Domenica , 25 Ottobre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Pablo Pacheco Avila. Cronaca da un carcere cubano
15 Luglio 2010
 

Galera 43, è esplosa, nel riciclaggio, disse un prigioniero agli altri. Dal fottuto lavorare con la carne e non potersi mangiare una bistecca, rispose Charòn al portatore della cattiva notizia. Anche se non sembra i colpevoli solidarizzano sempre gli uni con gli altri quando ci sono delle avversità contro i privati della libertà. Questa cronaca può sembrare comica, ma la realtà è un’altra.

Le autorità degli stabilimenti penitenziari hanno sancito all’inizio di quest’anno la selezione di un buon numero di interni per lavorare nella fabbrica adiacente alla prigione provinciale di Canaletas a Ciego di Ávila. Tutto ciò fa presupporre che prima dell’imminente visita di alto rango a livello nazionale, sia possibile che da qualche sfera globale, specialmente da parte dell’Organizzazione delle Nazioni Unite, venga mascherata la crudele realtà di questo centro penitenziario. Nella fabbrica citata si elaborano in differenti specialità carpenteria, blocchi, brocche di plastica e riciclaggio di indumenti.

In altre occasioni ho scritto a proposito delle anomalie nel salario dei detenuti anche se oggi mi riferisco a coloro che lavorano nel riciclaggio, secondo loro c’è chi ha ricevuto 300 pesos in moneta nazionale, 12 CHC al mese. In tutto questo tempo gli uomini che lavorano nel riciclaggio sono stati scoperti a sottrarre tessuti di marche note, dopo essere stati colti in fragrante i privati della libertà vengono espulsi dal loro posto di lavoro. Il prigioniero è fatto prigioniero.

In più di un’occasione ho sentito aneddoti sul riciclaggio. Lavoratori civili e anche qualche militare possono rubare. Li sorprendono e tutto rimane in casa. È proprio li il nocciolo del problema. Non credo sia difficile vendere ai colpevoli qualche capo di vestiario che loro stessi selezionano per essere poi venduto all’interno di negozi. Il prigioniero deve essere incentivato e deve comprare con il modesto salario indumenti che passano più volte nelle sue mani. È difficile, è molto difficile lavorare nella merda e non imbrattarsi, disse qualcuno.

Anche se, il riciclaggio non è l’unico caso in cui si verificano queste situazioni, il caso più lamentabile è accaduto il 14 giugno scorso quando Henry Veitía Valdivia perse una gamba nella blocchiera a causa di un grave incidente nella miscelatrice meccanica provocato dalle scarse misure di sicurezza nel locale. Il giovane è stato vari giorni tra la vita e la morte e non si conoscono le sue attuali condizioni di salute. Niente, la canzone di Rubén Blades lo dice chiaro chiaro. “Con il salario che mi pagano non rischierò la vita che Dio mi ha donato”.

 

Pablo Pacheco Avila

(da Voce tra le sbarre, 09/07/2010)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy