Domenica , 25 Ottobre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Pablo Pacheco Avila. La mia fiducia
09 Giugno 2010
 

Le conversazioni tra il cardinale Jaime Ortega e il presidente della repubblica Raúl Castro hanno cominciato a produrre i primi frutti. È probabile che questo criterio molto particolare scateni contro di me una caccia alle streghe dentro e fuori dell’isola. In tutta onestà questo non è un motivo per perdere il sonno. Non lo sono neanche i venti anni di privazione di libertà che mi impose un tribunale di Ciego de Ávila il giorno esatto del mio trentatreesimo compleanno, e che non riuscirono a disturbare il mio sonno. Anche da qui continuo a scrivere delle barbarie che si compiono in ognuna delle celle di questo carcere, cercando sempre di riflettere quello che la mia coscienza mi suggerisce. Con il tema delle negoziazioni tra Chiesa e Stato non farò dunque un’eccezione.

Secondo fonti autorevoli, le autorità assicurarono alla Chiesta Cattolica cubana che avrebbero messo fine alle terribili azioni di opposizione commesse. Questa dimostrazione di intolleranza nei confronti delle Damas de Blanco non è più giustificata nell’odierno mondo civile ed è riuscita a sollevare indignazione sia dentro che fuori del Paese. Allo stesso modo la stampa è stata informata dell’avvicinamento ai loro comuni di residenza dei prigionieri politici, che l’odio e l’autoritarismo aveva mantenuto distanti –da 7 anni e 3 mesi – dai loro affetti e dalle proprie case. L’allontanamento dai familiari si è trasformato in uno strumento di pressione su questi uomini per cercare di annientare, senza riuscirci, la loro dignità.

Il primo giugno sei prigionieri del gruppo dei 75 sono stati trasferiti nelle province di residenza, in carceri di massima o media sicurezza. Sono felice del trasferimento di alcuni di questi amici di causa, anche se so che stiamo attraversando un periodo delicato nel quale qualsiasi errore può compromettere i risultati generali. Ho molta fiducia nella Chiesa Cattolica cubana. Sarebbe altresì positivo che altre associazioni nazionali seguissero l’esempio di questa istituzione millenaria.

Non posso terminare senza sottolineare che i prigionieri politici sono in un peggiore stato di salute e hanno contratto almeno una malattia durante la loro prigionia. Sono uno di quelli che pensa che la loro libertà, di tutto il gruppo dei 75,deve essere incondizionata, perché il carcere per noi non solo è stato un’ingiustizia ma anzi è servito solo a consolidare i nostri principi politici. Abbiamo imparato a essere molto più umani fra le sbarre.

 

Pablo Pacheco Avila, prigioniero di coscienza

(da Voce tra le sbarre, 07/06/2010 - “Mi Confianza)

Traduzione di Barbara La Torre

http://barbara71282.wordpress.com


Articoli correlati

  Pablo Pacheco Ávila. Voz tras las rejas. Dal Blog “Voce tra le sbarre”
  A Cuba si vive un luglio rovente
  Pablo Pacheco Avila. Svegliarsi da un Letargo
  Pablo Pacheco Avila. Abbiate cura di voi
  Pablo Pacheco Avila. Cronaca da un carcere cubano
  Pablo Pacheco Avila. Con quale diritto
  Muore prigioniero
  Yoani Sánchez in viaggio tra dubbi e speranze
  Pablo Pacheco Avila. Grazie New York!
  Pablo Pacheco. Le impronte della memoria
  Cuba. In libertà alcuni prigionieri politici
  Pablo Pacheco. Sajarov a Fariñas: un riconoscimento ai democratici cubani
  Pablo Pacheco. Una Nuova Strada
  Pablo Pacheco Ávila. Le voci dissidenti a Cuba
  La Vergine della Carità del Cobre raggiunge L’Avana
  Ora pro nobis
  Librado Linares sarà scarcerato
  A Cuba cominciano i licenziamenti
  Omar Santana. Scintilla d'amore tra Chiesa e regime cubano
  Il Papa a Cuba tra ipocrisia e repressione
  Yoani Sánchez. L’aereo di Moratinos
  Yoani Sánchez. Il buon pastore
  Gordiano Lupi. Cuba: Presto liberi gli ultimi prigionieri politici
  Oppositori cubani occupano chiese cattoliche
  Miriam Celaya. Una discussa mediazione
  Gordiano Lupi. Federica Mogherini apre a Cuba
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy