Martedì , 16 Gennaio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. Israele, Iran, la possibile Terza Guerra Mondiale 
Punti e spunti per un dibattito. Sei
19 Ottobre 2007
 

«Per evitare la Terza Guerra Mondiale bisogna impedire all’Iran di avere l’atomica». Comincia con questa frase di George W. Bush, la cronaca di Maurizio Molinari su La Stampa: “racconto” di un Bush preoccupato e inquieto dopo aver visto «campeggiare sui quotidiani le foto del sorridente Vladimir Putin a Teheran, vicino a Mahmud Ahmadinejad. All’abbraccio fra i presidenti di Russia e Iran unito al monito del Cremlino contro l’uso della forza, Bush risponde alla sua maniera, va al contrattacco…». E ancora: «L’inquilino della Casa Bianca vuole far capire al leader russo – ed anche ad Ahmadinejad – che l’America non consentirà mai all’Iran di coronare la corsa all’atomo. Di qui la scelta di un’inedita terminologia: “In Iran c’è un leader che vuole distruggere Israele, per questo ho detto che se si è interessati ad evitare una Terza Guerra Mondiale bisogna voler prevenire la possibilità che l’Iran abbia la conoscenza necessaria per realizzare la bomba”». Molinari ha poi cura di ricordare un episodio recente che ha una sua importanza e significato: «Ad avvalorare la linea cura c’è anche la decisione del presidente di continuare ad opporre un no comment alle domande sul blitz israeliano in Siria, ritenuto da molti una prova generale di cosa potrebbe avvenire con l’Iran…».

 

Dall’analitico e distaccato Molinari a Vittorio Zucconi di Repubblica. Zucconi, che non ha mai nascosto la sua ostilità nei confronti di Bush, ed è certamente più passionale, riferendosi anche lui alla conferenza stampa di Bush la mette così: «È stata tutta un tentativo ansimante di sbracciarsi a tamponare le falle che si stanno aprendo a est e a ovest, sui fronti asiatici e mediorientali, tra i quali l’agonia dell’Irak e le fanfaronate di ‘vittoria su al Qaeda’ passano inosservati. Per ormai cinque anni, la Turchia ha portato pazienza, dopo aver rifiutato di prestarsi ad essere la rampa di lancio per l’invasione dell’Irak, avendo intuito subito quali conseguenze per se stessa avrebbe avuto la decomposizione del paese vicino. I suoi militari, chiave di volta dello stato e barriera contro l’islamizzazione del paese, hanno finto di ignorare la crescita ai propri confini di un nuovo stato, di fatto un Kurdistan autonomo e protetto proprio dagli Stati Uniti, divenuto il faro di quel popolo curdo che da generazioni nutre il sogno della ribellione e di una propria entità statale attraverso il sogno della ribellione e di una propria entità statale attraverso almeno tre nazioni limitrofe».

 

Ora è opportuno leggere Franco Venturini sul Corriere della Sera: la conferenza stampa di Bush è la conferma di una rotta di collisione tra Washington e Mosca, «avvicina ulteriormente la prospettiva di un attacco USA contro le centrali iraniane…». Bush drammatizza al massimo la crisi iraniana «fino al punto di precostituire una giustificazione assoluta per l’ancora ipotetico attacco: facendo una guerra circoscritta, si sarà evitata una guerra generale». Bush, scrive ancora Venturini, sottintende «che non è il momento di giocare col fuoco perché il fuoco vero è dietro l’angolo. E si chiama Iran, Ahmadinejad, armi nucleari. Usando le parole come una mazza da baseball, il presidente americano vuole mettere tutti al cospetto di elementi che rendono unica la crisi iraniana, per esempio rispetto a quella nord-coreana».

Venturini ricorda un paio di punti imprescindibili. Il primo è la sicurezza di Israele: «Il sorgere di un’altra potenza nucleare nella regione sarebbe comunque vista come una sfida da Gerusalemme. Ma se alla testa di questa aspirante potenza c’è un presidente che vorrebbe trasferire lo Stato ebraico in Alaska e che non riconosce l’Olocausto, allora il pericolo è tale da fare scattare la clausola di garanzia che ha sempre legato Israele all’America. E nemmeno gli europei possono guardare dall’altra parte, con il fardello storico che si portano sulle spalle».

Il secondo punto messo in evidenza da Venturini è costituito dalla proliferazione incontrollata: «Un Iran con la bomba indurrebbe le monarchie sunnite del Golfo a imitarlo per coprirsi le spalle, e il via libera varrebbe anche per altri, forse l’Egitto, forse la Siria, forse la Turchia. Nessuno potrebbe più frenare la diffusione degli armamenti nucleari, né impedire che finiscano in mano a organizzazioni terroristiche. Senza voler sottoscrivere il calcolato allarmismo di Bush, è chiaro che la minaccia di guerra – e di guerra nucleare – crescerebbe».

 

Tra le poche certezze che si possono coltivare, c’è quella che una guerra circoscritta oggi possa evitare una guerra generale domani. Per quanto articolato possa essere il piano di attacco aereo predisposto dal Pentagono o dai generali israeliani, con bombe di profondità per smantellare le istallazioni nucleari diffuse nel territorio iraniano, non riuscirà certamente ad annullare le prevedibili e inevitabili rappresaglie: hezbollah ed Hamas entrerebbero subito in azione in Israele; i pasdaran bloccherebbero immediatamente lo stretto di Hormuz, verrebbero subito bombardati i pozzi petroliferi, lanciati missili Shalab3, colpiti Israele, le basi americane nel Golfo Persico, i paesi arabi cosiddetti “moderati”. Sarebbe la logica, inevitabile conclusione di un sonno della ragione che dura da qualche decennio.

 

Ma torniamo a Molinari (Stampa), Zucconi (Repubblica), Venturini (Corriere della Sera). I tre maggiori quotidiani, attraverso tre dei loro analisti di punta, affrontano la questione mettendo giustamente in relazione Iran, Israele, Turchia. Tra “facce”, appunto di una stessa questione. Il problema, dopo la “descrizione” che si ricava dai tre “racconti” (ci si limita a tre, per comodità, ma ce ne sono e ce ne saranno molti altri), è che si ha un’eccellente affresco della situazione: che nei termini in cui viene offerto, appare disperante. La “soluzione” Bush è terrificante. Ce ne sono altre? Almeno un’altra sì – anche se non viene “raccontata” – ed è quella che per comodità si può riassumere in “Israele e Turchia nell’Unione europea”. È l’unica “utopia” pragmatica su cui conviene lavorare, che in prospettiva può portare pace in una parte di mondo da sempre tormentata e che vive sotto grave minaccia. È l’unica proposta che può costituire l’antidoto per scongiurare la “fine di Israele” e gli scenari evocati da Bush. La proposta di Marco Pannella. Ancora una volta la “follia” radicale si rivela la cosa più ragionevole e opportuna.

 

E qui conviene sgombrare fraintendimenti certamente provocati da un’affrettata esposizione, un aver dato per scontato qualcosa che evidentemente non lo è. Già su N.R. del 15 ottobre avevo trattato la questione; e una frase («Questa volta non c’è ancora un equivalente di Irak libero, e bisognerà trovarlo con una certa urgenza») ha portato a un equivoco. Nel dire che ancora non c’è un equivalente di Irak libero non si intendeva e non si intende negare che la proposta “Israele e Turchia nell’Ue” (vado a colpi d’accetta: è chiaro che Israele e Turchia nella Ue non sono solo Israle e Turchia nella Ue), sia e possa essere l’equivalente di Irak libero. Si voleva e si vuole dire che la proposta ancora non ha assunto quel valore di consapevolezza, non è stata assimilata neppure tra i più avveduti, come fu a suo tempo “Irak libero”. Può benissimo essere una valutazione, un’impressione sbagliata, non corrispondente alla realtà. Anche “Irak libero” non è riuscita a essere dibattuta come meritava, a creare quel tipo di mobilitazione che avrebbe potuto assicurarne il successo; c’era comunque una “tensione” (non so trovare altro termine) che occorre recuperare e ricreare, viste le accelerazioni di queste ore e giorni. È la mancanza di questa “tensione” che appunto fa dire che ancora non c’è un “equivalente di Irak libero”.

 

Per ora annotiamo che neppure il commentatore o l’analista più attento, occupandosi di quanto sta accadendo tra Washington, Gerusalemme, Teheran, Mosca, prende in considerazione la proposta di Marco Pannella e dei radicali. Chi dovrebbe e potrebbe aiutarci a conoscere, forse lui per primo ignora, va informato; ed è, tra le molte, anche questa cosa che si dovrà cercare di colmare e risolvere.

 

Valter Vecellio

(da Notizie radicali, 18 ottobre 2007)


Articoli correlati

  Enrico Peyretti. Sulla qualità dei due diritti
  Valter Vecellio. A Padova, le sfide, gli impegni
  Israele e Palestina nell'Ue. Parola ai giovani di Fatah
  Coraggio israeliano
  Valter Vecellio. Qualche considerazione sul Comitato dei Radicali appena concluso
  Delegazione del Partito radicale in Israele. Dal 7 al 12 novembre
  Pensioni, primarie PD e Hamas. Così Emma Bonino all’appuntamento settimanale con Radio Radicale
  Questa sera a Bergamo. Presentazione del 13° numero di “Diritto e Libertà”, con Bruno Mellano
  Emma Bonino. Perché Israele deve entrare nell'UE
  Israele nella Ue contro la guerra senza confini
  Israele contro Iran. Conflitto ineluttabile? E, a quanto pare, si resta a guardare
  «Israele nell'UE». Autocensura presidenziale postuma, oppure un’allucinazione?
  Alessandro Tessari. Ho ben compreso la proposta di Pannella? Allora mi toccherà reiscrivermi al PR...
  Valter Vecellio. Le possibili alternative ai sempre più insistenti venti di guerra
  Matteo Mecacci. Europa brancaleone ad Annapolis per la “Pace in Medio Oriente”
  Pannella – Mecacci. Rapporto sulla missione in Cambogia
  «Moratoria, laicità-temi etici, giustizia, costo della politica, Turchia Israele e Marocco nell’UE»
  L'europeista Renzi si faccia federalista e quindi alfiere di Israele nell'Unione europea!
  Valter Vecellio. Punti e spunti per un dibattito. Israele nell’Unione europea
  V. Vecellio. Guido Ceronetti, l’impostura di due Stati, Israele e Palestina, l’allarme di Colombo, il possibile unico antidoto
  Cappato e Perduca. Ma quale pace senza politica?
  Francesco Pullia. Un progetto federalista per sconfiggere la spirale della violenza
  Valter Vecellio. Gli attentati del PKK, i venti di guerra
  Maurizio Morabito. Con Israele, con l’Iran
  Valter Vecellio. Israele. Lettera aperta a Furio Colombo: è vero, i veri colpevoli siamo noi
  Mariano Giustino. Turchia: i Curdi e il superamento della vecchia ideologia dello Stato-nazione
  Mariano Giustino. Dopo l'esito delle elezioni in Turchia l’Unione europea apra i capitoli negoziali
  Valter Vecellio. Haigaz chiamava: «Mikael... Mikael...»
  Mariano Giustino. Benvenuta Turchia! L’adesione, all’alba di una nuova Europa
  Il governo turco vara un «piano d’azione nazionale» per l’ingresso nell’UE
  Nasce “Turchia in Europa da subito”
  «Turchia nell’Unione europea subito!»
  Sulle dichiarazioni di Papa Francesco in merito alla questione del popolo armeno
  Deborah Solomon. Scrittrici iraniane. Intervista a Dalia Sofer
  Gianni Somigli. Iran, la rivoluzione a fumetti
  Iran. Giovanissimo gay condannato a morte
  Marco Lombardi. Occhi voraci di libertà
  Yoani Sánchez. Il nostro uomo a Tripoli
  “Dov'è il mio voto?” “Dov'è il mio diritto?” Jane Gabriel intervista Parvin Ardalan
  Matteo Mecacci. Frattini convochi ambasciatore Iran per stop a violenze
  Matteo Tuveri. Iran: diritti umani e voglia di cambiamento
  Emma Bonino, Saad Ibrahim. Il nuovo Egitto non deve nascere sulla vendetta
  Karim Metref. Marocco... E pur si muove
  Furio Colombo. Libia. Il Trattato c'è ancora
  Iran. La dittatura teocratica iraniana minaccia di impiccare altri due ragazzi solo perché gay
  Luigi Fioravanti. Degl'italici atavici costumi
  Emma Bonino: “All'Onu c'è un'atmosfera nuova. Dobbiamo esplorare i segnali dall'Iran”
  Azar Majedi. Contro tutti i terrorismi
  Maria G. Di Rienzo. Voci nel vento
  Libia: fermate la repressione
  Appello per salvare la vita della nota avvocato delle donne condannate a morte, Shadi Sadr
  Omar Santana. Chi difende Gheddafi?
  Iran. Un appello per in favore degli studenti arrestati
  Camelia Entekhabifard. Nel vento
  Enrico Peyretti. Dove sono i pacifisti?
  Libia. Manifestazione Radicale davanti a Montecitorio
  Michele Minorita. La sfida iraniana, l’impotenza occidentale
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 5
  Francesca Ribeiro. Vita sacra
  Dibattito sull’Iran libero, laico e democratico - violazione dei diritti umani
  Seconda Marcia internazionale per la Libertà, in Birmania, Iran, Tibet
  Pasquale Annicchino / Nadia Marzouki. “Ora abbiamo deciso di prendere in mano il nostro futuro”
  Pena di morte. L'Italia aiuta l'Iran a condannare i propri cittadini al patibolo. Interrogazione
  Marco Cappato. Iran: stati membri UE devono proteggere gay da persecuzioni e pena di morte attribuendo status di rifugiato
  Enrico Peyretti. Guerra alla Libia
  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Dall'Egitto allo Yemen passando per l'Italia. L'8 marzo visto da Emma Bonino
  2 dicembre 2007: conferito il Premio di “Human Rights First” alla difensora iraniana dei diritti umani Fariba Davoodi Mohajer
  Borzou Daragahi. Ridisegnare la vita. Due donne in Iran
  Valter Vecellio. Iran. Venti di guerra
  Nazila Fathi. Le madri della pace
  Milano. Con Emma Bonino da Domenica
  Mai complici del raìs! Mai complici dei regimi!
  Shirin Ebadi. Chiedendo solidarietà con le madri in lutto in Iran
  Tunisi. Bonino, Pannella e Perduca incontrano Ministro Kefi
  Iran, tra violenza e resistenza
  Senza passaporto Narges Mohammadi, premio Alex Langer 2009
  L'aggressività americana alla prova di Libia e Siria
  “Pena di morte: no all'estradizione di Seyed Mehdi Kazemi in Iran”
  Omar Santana. Tsunami Nord Africa
  Maria G. Di Rienzo. Biciclette per signore
  Oltre i muri: da Cuba al Medio Oriente. La sfida per la democrazia
  Iran: droga e pena di morte. Grazie alla collaborazione dell'Italia?
  Patrizia Fiocchetti: Iran. Allo scoperto lo scontro di potere clericale. Oblò Mondo 7
  Iran, la scelta delle armi?
  Elham Gheytanchi. Iran. Sicurezza nazionale
  Roberto Pereira. Lettera alla stampa di un ragazzo cubano
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. La Libia e L’Egitto hanno la febbre
  Manifestazione di solidarietà ai profughi del Corno D’Africa intrappolati in Libia
  Pace e libertà per il popolo iraniano
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 63.2%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 35.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy