Mercoledì , 22 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. Le possibili alternative ai sempre più insistenti venti di guerra
13 Novembre 2007
 

Prima notizia. Il premier britannico Gordon Brown (foto) non esclude la possibilità di contribuire con le forze britanniche a un eventuale intervento militare americano per distruggere gli impianti nucleari dell’Iran: «Penso che molta gente sia gravemente preoccupata dalle ambizioni nucleari dell’Iran, che ha violato le sue promesse al riguardo». Intervistato da Sky News, Gordon Brown ha detto di credere che «nulla debba essere escluso a priori sul cosa fare per spingere il governo iraniano dal suo piano di diventare una potenza nucleare… L’Iran ha violato i suoi impegni nei confronti del Trattato di non proliferazione nucleare. La Gran Bretagna fa parte di uno sforzo internazionale per rimediare a questo problema, e l’America è il nostro alleato più importante».

 

Seconda notizia. Vali Nasr, un esperto molto accreditato a Washington, autore de La rivincita sciita. Iran, Irak, Libano. La nuova mezzaluna, intervistato da Repubblica dice: «La vera domanda è questa: se può accadere che l’Amministrazione Bush scavalchi le Nazioni Unite e attacchi l’Iran; se può ignorare i richiami dell’Aiea e degli alleati regionali alla diplomazia. Ebbene, la risposta è sì, la guerra è inevitabile se non si inverte la rotta di collisione fra Washington e Teheran. I piani militari sono pronti, lo ha annunciato il Pentagono». Il professor Nasr sostiene che le opzioni possibili sono più d’una: bombardamenti limitati alla centrale nucleare di Natane, o più estesi. Le reazioni sarebbero incontrollabili: azioni di terrorismo in Afghanistan e Irak, impennata dei prezzi del petrolio, attentati a sorpresa come nel 2002 all’ambasciata israeliana in Argentina, risposta all’assassinio del leader di hezbollah al Musawi in Libano. Il quadro disegnato da Nasr è fosco: «Un attacco consegnerà all’Iran l’intero mondo musulmano. Indebolirà i nostri più preziosi alleati, i paesi sunniti, i quali per sopravvivere saranno costretti a distanziarsi da Washington. Teheran dominerà le piazze arabe. E tutto questo senza alcuna garanzia che l’intervento distrugga i siti nucleari e le ambizioni del regime».

 

Terza notizia. Secondo il Washington Post l’amministrazione statunitense e la CIA sono molto preoccupati che ordigni atomici possano finire nelle mani di estremisti musulmani. La CIA, riferisce il giornale, avrebbe predisposto un piano per impedirlo. Dati i livelli di efficienza dimostrati anche di recente dalla CIA, sapere che sono stati predisposti dei piani in questo senso è motivo di ulteriore preoccupazione.

 

Quarta notizia. Un documento del Pentagono, reso pubblico giorni fa grazie al Freedom of Information Act, fa riferimento a un piano operativo denominato in codice Oplan 8044 Revision 03. Nel documento si considera l’ipotesi di utilizzare armi nucleari contro “potenze regionali” per prevenire l’acquisizione o lo sviluppo, da parte di queste ultime, di armi di distruzione di massa Oplan 8044 Revision 03 è il primo documento ufficiale che testimonia come l’amministrazione USA prenda in considerazione l’ipotesi di impiegare armi nucleari contro avversari “regionali” diversi da Russia e Cina. Quali possano essere questi “avversari regionali” è facile da immaginare.

 

Sembra di vedere un film già visto. Si sta effettivamente creando un “clima”. Sono settimane che si colgono segni e “spie” simili ai segni e alle “spie” che anticiparono l’intervento militare in Irak; solo che un eventuale intervento militare contro l’Iran comporterebbe conseguenze da incubo.

 

Marco Pannella e con lui i radicali avevano visto giusto, a suo tempo, quando lanciarono la campagna per “Irak libero” e per l’esilio di Saddam; era l’unica proposta e alternativa seria e praticabile alla guerra. Una proposta che venne lasciata cadere e che anzi si boicottò; il risultato è sotto gli occhi di tutti. Ci risiamo, ora. Ed è per questo, anche, che ci si è convocati a Bruxelles dal 6 all’8 dicembre, un incontro con membri di Governo, parlamentari e leader nonviolenti: per affrontare il ruolo dell’Europa nella promozione della pace e della democrazia, a partire dal vicino Oriente: da “Israele nell’Europa o Israele problema per la pace?” a “Primo Satyagraha Mondiale per la pace”, a “La legalità delle istituzioni internazionali” e “Il caso Italia”.

Perché mai come ora vale quel che diceva Primo Levi: se non ora, quando? Se non così, come?

 

Valter Vecellio

(da Notizie radicali, 13 novembre 2007)


Articoli correlati

  Pannella – Mecacci. Rapporto sulla missione in Cambogia
  Enrico Peyretti. Sulla qualità dei due diritti
  Valter Vecellio. A Padova, le sfide, gli impegni
  Valter Vecellio. Qualche considerazione sul Comitato dei Radicali appena concluso
  Pensioni, primarie PD e Hamas. Così Emma Bonino all’appuntamento settimanale con Radio Radicale
  L'europeista Renzi si faccia federalista e quindi alfiere di Israele nell'Unione europea!
  Alessandro Tessari. Ho ben compreso la proposta di Pannella? Allora mi toccherà reiscrivermi al PR...
  Questa sera a Bergamo. Presentazione del 13° numero di “Diritto e Libertà”, con Bruno Mellano
  Israele e Palestina nell'Ue. Parola ai giovani di Fatah
  Emma Bonino. Perché Israele deve entrare nell'UE
  Israele nella Ue contro la guerra senza confini
  Delegazione del Partito radicale in Israele. Dal 7 al 12 novembre
  V. Vecellio. Guido Ceronetti, l’impostura di due Stati, Israele e Palestina, l’allarme di Colombo, il possibile unico antidoto
  Matteo Mecacci. Europa brancaleone ad Annapolis per la “Pace in Medio Oriente”
  «Israele nell'UE». Autocensura presidenziale postuma, oppure un’allucinazione?
  «Moratoria, laicità-temi etici, giustizia, costo della politica, Turchia Israele e Marocco nell’UE»
  Valter Vecellio. Punti e spunti per un dibattito. Israele nell’Unione europea
  Cappato e Perduca. Ma quale pace senza politica?
  Francesco Pullia. Un progetto federalista per sconfiggere la spirale della violenza
  Israele contro Iran. Conflitto ineluttabile? E, a quanto pare, si resta a guardare
  Coraggio israeliano
  Valter Vecellio. Israele, Iran, la possibile Terza Guerra Mondiale
  Valter Vecellio. Gli attentati del PKK, i venti di guerra
  Maurizio Morabito. Con Israele, con l’Iran
  Valter Vecellio. Israele. Lettera aperta a Furio Colombo: è vero, i veri colpevoli siamo noi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy