieri e ne sono usciti morti, e non si sa come e perché siano morti. Si sono incontrati a Pisa: la madre di Niki Gatti, trovato morto il 28 giugno di due anni fa, nella cella del carcere di Sollicciano, quattro giorni dopo il suo arresto; i familiari di Francesco Mastrogiovanni, il maestro ucciso a luglio in un ospedale di Sala Consilina: c‘è un video che mostra Francesco calmo ma legato, che crolla dopo la quarta iniezione e viene legato mentre dorme, 82 ore senza un gesto di umanità da parte di un infermiere, senza la visita di un medico; e alla fine la morte. E ancora: Francesk Vukaj, che non crede al suicidio di suo figlio Bledar, promessa del football americano trovato morto nel cremonese: un caso è stato archiviato ma da mesi nessuno gli dice perché. C’era Federica Barbieri: fa parte di una delle 36 famiglie di lavoratori del cantiere navale Nca morti per amianto. Suo padre c’è stato dal 1966 al 1992. Dieci anni dopo s’è preso l’asbestosi che l’ha ucciso nel 2007. L’Inail nega che sia una malattia professionale e, in appello, la sua famiglia è stata condannata a restituire indennizzo con gli interessi. Eppure l’ultimo morto tra gli ex della Nca c’è stato qualche giorno fa: Bruno Moscatelli, 63 anni. Con loro c’erano la mamma di Marcello Lonzi; la madre di Manuel Eliantonio; i familiari di Giuseppe Uva, Stefano Cucchi, Stefano Frapporti, Aldo Bianzino. Le persone che hanno dato vita alle Zone del silenzio metteranno in rete il dossier: “Verità una, giustizia nessuna”.

 

E a proposito di morti strane. Sabato scorso abbiamo parlato del suicidio in carcere di Giuseppe Palumbo, mandante ed esecutore con altri complici, del raid in una sala giochi di Giugliano, vicino Napoli; e successivamente in una sala bowling a Pozzuoli il 14 marzo scorso; spedizioni punitive immortalate dalle telecamere di un circuito interno, quelle immagini sono state trasmesse un po’ da tutte le televisioni. Sulla morte di Palumbo, sta indagando la magistratura. Si cerca di capire che cosa può averlo indotto a togliersi la vita. C’è un mistero, costituito da due telegrammi. L’avvocato della famiglia Palumbo dice di non saper nulla di questi telegrammi; e che comunque non è stata òa famiglia a spedirli. Chissà chi li ha scritti, e che cosa è stato scritto… È una vicenda su cui converrà prestare un po’ di attenzione; soprattutto perché sembra non interessare nessuno.

 

Nuovo suicidio nel carcere di Teramo

Dal Redattore sociale, l’agenzia realizzata dalla comunità di Capodarco:

«Una media di un morto al mese. Questo il triste conteggio nelle carceri abruzzesi dove dal gennaio ad aprile tre persone si sono tolte la vita e un’altra è morta per overdose. L’ultimo episodio ieri nel carcere di Teramo, dove un detenuto si è impiccato con le stringhe delle scarpe. Si chiamava Gianluca Protino, recluso dall’ottobre scorso nel reparto di alta sicurezza.

Prima di lui altri due casi di suicidio, entrambi nel carcere di Sulmona, struttura che ospita il 41 bis, una casa lavoro con un numero di reclusi all’incirca il doppio di quelli che può accogliere e con una elevata percentuale malati psichici. La mattina di venerdì santo Romano Iaria era uscito di prigione per trascorrere le feste pasquali con la famiglia; lo stesso giorno però era stato costretto, non si sa ancora perché, a tornare in cella, dove si è tolto la vita impiccandosi alle sbarre. Lo stesso è accaduto a Amato Tammaro di Villa Literno, che il giorno della befana si è impiccato con le lenzuola alla grata del bagno.

A questa conta dei poi aggiunto il decesso di Domenico Cardarelli, detenuto nella casa lavoro del carcere di Sulmona, trovato morto nella sua cella, la notte di giovedì 8 aprile, a causa, secondo l’autopsia, di un edema polmonare provocato dall’assunzione di droga. Infine un’attenzione particolare merita la vicenda di Uzoma Emeka, nigeriano rinchiuso nel carcere di Teramo, deceduto nel dicembre scorso a causa di un tumore al cervello mai diagnosticato.

L’uomo era il testimone chiave della vicenda dei pestaggi all’interno del carcere. La storia era venuta alla luce grazie ad una registrazione del novembre scorso in cui si sentiva la voce di alcuni agenti, tra i quali anche quella del comandante, che parlavano di pestaggi a danni di detenuti da farsi in luoghi precisi e lontani da occhi indiscreti. Dopo cinque mesi d’indagine, è stata chiesta l’archiviazione, il magistrato ha denunciato un’omertà carceraria che avrebbe impedito di raccogliere prove indispensabili per arrivare al processo.

 

Padova

Le carceri ovunque sono sovraffollate. Padova però sembra un caso tra i più gravi. I reclusi sono più di 250, la capienza è di 90. In alcune celle costruite per ospitare quattro detenuti, ne sono stipati addirittura 11, molti dei quali costretti a dormire coi materassi per terra. Basta questo per capire in quali condizioni igienico sanitarie si trovino i reclusi del Circondariale.

 

Cuba

Per la terza domenica consecutiva le dame in bianco, le donne madri, mogli, sorelle, compagne di dissidenti perseguitati dal regime di Fidel e Raoul Castro, non hanno potuto marciare per le strade di L’Avana. All’uscita dalla chiesa di Santa Rita, le donne sono state circondate da scherani del regime, insultate e minacciate. Da quando il regime, nel 2003, ha arrestato 75 dissidenti, le dame in bianco manifestano ogni domenica; ma nelle ultime tre settimane viene loro impedito.

 

Cina

La repressione contro il dissenso e gli attivisti per i diritti umani nel 2009 è aumentata: è quanto sostiene Difensori dei diritti umani in Cina, un’organizzazione che opera soprattutto sul web che, ogni anno, fa punto sulla situazione. Nel rapporto vengono citati diversi dissidenti incarcerati nel corso del 2009, come lo scrittore Liu Xiaobao, condannato a 11 anni per avere partecipato alla compilazione di un ‘manifestò in cui si sollecitano riforme politiche. Secondo l’organizzazione, non sono solo gli individui ad essere presi di mira ma anche gruppi organizzati, ONG e studi legali che assistono i dissidenti in carcere.

Il caso di un uomo detenuto illegalmente in un manicomio per sei anni sta scuotendo l’opinione pubblica cinese dopo le rivelazioni della stampa locale. Non solo i giornali indipendenti di Hong Kong ma anche alcuni autorevoli giornali della Repubblica Popolare Cinese, come il Quotidiano della Gioventù di Pechino, hanno dedicato ampio spazio alla vicenda di Xu Lindong, 50 anni, internato dalle autorità della sua città natale, Daliu, nella provincia dell’Henan, per impedirgli di presentare una petizione al governo centrale con la quale intendeva denunciare i maltrattamenti subiti da un suo vicino paraplegico.

Xu è stato chiuso in manicomio nel 2003 ma solo quattro anni dopo la sua famiglia ne è stata informata. L’uomo ha affermato di essere stato sottoposto ed elettroshock e di essere stato spesso legato al suo letto. Secondo Human Rights Watch non si tratta di un caso isolato. In Cina, denuncia l’organizzazione, si stiano moltiplicando i casi di istituzioni psichiatriche per detenere illegalmente e mettere a tacere dissidenti o semplicemente cittadini che hanno avuto dei problemi con le autorità locali.

 

Michele Minorita

(da Notizie radicali, 28 aprile 2010)


Articoli correlati

  Doriana Goracci / Vincenzo Serra: Appesi. In morte di Francesco Mastrogiovanni
  Doriana Goracci: Sabatino Catapano vivo per Francesco Mastrogiovanni morto
  Erveda Sansi. Il ritorno dell’ideologia manicomiale come strumento repressivo
  Valter Vecellio. La vicenda di Giuseppe Uva, una brutta, orribile storia che non fa notizia
  Roberto Malini. Violenza da parte delle forze dell'ordine. Il caso Ilaria Cucchi
  L'irriverente. Sentenza appello Cucchi. È questa la nostra polizia?
  Reato Tortura. Bene richiesta Finocchiaro per introduzione
  Caso Cucchi. Rimandare la chiusura dell'indagine è un tentativo della maggioranza per depistare
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. L'anima incarcerata
  Caso Cucchi: il buon lavoro della Commissione del Senato rischia di andare in fumo e di... intralciare la Giustizia
  Cittadini o sudditi: una scelta attuale, per 'l Gazetin
  Chi è pazzo (di Vincenzo Jannuzzi)
  Caso Cucchi. Ci voleva il morto per modificare una disposizione disumana
  Marco Pannella e Rita Bernardini trascorreranno la notte di Capodanno nel carcere di Padova
  Gianfranco Cercone. “Sulla mia pelle” di Alessio Cremonini
  Luigi Manconi. Le lacune nel discorso di Alfano per Cucchi
  Milano. Radicali e MiLeft organizzano una fiaccolata nonviolenta
  Morbegno. Promemoria di civiltà
  Caso Cucchi. Un voto per la trasparenza e la pubblicità degli atti
  Ilaria Cucchi. “Signor Ministro della Giustizia, intervenga”
  Mario Staderini. L’Italia una Repubblica che uccide
  Gordiano Lupi. 'Peones' della dittatura
  Un rosso scolorito
  La verità su Cuba
  Il mio vaso di Pandora contro l’intolleranza
  Liberiamo i prigionieri politici. Tuteliamo i diritti umani a Cuba
  Gordiano Lupi. A Cuba segnali di fermento
  Democrazia cubana e modello statunitense
  Cuba. I funerali di Orlando Zapata Tamayo
  Yoani Sánchez. Il mio ultimo briciolo di fede
  Marianna Mascioletti. Cuba, atto terzo. La fabbrica degli eroi e il Nobel per la pace
  Gordiano Lupi. Il regime nega l’evidenza
  Nuovo nome alle Dame in Bianco in memoria di Laura Pollán
  Sesta marcia delle Dame in bianco
  Raúl Castro «rammaricato» per la morte di Orlando Zapata Tamayo
  Carlos Carralero. “A Cuba non si tortura... A Cuba non si uccide... A Cuba non c’è opposizione al regime...”
  Yoani Sánchez. Intimidazioni per chi manifesta per la libertà di parola
  La fine del venerdì nero con parole di speranza. Nuovo premio per Yoani
  Preparativi per la visita del papa all'Avana
  Pannella sulla manifestazione di radicali ieri a Cuba, e su altre iniziative di politica transnazionale
  Dissidenti cubani? Arrestati e condannati in base alla legge
  Cuba senza Castro. L'ottimo libro di Giorgio Ferrari
  Raúl rivolto a Fidel: "Cazzo, è un'infermiera! Non è un Dama in Bianco!"
  Gordiano Lupi. Il Parlamento Europeo assegna il “Premio Sakharov” al dissidente cubano Guillermo Fariñas
  Joel Rodriguez. Cuba: la Chiesa a 90 gradi
  Yoani Sánchez. Il buon pastore
  Pablo Pacheco Ávila. Voz tras las rejas. Dal Blog “Voce tra le sbarre”
  Cuba: Il 2012 inizia sotto il segno delle Damas de Blanco
  Oswaldo Payá Sardiñas. Forte repressione contro le 'Damas de Blanco'
  Cuba. Repressione contro le Damas de Blanco
  Il venerdì nero dei diritti umani
  A Cuba si vive un luglio rovente
  A Cuba continua la repressione
  Esuli cubani si incontrano con deputati del Parlamento europeo a Bruxelles
  ULC. Lettera alla Unione Europea dei cubani in esilio in Europa
  Atto di ripudio organizzato contro le Damas de Blanco
  Massimo Campo. L'universo della dissidenza
  Legislatori USA nominano le Damas de Blanco e Biscet per il Nobel della Pace
  Cuba. Chaviano, da 13 anni in carcere, si iscrive al Partito Radicale
  Cuba. In libertà alcuni prigionieri politici
  Gordiano Lupi: “Sono stato minacciato”. Yoani Sánchez e gli stalinisti
  Cuba: Raydel Poey e Yasser Portuondo liberi
  La missione delle Dame in Bianco: Lottare per la Libertà del popolo cubano
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy