Venerdì , 19 Luglio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Enea Sansi. Anch'io, da oggi, in sciopero della fame 
Perché ho deciso di sostenere l'azione nonviolenta di Marco Pannella “l'Italia torni a potere in qualche misura essere considerata una democrazia”
Vignetta di Alessandro Barchiesi (notizie.radicali.it)
Vignetta di Alessandro Barchiesi (notizie.radicali.it) 
24 Giugno 2011
 

Dalla scorsa mezzanotte, e per quanti giorni mi sarà possibile anche in relazione agli obiettivi declinati sul piano locale, ho iniziato uno sciopero della fame a sostegno dell'iniziativa di Marco Pannella affiancato, ad ora, da oltre 15.000 persone. Un piccolo contributo, nell'ambito della «necessità di un consapevole e attivo coinvolgimento dell’opinione pubblica e dei cittadini» e di «richiamare, ..., su tali questioni l’attenzione di tutti i soggetti istituzionali responsabili sollecitandoli ad adottare le indispensabili misure amministrative, organizzative e legislative» espressa nelle parole del Presidente della Repubblica, cui Pannella ha corrisposto alla mezzanotte con la sospensione dello sciopero della sete. Un “passaggio di testimone”, che raccolgo per il 'mio' tratto di pista con le motivazioni e alla ricerca di un dialogo con interlocutori alla mia portata indicati nella lettera-annuncio che ho inviato ieri e che riporto più sotto.

Voglio infine dedicare la mia azione, in segno di spirituale vicinanza, alla lotta nonviolenta che in questi stessi giorni a Cuba sta conducendo Jorge Cervantes García, come apprendo all'Oblò di fianco su questa nostra unica Nave battente le bandiere di libertà e democrazia. La notizia che la sua voce comincia a raggiungere molte persone, almeno fuori se non ancora dentro l'Isola, possa costituire alimento di fiducia e nuova speranza, consentendogli una tregua ristoratrice. Portiamo anche il suo, di “testimone”, per un breve tratto: di vita capace di spostare di un millimetro la soglia di libertà abbiamo bisogno e non certo di un corpo da scagliare contro gli avversari!

 

 



Morbegno, 23 giugno 2011

 

LETTERA APERTA

Stim.mi

Sig. Presidente del Tribunale di Sondrio

Sig. Procuratore della Repubblica

presso il Tribunale di Sondrio


Vi scrivo formalmente, indirizzando al Vs. Ufficio, ma mi rivolgo a Voi personalmente contando sulla cortesia di qualche minuto di attenzione.

Dalla mezzanotte di domenica, 19 giugno, Marco Pannella ha iniziato uno sciopero della sete perché l'Italia «torni a poter essere considerata, in qualche misura, una democrazia» in relazione alla grave condizione della giustizia, a partire dal sistema carcerario. Primo interlocutore di questa iniziativa nonviolenta, in corso da più di due mesi (inizialmente con lo sciopero della fame nel quale via via si sono affiancati a Pannella quindicimila persone fra cui, a migliaia dalle carceri, detenuti e loro familiari, operatori dell'istituzione penitenziaria e persino rappresentanti della camere penali), è stato individuato il Presidente delle Repubblica, garante della Costituzione e, quindi, della legalità. Oggi Giorgio Napolitano ha inviato a Marco una lettera che almeno consente quel minimo di conoscenza, fin qui negata dai principali mezzi di informazione malgrado durata e impegno dell'azione politica nonviolenta.

Per sostenere l'iniziativa ho deciso di intraprendere lo sciopero della fame, con inizio dalla mezzanotte di oggi, giovedì 23 giugno, e a tempo indeterminato, con un'articolazione per così dire “locale” di interlocutori e obiettivi. Proprio qualche giorno fa, infatti, ho ricevuto dal Sig. Franco Gianoncelli, quale Presidente dell'Associazione Avanti Diritto, una “lettera semplice” con la quale mi chiedeva di diffondere la conoscenza di una sentenza pronunciata da un Giudice di codesto onorevole Tribunale (la n. 118/2011). Cosa che ho prontamente fatto pubblicando lettera e documentazione sul giornale web Tellusfolio (“Diario di bordo”, 12/06/2011). Della vicenda e relativo contesto potrete leggere altre note, curate da Giuliano Ghilotti, sul Gazetin di giugno, copia del quale vi è stata personalmente indirizzata e dovreste pertanto ricevere in questi giorni.

Grazie al non comune coraggio civile con il quale le persone direttamente interessate si sono sottratte al silenzio omertoso nel quale altrimenti queste storie vengono vissute, dalla semplice materialità degli atti balza in tutta evidenza il “copia-incolla” effettuato, è da credere, addirittura avvalendosi delle moderne, informatiche possibilità. E io cerco di aprire con Voi un 'dialogo', con gli strumenti della nonviolenza volti a incoraggiare in entrambi l'amore per la verità, perché Voi soltanto, per la responsabilità e con la funzione a ciascuno assegnate, avete la possibilità e quindi il dovere di fugare la possibile esistenza di una “cricca”, come con vulgata giornalistica s'usa dire di questi tempi, annidata nella stessa amministrazione della giustizia o comunque della stessa ammantantesi. Come non riconoscere, infatti, anche nell'episodio le parole che Pannella utilizza per la più generale condizione del Paese: «In nome del popolo sovrano, nel nome della legge, oggi in Italia si sta realizzando una situazione di criminalità professionale in senso proprio e tecnico - e non morale - da parte dello Stato nei confronti dei cittadini».

Il semplice sospetto che di ciò si tratti, e materia ve n'è senza bisogno di alcun particolare sforzo di immaginazione (soprattutto ove dovesse emergere che sia anche stata vilmente sfruttata la condizione di debolezza del Giudice in ragione del suo stato di salute), sarebbe micidialmente deleterio non solo per la giurisdizione ma per la stessa convivenza civile e democratica. Tutto questo senza entrare né minimamente interferire nel merito della contesa, benché altrettanto documentata conoscenza consentirebbe di osservare che trattasi di tre intere generazioni, vive o morte (e non è un modo di dire, poiché davvero agli atti una morta è stata condannata), di una famiglia trascinata in un gorgo che sembra inarrestabile.

Nel mettermi a completa disposizione per quanto dovesse rendersi necessario in proposito, ringrazio per l'attenzione fin qui prestatami e Vi porgo distinti saluti.


Enea Sansi

 

 

Qui per aderire e approfondire
l'iniziativa di Marco Pannella

 

Su Notizie Radicali di oggi l'Appello a sostegno dell'iniziativa di Pannella:

politici, personalità e operatori della giustizia tra i primi firmatari

 

 


Articoli correlati

  Franco Gianoncelli. Una lettera semplice
  Giustizia e carcere: “Giustamente”
  Il Manifesto: in prima pagina "Le loro prigioni" sull'iniziativa nonviolenta di Pannella
  Giorgio Napolitano. Il diritto dei cittadini a una “giustizia giusta”
  Marco Pannella riprende lo sciopero della sete
  Adriano Sofri. Caro Marco, sarebbe bello se tu, alle cinque della sera…
  Valter Vecellio. “Abisso tra la realtà carceraria e la legge”, denuncia il papa
  Adriano Sofri. L’amnistia, unica proposta che affronta ragionevolmente il problema
  Giulia Crivellini. Perché non temere l’amnistia
  Valter Vecellio. Se il diritto viene costantemente minacciato e stravolto…
  Valter Vecellio. 14 agosto. Solo un fioretto? Immagina...
  Marco Pannella. A Napolitano dico: Amnistia unico traino possibile degli altri provvedimenti importantissimi, da anni in attesa
  Alberto Di Majo intervista Marco Pannella: «Il Pd non pensi ai radicali ma alle carceri italiane»
  Alessandro Barchiesi. Partecipazione
  Donatella Poretti: Qui 'processo lungo', là 'processo corto': “Schizofrenia del bicameralismo perfetto”
  Napolitano: “Non solo amnistia…”. Pannella: “Esiste un cammino più rapido e sicuro?”
  Marco Pannella. Ragioni e obiettivi dell'amnistia
  Valter Vecellio. Se a suicidarsi ora sono anche i “secondini”
  Lettera del Presidente della Repubblica Napolitano a Marco Pannella
  Enrico Sbriglia. Mercoledì 6 luglio manifestazione dei Direttori Penitenziari
  Riforma giustizia: 146 senatori aderiscono alla seduta straordinaria del Senato
  Francesco Pullia. Pannella, uno spiraglio oltre la cecità
  “In nome della legge, cacciamoli via tutti!”
  Maurizio Benazzi. L'editto di Milano, sponsor Swarovski
  Amnistia per la Repubblica! Manifestazioni del 14 luglio
  Emma Bonino al Senato. Carceri e Giustizia: “interrompere la flagranza di reato”
  Carceri più civili
  RadicaliPerugia. Emergenza carceri: qualcosa si muove?
  Valentina Ascione. Svuota-carceri e amnistia, gli annunci non bastano
  “Italia fuorilegge; subito l'amnistia”
  Lucio Bertè. "Amnistia, amnistia, amnistia"
  Alessandro Barchiesi. Toc... toc... L'amnistia!
  Valter Vecellio. Sui (timidi) provvedimenti “svuotacarceri”
  Oswaldo Payá: Salviamo Jorge Cervantes, in sciopero della fame!
  Cuba. Il Governo libera su cauzione l’oppositore Jorge Cervantes
  Cuba. Jorge Cervantes García in pericolo di vita
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.4%
NO
 24.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy