Giovedì , 23 Maggio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. 14 agosto. Solo un fioretto? Immagina...
12 Agosto 2011
 

Sì, qualcuno sorriderà e cercherà di liquidare la giornata di sciopero della fame e della sete per chiedere che le Camere si riuniscano in via straordinaria e dibattano la questione della giustizia e lo stato delle carceri, come un “fioretto”. Eh già: cosa volete che sia se uno, dieci, cento persone per un giorno rinunciano al cibo e all’acqua? A cosa volete che serva?

Però accade che da qualche anno nelle carceri italiane – nonostante la gravissima situazione in cui versano – i detenuti non si abbandonino più a manifestazioni violente come un tempo. Ora accade che i detenuti attuino scioperi della fame e diano corpo a proteste nonviolente, e in questa lotta sono affiancati dall’intera comunità penitenziaria, agenti di custodia, operatori, volontari, le famiglie... L’opzione nonviolenta non è uno straordinario progresso che va valorizzato e non – come troppe volte accade – mortificato?

Immagina”, cantava John Lennon, una delle sue canzoni più belle. Immagina allora che ci sia un grande movimento nonviolento che ponga all’attenzione dell’agenda politica questo tema, imponga questa questione. Immagina che ci sia, questo dibattito parlamentare; e immagina che la TV – servizio pubblico – trasmetta la seduta. Immagina che per una volta le trasmissioni di approfondimento politico non chiudano per ferie, e al posto di un “Da-da-da...” vada per una volta in onda una trasmissione dove Enrico Sbriglia, segretario dell’associazione dei direttori penitenziari, Eugenio Sarno, segretario della UIL Penitenziaria, il presidente dell’Unione delle Camere Penali Spigarelli, il magistrato Livio Pepino direttore del mensile Narco-mafie e altri ancora, possano far sapere finalmente quello che chiedono, quello che ritengono sia necessario fare. Immagina che il ministro della Giustizia Nitto Palma possa dire cosa vuole fare e come, e con quali tempi; e i rappresentanti dei partiti di maggioranza e di opposizione possano dire se sono d’accordo o no, e perché. Immagina che Marco Pannella possa rivolgersi dalla TV ai detenuti, e indirizzare per esempio un appello perché non si abbattano, quale che sia la situazione nella quale si trovano a vivere, e non cedano alla tentazione di farla finita, perché sarebbe, appunto, la fine...

Immagina la deputata radicale Rita Bernardini; il presidente di A buon diritto Luigi Manconi; la presidente di Ristretti Orizzonti Ornella Favero; il presidente dell’Associazione Antigone Patrizio Gonnella; e altri ancora possano spiegare le ragioni per cui hanno deciso di promuovere la giornata di digiuno della fame e della sete collettivo, in concorso e d’intesa con direttori di carceri, agenti, educatori, psicologi, assistenti sociali, medici, infermieri, personale amministrativo, volontari, cappellani, detenuti e le loro famiglie; e assieme a centinaia, migliaia di “semplici” cittadini democratici che credono nei valori della Costituzione e nello Stato di Diritto, immagina che tutti loro possano far conoscere quello che ritengono essere un dovere urgente e impellente, «fornire conoscenza e ascolto della Parola e dell’opera del Presidente della Repubblica, accuratamente silenziate»; immagina che siano finalmente urlate le parole pronunciate dal presidente Giorgio Napolitano circa «i diritti umani negati per le persone ristrette in carcere, private della libertà per fini o precetti di sicurezza e di giustizia…Una questione di prepotente urgenza sul piano costituzionale e civile», o a proposito «delle scelte politiche e legislative: oscillanti e incerte tra tendenziale, in principio, depenalizzazione e “depenitenziarizzazione”, e ciclica ripenalizzazione con crescente ricorso alla custodia cautelare, abnorme estensione, in concreto, della carcerazione preventiva. Di qui una realtà che ci umilia in Europa e ci allarma, per la sofferenza quotidiana - fino all'impulso a togliersi la vita - di migliaia di esseri umani chiusi in carceri che definire sovraffollate è quasi un eufemismo»...

Immagina un telegiornale che apra con le parole del presidente, a proposito delle finalità costituzionali della pena: «E evidente in generale è l'abisso che separa la realtà carceraria di oggi dal dettato costituzionale sulla funzione rieducatrice della pena e sui diritti e la dignità della persona. È una realtà non giustificabile in nome della sicurezza, che ne viene più insidiata che garantita, e dalla quale non si può distogliere lo sguardo...».

Ecco, immagina tutto questo: solo un fioretto?

 

Valter Vecellio

(da Notizie Radicali, 11 agosto 2011)

 

 

Qui per informazioni e adesioni
alla giornata di lotta del 14 agosto 2011


Articoli correlati

  Valter Vecellio. Se il diritto viene costantemente minacciato e stravolto…
  Marco Pannella. A Napolitano dico: Amnistia unico traino possibile degli altri provvedimenti importantissimi, da anni in attesa
  Valter Vecellio. Sui (timidi) provvedimenti “svuotacarceri”
  Adriano Sofri. Caro Marco, sarebbe bello se tu, alle cinque della sera…
  Alessandro Barchiesi. Toc... toc... L'amnistia!
  Carceri più civili
  Enea Sansi. Anch'io, da oggi, in sciopero della fame
  Valter Vecellio. “Abisso tra la realtà carceraria e la legge”, denuncia il papa
  Il Manifesto: in prima pagina "Le loro prigioni" sull'iniziativa nonviolenta di Pannella
  Giustizia e carcere: “Giustamente”
  Giulia Crivellini. Perché non temere l’amnistia
  Donatella Poretti: Qui 'processo lungo', là 'processo corto': “Schizofrenia del bicameralismo perfetto”
  Alessandro Barchiesi. Partecipazione
  Alberto Di Majo intervista Marco Pannella: «Il Pd non pensi ai radicali ma alle carceri italiane»
  Enrico Sbriglia. Mercoledì 6 luglio manifestazione dei Direttori Penitenziari
  Marco Pannella riprende lo sciopero della sete
  Napolitano: “Non solo amnistia…”. Pannella: “Esiste un cammino più rapido e sicuro?”
  Marco Pannella. Ragioni e obiettivi dell'amnistia
  Valter Vecellio. Se a suicidarsi ora sono anche i “secondini”
  Lettera del Presidente della Repubblica Napolitano a Marco Pannella
  Francesco Pullia. Pannella, uno spiraglio oltre la cecità
  Riforma giustizia: 146 senatori aderiscono alla seduta straordinaria del Senato
  Maurizio Benazzi. L'editto di Milano, sponsor Swarovski
  Amnistia per la Repubblica! Manifestazioni del 14 luglio
  Valentina Ascione. Svuota-carceri e amnistia, gli annunci non bastano
  Emma Bonino al Senato. Carceri e Giustizia: “interrompere la flagranza di reato”
  Adriano Sofri. L’amnistia, unica proposta che affronta ragionevolmente il problema
  Giorgio Napolitano. Il diritto dei cittadini a una “giustizia giusta”
  RadicaliPerugia. Emergenza carceri: qualcosa si muove?
  “Italia fuorilegge; subito l'amnistia”
  “In nome della legge, cacciamoli via tutti!”
  Lucio Bertè. "Amnistia, amnistia, amnistia"
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy