Lunedì , 16 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Libertà d'espressione. La vicenda del fronte antifascista fiorentino contro il congresso di Nuova Destra Sociale
09 Aprile 2010
 

Si è conclusa la “mobilitazione antifascista” che a Firenze, con in testa l'associazione dei partigiani Anpi, ha portato nelle scorse settimane ad una selva di dichiarazioni e prese di posizione da parte di Cgil, Arci, Partito Democratico, Prc, Pdci, Verdi, Sinistra e libertà, Udc e tante altre sigle (300, dicono). Il preannunciato congresso di Nuova Destra Sociale, che si sarebbe dovuto tenere questo fine settimana in un albergo fiorentino, non si farà: lo stesso albergo, subissato da migliaia di mail di antifascisti -dicono le cronache- ha negato la sala già prenotata. La “mobilitazione” prevedeva anche presidi di piazza per impedire fisicamente la tenuta del congresso; la Questura era già in preallarme. Gli organizzatori del congresso hanno fatto sapere che lo terranno fuori della Toscana in un luogo che non renderanno noto per motivi di sicurezza.

Tante le cose dette e scritte: «una provocazione perché siamo in una città medaglia d'oro della Resistenza e alle porte del 25 Aprile», «palese violazione della legge Scelba contro l'apologia del fascismo», «il prefetto ci ha assicurato che se ci sono reati la macchina giudiziaria andrà avanti», etc.

A noi non risulta che il partito Nuova Destra Sociale sia illegale. I suoi adepti dicono cose che sicuramente “scaldano” non poche persone: nel ricordo di ciò che hanno letto sui libri di storia relativamente ai governi Mussolini, e relativamente a fatti criminosi e delittuosi di alcuni decenni fa. E fintanto che si “scaldano” fa parte della dialettica, del confronto e dello scontro politico. Ma quando questo “scaldarsi” porta di fatto a vietare l'uso di strutture in cui i propri avversari possano riunirsi per parlare, non solo si straborda ma si diventa pericolosi per l'intera comunità: non c'è da stupirsi, quindi, che quello che sarebbe accaduto pubblicamente in un albergo fiorentino sotto i fari dei media, si terrà comunque in un posto segreto in cui, ovviamente, verranno dette cose segrete e si organizzeranno in segreto per cercare di dare il medesimo trattamento a chi li ha costretti alla clandestinità.

Quando non si vuole capire che la libertà d'espressione, di riunione e di pensiero (anche e soprattutto quando è al proprio opposto), sono cemento della nostra comunità civica ed istituzionale, non ci si potrà stupire se la controparte mediterà e si organizzerà per altrettanto trattamento ai propri avversari.

Si possono fare tante analisi storiche, politiche, sociologiche ed antropologiche sul fatto che alcuni pensieri e ideologie continuino a sussistere, nonostante in loro nome ci siano milioni di morti ammazzati, ma sta di fatto che diventano umanamente innocue, inserendosi nel sistema democratico istituzionale, solo quando gli si riconosce il diritto di cittadinanza. Le più grandi democrazie del mondo, come India e Usa, lo hanno capito da tempo e mai leggi come la nostra Scelba o Mancino potrebbero li' essere concepite, e nessuno si sognerebbe di impedire un congresso dei propri avversari.

La pagina fiorentina della “mobilitazione antifascista”, sarà bene non dimenticarla. In attesa che le nostre istituzioni chiedano scusa alle odierne vittime di Nuova Destra Sociale e vi rimedino scrivendo una nuova pagina di civiltà democratica.

È bene ricordare, anche perché tutti abbiamo bisogno di poesia per meglio vivere il nostro senso civico, un brano che probabilmente è del pastore luterano Martin Niemoeller (1892–1984):

Prima di tutto vennero a prendere gli zingari

e fui contento, perché rubacchiavano.

Poi vennero a prendere gli ebrei

e stetti zitto, perché mi stavano antipatici.

Poi vennero a prendere gli omosessuali,

e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi.

Poi vennero a prendere i comunisti,

ed io non dissi niente, perché non ero comunista.

Un giorno vennero a prendere me,

e non c’era rimasto nessuno a protestare.

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc


Articoli correlati

  Pubblicando quel manifesto (del 1944!) avete dato del fascista al giudice Fanfarillo
  Domenica/ Matteo Moca. Una giornata con Busi, il disco di Iosonouncane e la recensione di un giorno qualunque
  Ordine dei Giornalisti… “censurato”: salta la mostra
  Gino Songini. A proposito della libertà di stampa
  Annagloria Del Piano. Il giornalismo e il diritto di critica
  L'irriverente. Censura eterna. Si smonta l'illusione della manifestazione di Parigi?
  Yoani Sánchez. C'è “14ymedio” per il momento, signori della Sicurezza di Stato
  Il Vicepresidente della Camera On. Giachetti presenta un'interrogazione sulla vicenda del GAZETIN
  Renato Pasqualetti. Caso Sallusti, un'occasione per riflettere
  Ossigeno per l'informazione: il caso Gazetin
  Rocco e i suoi discepoli. Notarella sui delitti e sulle pene della diffamazione
  Internazionale Ferrara. Premio al pensiero laico
  Claudio Mellana. La digos o non la digos?
  Brescia. Confermata in appello la condanna del “Gazetin”
  «La vignetta diffama il giudice». Ma è un manifesto storico
  Su Sainte-Victoire, in Francia, una marcia in montagna a sostegno di Erri De Luca e per la libertà di parola
  La sentenza n. 4418/2009 del Tribunale di Brescia
  Gianfranco Camero. AMNISTIA SUBITO!
  Io sono anaffettivo. Invito al Cabaret
  Michelle Bonev. Hanno oscurato il mio blog
  Cuba. Il periodico di Yoani e la censura del regime
  L'irriverente. Libertà d'espressione e sanzioni in Francia
  Alberto Spampinato. Diffamazione. L’Europa, l’Onu e il silenzio italiano
  L'irriverente. Dopo Parigi. Libertà d'espressione: come prima, più di prima...
  Vincenzo Donvito. Giancarlo Caselli, Università di Firenze e libertà d'espressione
  Libertà d'espressione. Aduc condannata da Tribunale Firenze per aver criticato Publiacqua
  Yoani Sánchez. Dal mondo virtuale al mondo reale
  Vincenzo Donvito. L'Aduc è un'associazione a delinquere?
  Emmanuela Bertucci. Brutto e disonesto gay italiano di m…
  Società Pannunzio/ OMC. Un osservatore internazionale per la condizione della informazione in Italia!
  Giovanna Corradini. Web e 'stampa clandestina'
  “Omaggio dell’arte alla libertà d’espressione”
  Omaggio dell’arte alla libertà di espressione
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy