Sabato , 13 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò mediorientale
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Asmae Dachan. Condanna contro l’attentato al settimanale Charlie Hebdo
10 Gennaio 2015
 

L’atto terroristico che ha colpito a Parigi la redazione del settimanale Charlie Hebdo, è un attentato ignobile e vile, contro il quale non si può che esprimere la più netta condanna.

Ferire ed uccidere persone disarmate sul proprio posto di lavoro è un gesto criminale ed allarmante, una minaccia alla sacralità e inviolabilità della vita umana, prima ancora che alla libertà d’espressione ed opinione.

È l’ennesimo drammatico episodio che vede contrapporsi il diritto alla vita e all’espressione e la logica demenziale della violenza armata che pretende di imporsi nella vita delle persone e delle comunità.

Ciò che rende ancor più grave questo massacro è il tentativo di trovare scusanti o motivazioni che attingano da presunti valori religiosi o da presunte volontà di rendere giustizia per le offese ricevute.

Gli imam della Francia e del mondo, nonché le più autorevoli facoltà universitarie religiose islamiche internazionali (tra cui Al Azhar e Az Zaytouna) hanno condannato senza se e senza ma l’attentato dissociandosi da ogni ignobile tentativo di giustificare l’atto con una motivazione di natura religiosa.

Essere contrari a certa satira non legittima in alcun modo il ricorso alla violenza verbale o fisica, tantomeno la decisione di attentare alla vita di chi si esprime attraverso questo mezzo.

In molti interpretano l’accaduto come un attentato all’Occidente e ai suoi valori, ma agli occhi di chi scrive si tratta anche di un attentato contro l’islam e quelli che sono i suoi valori fondanti.

Per i musulmani, infatti, come indica il Corano, “Chi uccide una persona è come se uccidesse tutta l’umanità e chi salva una vita è come se salvasse tutta l’umanità”. Chi strumentalizza la fede per giustificare un odio e una crudeltà disumani offende Dio e offende i suoi fedeli e mostra ignoranza e malafede. La storia racconta di persecuzioni, ingiurie, violenze fisiche e verbali ai danni dei profeti che si sono succeduti nella storia, così come accaduto anche al profeta dell’islam Muhammad; la loro reazione è sempre stata quella della pazienza, dell’amore e della preghiera, mai del ricorso alla violenza.

Contro questi terroristi che dicono di aver vendicato il profeta dell’islam, mentendo e sapendo di mentire, va la più ferma condanna e il ripudio di associarli in alcun modo ai sentimenti o ai valori ispiranti l’islam. Il loro atto scellerato è un’offesa a Dio, che getta una macchia su tutta la comunità islamica mondiale, che si vede nuovamente offesa e diffamata da un atto macabro, contrario alla morale, alla legge e alla dottrina, perseguito da folli assassini che rappresentano solo se stessi.

Solidarietà alle famiglie delle vittime e a tutti i giornalisti del mondo minacciati, perseguitati e uccisi per le loro idee.

 

Leggi anche: Condanna da parte dell’Unione delle Comunità Islamiche d’Italia

 

Asmae Dachan

(da Diario di Siria, 8 gennaio 2015)


Articoli correlati

  Patrizia Garofalo. Fucilata la parola
  “Sacra violenza: terrorismo, guerra, religione, dialogo e libertà”
  Domenica/ Matteo Moca. Non abbiamo paura
  Carlo Forin. Strage di libertà in Francia
  Roberto Malini. Il profeta in lacrime
  Roberto Malini. Vignette satiriche, spazio di libertà
  Roberto Fantini. Dopo Charlie Hebdo
  L'irriverente. Charlie-Hebdo: No alla pena di morte. Sempre
  Iniziative/ 7 febbraio: poesia e arte nella Giornata contro il terrorismo
  Roberto Fantini. Matite temperate e fucili spezzati
  L'irriverente. Dopo Parigi. Libertà d'espressione: come prima, più di prima...
  Un fumettista ebreo, testimone della Shoah, fra le vittime dell'attacco a Charlie Hebdo
  Giuseppe Galimberti. Pensieri sui fatti di Parigi
  Gioiosa. Recosol ammaina bandiera francese
  Roberto Malini. La fede che uccide
  Vetrina/ Federica Bonzi. Ritardi di me
  Cipi. 7 gennaio 2015, Paris
  Domenica/ Matteo Moca. Dalla Buona Scuola alla Letteratura Che Aiuta a Vivere Meglio
  Felice C. Besostri. La strategia del terrore e quali risposte
  Janù per Charlie Hebdo
  Wolinski, Cabu, Charb, Tignous: non dimentichiamoli e impegniamoci come loro per la libertà
  We are Orlando
  Roberto Fantini. Quale sorte per i diritti umani?
  Giuseppe Civati. Je suis laïque
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy