Mercoledì , 26 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Pablo Pacheco. Una Nuova Strada
Seamus Berkley,
Seamus Berkley, 'Lighthouse' 
25 Settembre 2010
 

La vita, improvvisamente, fa un giro di 360 gradi. Fino a due mesi fa lottavo in un limbo. Più di una volta mi sono chiesto se sarei riuscito ad uscirne vivo da questo cimitero di uomini vivi. Stavo scontando una condanna di 20 anni di prigionia e già erano passati 7 anni e 4 mesi divisi in tre delle prigioni più severe della geografia cubana. Una mattina indimenticabile, ascoltai dagli altoparlanti dell’ufficio del direttore di Canaleta, la voce del cardinale Jaime Ortega. Le parole che pronunciò furono simili a quelle dette dall’arcivescovo dell’Avana ad altri prigionieri politici che oggi vivono in esilio, a migliaia di chilometri dalla patria che li ha visti nascere, un provvedimento rifiutato da altri prigionieri cubani che ancora rimangono in prigione.

Nessuno ha la più pallida idea della vita da straniero fino a quando non tocca viverla sulla propria pelle. Non è facile, ma il mio naturale ottimismo mi faceva prevedere che tutto sarebbe filato liscio. Il pellegrinaggio in questi due mesi verso centri di raccolta della Croce Rossa è stato costellato da successi e sconfitte. Abbiamo un nuovo cammino davanti a noi adesso che la mia famiglia ha un permesso ufficiale di residenza in Spagna, permesso di lavoro e il calore umano dei Malaghegni. Fra un paio di minuti uscirò a cercare un appartamento, iscrivere Jimmy a scuola e cercare un lavoretto. Quest’ultima cosa sarà la più difficile, visto che non è un segreto il fatto che in questo Paese ci sono più di 4 milioni di disoccupati, secondo notizie della stampa ufficiale. Ma anche qui il mio ottimismo si moltiplica: devo andare avanti, con la tristezza nel cuore per la mia CUBA assente in tempo e spazio, ma sempre viva nella memoria di un esiliato.

 

Pablo Pacheco

(da Voces tras las rejas, 18 settembre 2010)

Traduzione di Barbara La Torre

www.barbaralatorre.net


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy