Venerdì , 17 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. Gli attentati del PKK, i venti di guerra 
Turchia e Israele nella UE, unica proposta ragionevole e seria
23 Ottobre 2007
 

Venti di guerra spirano un po’ in tutto il Medio Oriente. In queste ore gli appelli alla prudenza e alla moderazione si moltiplicano; la situazione rischia però di precipitare sempre più. Quanto accade al confine tra Turchia e Kurdistan iracheno è solo l’ultimo di una lunga serie di episodi.

L’imboscata dei guerriglieri curdi del Pkk nella regione sudorientale di Hakkari, al confine con Iran e Iraq, costata la vita a numerosi soldati di Ankara (e altri ne risultano rapiti) obbedisce a una logica: a meno di tre mesi dalle elezioni politiche, ieri si è votato per approvare il pacchetto di riforma istituzionale promosso dal governo. Difficile stabilire ora se e quanto questi episodi hanno influito nel voto dei 42 milioni di turchi chiamati ad esprimersi su cinque punti referendari, tra cui l’introduzione dell’elezione diretta del capo dello Stato. La Turchia ha già bombardato villaggi curdi, e ucciso una ventina di ribelli; una spirale che rischia di diventare incontrollabile, anche se il premier Ergodan promette decisioni non sull’emotività, ma figlie di “calma e buon senso”.

Il fatto è che “calma e buon senso”, anche quando ci sono, non bastano. Si tratta di una polveriera, e tanti fumano apparentemente indifferenti a dove può cadere il mozzicone acceso.

Il parlamento turco ha dato via libera a possibili azioni nel nord Irak per liquidare i campi del Pkk. Una decisione che ha suscitato una dura reazione da parte degli Stati Uniti. I rapporti Ankara-Washington non sono dei migliori: i turchi non hanno gradito la posizione assunta sulla mai sanata questione del genocidio armeno; alti esponenti delle forze armate turche – che hanno sempre garantito la laicità dello Stato e fatto argine alle spinte integraliste musulmane – hanno lasciato intendere che vi potrebbe essere un’inversione di rotta.

Bush ha evocato lo spettro di un conflitto nucleare, il ministro degli Esteri francese Bernard Kouchener ha ammonito che occorre “prepararsi al peggio”; il Pentagono e i generali israeliani prefigurano attacchi “chirurgici” con la distruzione dei siti nucleari iraniani; che non resterebbe senza risposta: Israele sarebbe a sua volta attaccata, si scatenerebbe un’ondata di attentati da parte di Hezbollah in Libano e Hamas a Gaza, basi e obiettivi americani in Arabia Saudita verrebbero colpiti, lo stretto di Ormutz, da cui transitano decine di milioni di petrolio per l’Occidente, bloccato. Il Libano esploderebbe, la Siria, legata all’Iran da un patto di assistenza militare, difficilmente si potrebbe chiamare fuori. Israele attaccata, reagirebbe; il regime alawita di Assad potrebbe frantumarsi; la dissoluzione del baathismo siriano rafforzerebbe i movimenti estremisti, come i Fratelli Musulmani. L’Arabia Saudita, ricchissima e fragilissima, verrebbe anch’essa coinvolta, rischiando di esser travolta… Insomma: uno scenario da incubo.

 

C’è un’alternativa? È una “follia” che richiede fantasia, pragmatismo, coraggio, prudenza, saggezza, spregiudicatezza: accettare la Turchia nell’Unione europea, favorendo in questo modo quel processo di laicizzazione che la maggioranza della popolazione turca chiede e invoca; allargare l’Unione europea a Israele: lo chiede – rivela un recentissimo sondaggio di Eurobaromatro – il 75 per cento degli israeliani; in quanto all’Iran, che un giorno sì e l’altro pure invoca la cancellazione dell’entità sionista: sapere che dietro Israele c’è l’Ue, mezzo miliardo di persone, costringerebbe perfino Ahmadinejad si muoverebbero con maggiore prudenza. Nulla garantisce che questa sia la soluzione per disinnescare la polveriera mediorientale. Ma è una soluzione possibile e che bisognerebbe praticare. Viviamo un tempo in cui una quantità di crisi si aprono, e nessuna se ne chiude. Forse l’apparente “follia” potrebbe rivelarsi una proposta saggia e opportuna. Ma in campo non se ne scorgono altre. §2 un’occasione, un’opportunità formidabile. Sarebbe insensato e criminale non fare di tutto perché questa “follia” non diventi realtà.

 

Valter Vecellio

(da Notizie radicali, 22 ottobre 2007)


Articoli correlati

  Pannella – Mecacci. Rapporto sulla missione in Cambogia
  Delegazione del Partito radicale in Israele. Dal 7 al 12 novembre
  Valter Vecellio. A Padova, le sfide, gli impegni
  Emma Bonino. Perché Israele deve entrare nell'UE
  Valter Vecellio. Qualche considerazione sul Comitato dei Radicali appena concluso
  Pensioni, primarie PD e Hamas. Così Emma Bonino all’appuntamento settimanale con Radio Radicale
  L'europeista Renzi si faccia federalista e quindi alfiere di Israele nell'Unione europea!
  Israele e Palestina nell'Ue. Parola ai giovani di Fatah
  Alessandro Tessari. Ho ben compreso la proposta di Pannella? Allora mi toccherà reiscrivermi al PR...
  Questa sera a Bergamo. Presentazione del 13° numero di “Diritto e Libertà”, con Bruno Mellano
  Israele nella Ue contro la guerra senza confini
  V. Vecellio. Guido Ceronetti, l’impostura di due Stati, Israele e Palestina, l’allarme di Colombo, il possibile unico antidoto
  Matteo Mecacci. Europa brancaleone ad Annapolis per la “Pace in Medio Oriente”
  «Israele nell'UE». Autocensura presidenziale postuma, oppure un’allucinazione?
  Valter Vecellio. Le possibili alternative ai sempre più insistenti venti di guerra
  Enrico Peyretti. Sulla qualità dei due diritti
  «Moratoria, laicità-temi etici, giustizia, costo della politica, Turchia Israele e Marocco nell’UE»
  Valter Vecellio. Punti e spunti per un dibattito. Israele nell’Unione europea
  Cappato e Perduca. Ma quale pace senza politica?
  Francesco Pullia. Un progetto federalista per sconfiggere la spirale della violenza
  Israele contro Iran. Conflitto ineluttabile? E, a quanto pare, si resta a guardare
  Valter Vecellio. Israele, Iran, la possibile Terza Guerra Mondiale
  Coraggio israeliano
  Maurizio Morabito. Con Israele, con l’Iran
  Valter Vecellio. Israele. Lettera aperta a Furio Colombo: è vero, i veri colpevoli siamo noi
  Mariano Giustino. Benvenuta Turchia! L’adesione, all’alba di una nuova Europa
  Sulle dichiarazioni di Papa Francesco in merito alla questione del popolo armeno
  Nasce “Turchia in Europa da subito”
  Mariano Giustino. Turchia: i Curdi e il superamento della vecchia ideologia dello Stato-nazione
  «Turchia nell’Unione europea subito!»
  Mariano Giustino. Dopo l'esito delle elezioni in Turchia l’Unione europea apra i capitoli negoziali
  Valter Vecellio. Haigaz chiamava: «Mikael... Mikael...»
  Il governo turco vara un «piano d’azione nazionale» per l’ingresso nell’UE
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.5%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy