Domenica , 16 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
L'irriverente. Dopo Parigi. Libertà d'espressione: come prima, più di prima...
(foto AFP)
(foto AFP) 
15 Gennaio 2015
   

Firenze – Dopo l'eccidio dei giornalisti del giornale satirico Charlie-Hebdo e dopo la oceanica manifestazione di Parigi per affermare la libertà di espressione contro gli attacchi terroristici, cosa è cambiato? Sicuramente è cambiato il clima di insicurezza/sicurezza in Francia, in Europa e nel mondo. Ma per la libertà d'espressione, non solo la situazione è come prima, ma più di prima....

L'attore comico M'bala Dieudonné, dopo essere stato messo sotto indagine dalla Procura di Parigi per “apologia di terrorismo”, ieri è stato arrestato e rilasciato in giornata, con tanto di formalizzazione delle accuse della Procura, con udienza il prossimo 4 febbraio. È ovvio che, proprio come hanno fatto al giornale Charlie-Hebdo con la pubblicazione in tre milioni di copie e la riproposizione delle vignette sulla religione islamica, Dieudonné ieri sera ha mantenuto fede ai suoi impegni teatrali e sul palco ci è “andato giù pesante” con la sua satira essenzialmente anti-ebraica.

Perché avrebbe dovuto essere diverso per Dieudonné rispetto a Charlie-Hebdo? Invece è cosi! La libertà di espressione -lo dicono anche le loro leggi- non è la stessa se si deride una confessione religiosa (islamismo, cattolicesimo, etc.) piuttosto che un'altra (ebraismo).* Motivi? Di diversi tipi e origini (che qui non analizziamo), che traggono origine dai profondi sensi di colpa che alcuni ordinamenti statuali del cosiddetto Occidente hanno avuto e continuano ad avere nei confronti di un regime -quello nazista del secolo scorso- che era nato proprio dalla culla della cultura occidentale. Sensi di colpa e cultura che, per esempio, ha visto negli anni scorsi proprio il giornale Charlie-Hebdo farsi promotore di una petizione che -forte di centinaia di migliaia di firme- chiedeva la messa al bando del partito Front National di Le Pen. Alla faccia della libertà di espressione!

Come prima, più di prima... Quindi “prima” era cosi” ed oggi -punta di diamante il caso Dieudonné- più di prima. Ricordando che, in prima fila l'altro giorno alla manifestazione di Parigi, non è che ci fosse il fior fiore della libertà di espressione e di regimi formatisi dopo un'espressione democratica del popolo.

Un impazzimento generale? No, semplicemente: nulla di nuovo! I soliti metodi che proclamano fondamentali le proprie libertà ma non quelle degli altri, magari presentandole come forme estreme che le renderebbero per questo istigatrici di atti contro la civile convivenza.

Un impazzimento però è possibile. Lo rileviamo anche in onore e come esempio di una satira che oggi viene presentata come baluardo -in generale- della libertà. Visto che il giornale Charlie-Hebdo dopo il massacro ha avuto finanziamenti pubblici che prima si sognava, così come ha stampato 3 milioni di copie pare tutte vendute (la sua media era di 60.000), non vorremmo che i tanti editori in crisi ci facessero più che un pensierino per una qualche soluzione ai loro problemi.

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc

 

 

* Qui una nostra irriverente opinione già espressa in merito.


Articoli correlati

  Vetrina/ Federica Bonzi. Ritardi di me
  Gioiosa. Recosol ammaina bandiera francese
  Wolinski, Cabu, Charb, Tignous: non dimentichiamoli e impegniamoci come loro per la libertà
  Giuseppe Civati. Je suis laïque
  Janù per Charlie Hebdo
  Domenica/ Matteo Moca. Dalla Buona Scuola alla Letteratura Che Aiuta a Vivere Meglio
  Iniziative/ 7 febbraio: poesia e arte nella Giornata contro il terrorismo
  Roberto Fantini. Quale sorte per i diritti umani?
  Felice C. Besostri. La strategia del terrore e quali risposte
  Carlo Forin. Strage di libertà in Francia
  Cipi. 7 gennaio 2015, Paris
  Roberto Fantini. Matite temperate e fucili spezzati
  Asmae Dachan. Condanna contro l’attentato al settimanale Charlie Hebdo
  Giuseppe Galimberti. Pensieri sui fatti di Parigi
  L'irriverente. Charlie-Hebdo: No alla pena di morte. Sempre
  Un fumettista ebreo, testimone della Shoah, fra le vittime dell'attacco a Charlie Hebdo
  “Sacra violenza: terrorismo, guerra, religione, dialogo e libertà”
  Roberto Malini. La fede che uccide
  We are Orlando
  Domenica/ Matteo Moca. Non abbiamo paura
  Roberto Malini. Vignette satiriche, spazio di libertà
  Patrizia Garofalo. Fucilata la parola
  Roberto Malini. Il profeta in lacrime
  Roberto Fantini. Dopo Charlie Hebdo
  Renato Pasqualetti. Caso Sallusti, un'occasione per riflettere
  Ordine dei Giornalisti… “censurato”: salta la mostra
  Annagloria Del Piano. Il giornalismo e il diritto di critica
  Domenica/ Matteo Moca. Una giornata con Busi, il disco di Iosonouncane e la recensione di un giorno qualunque
  Yoani Sánchez. C'è “14ymedio” per il momento, signori della Sicurezza di Stato
  Omaggio dell’arte alla libertà di espressione
  Io sono anaffettivo. Invito al Cabaret
  “Omaggio dell’arte alla libertà d’espressione”
  Libertà d'espressione. La vicenda del fronte antifascista fiorentino contro il congresso di Nuova Destra Sociale
  Brescia. Confermata in appello la condanna del “Gazetin”
  «La vignetta diffama il giudice». Ma è un manifesto storico
  Cuba. Il periodico di Yoani e la censura del regime
  L'irriverente. Libertà d'espressione e sanzioni in Francia
  Internazionale Ferrara. Premio al pensiero laico
  Gino Songini. A proposito della libertà di stampa
  Ossigeno per l'informazione: il caso Gazetin
  Rocco e i suoi discepoli. Notarella sui delitti e sulle pene della diffamazione
  Su Sainte-Victoire, in Francia, una marcia in montagna a sostegno di Erri De Luca e per la libertà di parola
  Claudio Mellana. La digos o non la digos?
  La sentenza n. 4418/2009 del Tribunale di Brescia
  Gianfranco Camero. AMNISTIA SUBITO!
  Michelle Bonev. Hanno oscurato il mio blog
  Il Vicepresidente della Camera On. Giachetti presenta un'interrogazione sulla vicenda del GAZETIN
  L'irriverente. Censura eterna. Si smonta l'illusione della manifestazione di Parigi?
  Alberto Spampinato. Diffamazione. L’Europa, l’Onu e il silenzio italiano
  Vincenzo Donvito. Giancarlo Caselli, Università di Firenze e libertà d'espressione
  Giovanna Corradini. Web e 'stampa clandestina'
  Libertà d'espressione. Aduc condannata da Tribunale Firenze per aver criticato Publiacqua
  Yoani Sánchez. Dal mondo virtuale al mondo reale
  Vincenzo Donvito. L'Aduc è un'associazione a delinquere?
  Emmanuela Bertucci. Brutto e disonesto gay italiano di m…
  Società Pannunzio/ OMC. Un osservatore internazionale per la condizione della informazione in Italia!
  Pubblicando quel manifesto (del 1944!) avete dato del fascista al giudice Fanfarillo
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy