Domenica , 19 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. Israele. Lettera aperta a Furio Colombo: è vero, i veri colpevoli siamo noi 
Una proposta politica concreta c’è: Israele nell’UE. Cominciamo a parlarne davvero?
11 Gennaio 2009
 

Caro Furio Colombo,

hai ragione. Su l’Unità scrivi che a essere sconvolto, preoccupato, inquieto per quello che sta accadendo in Medio Oriente, siamo proprio noi, chi a Israele è più vicino: perché vediamo «il giovane paese degli ebrei, unica democrazia nel Medio Oriente, nato per vivere e per salvare, entrare nel tunnel della guerra senza fine…».

È amara, ma lucida ed esatta, la “descrizione” della situazione: «C’è un corridoio vuoto nel mondo internazionale, quando Hamas dichiara, di sua iniziativa, la fine della tregua. Sarkozy, Presidente d’Europa, è uscito, Obama, Presidente eletto degli Stati Uniti non è ancora entrato. Israele ha un governo provvisorio in attesa di elezioni; e oscilla fra coloro che chiedono più pace per rompere l’infinito stato d’assedio che Israele subisce…». Vogliamo aggiungere l’infame affermazione di un cardinale che certo non a caso per parlare di Gaza usa la parola lager? Lo ha fatto, evidentemente, scegliendo bene, deliberatamente, la parola, per ferire e con la precisa intenzione di farlo… Che senso ha poi sdegnarsi per la scempiaggine di un sindacatino che invita a boicottare i negozi i cui proprietari siano di religione ebraica, se si tace di fronte ad affermazioni di questo tipo?

 

«Giudicate come volete», scrivi. «Ma i veri colpevoli siamo noi. Noi, Europa senza politica, noi Stati Uniti senza presidente, noi Nazioni Unite senza idee e senza parole e perfino le rare e vaghe preghiere delle chiese del mondo e il soprassalto di illustri intellettuali che si tanto in tanto si risvegliano per un brontolio di protesta…».

Sì, i veri colpevoli sono quelli che indichi; ma non tutti sono colpevoli. Consenti che noi radicali in questo e di questo non ci si senta colpevoli. Marco Pannella da anni indica una proposta politica, una possibile road map: Israele e la Turchia nell’Unione Europea, e poi man mano anche altri paesi dell’area arabo-mediterranea. Un’alternativa chiara e netta alla parola d’ordine che ancora viene agitata a sinistra: “due popoli, due Stati”, per superare i nazionalisti, che da sempre sono fonte di lutti, violenza, morte.

Scrivi che «qualunque senso si voglia dare alla parola civiltà, essa cessa di esistere se lasceremo intatte le condizioni del conflitto e ci metteremo davanti alla TV paghi dei nostri sentimenti di condanna alla guerra o di sostegno a Israele. O noi siamo la pace, per i due popoli, con un fiato, un coraggio, una visione, un intervento di cui noi sembriamo incapaci. O noi, noi stessi, ognuno di noi, siamo il terrorismo o la guerra. Resta poco tempo per decidere».

È così. Non c’è parola, affermazione che non possa, che non debba essere sottoscritta, condivisa. Ma proprio per questo: questa proposta radicale, che certo può e deve essere emendata e perfezionata alla luce delle nuove situazioni che si sono determinate, è l’unica proposta politica che sia alternativa di vita rispetto all’attuale realtà di morte e violenza. È una proposta che certo deve superare le diffidenze e le perplessità degli israeliani e dei palestinesi; ma non è motivo di conforto (e non deve, non può costituire materia di riflessione) che i sondaggi condotti in Israele certifichino come la maggioranza di quell’opinione pubblica sia favorevole a questa proposta? Che a Tel Aviv come a Gerusalemme, a Jaffa come nel Negev, gli israeliani si sentano Europa, che chiedano che l’Europa non volti ancora una volta le spalle, e resti indifferente?

 

Ma per non essere come chi lascia intatte le condizioni del conflitto e si mette davanti alla TV, pago «dei nostri sentimenti di condanna alla guerra o di sostegno a Israele», non credi che sia giusto, utile, urgente, opportuno discutere, ma davvero e seriamente se, come, quando dare corpo a questa proposta? Sono convinto che ci comprendi se chiediamo a te e a tutti: se non ora, quando? Se non così, come?

 

 

Valter Vecellio

(da Notizie radicali, 9 gennaio 2009)


Articoli correlati

  Una iniziativa a Viterbo e una lettera al Presidente del Consiglio contro il massacro a Gaza
  Ecumenici. Veglia con lettura di Davide Melodia
  Emigrazione-notizie. E la sua difesa degli attivisti per la pace a Gaza
  Francesco Pullia. Il sangue, Gaza, l’esilio della parola
  Boicottare i prodotti di Israele finché opera il genocidio? Indagine sull’economia che dirige politica e bombe.
  Doriana Goracci: Riflessioni finita l’epifania… che le bombe non porterà via.
  Veglia ecumenica di preghiera “Per il cessate il fuoco immediato nella striscia di Gaza!”
  Appello degli intellettuali ebrei contro il genocidio di Gaza
  Doriana Goracci: NO al fascismo militare israeliano. Roma. La Libertà non striscia
  Primarosa Pia. L'eco dei mortai. Viaggio in Israele, 1-8 gennaio 2009
  Daniele Dell’Agnola. La vostra scuola sembra un museo
  Vetrina/ Emmanuel Attard-Cassar. Veduta su Gaza (da Malta)
  Nino Lisi > Cdb San Paolo. Per Gaza. Presidio a Roma, 8-10 gennaio
  Enrico Peyretti. Sulla qualità dei due diritti
  Domenico Stimolo. Riflessione notturna su Gaza… e dintorni
  Il Movimento Nonviolento aderisce alla manifestazione del 17 gennaio ad Assisi per la pace in Medio Oriente
  Coraggio israeliano
  Bruna Spagnuolo: Il frastuono della guerra giustizia gli echi del Vangelo.
  Peppe Sini. Dalla parte di tutte le vittime, contro tutte le uccisioni
  Marco Lombardi. Nell'epoca di Saladino interinale
  Marco Lombardi. Legami di sangue
  Vetrina/ Giuseppe Samperi. Chiedo perdono
  Floriana Lipparini / Adam Keller. Con i pacifisti israeliani contro la guerra
  Bassem Eid. “Noi palestinesi dobbiamo sbarazzarci di Hamas”
  Stop alla guerra! Sabato 17 iniziativa in piazza a Sondrio
  Federazione Anarchica Italiana: Per la pace, per l'autodeterminazione del popolo palestinese
  Urlo imprigionato (Merendelli – Garofalo)
  Renato Pierri. Illegittima difesa
  Roberto Malini. Fermiamo le armi!
  Gila Swirsky: Nessuna notizia è cattiva notizia. Bombe su Gaza.
  Brenda Gazzar. Le attiviste di Gaza si aspettano tempi più duri
  Enrico Peyretti / Pax Christi. Gaza-Israele. Mobilitazione a Torino
  Comunità dell'Isolotto. Socializzazione su: fondamentalismi e violenza
  Pannella – Mecacci. Rapporto sulla missione in Cambogia
  Israele e Palestina nell'Ue. Parola ai giovani di Fatah
  Valter Vecellio. A Padova, le sfide, gli impegni
  Emma Bonino. Perché Israele deve entrare nell'UE
  Valter Vecellio. Qualche considerazione sul Comitato dei Radicali appena concluso
  Pensioni, primarie PD e Hamas. Così Emma Bonino all’appuntamento settimanale con Radio Radicale
  L'europeista Renzi si faccia federalista e quindi alfiere di Israele nell'Unione europea!
  Alessandro Tessari. Ho ben compreso la proposta di Pannella? Allora mi toccherà reiscrivermi al PR...
  Questa sera a Bergamo. Presentazione del 13° numero di “Diritto e Libertà”, con Bruno Mellano
  Israele nella Ue contro la guerra senza confini
  V. Vecellio. Guido Ceronetti, l’impostura di due Stati, Israele e Palestina, l’allarme di Colombo, il possibile unico antidoto
  Matteo Mecacci. Europa brancaleone ad Annapolis per la “Pace in Medio Oriente”
  «Israele nell'UE». Autocensura presidenziale postuma, oppure un’allucinazione?
  Valter Vecellio. Le possibili alternative ai sempre più insistenti venti di guerra
  «Moratoria, laicità-temi etici, giustizia, costo della politica, Turchia Israele e Marocco nell’UE»
  Delegazione del Partito radicale in Israele. Dal 7 al 12 novembre
  Valter Vecellio. Punti e spunti per un dibattito. Israele nell’Unione europea
  Cappato e Perduca. Ma quale pace senza politica?
  Francesco Pullia. Un progetto federalista per sconfiggere la spirale della violenza
  Israele contro Iran. Conflitto ineluttabile? E, a quanto pare, si resta a guardare
  Valter Vecellio. Israele, Iran, la possibile Terza Guerra Mondiale
  Valter Vecellio. Gli attentati del PKK, i venti di guerra
  Maurizio Morabito. Con Israele, con l’Iran
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy