Lunedì , 13 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Paul Kagame. Perché il Ruanda ha abolito la pena di morte
31 Agosto 2007
 

L’abolizione della pena di morte in Ruanda ha motivazioni straordinarie che sono proprie della situazione ruandese ma anche legate a considerazioni di portata universale.

 

La storia recente del Ruanda fino al 1994, l’anno in cui oltre un milione di vite umane vennero soppresse adopera di un genocidio di Stato, è stata caratterizzata da politiche settarie e violente in ragione delle quali la morte era divenuta uno strumento di “governo” degli affari nazionali. Lo Stato post-coloniale e coloro i quali lo hanno amministrato hanno potuto fare quel che volevano della vita umana, dal momento che abitualmente eliminavano oppositori politici, uomini d’affari, intellettuali e spesso interi settori della comunità ruandese. Questo per dire come la cultura dell’impunità si fosse così radicata nel nostro Paese. In un tale contesto, assicurare pace, stabilità e giustizia per il bene comune era una questione del tutto irrilevante per lo Stato, i suoi leader, le istituzioni e i suoi funzionari. Al contrario, questo gruppo di potere riteneva in definitiva fosse più importante salvaguardare se stesso piuttosto che proteggere la popolazione ruandese. Lo Stato in Ruanda aveva praticamente abdicato al suo ruolo classico di concepire e promuovere principi e valori che esaltano la vita umana così come di guidare lo sviluppo socio-economico, culturale e politico a sostegno della vita stessa, per trasformarsi invece in una macchina per uccidere fondata sull’egoismo.

 

Uno stato permanente di crisi come quello esistente in Ruanda prima del 1994, come tutti ben sanno, può portare o a ulteriori catastrofi oppure creare le condizioni per porvi fine. Come spesso accade in alcuni momenti critici nella storia del mondo, quel che è avvenuto nel nostro caso è che si è verificata la seconda condizione: i ruandesi hanno sconfitto la leadership responsabile del genocidio, il suo Stato e la cultura dell’impunità.

 

È stato questo lo straordinario contesto ruandese che ha consentito l’abolizione della pena di morte. Il progetto per un nuovo Ruanda sin dal 1994 è stato quello di edificare uno Stato riconciliato, unito, democratico e prosperoso in cui la leadership nazionale incessantemente mobilita e dispiega talenti e abilità per migliorare la vita delle persone, non distruggerla. La morte come strumento di controllo e il ruolo che essa ha avuto nel perpetuare la cultura dell’impunità non ha più spazio in Ruanda, essendo contraria alla nostra visione di stabilità, pace, prosperità e modo di governare democratico.

 

Non è stato certamente facile raggiungere il consenso del nostro paese sull’abolizione della pena di morte, proprio in ragione del fatto che la nostra storia è stata una storia di divisione. Nel genocidio del 1994, per esempio, migliaia e migliaia di ruandesi hanno perso i loro cari, mentre altri hanno avuto i loro parenti in prigione in attesa della pena di morte per crimini legati al genocidio.

 

Queste erano alcune delle situazioni estreme e il contesto nel quale si è svolto il dibattito sulla abolizione della pena di morte nel nostro paese. Tuttavia, i ruandesi si sono incamminati deliberatamente in un percorso volto a costruire un consenso nazionale che è iniziato alla fine degli anni ’90, quando il nostro paese è venuto fuori dallo stato di emergenza, e ci ha portato, attraverso l’adozione della Costituzione ruandese nel 2003 e il conseguente dialogo nazionale, alla abolizione della pena di morte. Noi eravamo determinati a relegare al nostro passato il Ruanda dell’insicurezza, dei milioni di rifugiati, della povertà e della violenza. Dalle discussioni interne ai partiti politici, i dibattiti alla Camera e al Senato, gli scambi di idee nell’ambito delle più alte istituzioni culturali e di villaggio in villaggio, abbiamo avviato un dialogo che ci ha condotti dove siamo ora: al rifiuto della pena di morte.

 

Da un punto di vista universale, poi, noi ci siamo uniti a quei paesi e a quei popoli del nostro continente e del mondo intero che non riconoscono alcun valore alla pena capitale. E incoraggiamo molti altri paesi in Africa e nel mondo a porre fine a questa pratica.

 

In questo contesto, devo dire che un certo numero di paesi aveva in passato sollevato obiezioni a estradare cittadini accusati di genocidio in considerazione del fatto che sarebbero stati messi a morte. Se questi paesi ora cambiano la loro posizione a questo riguardo e rimandano indietro le persone coinvolte perché siano processate in Ruanda, noi accoglieremmo positivamente tale decisione poiché senza dubbio contribuirebbe ad affermare il senso di giustizia nel nostro paese.

 

Lasciatemi concludere ringraziando l’organizzazione umanitaria Nessuno tocchi Caino per avermi onorato della richiesta di scrivere questa prefazione al suo Rapporto Annuale, e per avermi insignito del Premo “L’Abolizionista dell’Anno” per il 2007. Accetto con umiltà entrambi i riconoscimenti in nome del popolo del Ruanda che sta partecipando ogni giorno alla costituzione di un paese unito e prospero.

 

Paul Kagame

Presidente della Repubblica del Ruanda

 

 

NOTA. Prefazione al volume La pena di morte nel mondo. Rapporto 2007, a cura di Elisabetta Zamparutti, Reality Book, 18 euro.


Articoli correlati

  Pena di morte. Radicali in sciopero della fame a oltranza per la Moratoria all’Onu subito
  “Moratoria della pena di morte anche per Tareq Aziz”
  Benedetto Della Vedova. Sulla moratoria delle esecuzioni capitali
  Moratoria. Anche il Dalai Lama si appella a Prodi
  Pena di morte. Radicali: sconfitto l'anno del mai
  Marcia di Pasqua per la Moratoria delle esecuzioni capitali
  Non c’è solo il digiuno della “sporca dozzina”...
  Pena di morte: Nessuno Tocchi Caino lancia appello per una moratoria già da questa Assemblea generale
  Marco Pannella sospende dopo 183 ore lo sciopero della sete e prosegue quello della fame
  Moratoria esecuzioni. Aspettando insieme il voto al Palazzo di Vetro
  Rai. Continua l'occupazione di parlamentari e dirigenti radicali della sede di Roma
  Pena di morte. Governo battuto all’unanimità alla Camera su moratoria Onu
  Pannella: oggi un evento politico senza precedenti nella storia del Parlamento Europeo
  Moratoria esecuzioni capitali. Lettera alla Merkel consegnata al Console tedesco a Milano
  Marco Pannella. Quando lo Stato è il vero Caino
  Mellana. Pena di morte
  Iran: droga e pena di morte. Grazie alla collaborazione dell'Italia?
  Radicali occupano la sede Rai di Viale Mazzini. Annunciata per domenica 3 giugno una manifestazione
  Moratoria delle esecuzioni capitali all’ONU
  Pena morte. Straordinaria adesione da tutto il mondo all'appello per la Moratoria subito
  Valter Vecellio. Moratoria Sciopero della fame Informazione. Lo stato dei fatti
  Moratoria sulla pena di morte. «Contro la strategia del rinvio»
  Pena di morte. I Radicali chiedono all'Ue di rispettare gli impegni presi e di sostenere la moratoria
  Pena di morte. Oggi conferenza stampa, domani diretta dalla sede radicale per il voto sulla moratoria
  Pena di morte, Pannella e Cappato: anche il Parlamento Europeo chiede una moratoria subito
  Moratoria: una vittoria del diritto e della vita, di tutti
  Pena di morte. Mandato unanime del CAGRE all'Italia e alla presidenza Ue per preparare il testo di risoluzione sulla Moratoria, da presentare all'Onu
  Pena di morte. Dai sindaci europei un appello per la moratoria delle esecuzioni
  Moratoria. Matteo Renzi: «Un’iniziativa nel segno della nonviolenza gandhiana»
  Moratoria. Veltroni: «Voglio dar vita ad una presa di posizione dei sindaci delle città europee»
  Romano Prodi. Moratoria pena di morte: è giunto il momento del “fare”
  Piero Capone. Punto economia. Primavera radicale
  Pena di morte. Raggiunto l'obiettivo della correzione di marcia sulla campagna per la Moratoria
  La Moratoria all’ONU. La parola a Prodi
  Valter Vecellio. Moratoria. A prescindere dal risultato…
  Pena di morte. Da stasera al 10 ottobre la Mole Antonelliana sarà rossa
  Pena di morte. L'Italia aiuta l'Iran a condannare i propri cittadini al patibolo. Interrogazione
  Anche Formigoni dopo Bresso e Chiamparino...
  Susanna Ricci. Il rapporto di Nessuno Tocchi Caino sulla pena di morte nel mondo
  La pena di morte nel mondo. Presentazione del Rapporto 2007 di “Nessuno tocchi Caino”
  Moratoria, sciopero della fame e della sete di Pannella
  Sciascia, Welby, Pannella, i temi della vita e della morte
  Pena di morte, Genova. «Grazie sindaco Vincenzi»
  “Vivo!” Kenneth Foster: la sua storia e la nostra storia
  Pena di morte. Zamparutti: i numeri per vincere all’Onu sulla moratoria
  «Moratoria, laicità-temi etici, giustizia, costo della politica, Turchia Israele e Marocco nell’UE»
  Cappato. Parlamento Europeo imbavagliato riuscirà ad esprimersi su Pena di Morte a Saddam?
  Moratoria universale delle esecuzioni capitali. Perché, da oggi, sciopero della sete
  Matteo Mecacci. Da Roma un altro passo verso la Moratoria
  Pena di morte: Bravo Prodi, ma ora non ti fermare
  Moratoria pena di morte. Lo sciopero della fame a oltranza prosegue
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy