Domenica , 25 Ottobre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Pablo Pacheco. Le impronte della memoria
03 Ottobre 2010
 

Ricordare i giorni felici non è un problema; dimenticare i giorni di prigionia è quasi impossibile, perché le ferite dell’anima cicatrizzano a fuoco lento. Adesso che ho più tempo per meditare mi chiedo: Come faceva a vivere tanta miseria umana? Una miseria che non ha a che vedere solo con la gente incarcerata, perché riconosco di aver conosciuto molti uomini validi in prigione che furono trascinati sotto la prigionia dal sistema dittatoriale che impera a Cuba da mezzo secolo. Anche loro, senza rendersene conto, si convertirono poco a poco in vittime della dittatura.

A seguito dei giudizi manipolati e sommari contro i condannati nella causa dei 75, la mente machiavellica dei servizi segreti cubani e dell’alta direzione del PCC determinò una diaspora umana nelle varie prigioni della geografia cubana, a centinaia di chilometri dalle nostre case. Fu una condanna in più per le nostre famiglie e un esperimento con il quale speravano in una nostra caduta. Si sbagliavano. Mia moglie e mio figlio, che portavano la croce più pesante, non mancarono ad una sola visita. Il mio bambino cominciò a frequentare le carceri quando appena aveva 4 anni e mia moglie è senza dubbio il più grande orgoglio della mia esistenza.

Memorizzando il giorno in cui fui spostato – insieme ad altri fratelli nella causa – dal centro di operazioni della Sicurezza dello Stato di Ciego de Ávila verso la parte occidentale dell’isola, ricordo con perfezione l’operoso macchinario dispiegato dalla polizia e il valore che dimostrarono i miei compagni. Questo, più la convinzione di essere stati puniti ingiustamente con lunghissime condanne, provocò in me una forza che usai come alimento durante i miei 87 mesi di carcere.

Pedro Argüelles viaggiò con noi. Sia io che lui fummo condannati a 20 anni di carcere dal tribunale di Ciego de Ávila. Sfortunatamente lui è ancora prigioniero perché l’odio e l’intolleranza impediscono al regime di capire che lui non vuole abbandonare Cuba, sebbene ciò possa significare portare una spada di Damocle sulla testa, così come ad altri compagni del gruppo precedentemente citato.

Arrivai al penitenziario di “Aguica” il 19 Aprile 2003. Lì mi obbligarono a scendere insieme a Manuel Uvals Gonzáles e a Alexis Rodrigues Fernández. I funzionari interni compilarono un minuzioso registro dei nostri averi e in seguito fummo trasportati in differenti sezioni penali, tutte distanti le une dalle altre, così da impedirci una comunicazione e da castigarci. Anche in questo i padroni del potere si sbagliarono.

Quella notte trovai un letto nella mia stanza. La cella che mi assegnarono fu la numero 4 del terzo piano. Intorno a me, tutte persone pericolose, condannate all’ergastolo per omicidio; ad altri, il regime penitenziario li aveva isolati per punirli in maniera più grave, ma tutti fecero amicizia con me e in un secondo momento con Blas Giraldo Reyes del gruppo dei 75. Se dovessi ammettere che quella notte dormii sarei un grande bugiardo, perché la mia mente viaggiò attraverso lo spazio e il tempo per arrivare al mio focolare domestico che si trovava a 400 km di distanza, insieme ai miei cari Ole e Jimito. Quest’ultimo era quello che meno capiva quello che realmente stesse succedendo. Nel momento in cui più mi stavo rendendo conto della mia situazione, suonò la campana che svegliava “Aguica”. Il peggio stava per arrivare, ma questa storia la racconterò in un’altra occasione.

 

Pablo Pacheco

(da Voces tras las rejas, 28 settembre 2010)

Traduzione di Barbara La Torre

www.barbaralatorre.net


Articoli correlati

  Pedro Argüelles Morán. Se io fossi l’ultimo
  Pablo Pacheco Avila. Abbiate cura di voi
  Pedro Argüelles Morán. Sciopero della fame
  Pedro Argüelles Morán. Sciopero della fame 2
  Un gruppo Facebook promuove una rivolta contro il regime cubano
  Pedro Argüelles Morán. León Profeta
  Yoani Sánchez. Chi teme i libri?
  Reinaldo Escobar / Guillermo Fariñas. Conto alla rovescia per la liberazione
  Richiesta di solidarietà dalla prigione cubana di Canaleta
  Pablo Pacheco Ávila. Voz tras las rejas. Dal Blog “Voce tra le sbarre”
  A Cuba si vive un luglio rovente
  Pablo Pacheco Avila. Svegliarsi da un Letargo
  Pablo Pacheco Avila. Cronaca da un carcere cubano
  Pablo Pacheco Avila. Con quale diritto
  Muore prigioniero
  Yoani Sánchez in viaggio tra dubbi e speranze
  Pablo Pacheco Avila. Grazie New York!
  Cuba. In libertà alcuni prigionieri politici
  Pablo Pacheco. Sajarov a Fariñas: un riconoscimento ai democratici cubani
  Pablo Pacheco Avila. La mia fiducia
  Pablo Pacheco. Una Nuova Strada
  Pablo Pacheco Ávila. Le voci dissidenti a Cuba
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy