Venerdì , 23 Febbraio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giulia Crivellini. Perché non temere l’amnistia
18 Agosto 2011
 

«Il sovraffollamento nelle carceri rappresenta un tema di prepotente urgenza sul piano costituzionale e civile». Così ha affermato il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in occasione del convegno di fine luglio organizzato dai Radicali. Nel frattempo qualche cosa si è mosso. Già, perché al consueto appuntamento estivo del ferragosto in carcere quest'anno hanno aderito ben 2.000 persone, oltre ad un consistente numero di parlamentari, consiglieri e figure istituzionali. L'urgenza, infatti, è divenuta oggi sinonimo di insostenibilità. Non solo sul piano della dignità (minima!) da garantire a ciascun individuo, ma altresì su quello della dignità di uno Stato che deve recuperare spazi di legalità, per «tornare ad essere in qualche misura democratico».

Se un barlume di luce è stato fatto, le soluzioni, però, sembrano vagare nell'oscurità.

I Radicali dicono forte e chiaro: Amnistia! Il filo da tirare per arrivare a riforme complessive in tema giustizia. Il neo-arrivato Guardasigilli risponde: nessuna Amnistia; piuttosto depenalizzazione dei reati minori, revisione dei meccanismi di custodia preventiva e avanti col “piano carceri”. Dietro, l' eco di un'opinione pubblica che non ritiene sufficiente la misura suggerita da Pannella, in parte celando il timore di un'ondata di criminali in giro per le strade.

A questo punto, un'opera di verità si rende necessaria. Sì, perché l'Amnistia ha un significato ben preciso, che deve essere conosciuto per poter esserne riconosciuta la validità.

In primis, Amnistia significa Cura per uno Stato con febbre a 40. Per un malato che ha l'aspirina a portata di mano non solo è inutile, ma può essere addirittura mortale attendere mesi prima che i medici trovino l'antibiotico. Mi si dirà: allevia, ma non cura. E poi: racchiude un morbo, perché usciranno indiscriminatamente tanti criminali. E qui si entra nel cuore della questione: la portata “emergenziale” di questo strumento è rafforzata da una valenza fortemente strutturale. Non solo porta sollievo al nostro Stato “umiliato” (cit. Napolitano) e al lavoro dei magistrati, i quali si vedrebbero ridotti i processi penali a 1 milione e mezzo dai 4 e mezzo pendenti, ma anticipa quelle stesse riforme strutturali da tanti richiamate. Le anticipa perché, come istituto delineato dal diritto penale, le contiene in sé stesso. L' Amnistia, infatti, non viene concessa a mo' di indulgenza o carità, ma deve seguire dei criteri precisi, collegati agli anni ancora da scontare oppure alla tipologia di reato. Si potrebbe, ad esempio, far rientrare nel suddetto provvedimento tutti quei reati considerati “minori”, o perché senza vittima o perché non più avvertiti come tali dalla società (cd “inutili”).

Ma, soprattutto, si potrebbero far rientrare quelle “emergenze sociali”, quali le tossicodipendenze e l'immigrazione, che non sono riuscite a trovare, sino ad oggi, adeguate soluzioni di politica (appunto) sociale, e che per questo vengono relegate nel dimenticatoio carcerario.

Insomma, perché fare domani (e quando?) misure di depenalizzazione di reati che già oggi, proprio con questa misura, possono essere prese?

Consideriamo, poi, che non si tratterebbe solo di alleviare le condizioni dei tanti, troppi, malati di giustizia, ma di permettere e costringere la classe politica ad intervenire davvero. Risulterebbe, così, essere l'anestesia che crea quell'arco temporale indispensabile e irrinunciabile ad ogni intervento.

È su questo terreno che la politica deve giocare la sfida. Se continuare a percorrere la strada delle promesse e della non-credibilità, divenendo ogni giorno più fragile, oppure, invece, decidere di dare un segnale serio ed immediato. E questo segnale ha un solo nome: Amnistia.

 

Giulia Crivellini

(da Notizie Radicali, 17 agosto 2011)


Articoli correlati

  Giorgio Napolitano. Il diritto dei cittadini a una “giustizia giusta”
  Amnistia per la Repubblica! Manifestazioni del 14 luglio
  RadicaliPerugia. Emergenza carceri: qualcosa si muove?
  Valter Vecellio. “Abisso tra la realtà carceraria e la legge”, denuncia il papa
  “In nome della legge, cacciamoli via tutti!”
  Napolitano: “Non solo amnistia…”. Pannella: “Esiste un cammino più rapido e sicuro?”
  Giustizia e carcere: “Giustamente”
  Valter Vecellio. 14 agosto. Solo un fioretto? Immagina...
  Marco Pannella. Ragioni e obiettivi dell'amnistia
  Emma Bonino al Senato. Carceri e Giustizia: “interrompere la flagranza di reato”
  Adriano Sofri. Caro Marco, sarebbe bello se tu, alle cinque della sera…
  Alessandro Barchiesi. Partecipazione
  Valter Vecellio. Sui (timidi) provvedimenti “svuotacarceri”
  “Italia fuorilegge; subito l'amnistia”
  Lucio Bertè. "Amnistia, amnistia, amnistia"
  Maurizio Benazzi. L'editto di Milano, sponsor Swarovski
  Valter Vecellio. Se a suicidarsi ora sono anche i “secondini”
  Marco Pannella. A Napolitano dico: Amnistia unico traino possibile degli altri provvedimenti importantissimi, da anni in attesa
  Riforma giustizia: 146 senatori aderiscono alla seduta straordinaria del Senato
  Lettera del Presidente della Repubblica Napolitano a Marco Pannella
  Adriano Sofri. L’amnistia, unica proposta che affronta ragionevolmente il problema
  Francesco Pullia. Pannella, uno spiraglio oltre la cecità
  Valentina Ascione. Svuota-carceri e amnistia, gli annunci non bastano
  Valter Vecellio. Se il diritto viene costantemente minacciato e stravolto…
  Donatella Poretti: Qui 'processo lungo', là 'processo corto': “Schizofrenia del bicameralismo perfetto”
  Alessandro Barchiesi. Toc... toc... L'amnistia!
  Alberto Di Majo intervista Marco Pannella: «Il Pd non pensi ai radicali ma alle carceri italiane»
  Il Manifesto: in prima pagina "Le loro prigioni" sull'iniziativa nonviolenta di Pannella
  Carceri più civili
  Enrico Sbriglia. Mercoledì 6 luglio manifestazione dei Direttori Penitenziari
  Marco Pannella riprende lo sciopero della sete
  Enea Sansi. Anch'io, da oggi, in sciopero della fame
  Un po' d'aria pulita, per vivere meglio a Milano
  Sondrio. “La responsabilità dell’Italia in Europa”
  +Europa con Emma Bonino Sondrio: Le candidature per la Camera dei deputati
  Giulia Crivellini. “Prova a immaginare la tua vita senza Europa...”
  Giulia Crivellini. Regolamentare la prostituzione
  Manifesti abusivi? Quelli legali vanno a pedali!
  Giulia Crivellini. Chiesa e Ici: chi ne è (davvero) esente?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 78.6%
NO
 21.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy