Venerdì , 30 Ottobre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Pablo Pacheco Avila. Grazie New York!
10 Giugno 2010
 

Bravo! Straordinario, aggiungerei. Le coincidenze non si possono prevedere, ma l’accoglienza che hanno dato i newyorkesi ai due artisti cubani Alicia Alonso (foto) e Silvio Rodríguez – quasi in simultanea – dimostra una volta ancora che i rapporti tra i due Paesi possono fare un passo avanti e che il conflitto di oggi può essere superato dalla storia. Non sono stupido, so riconoscere il tira e molla che ha creato questo clima negativo tra le due nazioni, specialmente negli ultimi 50 anni, e di cui noi, che appena arriviamo a quest’età, non abbiamo colpa. Parlo di quelli che stanno qui e quelli che invece vivono dall’altra parte. Senza dubbio la riconciliazione delle relazioni tra Cuba e il suo vicino del Nord ha un significato per i cubani che è molto di più che solo sognare e difendere.

Ho il presentimento che le parole di Alicia Alonso pubblicate sulla stampa ufficiale, facciano capire che l’ovazione che le è stata concessa a New York è maggiore di quella che alcuni di noi che viviamo qui le abbiamo dato. Alicia, ti ammiro, pur essendo abbastanza ignorante nel campo del balletto, ma reputo come un grande valore questa arte che è la danza che tu porti avanti e che ti identifica come un eccelso esponente anche al di là dei nostri confini. Se talvolta hai attaccato ciò che io difendo e hai denigrato la causa che io porto avanti dalla prigione, dimenticalo. Anche questo lo accetto e lo rispetto. Si tratta di un diritto del quale io sarei incapace di vietarti. Grazie signora! Sarò sempre contento che la tua arte si estenda su quest’isola e in tutti i palcoscenici del mondo.

Siamo anche al corrente del viaggio di Silvio Rodríguez. Nessuno deve pensare che soltanto a causa dell’identificazione di questo trovatore con il governo cubano, questo evento sia stato lasciato in secondo piano. Molti saranno d’accordo con me nel riconoscergli un valore artistico e doti innegabili di compositore. Il pubblico cittadino attivo gli ha dimostrato che per loro la cultura e la politica risultano un’arma a doppio filo. Non usandole con onestà, possono rivelarsi come la fine di qualsiasi buona intenzione. Lo hanno elogiato, applaudito, hanno cantato con lui e hanno anche accettato e rispettato il commento che ha dedicato ai 5 uomini prigionieri negli Stati Uniti e che lui stesso considera eroi.

Silvio, non posso né devo smettere di ricordarti che anche se sono un fedele sostenitore delle tue canzoni – nelle quali a volte dici molto, altre volte nulla – anche se capisco e seguo i tuoi testi, il 25 Gennaio 2008 mi è stato privato il diritto di godere del concerto che hai offerto, insieme ad altri artisti, nella prigione provinciale di Canaleta, a Ciego de Ávila. Sai perché, Silvio? Per essere un prigioniero politico e di coscienza, le autorità del carcere non mi permisero di uscire dalla mia cella per ascoltarti. Non voglio nascondertelo. Ammiro molto il tuo talento e ammiro la tua creazione poetica. A proposito, che hai voluto dire quando hai manifestato la volontà di eliminare la “r” di Rivoluzione? L’età ti sta trasformando in un uomo incoerente? O in un arrivista, che nuota verso dove lo spinge la corrente.

Alla popolazione di New York, grazie, grazie tante, per l’amore verso Silvio e Alicia. Oggi posso piangere di felicità, non di tristezza come feci quel fatidico 11 Settembre 2001 quando si sgretolarono le torri gemelle a seguito del terribile attentato terrorista. Quando l’odio, il fanatismo e l’errore hanno distrutto la vita di molti vostri connazionali. Grazie, sì, grazie di cuore per la gentilezza verso questi due cubani.

 

Pablo Pacheco Avila

(da Voce tra le sbarre, 07/06/2010 - “¡Gracias New York!)

Traduzione di Barbara La Torre

www.barbaralatorre.net


Articoli correlati

  Cuba. Altri 16 ballerini in fuga
  Elpidio Valdés diventa un videogioco
  Gordiano Lupi. Cuba realizza il primo cartone animato in 3D
  Félix Luis Viera. Rodríguez si lancia di nuovo
  Alejandro Torreguitart Ruiz. L’Evoluzione può attendere
  “Hasta cuando?” Yoani Sánchez chiede che il Papa parli di Cuba
  Muore prigioniero
  A Cuba si vive un luglio rovente
  Pablo Pacheco Avila. Svegliarsi da un Letargo
  Pablo Pacheco Avila. Abbiate cura di voi
  Pablo Pacheco Avila. Cronaca da un carcere cubano
  Pablo Pacheco Avila. Con quale diritto
  Pablo Pacheco Ávila. Voz tras las rejas. Dal Blog “Voce tra le sbarre”
  Yoani Sánchez in viaggio tra dubbi e speranze
  Pablo Pacheco. Le impronte della memoria
  Cuba. In libertà alcuni prigionieri politici
  Pablo Pacheco. Sajarov a Fariñas: un riconoscimento ai democratici cubani
  Pablo Pacheco Avila. La mia fiducia
  Pablo Pacheco. Una Nuova Strada
  Pablo Pacheco Ávila. Le voci dissidenti a Cuba
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy