Martedì , 21 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Matteo Mecacci. Europa brancaleone ad Annapolis per la “Pace in Medio Oriente”
27 Novembre 2007
 

Tra pochi giorni si apre ad Annapolis, in una base militare vicino alla capitale degli Stati uniti a Washington, una conferenza internazionale convocata dal Governo americano per riavviare i cosiddetti negoziati di pace in Medio Oriente tra Israele e l’Autorità Palestinese; negoziati che sono ormai fermi da molti anni, dopo che il tentativo di mediazione portato avanti alla fine degli anni novanta dall’ultimo presidente americano eletto dai democratici Bill Clinton fallì nel 2000.

Negli ultimi giorni che precedono la tenuta di questa conferenza, dove sarà presente per l’Italia il Ministro degli Esteri D’Alema, l’attenzione si è concentrata sulla partecipazione o meno a questa conferenza dei paesi arabi e in particolare di Arabia Saudita e Siria. Venerdì la Lega Araba ha preso la decisione unanime di partecipare alla Conferenza di Annapolis, ma resta da definire nei dettagli la partecipazione siriana, che vuole sia inserito nell’agenda dell’incontro, quale condizione per sedersi al tavolo negoziale, anche la questione dell’occupazione delle alture del Golan da parte di Israele.

Altri partecipanti alla conferenza, che sommati arrivano a circa 40 paesi, includono i paesi membri del G8, i membri permanenti del consiglio di sicurezza, il Brasile il Sudafrica, il Senegal, la commissione europea, cui si aggiungono anche Toni Blair come Inviato Speciale per il Medio Oriente e l’Alto Rappresentante per la Politica Estera e la Sicurezza Comune dell’Unione Europea Xavier Solana.

Ciò che colpisce alla lettura di questa lista dei partecipanti è come i paesi europei siano presenti e seduti ad un tavolo negoziale ritenuto da tutti come quello più importante e centrale di tutta la politica estera europea, in ordine rigorosamente sciolto, senza che da nessuno di essi sia emersa o emerga in questi giorni la parvenza di una posizione politica che sappia offrire qualcosa di nuovo, rispetto a quello che non si è riusciti a fare in tutti questi anni. E l’Europa si presenta a questo negoziato anche con rappresentanti politici che evidentemente sembrano più avere interesse a tutelare il proprio spazio di visibilità, garantendosi una sedia dove sedersi attorno al tavolo - con le conseguenti rivalità e sovrapposizioni di ruoli - che a garantire quel consenso comunitario cui solito ricorrono per bloccare l’avanzata di nuove iniziative.

La proposta dunque dell’adesione di Israele all’Unione Europea e più in generale per l’avvio di un processo politico federativo tra l’Ue e i paesi del medio oriente e del mediterraneo, continuano ad essere assolutamente ignorati dalla politica ufficiale europea. Con l’avvio della discussione per il lancio del Satyagraha mondiale per la pace al Parlamento Europeo dal 6 all’8 dicembre, il Partito Radicale Nonviolento, transnazionale e transpartito, saprà forse mostrare un’altra via possibile per la pace, cercando di superare le illusioni nazionalistiche che ancora affliggono Israele, la Palestina, il medio oriente, ma purtroppo anche la rinascente Europa delle patrie.

 

Matteo Mecacci

(da Notizie radicali, 26 novembre 2007)


Articoli correlati

  Pannella – Mecacci. Rapporto sulla missione in Cambogia
  Israele e Palestina nell'Ue. Parola ai giovani di Fatah
  Valter Vecellio. A Padova, le sfide, gli impegni
  Emma Bonino. Perché Israele deve entrare nell'UE
  Valter Vecellio. Qualche considerazione sul Comitato dei Radicali appena concluso
  Pensioni, primarie PD e Hamas. Così Emma Bonino all’appuntamento settimanale con Radio Radicale
  L'europeista Renzi si faccia federalista e quindi alfiere di Israele nell'Unione europea!
  Alessandro Tessari. Ho ben compreso la proposta di Pannella? Allora mi toccherà reiscrivermi al PR...
  Questa sera a Bergamo. Presentazione del 13° numero di “Diritto e Libertà”, con Bruno Mellano
  Israele nella Ue contro la guerra senza confini
  Enrico Peyretti. Sulla qualità dei due diritti
  V. Vecellio. Guido Ceronetti, l’impostura di due Stati, Israele e Palestina, l’allarme di Colombo, il possibile unico antidoto
  Delegazione del Partito radicale in Israele. Dal 7 al 12 novembre
  «Israele nell'UE». Autocensura presidenziale postuma, oppure un’allucinazione?
  Valter Vecellio. Le possibili alternative ai sempre più insistenti venti di guerra
  Coraggio israeliano
  «Moratoria, laicità-temi etici, giustizia, costo della politica, Turchia Israele e Marocco nell’UE»
  Valter Vecellio. Punti e spunti per un dibattito. Israele nell’Unione europea
  Cappato e Perduca. Ma quale pace senza politica?
  Francesco Pullia. Un progetto federalista per sconfiggere la spirale della violenza
  Israele contro Iran. Conflitto ineluttabile? E, a quanto pare, si resta a guardare
  Valter Vecellio. Israele, Iran, la possibile Terza Guerra Mondiale
  Valter Vecellio. Gli attentati del PKK, i venti di guerra
  Maurizio Morabito. Con Israele, con l’Iran
  Valter Vecellio. Israele. Lettera aperta a Furio Colombo: è vero, i veri colpevoli siamo noi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy