Lunedì , 20 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
«Israele nell'UE». Autocensura presidenziale postuma, oppure un’allucinazione? 
Ovvero: come l’evocare anche indirettamente un progetto radicale produca... silenzio
24 Gennaio 2009
 

Silvio Berlusconi schierato con altri illustri protagonisti della politica internazionale (dall'ospite Mubarak, a Sarkozy, Merkel...a Brown) a Sharm el Sheikh in un summit occidental- mediterraneo su Gaza.

Il nostro che dichiara, fra l'altro, con forzata nonchalance, di aver proposto da tempo l'ingresso di Israele nella UE. E lo sguardo fra l'imbarazzato ed il divertito, oltre che il sinceramente perplesso, dei premier di Germania e Francia che, da accostati spalla a spalla, si voltano vicendevolmente l'uno verso l'altra per sincerarsi di stare assistendo a qualcosa di reale o di essere preda di una allucinazione viene puntualmente registrato da una ripresa televisiva che viene mandata in onda verso il tardo pomeriggio, credo su RAI 1 o 3.

Ma il giorno successivo, oggi 19 gennaio, non c'è traccia di questa specifica “uscita” di Berlusconi, a quanto mi risulti, da nessuna parte. Il Corriere della Sera e la Repubblica che pubblicano ampi resoconti dei retroscena con il bla-bla che tanto attira gli organi d'informazione di regime non registrano per nulla, nemmeno come gaffe, l'affermazione.

Può darsi che in qualche sito minore sia invece stata riproposta la registrazione, piuttosto che più che qualcuno, oltre me, l'abbia notata assieme alla sua sparizione. Quello che è certo è che è stata fatta rapidamente e drasticamente pulizia negli spazi pubblici e privati di comunicazione politica in prime time di un accenno pur nemmeno vagamente impegnativo e “strategico” quanto a possibili effetti sugli equilibri geopolitici che caratterizzano le relazioni internazionali in un settore così delicato.

 

Qualcuno ha una spiegazione per questo che non sia puramente e sbrigativamente giustificatoria del fatto come “casuale”? Diversa da quella che considero l'unica plausibile in termini razionali: che della possibilità di una proposta ufficiale di un Paese membro autorevole (addirittura cofondatore) all'adesione come membro a tutto titolo di Israele nella Unione Europea non debba essere fatta menzione “neppure per sbaglio”. E non a causa, principalmente almeno, di chissà quale complotto internazionale che vincola ad uno status quo che ha da essere immodificabile la situazione dei rapporti in Medio Oriente e fra esso e l'Europa, ma perché anche solo l'accenno ad una ipotesi come quella che parrebbe “dal sen fuggita” di un disinvolto comprimario non può che costringere la storia a non rinnegare il proprio ruolo di colei che deve esprime il tentativo di ricostruzione per i posteri del massimo di verità compatibile con gli “arcana imperii”. Non si deve citare un'ipotetica Israele europea perché c'è la necessità di evitare la rottura del tabù del silenzio sul ruolo e sulla stessa opportunità di esistenza dei Radicali, unici (con il Dalai Lama e Mandela/De Clerk) ad esprimere soluzioni di problemi internazionali compatibili con i principi nonviolenti.

Citare “Israele in Europa, il popolo israeliano lo vuole” con riferimento al risultato più volte ricordato di sondaggi che confermerebbero in modo schiacciante l'esistenza di uno iato intollerabile fra espressione popolare (favorevole) e posizioni dell'establishment israeliano (contrario) ipotizzerebbe in modo innegabile che un modo nonviolento anche in campo internazionale è ormai patrimonio culturale dell'umanità, sopravvissuto a Gandhi ed a M.L. King (ed “agibile”, come nel caso di “Irak libero!”). Denunzierebbe, inoltre, in modo difficilmente contestabile l'esistenza di forme di regime che contraddicono a quelle ufficiali, anche in Paesi di consolidata democrazia liberale.

E restituirebbe alla luce della ribalta dello scacchiere mondiale un play-maker tanto apparentemente marginale quanto potente “in nome della verità”: qualche anno fa, avevo proposto che Marco Pannella fosse dal Partito candidato ufficialmente alla carica di Segretario Generale dell'ONU (al tempo di di B.B. Ghali). Era un tentativo forse troppo generoso ed anticipativo di cogliere non tanto come ineluttabilità l'incontro di tempi personali di vita ed opportunità storiche, ma la necessità di indurre (all'ONU o oltre l'ONU) opzioni e principi trasnazionali per una diversa integrazione a livello mondiale che escludesse il più possibile di violenza e promozionasse come conquista per tutti (come “diritto umano storicamente acquisito”) la Democrazia.

 

Per scongiurare tutto questo, così, neppure il “radicale” Berlusconi ha parlato!

 

Guido Biancardi

(da Notizie radicali, 23 gennaio 2009)

 

 

Israele nell'Ue”: dì al tua
con il sondaggio di Tellusfolio!


Articoli correlati

  Pannella – Mecacci. Rapporto sulla missione in Cambogia
  Israele e Palestina nell'Ue. Parola ai giovani di Fatah
  Valter Vecellio. A Padova, le sfide, gli impegni
  Emma Bonino. Perché Israele deve entrare nell'UE
  Valter Vecellio. Qualche considerazione sul Comitato dei Radicali appena concluso
  Pensioni, primarie PD e Hamas. Così Emma Bonino all’appuntamento settimanale con Radio Radicale
  L'europeista Renzi si faccia federalista e quindi alfiere di Israele nell'Unione europea!
  Alessandro Tessari. Ho ben compreso la proposta di Pannella? Allora mi toccherà reiscrivermi al PR...
  Questa sera a Bergamo. Presentazione del 13° numero di “Diritto e Libertà”, con Bruno Mellano
  Israele nella Ue contro la guerra senza confini
  Enrico Peyretti. Sulla qualità dei due diritti
  V. Vecellio. Guido Ceronetti, l’impostura di due Stati, Israele e Palestina, l’allarme di Colombo, il possibile unico antidoto
  Delegazione del Partito radicale in Israele. Dal 7 al 12 novembre
  Matteo Mecacci. Europa brancaleone ad Annapolis per la “Pace in Medio Oriente”
  Valter Vecellio. Le possibili alternative ai sempre più insistenti venti di guerra
  Coraggio israeliano
  «Moratoria, laicità-temi etici, giustizia, costo della politica, Turchia Israele e Marocco nell’UE»
  Valter Vecellio. Punti e spunti per un dibattito. Israele nell’Unione europea
  Cappato e Perduca. Ma quale pace senza politica?
  Francesco Pullia. Un progetto federalista per sconfiggere la spirale della violenza
  Israele contro Iran. Conflitto ineluttabile? E, a quanto pare, si resta a guardare
  Valter Vecellio. Israele, Iran, la possibile Terza Guerra Mondiale
  Valter Vecellio. Gli attentati del PKK, i venti di guerra
  Maurizio Morabito. Con Israele, con l’Iran
  Valter Vecellio. Israele. Lettera aperta a Furio Colombo: è vero, i veri colpevoli siamo noi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy