Giovedì , 27 Gennaio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Sì, viaggiare
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marco Cipollini: Saint Denis. Elegia Esagonale.
23 Marzo 2008
 

È la tappa obbligata, a circa mezz’ora da Parigi. Questo edificio, maestoso seppur privo di una torre demolita nell’800, perché pericolante e mai più reintegrata, e con la facciata sudicia e annerita, fu grazie all’abate Suger il prototipo di tutte le chiese gotiche. Ma la tappa non è tanto d’obbligo lungo le vie dell’estetica, quanto verso l’anima perduta della Francia. Mai definizione di basilica, nella sua essenza etimologica, è stata più appropriata che per Saint Denis, in quanto per molti secoli fu destinata a sacrario dei re di Francia. La guida blu del TCI, pag. 381, recita: «Un tempo, alla luce di una lampada sempre accesa, riposavano, avviluppate in un mantello viola ricamato di gigli dorati, le spoglie dei re. Le tombe oggi sono vuote: i corpi dei re sono stati sepolti in una fossa comune». Sepolti è un eufemismo. Quivi era appeso l’orifiamma, il vessillo leggendario che guidava l’esercito regio. Oggi Saint Denis è museificata; si paga il biglietto e si entra in un luogo ordinato e triste, perfettamente statale, quindi perfettamente francese (repubblicano!).

Anni or sono, rammento, provai una forte emozione, fredda, ad aggirarmi in quello che era ormai uno splendido magazzino di sepolcri standard, di figure giacenti ma con le mani giunte, ritte irrigidite. Le sontuose tombe monumentali di mano italiana spiccavano per la spalancata esibizione dei cadaveri ignudi: urtante per noi moderni, che abbiamo rimosso della morte la realtà sia fisica sia spirituale. Nessun luogo più di questo declama il mutamento catastrofico di un popolo. Prima della Rivoluzione la Francia era tutto questo. E di colpo fu l’opposto. Forse nessun’altra nazione, se si escludono la Russia sovietica la Cina maoista e i paesi conquistati dall’islam, si è fatta così nemica della propria civiltà tradizionale. Non furono fatti a pezzi solo i cadaveri dei re e le guglie di Cluny e di tante altre chiese, ma l’anima profonda di una gente, che ne restò e rimane anestetizzata. La civiltà cristiana è di fatto un argomento tabù in Francia: le cattedrali sono ridotte a musei, i musei sono le nuove cattedrali. Dopo la carneficina rivoluzionaria e napoleonica — almeno un milione di morti ammazzati, ma non si deve dire — la pietas restauratrice della Restaurazione rimise a posto le poche pietre che potè, ma lo spirito antico dell’hexagone era evaporato per sempre, al pari di quello che aveva animato la civiltà faraonica o ittita o inca o bizantina, e l’ultima coppia regale, quivi inginocchiata, sta impietrita a recitare la requiem aeternam per una dinastia plurisecolare finita affettata. Nessuna persona di senno rimpiangerà l’ancien régime, ma il visitatore che, tra quelle decine di astucci di pietra i quali contennero le ossa di re regine principesse e principini tubercolotici, non avverte un brivido di pietà per tutto quanto dell’uomo fu sacro e finì travolto nel sangue, costui è prosciugato spiritualmente. Pronto a essere esposto imbalsamato nel Museo della Civiltà Europea in corso di allestimento.

Dedicato a Charles Péguy, l’ultimo poeta di quella Francia.

 

 

ELEGIA ESAGONALE

     Uscendo da St Denis

 

Dio non abita più qui, né forse sotto

questo cielo grigio-ateo, né una scaglia

d’uomo è in questi sepolcri vuoti, stipati

per l’eterno da una dinastia ostinata,

tranciata a macchina in bagliori di sangue

da un’età più libera, fraterna, eguale.

 

Quale, dolomitiche voi cattedrali,

memoria impietrita vi sostiene in piedi?

Stalagmiti su cui gocciolò la Grazia,

le vostre cuspidi gridano assetate,

scheletri angelici i vostri contrafforti

puntellano il sacro fossile ai turisti.

 

Gl’inni derisi da sofismi in parrucca,

la croce scomposta in assi cartesiani,

le basiliche fatte cave di pietra…

È finita così la vera tua gloria,

o antica Francia, con la boria imperiale

che ingrassa i vermi di tombe illacrimate?

 

Nemmeno la nostalgia è quella di un tempo

per questi vecchi celti, parà in pensione

che vanno impettiti sul filo del Niente

per la via brulicante dei discendenti

di chi scampò a Poitiers, che sguardi di pece

volgono attoniti al vacuo alveo del cielo.

 

Le lacrime reprimo per te che il cuore

di popolano avevi della tua Jeanne,

per te che all’assalto, in testa ai tuoi soldati,

sulla Marna cadesti poeta e cristiano,

bocconi ti ritrovarono in un campo

di barbabietole, la stigmata in fronte.

 

Beato chi muore come te nella fede,

beato chi muore bisbigliando un tuo verso,

e perciò è disprezzato… Per te mi segno,

mio Charles, e come in una conchiglia il mare

si fantasma, tra queste mura annerite,

scarnificate, trema un’eco di Dio.

 

 

www.webalice.it/marcocipollini


Articoli correlati

  Marco Cipollini: La realtà della realtà (V)
  Paolo Diodati. Risarcimento per danni morali
  Vetrina/ Federica Bonzi. Una domanda
  Marco Cipollini: A memoria sempiterna del predellino berlusconiano
  Marco Cipollini: Su Tellus 28 e il "Manuale cattolico in versi e in prosa" di Claudio Di Scalzo
  Marco Cipollini: Pieter de Witte e Magdalena von Bayern a Volterra.
  Marco Cipollini: Repertorio zoofonetico
  Marco Cipollini: Tempo di lupi.
  Enrico Marco Cipollini. Senza più schemi desertificanti
  Marco Cipollini: Fuga Immortale (Racconti di Tellusfolio da Santo Stefano a Befana)
  Marco Cipollini: Kore. Un antico naufragio: un delitto, un amore assoluto
  Marco Cipollini: Realtà senza mito (III)
  Le Sirene nel Liceo classico "Tiziano" di Belluno
  Enrico Marco Cipollini. Dall'IO al NOI
  Marco Cipollini: Parole strane rare desuete
  Marco Cipollini: Versi per Giuliano Ferrara candidato al Parlamento
  In libreria/ Oltre Itaca, radendo il cielo
  Marco Cipollini: Decalogo di poesia
  Marco Cipollini: Nuovi aforismi. Dal 21 al 40.
  Marco Cipollini: Mozia
  Enrico Marco Cipollini. Viaggiarsi dentro
  Marco Cipollini: Realtà infinite (VI)
  Marco Cipollini: Realtà e mito (I)
  Marco Cipollini: Andrea Vanni senese
  Enrico Marco Cipollini. Arthur Schopenhauer, l’angoscia del vivere e le influenze sulla sua filosofia
  Marco Cipollini: Puer clamans ovvero quattro tesi in dodici punti (e un poscritto) sull'arte dei giorni nostri
  Marco Cipollini: Venti aforismi per Tellusfolio. Epigrammi per Pier Giorgio Odifreddi
  Marco Cipollini: Realtà verso verità (VII)
  Marco Cipollini. Inno alla Primavera
  Marco Cipollini: Sconsolatio philosophiae. Su Emanuele Severino
  Marco Cipollini: Ritorno a Volterra.
  Marco Cipollini, istruzioni contro la peste
  Marco Cipollini, Autoantologiaweb.
  Marco Cipollini: Il mito della realtà (IV)
  Marco Cipollini: La realtà del mito (II)
  Anticipazioni: Enrico Marco Cipollini. Analisi dei Rapports cabanisiani
  Marco Cipollini, Quadro storto.
  Rosaria Chiariello. L'Analisi dei “Rapports” cabanisiani di E.M. Cipollini
  Marco Cipollini: Trattatello rivoltoso de l'uomo di Fucecchio
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy