Domenica , 16 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Ordine dei Giornalisti… “censurato”: salta la mostra
Floriano Ippoliti,
Floriano Ippoliti, 'Di qualcosa si deve pur morire', 2002 - olio su tavola, 80x120 cm 
25 Marzo 2012
 

Contestato l’invito a una giovane collega che voleva rivolgere un appello per la libertà di pensiero e di espressione in Siria. Annullata la tappa romana della mostra itinerante.

 

 

 

L’Ordine… “censurato” annulla la mostra di Roma. Salta dunque la tappa romana della mostra itinerante sulla libertà di stampa che si sarebbe dovuta inaugurare lunedì (26 marzo) a Palazzo Cavalieri, Sede di Banca Marche. E si interrompe anche la collaborazione con Banca Marche, partner e sponsor dell’iniziativa. La decisione di annullare l’evento è stata presa dal Presidente dell’Ordine dei giornalisti delle Marche per la mancata condivisione, da parte della Banca, di un invito rivolto a una giovane collega, iscritta all’Ordine delle Marche, nata in Italia da genitori siriani, che aveva chiesto di intervenire all’inaugurazione per rivolgere un appello a favore della libertà di pensiero e di espressione in Siria dove, nell’ultimo anno, sono stati uccisi 67 reporter siriani e stranieri.

Come è noto la Siria è bandita ai giornalisti stranieri e le uniche informazioni che filtrano (oltre a quelle dei media fedeli al regime) sono quelle trasmesse in rete dai blogger o da coraggiosi giornalisti e fotografi che si sono introdotti clandestinamente nel Paese. Gli ultimi due colleghi a morire mentre lavoravano sono stati l’americana Marie Colvin e il francese Gilles Jacquier (vincitore del Premio “Ilaria Alpi”). L’invito dell’Ordine, rivolto senza una preventiva consultazione, non è stato accettato dalla Banca perché – ha scritto il responsabile delle pubbliche relazioni – avrebbe trasformato in «una iniziativa politica una manifestazione di carattere culturale».

Il Presidente dell’Ordine dei giornalisti delle Marche ha ritenuto inaccettabile per un Ordine, custode della libertà di stampa e di pensiero, chiedere di tacere (e far tacere) una sacrosanta voce di dissenso. «All’interno di una mostra sulla libertà di espressione», ha dichiarato il Presidente Dario Gattafoni, «un appello di pochissimi minuti di una collega, nata e cresciuta in Italia, iscritta all’Ordine delle Marche, apprezzata autrice di libri, collaboratrice di riviste marchigiane era sembrata un’occasione per valorizzare ancora di più il senso di una iniziativa che è e resta di carattere culturale e che certo non sarebbe scivolata sul terreno politico per questo».

 

(da Ordine dei Giornalisti delle Marche, 24 marzo 2012)

 

 

Nell'illustrazione, l'opera di un altro degli artisti della mostra itinerante che non giungerà nella Capitale, com'era invece in programma, domani


Articoli correlati

  Renato Pasqualetti. Caso Sallusti, un'occasione per riflettere
  Annagloria Del Piano. Il giornalismo e il diritto di critica
  Domenica/ Matteo Moca. Una giornata con Busi, il disco di Iosonouncane e la recensione di un giorno qualunque
  Yoani Sánchez. C'è “14ymedio” per il momento, signori della Sicurezza di Stato
  Omaggio dell’arte alla libertà di espressione
  Io sono anaffettivo. Invito al Cabaret
  “Omaggio dell’arte alla libertà d’espressione”
  Libertà d'espressione. La vicenda del fronte antifascista fiorentino contro il congresso di Nuova Destra Sociale
  Brescia. Confermata in appello la condanna del “Gazetin”
  «La vignetta diffama il giudice». Ma è un manifesto storico
  Cuba. Il periodico di Yoani e la censura del regime
  L'irriverente. Libertà d'espressione e sanzioni in Francia
  Internazionale Ferrara. Premio al pensiero laico
  Gino Songini. A proposito della libertà di stampa
  Ossigeno per l'informazione: il caso Gazetin
  Rocco e i suoi discepoli. Notarella sui delitti e sulle pene della diffamazione
  Su Sainte-Victoire, in Francia, una marcia in montagna a sostegno di Erri De Luca e per la libertà di parola
  Claudio Mellana. La digos o non la digos?
  La sentenza n. 4418/2009 del Tribunale di Brescia
  Gianfranco Camero. AMNISTIA SUBITO!
  Michelle Bonev. Hanno oscurato il mio blog
  Il Vicepresidente della Camera On. Giachetti presenta un'interrogazione sulla vicenda del GAZETIN
  L'irriverente. Censura eterna. Si smonta l'illusione della manifestazione di Parigi?
  Alberto Spampinato. Diffamazione. L’Europa, l’Onu e il silenzio italiano
  Vincenzo Donvito. Giancarlo Caselli, Università di Firenze e libertà d'espressione
  Giovanna Corradini. Web e 'stampa clandestina'
  Libertà d'espressione. Aduc condannata da Tribunale Firenze per aver criticato Publiacqua
  Yoani Sánchez. Dal mondo virtuale al mondo reale
  L'irriverente. Dopo Parigi. Libertà d'espressione: come prima, più di prima...
  Vincenzo Donvito. L'Aduc è un'associazione a delinquere?
  Emmanuela Bertucci. Brutto e disonesto gay italiano di m…
  Società Pannunzio/ OMC. Un osservatore internazionale per la condizione della informazione in Italia!
  Pubblicando quel manifesto (del 1944!) avete dato del fascista al giudice Fanfarillo
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy