Sabato , 13 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Roberto Fantini. Quale sorte per i diritti umani? 
Tra presunti “scontri di civiltà” e allarmanti scontri di ignoranze... Conversazione con Riccardo Noury
28 Gennaio 2015
 

Per continuare a riflettere sui tragici eventi parigini, sulle loro cause (vicine e lontane, palesi ed occulte), sui loro possibili sviluppi e su quanto andrebbe fatto per arginare il baratro di violenza che sembra inesorabilmente attenderci nel nostro futuro, ci siamo rivolti, questa volta, a Riccardo Noury, portavoce nazionale di Amnesty International Italia.  

 

– I terribili fatti parigini ci hanno di nuovo precipitati in un clima molto simile a quello venutosi a creare dopo l’11 settembre 2001. E molti (anche noti opinionisti e politici) hanno ripreso a parlare di “scontro di civiltà”. Le recenti vicende possono essere intese come una conferma di quanto previsto da Huntington? 

Il mondo è una fabbrica di rancore, in cui ogni giorno qualcuno si sveglia e si chiede chi potrà uccidere. Tuttavia, va detto che alcune migliaia di fanatici indottrinati non rappresentano una “civiltà”, ovvero quel mondo islamico composto da quasi un quarto degli abitanti del pianeta che si vorrebbe in “scontro”. Certo, nelle aree controllate da gruppi armati islamisti vige l’intolleranza più assoluta. E lì, in quei luoghi, vige lo scontro, e ne pagano le conseguenze le popolazioni civili, le donne e le minoranze etniche e religiose.

  

– La maggior parte dei commentatori, in questi giorni, va sostenendo che il mondo occidentale avrebbe grosse responsabilità in merito a quanto verificatosi. O perché avrebbe peccato di superficialità o di eccessivo “buonismo” nel sottovalutare il “pericolo islamista” o, invece, per aver promosso azioni politiche e militari tali da innescare forti pulsioni vendicative nei propri confronti. Ti sembra ci sia del vero in queste accuse?

Sì, anche se non rendono in alcun modo giustificabile chi compie azioni efferate. Quando sopra scrivevo che il mondo è una fabbrica di rancore, è evidente che ci sono responsabilità da parte di chi quel rancore lo ha creato. Mi riferisco al doppio standard usato da Usa ed Europa nel conflitto israelo-palestinese, a operazioni militari illegali e avventate e, soprattutto, all’atteggiamento avuto in questi quattro anni di guerra in Siria. Neanche l’amministrazione di un condominio avrebbe avuto la maldestra idea di creare, finanziare e armare gruppi armati a forte connotazione religiosa per abbattere il regime di Bashar el-Assad. Invece è quanto accaduto, col risultato che il nemico di ieri non è più il peggiore dei nemici. La lezione dell’Afghanistan non è servita.

Quanto al “buonismo”, espressione sintetica che riassume per denigrarle quelle scarse e isolate politiche di accoglienza, ricerca e soccorso degne di essere ricordate in Europa (di cui l’italiana operazione Mare nostrum è un ottimo esempio), non c’entra niente. È indimostrabile che il “pericolo islamista” arrivi dal mare in Europa, quando è più che dimostrato che detto pericolo si trova in Europa, impersonato da cittadini europei sedotti da predicatori perversi, spinti ad andare a fare il percorso militare, ideologico e religioso in Siria e poi pronti, una volta tornati in Europa (in aereo, non con “Mare nostrum”!) ad applicare sanguinosamente quanto appreso.

 

– Molti, poi, ritengono necessario rafforzare le difese della “fortezza Europa” sul piano poliziesco e qualcuno è arrivato anche a invocare il ripristino della pena di morte. Amnesty International cosa risponde a simili richieste/proposte?

Chi parla di pena di morte non sa di cosa parla e approfitta di fatti di sangue per acquisire consenso. Salvo che ai fautori del ritorno del boia non piaccia l’esempio del Pakistan, dove, a seguito della terribile strage della scuola di Peshawar del dicembre 2014, sono stati attivati i tribunali militari che hanno emesso decine di condanne a morte al termine di processi sommari, spesso basati su prove estorte con la tortura.

È questo il modello di “fortezza” che abbiamo in mente? Un continente dominato dall’odio, governato dai “Ministri della Paura” (in Italia non mancano candidati!), pronto a replicare l’esperienza della guerra lanciata dagli Usa dopo il 2001, in cui si è scelto di combattere il terrorismo col terrore? Non è bastato il fallimento di quell’esperienza a far comprendere che i diritti umani non sono un ostacolo alla lotta al terrorismo, bensì un ostacolo al terrorismo?

 

– Quali strategie andrebbero adottate, a tuo avviso, per arginare o, perlomeno, tenere sotto controllo il pericolo di un dilagare di pericolosi fenomeni di intolleranza che potrebbero condannarci ad un futuro di tensione, di paura e di sangue?

Sopprimere le libertà civili, accantonare lo stato di diritto è un errore sia dal punto di vista morale che giuridico. Compito delle organizzazioni per i diritti umani è di vigilare, paese per paese, che ciò non accada. Anche e soprattutto sul territorio, dove maggiore è il rischio che le numerose fobie di cui è vittima parte dell’opinione pubblica siano rinfocolate da dichiarazioni irresponsabili, incendiarie e istiganti all’odio (spesso, grottescamente, fatte richiamando la “libertà d’espressione”). Più che mai è necessario parlare di diritti umani nelle scuole. Infine, mi permetto di dire che si dovrebbe anche finirla di chiedere “la patente di buon musulmano” o pretendere che ci si scusi, ci si dissoci. Quando l’Esercito di resistenza del Signore ha commesso crimini orribili e indicibili in Uganda per anni e anni, quando cristianissimi cittadini libanesi hanno fatto stragi nei campi profughi palestinesi a Tall el Zaatar nel 1976 e a Sabra e Chatila nel 1982, non abbiamo mica preteso dalla popolazione cattolica analoghe scuse e dissociazioni! Sapevamo che non c’entrava niente.


Roberto Fantini

(da Free Lance Internationa Press, 24 gennaio 2015)


Articoli correlati

  Patrizia Garofalo. Fucilata la parola
  “Sacra violenza: terrorismo, guerra, religione, dialogo e libertà”
  Domenica/ Matteo Moca. Non abbiamo paura
  Carlo Forin. Strage di libertà in Francia
  Roberto Malini. Il profeta in lacrime
  Roberto Malini. Vignette satiriche, spazio di libertà
  Roberto Fantini. Dopo Charlie Hebdo
  L'irriverente. Charlie-Hebdo: No alla pena di morte. Sempre
  Iniziative/ 7 febbraio: poesia e arte nella Giornata contro il terrorismo
  Roberto Fantini. Matite temperate e fucili spezzati
  L'irriverente. Dopo Parigi. Libertà d'espressione: come prima, più di prima...
  Un fumettista ebreo, testimone della Shoah, fra le vittime dell'attacco a Charlie Hebdo
  Giuseppe Galimberti. Pensieri sui fatti di Parigi
  Gioiosa. Recosol ammaina bandiera francese
  Roberto Malini. La fede che uccide
  Vetrina/ Federica Bonzi. Ritardi di me
  Asmae Dachan. Condanna contro l’attentato al settimanale Charlie Hebdo
  Cipi. 7 gennaio 2015, Paris
  Domenica/ Matteo Moca. Dalla Buona Scuola alla Letteratura Che Aiuta a Vivere Meglio
  Felice C. Besostri. La strategia del terrore e quali risposte
  Janù per Charlie Hebdo
  Wolinski, Cabu, Charb, Tignous: non dimentichiamoli e impegniamoci come loro per la libertà
  We are Orlando
  Giuseppe Civati. Je suis laïque
  Roberto Fantini. Il Rapporto 2014-2015 di Amnesty International
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy