Giovedì , 18 Aprile 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Arte e dintorni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marco Cipollini: Andrea Vanni senese
Andrea Vanni:  Santa Caterina
Andrea Vanni: Santa Caterina 
30 Gennaio 2009
 

Siena è una dimensione dello spirito, prima ancora che un fatato guscio di marmo pietra mattoni. Dietro la nervosa raffinatezza trecentesca ha una terribilità che solum è sua, riaffiorante non appena con l’unghia si scalfisca la patina mercuriale del turismo. Siena rimane, ossessivamente, la città della Vergine, ovvero di santa Caterina Benincasa (1347-1380), che della Madonna fu l’avatara.Ventitreesima di ventiquattro figli, vissuta 33 anni (cifra mistica), questa donna analfabeta ha lasciato moltissimi scritti dettati, di cui dopo una due pagine non si riesce a sostenere la viscerale spiritualità, disturbante. Al contrario di Maryâm di Nazareth, per quanto ne sappiamo vissuta quasi sempre nel suo tabernacolo domestico, Caterina fu sempre in viaggio, impegnata per la pace in un’età dilaniata dalle lotte, e per il ritorno del Papa da Avignone, e per l’unità italiana, con una dedizione quale nessuna femminista odierna potrebbe ardire il confronto. Eppure era una mistica squarciata dall’Aldilà, ma non si recluse in un romitorio o in un monastero, e cristicamente camminò incessante per le vie polverose e fangose d’Italia e di Provenza. Fece cose folli. Si mise in grembo la testa di un decollato carezzandola come se fosse di Gesù (lo era!). Oggi, in una frigida temperie razionale, irrazionalmente riduzionistica, sarebbe affidata a degli psichiatri… Che, poveracci, dopo mezz’ora della sua presenza, finirebbero in ginocchio, affidati ad altri psichiatri. Come i veri santi Caterina in vita fu benedetta e maledetta. Una pinzochera umile e coltissima, amica di letterati, pittori, potenti. Li ipnotizzò. Alla sua morte rimasero tutti sbalorditi, dichiarandosi orfani della loro mamma celeste, fisicamente amputati di lei.

  

   Siena. L’enorme blocco di mattoni di San Domenico. Prima di entrarvi è concessa una delle vedute più miracolose di cosa poté essere una città umana. Poi, ogni volta che ne varco la soglia, i piedi mi portano irresistibilmente alla Cappella delle Volte. Là, sulla parete di fondo, sta rannicchiato un piccolo affresco, smangiucchiato dalla polvere del tempo, e che da lontano sembra poco più che una chiazza di tre quattro colori sbiaditi. Ma avvicìnati e fissalo. Io ne tremo. In una monofora conclusa da lobi, ecco l’unico ritratto di Caterina in vita (circa 1375). Ritratto spirituale, s’intende: ma in Caterina, così carnalmente spirituale, fra aspetto e interiorità non c’era differenza. Lo dipinse Andrea Vanni, che di lei fu devoto e amico, un privilegio tale da giustificare un’intera esistenza. Come Caterina, fu attivissimo: oltre che pittore, ambasciatore di Siena a Napoli, Firenze, Avignone. Leggo in un dizionario d’arte: “Andrea Vanni (1332-1414). Come artista fu condizionato dall’imitazione superficiale di moduli stilistici e iconografici di Simone Martini e della tradizione senese in genere” ecc. Le solite miserie accademiche. O semplicemente cecità morale. L’affresco di San Domenico nella sua semplicità mistica è uno dei vertici della civiltà occidentale. Un prodigio ostentato e recondito: è lì e nessuno lo nota, come il cielo del resto. Visto con gli occhiali evoluzionistici dello storico d’arte, “non è innovativo”: peccato mortale! E chi se ne frega. Chi pennellò quelle due braccia d’intonaco fresco era saturo di visione, fradicio di grazia creativa.

  

   La santa bianchezza del velo e del soggolo della santa, coperta col mantello scuro del terz’ordine di san Domenico, scende dall’alto come un luminoso rivolo, che per il polso ugualmente bianco scivola alla pallida mano, simile a un morbido uncino che gocciola Grazia alle labbra socchiuse della devota, le cui braccia sono incrociate sul petto, reclusa in un’estasi ineffabile. Chi fu questa committente? Forse non si saprà mai; ma nella sua veste porporina e col velo abraso, disperatamente verdastro, ci ha lasciato un ritratto immortale della sua anima anonima. E guardate lo sguardo di entrambe, la consonanza chiastica delle iridi, che s’incrunano in un connubio di puri spiriti. Gli esperti vi diranno che il taglio lungo degli occhi è tipico dell’epoca – uno per tutti, Simone Martini – per accennare la rotondità del capo, un po’ come il “sorriso arcaico” dei Greci. Ma quelle palpebre socchiuse, della santa e della devota, sono di occhi assorti aldilà del mondo apparente, sguardi imparadisati. In contraltare alla colata del velo bianco discendente sta, ascendente, il rigido e squamato stelo del giglio, con quattro simmetrici fiori aperti e tre in boccio (sette come i lobi della monofora). È l’unico elemento “sonoro” della rappresentazione, come un inno ritmico ed esile, una laude che melodica e obliqua tende all’Alto in ringraziamento della Grazia concessa. E l’acme della santità: i due minutissimi punti rossi delle stigmate, che sigillano quelle mani di una delicatezza suprema. E mentre quella destra della devota, dolcissima, è di carne ancora viva, la sinistra della santa è ormai transumanata, conversa in una reductio ad unum di teologale assolutezza. L’arte delle caverne con un po’ di sforzo ci riesce ancora di condividerla, testimonia un’esperienza di terrestrità. Questa è ormai remotissima da noi, è arte aliena. Signum di Gloria. Puro enigma. Può solo sopraffarci, come gli scimmioni impazziti di fronte al monòlito nero.

  

   Ancora una volta ne esco stordito, tra la folla dei turisti. Negli occhi l’émpito della luce severa di Siena. E la veduta, che ti stacca il respiro, dell’aguzza vertigine del Duomo, erto sopra i tetti rosicci assoprellati: una galea pronta a salpare nei cieli che più non ci appartengono.

 

 

                                              Marco Cipollini   www.webalice.it

 


Articoli correlati

  Marco Cipollini: Parole strane rare desuete
  Marco Cipollini: Versi per Giuliano Ferrara candidato al Parlamento
  Marco Cipollini: Kore. Un antico naufragio: un delitto, un amore assoluto
  In libreria/ Oltre Itaca, radendo il cielo
  Le Sirene nel Liceo classico "Tiziano" di Belluno
  Marco Cipollini: Nuovi aforismi. Dal 21 al 40.
  Marco Cipollini: Tempo di lupi.
  Marco Cipollini, istruzioni contro la peste
  Paolo Diodati. Risarcimento per danni morali
  Rosaria Chiariello. L'Analisi dei “Rapports” cabanisiani di E.M. Cipollini
  Anticipazioni: Enrico Marco Cipollini. Analisi dei Rapports cabanisiani
  Marco Cipollini. Inno alla Primavera
  Marco Cipollini: Venti aforismi per Tellusfolio. Epigrammi per Pier Giorgio Odifreddi
  Marco Cipollini: Realtà senza mito (III)
  Marco Cipollini: La realtà del mito (II)
  Marco Cipollini: Repertorio zoofonetico
  Marco Cipollini: Trattatello rivoltoso de l'uomo di Fucecchio
  Marco Cipollini: Ritorno a Volterra.
  Marco Cipollini: Il mito della realtà (IV)
  Marco Cipollini: Realtà verso verità (VII)
  Marco Cipollini: Su Tellus 28 e il "Manuale cattolico in versi e in prosa" di Claudio Di Scalzo
  Marco Cipollini, Quadro storto.
  Marco Cipollini: Pieter de Witte e Magdalena von Bayern a Volterra.
  Marco Cipollini: Realtà e mito (I)
  Marco Cipollini: La realtà della realtà (V)
  Enrico Marco Cipollini. Arthur Schopenhauer, l’angoscia del vivere e le influenze sulla sua filosofia
  Marco Cipollini: Fuga Immortale (Racconti di Tellusfolio da Santo Stefano a Befana)
  Marco Cipollini, Autoantologiaweb.
  Marco Cipollini: Sconsolatio philosophiae. Su Emanuele Severino
  Marco Cipollini: Decalogo di poesia
  Marco Cipollini: Puer clamans ovvero quattro tesi in dodici punti (e un poscritto) sull'arte dei giorni nostri
  Marco Cipollini: Realtà infinite (VI)
  Marco Cipollini: Saint Denis. Elegia Esagonale.
  Enrico Marco Cipollini. Senza più schemi desertificanti
  Enrico Marco Cipollini. Dall'IO al NOI
  Marco Cipollini: A memoria sempiterna del predellino berlusconiano
  Marco Cipollini: Mozia
  Enrico Marco Cipollini. Viaggiarsi dentro
  Vetrina/ Federica Bonzi. Una domanda
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy