Mercoledì , 08 Dicembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marco Cipollini. Inno alla Primavera
10 Aprile 2008
 

Caro Claudio, scrisse Campana temporibus illis: «Il popolo d’Italia non canta più. Non vi sembra questa la più grande sciagura nazionale?» A questo “non più” quante cose dovremmo aggiungere ormai! Che le fanciulle, per esempio, non portano più le trecce e le gonnelle, né vanno più in bicicletta ma in motorino, fasciate di pantaloni... Quelle loro gambette pallide, con i calzini fino al fidanzamento, che sciolte le trecce si facevan la prima permanente, bastava un colpo di vento a darci il batticuore… È una catastrofe antropologica: nemmeno esistono più le “fanciulle”. Niente più languide ciglia, né più sussurri in ombra, né sguardi obliquamente luminosi. Finito. Simulacri impagliati nel Museo della Memoria. Aggiungi che le immense pinete delle nostre colline sono devastate da una pèste repentina che le abbatte come birilli, e se pure col tempo saranno sostituite da altri boschi, la musica del vento fra le loro alte fronde è per sempre perduta. Quel grumolo d’anni che di te mi fa più anziano, ha fatto appena in tempo a lampeggiarmi un mondo più antico, prestissimo svaporato… I carri rossi del primo maggio, trainati da marmorei buoi chianini con le corna frondate d’alloro, le processioni di Corpus Domini con gli angiolini che spargevano i fiori e, sì, una fanciulla con i calzini e le trecce, il cui rapido sguardo stellare mi scioglieva i ginocchi… Non l’avrei data, quella sua acerba beltà di paese, per Elena apparsa sfolgorante sulle mura di Troia. Fummo così ingenui? Così fanciulli noi stessi? Alleluia! Farà ridere una generazione fin troppo smaliziata questo linguaggio stupidamente, dolcemente ostinato? Sopportiamone il rischio, oggi si ride amaro per molto meno. E del resto ci saranno sempre delle tenere tresche dietro l’angolo di casa e le occhiate trapassacuore del primo amore. Quello che più duole, intimamente, è che la musica dei pini è perduta per sempre, come il fritinnio dei grilli nell’orto estivo e il cantare delle donne in faccende, a finestre spalancate. Quante cose scomparse dalla nostra esistenza! Quasi non facemmo in tempo a viverle che già svanivano. Verrebbe voglia di appiccicare dei manifestini sui muri e sui pali elettrici per denunciarne la sparizione. Penso dunque che non sia opera vana restituirne un soffio di memoria. Ma il vento di primavera è il medesimo di allora, soffia ancora e soffierà sempre. E «come la fronda che flette la cima – nel transito del vento, e poi si leva – per la propria virtù che la soblima» (Par. xxvi, 85-7) anche noi dobbiamo risollevar le nostre fronde canute, se una qualche virtù ci resta, così da sublimarla in poesia. Perché non è stanca nostalgia quel senso struggente che ci avvince uno strano mattino uscendo di casa, ma il risorgere prorompente della vita, e sia pure per i nostri anni tardivi un’illusione. Che importa? Il miracolo accade ogni primo d’aprile, con i rami secchi che scoppiettano di gemme, con l’azzurro ritorno delle rondini, e il cielo in quegli istanti è, come non mai, inesplicabilmente luminoso. (mc)

   

 

 

INNO AL VENTO DI PRIMAVERA

  

 

Vento di primavera che le biade inondi

come il mare in festa vastamente lucenti,

immensa arpa trascorri le ariose pinete,

ne gonfi di frusciante mistero le mille

e mille velature di fogliame, sopra

l’arboreo pianeta sospinti navighiamo

verso gli arcipelaghi dei nostri domani!

Sei il respiro della terra che si ridesta

dopo il sonno invernale, dilati l’istante

in speranza d’immensità, ala d’eterno,

tutto che sfiori si anima d’illesa vita,

di verde i prati dipingi e di margherite,

sotto la scorza risvegli linfe sopite,

sforzi le gemme in cima ai rami scheletriti,

la terra al tuo soffio è uno sbocciare di fiori,

farfalle nell’aria è un tremolio di colori,

tornano le rondini dai lidi oltremare e

guizzano stridule agli antichi nidi, ovunque

è un cantare di uccelli, gorgheggian rapiti

di gioia, le fronde sono cori in tripudio,

scintillano oscillanti, piovon da pertugi

di paradiso lucenti angelici canti:

quali a noi alte aliti beate promesse!

Nei miei capelli sbiaditi un soffio di sole

riverbera di un tempo i brividi dorati,

se aperto ti respiro si fa dentro le ossa

di sambuco il midollo, molle d’innocenza,

il sangue in fresco fermento, in me il cuore danza,

si scioglie di dolcezza come di fanciulle

sorrisi mi sfiorassero e languide ciglia,

quei loro sguardi obliquamente luminosi,

labbra di ciclamino sussurrare in ombra…

Ecco, abolisci l’ora: le rivedo quando

passano in bicicletta, che tu ne carezzi

le dondolanti trecce e con i lembi giochi

delle gonne che lanciano pallidi lampi,

giù reggendole allora con piccoli gridi

volano via ridenti, splendore fuggente!

Nell’anima, steccolo di sessanta inverni

risecchito, germogliano petali carnei,

torna a ronzarci l’ape sillabe di miele,

mi escono dalla bocca parole d’amore e

con te si fondono, voce di mille flauti!

O respiro della terra, allarghi il mio petto

fino ai confini della felicità quando

alla mammella del cielo nubi di latte

succhiano ancora gli occhi assetati di vita

e come insensato rido alla giovinezza

del mondo spalancato a un’immemore luce!

Ebbro di sogni azzurri allora me ne vado

fra folte biade, oscillo com’erba al tuo soffio,

e naufrago nei campi ondeggianti di luce

io vagabondo nei giorni, ubriaco d’amore

tutto rinasco in te, vento di primavera!

 

 

 

www.webalice.it/marcocipollini


Articoli correlati

  Marco Cipollini: La realtà della realtà (V)
  Paolo Diodati. Risarcimento per danni morali
  Enrico Marco Cipollini. Senza più schemi desertificanti
  Anticipazioni: Enrico Marco Cipollini. Analisi dei Rapports cabanisiani
  Marco Cipollini: Versi per Giuliano Ferrara candidato al Parlamento
  Marco Cipollini: Pieter de Witte e Magdalena von Bayern a Volterra.
  Le Sirene nel Liceo classico "Tiziano" di Belluno
  Marco Cipollini: Fuga Immortale (Racconti di Tellusfolio da Santo Stefano a Befana)
  Marco Cipollini: Su Tellus 28 e il "Manuale cattolico in versi e in prosa" di Claudio Di Scalzo
  Marco Cipollini: Tempo di lupi.
  Marco Cipollini: Kore. Un antico naufragio: un delitto, un amore assoluto
  Marco Cipollini: Realtà senza mito (III)
  Enrico Marco Cipollini. Dall'IO al NOI
  Marco Cipollini: Parole strane rare desuete
  Marco Cipollini: Saint Denis. Elegia Esagonale.
  Marco Cipollini: Ritorno a Volterra.
  Marco Cipollini: Decalogo di poesia
  Marco Cipollini: Nuovi aforismi. Dal 21 al 40.
  Marco Cipollini: Mozia
  Enrico Marco Cipollini. Viaggiarsi dentro
  Marco Cipollini: Realtà infinite (VI)
  Marco Cipollini: Realtà e mito (I)
  Marco Cipollini: Andrea Vanni senese
  Enrico Marco Cipollini. Arthur Schopenhauer, l’angoscia del vivere e le influenze sulla sua filosofia
  Marco Cipollini: Puer clamans ovvero quattro tesi in dodici punti (e un poscritto) sull'arte dei giorni nostri
  Marco Cipollini: Venti aforismi per Tellusfolio. Epigrammi per Pier Giorgio Odifreddi
  Marco Cipollini: Realtà verso verità (VII)
  Marco Cipollini: Sconsolatio philosophiae. Su Emanuele Severino
  Marco Cipollini, istruzioni contro la peste
  Marco Cipollini, Autoantologiaweb.
  Marco Cipollini: Il mito della realtà (IV)
  Marco Cipollini: La realtà del mito (II)
  Marco Cipollini: A memoria sempiterna del predellino berlusconiano
  Marco Cipollini, Quadro storto.
  Vetrina/ Federica Bonzi. Una domanda
  Marco Cipollini: Repertorio zoofonetico
  Marco Cipollini: Trattatello rivoltoso de l'uomo di Fucecchio
  Rosaria Chiariello. L'Analisi dei “Rapports” cabanisiani di E.M. Cipollini
  In libreria/ Oltre Itaca, radendo il cielo
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy