Giovedì , 23 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Israele contro Iran. Conflitto ineluttabile? E, a quanto pare, si resta a guardare
16 Ottobre 2006
 

Merita di essere segnalato il fascicolo speciale che LiMes, la rivista di Lucio Caracciolo, dedica a “Israele contro Iran”. I temi: “Gli scenari del dopo-Libano”, le “disavventure del Mossad”; e infine: “Aspettando la bomba”.

Senza dubbio interessanti gli interventi che analizzano quella che viene definita “Le lezioni del Libano”. Ci si interroga sulla Waterloo del servizio segreto israeliano; la non brillante prova di Tsahal, l’esercito israeliano; su quello che era, è e presumibilmente sarà il Libano; le influenze iraniane, su Nasrallah ed è particolarmente interessante l’articolo di Barry Rubin su “il suicidio arabo”.

È però la seconda parte del dossier, che maggiormente richiama (dovrebbe richiamare) attenzione. Si intitola, significativamente: “Obiettivo Iran”. Soli Shahvar, un espeto dell’Ezri Center for Iranian and Fgul Studies dell’università di Haifa scrive di come lo scontro con l’Iran sia ora più probabile: «La seconda guerra del Libano ha messo in moto un meccanismo di azioni e reazioni fra i due grandi rivali mediorientali che potrebbe culminare in una catastrofe; e si analizza la strategia di Gerusalemme e di Teheran, e il nuovo ruolo giocato da Hezbollah».

Dan Schueftan, vice-direttore del Centro per gli Studi sulla Sicurezza nazionale dell’università di Haifa, dice senza troppi giri di parole che «il regime iraniano è un pericolo per tutti». Menashe Amir, esperto israeliano di Iran e commentatore della Radio Israeliana, denuncia che il presidente iraniano Ahmadinejad vuole dominare il mondo. E così via.

LiMes non è una rivista neo-cons, e non è certo sospettabile di simpatie belliciste, interventiste, non sostiene George W. Bush. E dunque non può essere accusata di aver “forzato” toni e posizioni. Semplicemente – ed è qui, in questo “semplicemente” che sta tutto il motivo di inquietudine – riflette umori e ragionamenti che, piacciano o meno, sono diffusi in Israele e nel Medio Oriente.

Già un mese fa, su Notizie Radicali avevamo dato conto di come in molti think tank americani, sia conservatori che progressisti, si dava come ineluttabile un intervento militare contro l’Iran e i suoi propositi nucleari. Ora dalle pagine di LiMes altri inquietanti “segni” in questa direzione: la domanda, insomma, non sembra essere “se”, piuttosto “quando”.

Insomma – e si viene alla carne della questione – tante “spie” segnalano come si stia prendendo in serissima considerazione l’ipotesi di fare, nei confronti degli impianti nucleari iraniani quel che fece Israele nei confronti dell’Irak di Saddam, quando bombardò e distrusse gli impianti di Osirak (e il Mossad eliminò anche qualche scienziato che collaborava con gli iracheni). Allora andò bene. Questa volta è probabile, quasi certo, che l’operazione non sarà così indolore.

Dunque? Come uscirne? Marco Pannella settimane fa ha lanciato un allarme accorato e circostanziato, e poi lanciato l’idea di un grande Satyagraha mondiale per la pace; con l’obiettivo di recuperare al suo senso più vero questa parola, e costruire – letteralmente – un’alternativa praticabile e concreta al disastro annunciato e che per molti sembra essere ineluttabile. Pannella fu lasciato solo, e i radicali con lui, quando alla vigilia dell’intervento in Irak, lanciò la proposta di “Irak libero”, per l’esilio del dittatore di Baghdad e un mandato transitorio sotto la guida dell’ONU, per recuperare l’Irak alla democrazia. Non fu ascoltato, e in buona misura fummo sconfitti. E quello che accade è sotto gli occhi di tutti.

Oggi la posta è infinitamente maggiore; i rischi molto più concreti. Ancor più necessario, urgente, cercare di dare corpo e sostanza al progetto che Pannella indica e descrive. Se non ora, quando? Se non così, come?

 

Gualtiero Vecellio

(da Notizie radicali, 13 ottobre 2006)


Articoli correlati

  Pannella – Mecacci. Rapporto sulla missione in Cambogia
  Enrico Peyretti. Sulla qualità dei due diritti
  Valter Vecellio. A Padova, le sfide, gli impegni
  Valter Vecellio. Qualche considerazione sul Comitato dei Radicali appena concluso
  Pensioni, primarie PD e Hamas. Così Emma Bonino all’appuntamento settimanale con Radio Radicale
  L'europeista Renzi si faccia federalista e quindi alfiere di Israele nell'Unione europea!
  Alessandro Tessari. Ho ben compreso la proposta di Pannella? Allora mi toccherà reiscrivermi al PR...
  Questa sera a Bergamo. Presentazione del 13° numero di “Diritto e Libertà”, con Bruno Mellano
  Israele e Palestina nell'Ue. Parola ai giovani di Fatah
  Emma Bonino. Perché Israele deve entrare nell'UE
  Israele nella Ue contro la guerra senza confini
  V. Vecellio. Guido Ceronetti, l’impostura di due Stati, Israele e Palestina, l’allarme di Colombo, il possibile unico antidoto
  Matteo Mecacci. Europa brancaleone ad Annapolis per la “Pace in Medio Oriente”
  «Israele nell'UE». Autocensura presidenziale postuma, oppure un’allucinazione?
  Valter Vecellio. Le possibili alternative ai sempre più insistenti venti di guerra
  Delegazione del Partito radicale in Israele. Dal 7 al 12 novembre
  «Moratoria, laicità-temi etici, giustizia, costo della politica, Turchia Israele e Marocco nell’UE»
  Valter Vecellio. Punti e spunti per un dibattito. Israele nell’Unione europea
  Cappato e Perduca. Ma quale pace senza politica?
  Francesco Pullia. Un progetto federalista per sconfiggere la spirale della violenza
  Coraggio israeliano
  Valter Vecellio. Israele, Iran, la possibile Terza Guerra Mondiale
  Valter Vecellio. Gli attentati del PKK, i venti di guerra
  Maurizio Morabito. Con Israele, con l’Iran
  Valter Vecellio. Israele. Lettera aperta a Furio Colombo: è vero, i veri colpevoli siamo noi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy