Mercoledì , 20 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. “Abisso tra la realtà carceraria e la legge”, denuncia il papa 
“Carceri: Manca l’azione del PD”, l'editoriale di Macaluso sul Riformista di domenica
19 Dicembre 2011
 

Riferiscono le agenzie e i giornalisti che hanno seguito la visita di papa Ratzinger al carcere romano di Rebibbia che al suo passaggio si levava un coro: i carcerati compostamente, hanno scandito in coro “Amnistia” (il TG3 delle 19 l'ha fatto sentire per un breve istante, ndr). E sempre urlando “Amnistia” lo hanno salutato quando ha lasciato il carcere dalle finestre delle celle e dietro le transenne dove si erano assiepati. E analoga richiesta-invocazione è stata rivolta al ministro della Giustizia Paola Severino. È da credere che analogo coro si sarebbe levato da qualsiasi carcere; e che anzi, i carcerati di tutti i 206 istituti di pena abbiano seguito con trepidazione e speranza, quella visita, quegli incontri; augurandosi, magari, che una voce si levasse anche in occasione dell’Angelus.

Ratzinger ha comunque parlato, e detto una cosa precisa, somiglia molto a quella “prepotente urgenza” sillabata nell’ormai 28 luglio scorso disse il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. «C'è un abisso tra la realtà carceraria reale e quella pensata dalla legge, che prevede come elemento fondamentale la funzione rieducatrice della pena e il rispetto dei diritti e della dignità delle persone», ha detto Ratzinger. E anche il laico più incallito, l’anticlericale più acceso (etnia alle quali chi scrive si onora di appartenere) non può riconoscere che meglio, con maggior precisione non si poteva dire.

Il Riformista di domenica, in prima pagina, ha pubblicato una nota del suo direttore Emanuele Macaluso che avremmo con grande piacere voluto leggere su l’Unità, su Europa, uno di quegli editoriali che sarebbe bello poter leggere su Repubblica o sul Corriere della Sera (e per questo difficilmente accadrà). “Carceri. Manca l’azione del PD”, si intitola l’editoriale di Macaluso.

«C’è un tema, che attiene alla cultura politica dei gruppi dirigenti dei partii e di chi governa le istituzioni, e che oggi è all’ordine del giorno: le drammatiche condizioni in cui vivono i carcerati. La domanda che mi pongo è questa: perché la sinistra è poco sensibile rispetto a una questione che attiene alla condizione umana? La destra in Italia ha una tradizione forcaiola, repressiva. La sinistra socialista e democratica no. Anche nel Pci, dove non mancavano posizioni repressive, c’era una forte corrente sensibile ai temi carcerari. Giancarlo Pajetta, ogni volta che qualche membro della Direzione chiedeva aumenti di pena anche per reati gravi, lui che il carcere l’aveva fatto per più di dieci anni, insorgeva e trovava consensi. Negli anni del terrorismo però nel Pci prevalse una logica diversa e ha lasciato un segno. L’alleanza con Di Pietro non è stata certo una cura per gli eredi confluiti nel Pds-Ds-Pd. Non è quindi un caso che anche su questo tema siano i radicali, e particolarmente Marco Pannella, a condurre una battaglia sacrosanta. E non è un caso che il presidente della Repubblica abbia mostrato particolare sensibilità al tema ricevendo il leader radicale. La richiesta di un’amnistia per svuotare in parte le carceri non è stata recepita. La destra ha sabotato e la sinistra non ha combattuto. Ora la ministra della Giustizia ha fatto alcune proposte che possono attenuare il fenomeno di cui si parla e la Lega ha attaccato con violenza il governo che “mette tasse e libera i delinquenti” (titolo della Padania). Il tema è rilevante per l’attenzione che viene data o non data a ciò che si verifica nelle caserme, nei tribunali e nelle carceri, dove si amministra giustizia e ingiustizia, e si misura il grado di civiltà di una società. La sinistra democratica è tale se su questi temi ha una posizione liberale in senso più alto della parola e per farla valere svolge una costante e coerente azione politica e culturale».

I detenuti e le ragionevoli richieste avanzate in modo più che civile; un pontefice che individua il nodo della questione: “l’abisso tra la realtà carceraria reale e quella pensata dalla legge”; un padre nobile della sinistra che a Pierluigi Bersani, al PD, ma in definitiva a tutti noi, ricorda quello che non si è capaci di essere, e quello che dovrebbe essere la bandiera dei riformatori, e che invece non è. Come dice Macaluso, «la sinistra democratica è tale se su questi temi ha una posizione liberale in senso più alto della parola e per farla valere svolge una costante e coerente azione politica e culturale». «Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato». È l’articolo 27 di quella «Costituzione che voi dite essere la più bella del mondo», compagno Bersani, compagni del PD.

 

Valter Vecellio

(da Notizie Radicali, 19 dicembre 2011)


Articoli correlati

  Valentina Ascione. Svuota-carceri e amnistia, gli annunci non bastano
  Carceri più civili
  Lettera del Presidente della Repubblica Napolitano a Marco Pannella
  Valter Vecellio. Se a suicidarsi ora sono anche i “secondini”
  Adriano Sofri. Caro Marco, sarebbe bello se tu, alle cinque della sera…
  RadicaliPerugia. Emergenza carceri: qualcosa si muove?
  Alberto Di Majo intervista Marco Pannella: «Il Pd non pensi ai radicali ma alle carceri italiane»
  Maurizio Benazzi. L'editto di Milano, sponsor Swarovski
  Adriano Sofri. L’amnistia, unica proposta che affronta ragionevolmente il problema
  Valter Vecellio. Se il diritto viene costantemente minacciato e stravolto…
  Valter Vecellio. 14 agosto. Solo un fioretto? Immagina...
  Alessandro Barchiesi. Partecipazione
  Napolitano: “Non solo amnistia…”. Pannella: “Esiste un cammino più rapido e sicuro?”
  Lucio Bertè. "Amnistia, amnistia, amnistia"
  Il Manifesto: in prima pagina "Le loro prigioni" sull'iniziativa nonviolenta di Pannella
  Emma Bonino al Senato. Carceri e Giustizia: “interrompere la flagranza di reato”
  Giulia Crivellini. Perché non temere l’amnistia
  Marco Pannella. Ragioni e obiettivi dell'amnistia
  Valter Vecellio. Sui (timidi) provvedimenti “svuotacarceri”
  Marco Pannella. A Napolitano dico: Amnistia unico traino possibile degli altri provvedimenti importantissimi, da anni in attesa
  Giustizia e carcere: “Giustamente”
  “In nome della legge, cacciamoli via tutti!”
  Enrico Sbriglia. Mercoledì 6 luglio manifestazione dei Direttori Penitenziari
  Riforma giustizia: 146 senatori aderiscono alla seduta straordinaria del Senato
  Enea Sansi. Anch'io, da oggi, in sciopero della fame
  Donatella Poretti: Qui 'processo lungo', là 'processo corto': “Schizofrenia del bicameralismo perfetto”
  Amnistia per la Repubblica! Manifestazioni del 14 luglio
  “Italia fuorilegge; subito l'amnistia”
  Francesco Pullia. Pannella, uno spiraglio oltre la cecità
  Marco Pannella riprende lo sciopero della sete
  Giorgio Napolitano. Il diritto dei cittadini a una “giustizia giusta”
  Alessandro Barchiesi. Toc... toc... L'amnistia!
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy