Mercoledì , 26 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lettera del Presidente della Repubblica Napolitano a Marco Pannella
23 Giugno 2011
 

Caro Marco,

desidero rispondere alle molte questioni e sollecitazioni che hai sottoposto alla mia attenzione nel nostro recente incontro al Quirinale e nelle lettere e documentazioni che mi hai inviato nei giorni scorsi. Credo che l’Italia ti debba il giusto riconoscimento per la determinazione con la quale hai intrapreso tante battaglie per sollecitare una piena affermazione e tutela delle libertà civili e dei diritti dei cittadini.

Alcuni temi che nei decenni passati hanno via via sensibilizzato e coinvolto la pubblica opinione del nostro Paese, come quelli del divorzio, della regolamentazione dell’aborto, del riconoscimento dell’obiezione di coscienza, del pluralismo dell’informazione, della tutela dell’ambiente, della necessità, invocata con indiscutibile lungimiranza, di combattere e debellare la fame nel mondo, e di eliminare in tutti i paesi la pena di morte, sono diventati patrimonio culturale comune di larga parte della società italiana.

La stessa valorizzazione dello strumento referendario come elemento di democrazia diretta e la grande attenzione da te sempre prestata alle regole che presiedono alla partecipazione elettorale dei cittadini sono il segno di una costante preoccupazione per la necessità di un consapevole e attivo coinvolgimento dell’opinione pubblica e dei cittadini nella vita politica del paese e della volontà di contrastare e combattere fenomeni di distacco e disinteresse verso la vita pubblica.

Questi risultati, e insieme il superamento di paralizzanti barriere ideologiche, si sono ottenuti col rilevante contributo di movimenti, come quelli che hai personalmente animato, volti a fare del confronto libero da pregiudiziali di schieramento un canale essenziale di arricchimento della vita democratica.

Le tue più recenti battaglie perché siano affrontate con forza le questioni del sovraffollamento delle carceri, della condizione dei detenuti e di una giustizia amministrata con scrupolosa attenzione per tutti i valori in giuoco, con serenità e sobrietà di comportamenti, mi trovano particolarmente sensibile. Posso assicurarti che continuerò – come ho più volte fatto nel corso del mio mandato – a richiamare, e ne sento più che mai oggi l’urgenza, su tali questioni l’attenzione di tutti i soggetti istituzionali responsabili sollecitandoli ad adottare le indispensabili misure amministrative, organizzative e legislative. Non sono ammissibili sottovalutazioni e fatalismi di fronte a situazioni drammaticamente incompatibili con il rispetto della dignità delle persone e con la necessità di fornire un “servizio giustizia” efficiente, a garanzia dei diritti fondamentali dei cittadini : un servizio che deve essere esercitato da magistrati indipendenti e imparziali, con il rigore e l’equilibrio che ho costantemente invocato.

In una società per tanti versi profondamente trasformata rispetto agli anni nei quali hai iniziato l’attività politica, c’è più che mai bisogno di testimonianze di passione civile e di amore per le sorti comuni, affinché alla politica possa essere pienamente riconosciuto non solo il ruolo di confronto e di mediazione tra interessi ma anche quello di comprensione e composizione di tensioni ideali. Credo che la tua azione continuerà ad essere un prezioso stimolo, suscitando come già in passato discussioni e prese di coscienza che rivelano poi col tempo la loro fecondità e lungimiranza.

Inviandoti i miei migliori auguri, ti saluto con affetto e ti prego – in nome non solo dell’antica amicizia ma dell’interesse generale – di desistere da forme estreme di protesta di cui colgo il senso di urgenza, ma che possono oggi mettere gravemente a repentaglio la tua salute e integrità fisica.

 

Giorgio Napolitano, Presidente della Repubblica

 

 

Qui per aderire e approfondire l'iniziativa di Marco Pannella

 

 

Fonte: Radicali.it


Articoli correlati

  Valter Vecellio. Se il diritto viene costantemente minacciato e stravolto…
  Valter Vecellio. Sui (timidi) provvedimenti “svuotacarceri”
  Marco Pannella. A Napolitano dico: Amnistia unico traino possibile degli altri provvedimenti importantissimi, da anni in attesa
  RadicaliPerugia. Emergenza carceri: qualcosa si muove?
  Marco Pannella riprende lo sciopero della sete
  Alberto Di Majo intervista Marco Pannella: «Il Pd non pensi ai radicali ma alle carceri italiane»
  Adriano Sofri. Caro Marco, sarebbe bello se tu, alle cinque della sera…
  Enea Sansi. Anch'io, da oggi, in sciopero della fame
  Valter Vecellio. “Abisso tra la realtà carceraria e la legge”, denuncia il papa
  Giulia Crivellini. Perché non temere l’amnistia
  Giustizia e carcere: “Giustamente”
  Valter Vecellio. 14 agosto. Solo un fioretto? Immagina...
  Alessandro Barchiesi. Partecipazione
  Donatella Poretti: Qui 'processo lungo', là 'processo corto': “Schizofrenia del bicameralismo perfetto”
  Enrico Sbriglia. Mercoledì 6 luglio manifestazione dei Direttori Penitenziari
  Alessandro Barchiesi. Toc... toc... L'amnistia!
  Marco Pannella. Ragioni e obiettivi dell'amnistia
  Valter Vecellio. Se a suicidarsi ora sono anche i “secondini”
  “In nome della legge, cacciamoli via tutti!”
  Napolitano: “Non solo amnistia…”. Pannella: “Esiste un cammino più rapido e sicuro?”
  Riforma giustizia: 146 senatori aderiscono alla seduta straordinaria del Senato
  Francesco Pullia. Pannella, uno spiraglio oltre la cecità
  Maurizio Benazzi. L'editto di Milano, sponsor Swarovski
  Amnistia per la Repubblica! Manifestazioni del 14 luglio
  Emma Bonino al Senato. Carceri e Giustizia: “interrompere la flagranza di reato”
  Adriano Sofri. L’amnistia, unica proposta che affronta ragionevolmente il problema
  Carceri più civili
  Giorgio Napolitano. Il diritto dei cittadini a una “giustizia giusta”
  Valentina Ascione. Svuota-carceri e amnistia, gli annunci non bastano
  “Italia fuorilegge; subito l'amnistia”
  Lucio Bertè. "Amnistia, amnistia, amnistia"
  Il Manifesto: in prima pagina "Le loro prigioni" sull'iniziativa nonviolenta di Pannella
  Lidia Menapace. La deriva dell'antipolitica
  Lidia Menapace. Anomia
  Paolo Diodati. Dei ns. Presidenti “migliori”
  Lidia Menapace. La deriva costituzionale
  Giorgio Napolitano: “La detenzione non deve umiliare la dignità delle persone”
  Marco Pannella. Caro Napolitano, perché almeno tu conosca...
  Rita Bernardini. Cominciamo bene?
  Paolo Diodati: Perché Giorgio Napolitano "non può" essere Tommaso Pignatelli
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy