Martedì , 10 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valentina Ascione. Svuota-carceri e amnistia, gli annunci non bastano
23 Dicembre 2011
 

«Amnistia, amnistia, amnistia!», hanno gridato in coro i detenuti di Rebibbia, salutando domenica scorsa Benedetto XVI al termine della sua visita all’istituto dell’estrema periferia romana. Stipato ben oltre il limite regolamentare proprio come tutte, o quasi, le altre carceri nel nostro Paese, dove, come ha denunciato anche il pontefice, sovraffollamento e degrado infliggono una pena supplementare, odiosa, che vìola la legge e i più elementari diritti umani. Così, dinanzi a quell’enorme platea di umanità sofferente, a quegli occhi – nonostante tutto – pieni di speranza, Papa Ratzinger ha espresso l’auspicio che governo e istituzioni facciano il possibile per migliorare le condizioni detentive. A pochi metri da lui il ministro della Giustizia Paola Severino (foto), che solo due giorni prima aveva incassato il via libera del Consiglio dei Ministri al pacchetto di misure contro l’emergenza carceri.

Un piano di provvedimenti urgenti su cui si erano posate le aspettative dei detenuti e di tutta la comunità penitenziaria. E che, pur andando nella giusta direzione, lascia sul tappeto diversi dubbi. Positiva è l’adozione del decreto legge come strumento per aggredire rapidamente una crisi che da tempo attende risposte, tuttavia le misure messe a punto dal governo sembrano ancora troppo timide rispetto alla pressante necessità di ricondurre le patrie galere, e l’intera macchina giudiziaria, sulla via della legalità. A cominciare dal potenziamento della cosiddetta legge “svuotacarceri” che, innalzando da 12 a 18 mesi il residuo della pena detentiva da poter scontare presso la propria abitazione, dovrebbe consentire a circa 3300 di detenuti – secondo le stime di via Arenula – di lasciare il carcere e accedere agli arresti domiciliari. 3300 che si andranno a sommare ai 4 mila che fino ad oggi hanno già usufruito di questa legge voluta da Angelino Alfano. Una riforma che però non introduce automatismi, lasciando dunque ai magistrati di sorveglianza il gravoso compito il valutare ogni singola domanda. Né interviene sulle preclusioni che limitano fortemente il bacino di coloro che hanno diritto a scontare a casa l’ultimo anno e mezzo di pena.

Il “pacchetto carceri” del ministro Severino si propone inoltre di arginare il fenomeno delle “porte girevoli”, che nel 2010 ha visto transitare nelle carceri italiane oltre 21 mila persone per un periodo non superiore a tre giorni; un’anomalia da correggere non solo per i costi e la congestione che comporta un così alto traffico di detenzioni lampo, ma anche alla luce di statistiche secondo cui è proprio nei primi giorni di carcerazione che si è più esposti al rischio di suicidio. Il decreto dispone che nei casi di arresto in flagranza di reato il giudizio direttissimo sia tenuto entro e non oltre le quarantotto ore dall’arresto. E che le persone fermate per reati di non particolare gravità vengano custodite nelle camere di sicurezza dei presidi di polizia, in attesa di comparire davanti a giudice per la convalida dell’arresto, invece di essere condotte in carcere. Una soluzione che tuttavia convince poco. Le camere di custodia di caserme e commissariati, oltre a non essere in molti casi strutture adeguate, sono infatti i luoghi dove «con più frequenza si consumano violenze e abusi», come ha commentato il presidente di A Buon Diritto Luigi Manconi, e come dimostra la drammatica vicenda di Stefano Cucchi.

La reclusione domiciliare e la sospensione del procedimento con messa alla prova, contenute invece nel disegno di legge che il ministro porterà in Parlamento, potrebbero ridimensionare in modo significativo la carcerazione nel quadro sanzionatorio. Ma riservarle ai soli condannati a pene detentive inferiori a 4 anni ne riduce notevolmente la portata.

L’impressione è quindi che il governo, tracciata la strada, abbia scelto di procedere con il freno a mano tirato. Anche sull’ipotesi amnistia, alla quale il ministro della Giustizia non si è detta contraria, ma ha lasciato l’onere dell’iniziativa al Parlamento. Parlamento dove quasi dieci anni fa un altro Papa, Giovanni Paolo II, invocò un «segno di clemenza» verso i detenuti costretti a vivere «in condizioni di penoso sovraffollamento»; e dove oggi davanti al nuovo “svuotacarceri” c’è già qualcuno, tra i soliti noti, che grida all’amnistia mascherata: gli stessi che hanno promosso e appoggiato le politiche securitarie a cui, in buona parte, si deve l’attuale crisi delle carceri e della giustizia. E che però voltano lo sguardo di fronte all’amnistia di fatto che ogni anno vede prescritti circa 170 mila procedimenti.

Nelle condizioni in cui versano oggi le carceri italiane e il nostro sistema giudiziario, l’amnistia non sarebbe un atto di clemenza. Bensì uno strumento non negoziabile per porre fine da subito all’illegalità che fa di 68 mila detenuti delle vittime, insieme ai direttori e a tutto il personale che giorno dopo giorno è costretto a far fronte alla carenza di spazi, di risorse economiche e all’impossibilità di svolgere il proprio lavoro. Uno strumento indispensabile anche per i magistrati, sui quali pesa il carico di milioni di processi pendenti.

Come ha dichiarato la radicale Rita Bernardini, la neutralità del Guardasigilli non è sufficiente. Serve più coraggio. Se nei propositi e nelle intenzioni le misure presentate dal governo rappresentano un passo in avanti – un passo da gigante, se rapportato all’indifferenza del precedente esecutivo – una riforma seria, strutturale della giustizia e della sua appendice carceraria non può che passare dall’amnistia. La sola via d’uscita da questa emergenza umanitaria.

 

Valentina Ascione

(da gli ALTRI, 20 dicembre 2011)


Articoli correlati

  Marco Pannella riprende lo sciopero della sete
  Valter Vecellio. “Abisso tra la realtà carceraria e la legge”, denuncia il papa
  Carceri più civili
  Lettera del Presidente della Repubblica Napolitano a Marco Pannella
  Adriano Sofri. Caro Marco, sarebbe bello se tu, alle cinque della sera…
  RadicaliPerugia. Emergenza carceri: qualcosa si muove?
  Alberto Di Majo intervista Marco Pannella: «Il Pd non pensi ai radicali ma alle carceri italiane»
  Maurizio Benazzi. L'editto di Milano, sponsor Swarovski
  Adriano Sofri. L’amnistia, unica proposta che affronta ragionevolmente il problema
  Enea Sansi. Anch'io, da oggi, in sciopero della fame
  Valter Vecellio. Se il diritto viene costantemente minacciato e stravolto…
  Valter Vecellio. 14 agosto. Solo un fioretto? Immagina...
  Alessandro Barchiesi. Partecipazione
  Napolitano: “Non solo amnistia…”. Pannella: “Esiste un cammino più rapido e sicuro?”
  Lucio Bertè. "Amnistia, amnistia, amnistia"
  Valter Vecellio. Se a suicidarsi ora sono anche i “secondini”
  Emma Bonino al Senato. Carceri e Giustizia: “interrompere la flagranza di reato”
  Giulia Crivellini. Perché non temere l’amnistia
  Marco Pannella. Ragioni e obiettivi dell'amnistia
  Valter Vecellio. Sui (timidi) provvedimenti “svuotacarceri”
  Giustizia e carcere: “Giustamente”
  “In nome della legge, cacciamoli via tutti!”
  Enrico Sbriglia. Mercoledì 6 luglio manifestazione dei Direttori Penitenziari
  Riforma giustizia: 146 senatori aderiscono alla seduta straordinaria del Senato
  Il Manifesto: in prima pagina "Le loro prigioni" sull'iniziativa nonviolenta di Pannella
  Marco Pannella. A Napolitano dico: Amnistia unico traino possibile degli altri provvedimenti importantissimi, da anni in attesa
  Donatella Poretti: Qui 'processo lungo', là 'processo corto': “Schizofrenia del bicameralismo perfetto”
  Amnistia per la Repubblica! Manifestazioni del 14 luglio
  “Italia fuorilegge; subito l'amnistia”
  Francesco Pullia. Pannella, uno spiraglio oltre la cecità
  Giorgio Napolitano. Il diritto dei cittadini a una “giustizia giusta”
  Alessandro Barchiesi. Toc... toc... L'amnistia!
  Valentina Ascione. Shakespeare a Rebibbia: il faro dei Taviani sul buio delle prigioni
  “Peggio delle Brigate Rosse”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy