Domenica , 15 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. Moratoria Sciopero della fame Informazione. Lo stato dei fatti 
Ognuno ne tragga le considerazioni che più ritiene opportuno e agisca come crede, può e sa
18 Settembre 2007
 

«Quelli che rendono impossibili le rivoluzioni pacifiche, rendono le rivoluzioni violente inevitabili». L’aforisma di John F. Kennedy viene in mente scorrendo una documentazione di questi giorni, resa pubblica, e per questo clandestina, silenziata.

 

Qualche giorno fa Sergio Stanzani (nella sua qualità di presidente del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Traspartito), Rita Bernardini ed Elisabetta Zamparutti (rispettivamente segretaria di Radicali italiani e tesoriera di Nessuno tocchi Caino e Radicali italiani); Marco Cappato (segretario dell’Associazione Luca Coscioni), Sergio D’Elia (segretario di Nessuno tocchi Caino), Maurizio Turco (parlamentare della Rosa nel Pugno) e chi scrive, anche a nome di quella “sporca dozzina” che è in sciopero della fame dal 2 settembre: Marco Pannella, Lucio Berté, Guido Biancardi, Sergio D’Elia, Marco Perduca, Michele Rana, Alessandro Rosasco, Antonio Stango, Claudia Sterzi, Dominique Velati), hanno inviato una lettera ai direttori dei quotidiani a stampa e radiotelevisivi, ai direttori di rete e di testata, al presidente della RAI. Questo il testo:

 

«Dalla mezzanotte del 2 settembre Marco Pannella, e altri dirigenti e militanti radicali conducono uno sciopero della fame, per ora non “ad oltranza”, per assicurare che una corretta risoluzione pro-moratoria universale sia depositata il 24 settembre, giorno dell’apertura della prossima Assemblea Generale dell’ONU. A questa iniziativa si sono associati più di cento persone che hanno aderito all’iniziativa per uno o più giorni.

I radicali chiedono al Governo di impegnarsi al massimo livello e con la massima urgenza e priorità, dopo il fallimento riportato con la 61ma Assemblea Generale, per scongiurare altri errori, ritardi e sconfitte.

Primi, importanti risultati conseguiti

Si sono conseguiti primi, importanti risultati:

- Il presidente del Consiglio Romano Prodi ha stabilito un importante e diretto contatto con il premier portoghese José Socrates, e il ministro degli Esteri Massimo D’Alema si è recato a Lisbona.

- La Farnesina è mobilitata nell’organizzazione di un grande evento a New York con i premi Nobel che hanno aderito alle iniziative pro-moratoria, in occasione dell’apertura dell’Assemblea Generale, e perché la risoluzione sia chiarissimamente per la moratoria universale delle esecuzioni capitali e sia presentata il 24 settembre prossimo.

- Martedì 11 settembre, nella riunione straordinaria congiunta delle commissioni Esteri di Camera e Senato, richiesta dal deputato radicale della RNP Sergio D’Elia, il Governo ha confermato di voler presentare all’apertura dell’Assemblea Generale la Risoluzione per la moratoria.

- Grazie al paziente lavoro di Emma Bonino, si registra il SI’ all’iniziativa pro-moratoria della Gran Bretagna; oggi Londra, come ieri Parigi e Madrid – sempre grazie a Emma – sostiene la posizione e l’iniziativa italiana e nostra.

Risultati che si aggiungono ad altri, non meno importanti e significativi, conseguiti nella scorsa primavera: mozioni ed impegni solennemente assunti dal Parlamento Europeo e dal Parlamento italiano.

Tutto questo è anche – se non soprattutto – il risultato dell’iniziativa nonviolenta radicale.

Si tratta di fatti, notizie che vengono sistematicamente silenziati.

Feroce, totale, odioso ostracismo di stampa e TV.

Nei confronti dell’iniziativa nonviolenta in corso, come per il tema più generale della moratoria si registra totale, feroce, odioso ostracismo da parte dei mezzi della comunicazione scritta – con l’unica eccezione del quotidiano Europa. Un ostracismo feroce e odioso ancor più inaccettabile quando viene praticato ed attuato dall’Ente Radio Televisivo di Stato, che viene meno, ancora una volta, alle sue funzioni di “servizio pubblico”, e contraddice clamorosamente i suoi stessi deliberati e non mantiene quanto era stato autorevolmente garantito dai suoi dirigenti, dopo l’occupazione nonviolenta della RAI da parte di dirigenti e militanti radicali nel giugno scorso. Saltuariamente, nelle reti RAI viene trasmesso uno spot, insipido e sbagliato nei contenuti, foglia di fico con cui qualcuno pensa di poter coprire le censure e le omissioni di cui è responsabile.

Una giornata speciale di mobilitazione RAI sulla moratoria.

Chiediamo che la RAI predisponga in tempi rapidi, e comunque prima del 24 settembre, “giornate speciali” tipo telethon, da spalmare nelle tre reti, dedicate al tema della moratoria, che rendano possibile un’effettiva conoscenza dei fatti e una sensibilizzazione su un tema che i sondaggi demoscopici dicono essere, comunque, già largamente condiviso. Queste giornate speciali costituirebbero un parziale risarcimento per le censure e le omissioni consumate in questi mesi rispetto all’obiettivo che la RAI dice di aver fatto suo; e rispetto al più elementare diritto all’informazione che – come in molte altre occasioni – è stato vistosamente e deliberatamente violato.

Opportune, necessarie e urgenti le dimissioni dell’intero CDA della Rai

Come radicali, per evidenti ragioni di opportunità politica, e per conquistare finalmente una governance efficace e trasparente della RAI, riteniamo opportune, necessarie e urgenti le dimissioni dell’intero CDA della Rai per uscire così dalle demagogie contrapposte, convergenti nei fatti quanto extraistituzionali, di queste ore.

Mobilitazione straordinaria.

Da parte nostra i soggetti dell’area radicale stanno già assicurando una mobilitazione straordinaria per il conseguimento di questo obiettivo, a sostegno della moratoria e dell’iniziativa nonviolenta di Marco Pannella e degli altri dirigenti radicali in sciopero della fame».

 

Il 14 settembre il presidente della RAI rispondeva con questa lettera:

 

«Cari amici, rispondo alla vostra del 12 settembre per la parte riguardante l’impegno della RAI intorno alla moratoria per la pena di morte, impegno che sappiamo bene essere doveroso da parte del servizio pubblico.

Confermo fin d’ora l’impegno delle testate giornalistiche televisive e radiofoniche della RAI, per assicurare il massimo dell’informazione sul tema anche in relazione al prossimo auspicato deposito, il 24 settembre, della risoluzione pro-moratoria in occasione dell’Assemblea Generale dell’ONU.

Aggiungo che – al di là della ripresa della campagna di spot dedicati all’argomento – la complessiva programmazione televisiva e radiofonica delle Reti TV e RF assicurerà nei propri spazi la più corretta e completa informazione e il necessario approfondimento in proposito, con particolare attenzione alle iniziative in corso per sensibilizzare la opinione pubblica intorno a un tema tanto importante. A garantire il tutto, c’è la vigilanza e il continuo stimolo della Direzione Generale.

Pregandovi di considerarci a disposizione per ogni suggerimento da parte vostra o per ogni chiarimento vogliate chiederci, vi saluto con cordialità».

 

Al presidente della RAI i sette firmatari della lettera hanno replicato così:

 

«Caro Presidente, con franchezza: la tua lettera è assolutamente insoddisfacente. Appena una decina di giorni ci separa dal 25 di settembre, giorno in cui il Governo italiano si è impegnato a presentare in sede ONU la risoluzione per la moratoria delle esecuzioni capitali nel mondo. Dal 2 settembre è in corso uno sciopero della fame di Marco Pannella e di un'altra decina di dirigenti e militanti radicali (a cui si sono aggiunti, per limitati periodi di tempo un centinaio di altre persone), proprio per dare forza e sostegno all'azione che il Governo si accinge a intraprendere. Il tutto tra la completa e feroce indifferenza dell'informazione pubblica radio-televisiva.

Scrivi, Presidente, che a garanzia dell’impegno che la RAI ha assunto – e che tuttavia ancora è rimasto una mera dichiarazione d’intenti – c’è la commissione parlamentare di vigilanza. Quest’ultima già dal 2 maggio scorso ha impegnato la RAI a organizzare con la massima urgenza spazi di approfondimento nelle fasce di massimo ascolto... sull'iniziativa per la moratoria mondiale della pena capitale, curando che questa informazione trovi spazio anche nelle principali edizioni dei telegiornali e che abbia luogo anche attraverso la promozione di eventi specifici o giornate speciali”.

Ricordiamo inoltre che il 6 giugno, dopo cinque giorni e cinque notte di “occupazione” degli uffici di viale Mazzini da parte di parlamentari e dirigenti radicali, la RAI non ha saputo far altro che impegnarsi a un piano di comunicazione assolutamente inadeguato ad informare l'opinione pubblica sulla moratoria.

Con la nostra precedente lettera abbiamo formalmente chiesto che la RAI dia finalmente pratica esecuzione a quanto ha - a parole - garantito e assicurato, suggerendo di allestire eventi speciali anche nella forma di giornate tematiche sul modello Telethon, da dedicare al tema.

La risposta Presidente, come abbiamo detto, è assolutamente inadeguata: non corrisponde agli impegni stabiliti dalla Commissione di vigilanza, e neppure a quelli assunti ripetiamo: a parole dalla stessa RAI, dalla quale ci aspettiamo, nelle prossime ore fatti concreti e adeguati all’urgenza e alla portata di un evento storico – la Moratoria mondiale della pena di morte – per il nostro Paese e l’intera comunità internazionale».

 

Per finire. In queste ore, chi scrive ha inviato una lettera aperta a Furio Colombo (Unità), Paolo Franchi (Il Riformista), Stefano Menichini (Europa), Federico Orlando (Europa), Antonio Padellaro (Unità):

 

«Da qualche giorno abbiamo lanciato quello che è un vero e proprio SOS Moratoria. I termini della questione, in estrema sintesi, sono questi: il 24 settembre si apre all’ONU la 62ma Sessione dell’Assemblea Generale: il giorno dopo, il 25, in occasione dell’inizio della riunione ministeriale, secondo quanto comunicato dal Governo l’11 settembre scorso nella riunione congiunta delle Commissioni Esteri di Camera e Senato, la Risoluzione pro-moratoria verrà depositata al Palazzo di Vetro.

Non si può però dimenticare che in 14 anni per ben tre volte l’approvazione della Risoluzione è stata compromessa da clamorosi errori e gravi ritardi, che per oltre un decennio ha impedito all’Assemblea Generale dell’ONU (dove i paesi membri mantenitori della pena di morte si sono ridotti a una cinquantina), di poter votare e approvare la Moratoria Universale delle esecuzioni capitali.

Siamo convinti che per ottenere la presentazione della Risoluzione pro moratoria all’apertura dell’Assemblea Generale, il 24 settembre, sia opportuna, necessaria e urgente la più ampia mobilitazione nonviolenta possibile; e per questo, dal 2 settembre, Marco Pannella e una dozzina di noi hanno cominciato uno sciopero della fame, cui si sono unite un centinaio di persone, per uno, due, tre giorni, una settimana; parallelamente è partita una sottoscrizione straordinaria, che è parte integrante dell’azione nonviolenta per sostenere il Partito Radicale e Nessuno Tocchi Caino.

Associarsi a questa iniziativa è molto semplice, basta andare al sito: www.radicali.it, ci sono tutte le indicazioni.

In queste settimane gran parlare (e scrivere) di “casta” e di arroganze, vere o presunte che siano, di politici e loro “cari”, preoccupati di garantirsi quote sempre maggiori di privilegi. Quante volte sentiamo dire: “tutti rubano”, “tutti sono ladri”, “è un gran magna magna”. Non è così, e accreditare questo tipo di immagini significa da una parte premiare chi, effettivamente fa della cosa pubblica un suo terreno di scorribanda e di caccia, e punire chi invece non partecipa al “banchetto” e anzi, cerca di contrastarlo come può e sa.

Indro Montanelli una volta disse, a proposito di Pannella e dei radicali che dissentiva da ciò che dicevano e facevano mille volte al giorno, ma riconosceva che odoravano di bucato pulito. E Leonardo Sciascia ha scritto che Pannella era l’unico uomo politico che conosceva, che aveva fatto del diritto e della legge la sua religione.

Sono “anomalie” di cui credo i radicali devono essere orgogliosi, su cui poco si riflette anche perché non se ne parla. Però significherà qualcosa che in cinquant’anni di vita non un dirigente o militante radicale è mai stato indagato, inquisito, processato, condannato per essersi appropriato di denaro pubblico, o per concussione o tangenti…

In tutta la loro storia i radicali hanno dovuto strappare con le unghie e con i denti spazi di informazione. E qui si torna all’appello fatto all’inizio: ogni cosa ha un suo costo, nessuna minestra è gratis. Per questa ragione quanti partecipano allo sciopero della fame, contribuiscono anche economicamente a sostenere questa grande iniziativa nonviolenta. Hanno deciso di dare per ogni giorno di digiuno l'equivalente (anche simbolico: ad esempio, dieci euro al giorno) del costo dei pasti, per “alimentare” non il proprio corpo, ma la propria speranza per un'umanità senza la pena di morte. Fa notizia, giustamente, chi ruba, chi si appropria dei beni pubblici, della collettività. E con il suo “fare” giustifica le demagogiche “sparate” alla Beppe Grillo. Poi ci sono bizzarri individui che la politica e le iniziative politiche se le pagano, euro dopo euro: i “matti” radicali che si stanno pagando la politica. Se non è ora il momento di aiutarci e aiutarsi, quando? Se non così, come?

Ps.: È velleitario, è assurdo, è irrealistico chiedere che la RAI predisponga, il tempi rapidi, e comunque prima del 24 settembre, giornate “speciali” tipo telethon, da spalmare nelle tre reti, da dedicare al tema della moratoria, che rendano possibile effettiva conoscenza dei fatti e sensibilizzazione? Queste giornate speciali costituirebbero un parziale risarcimento per le omissioni e le censure consumate in questi mesi rispetto all’obiettivo che la stessa RAI ha assicurato di aver fatto suo».

 

Europa ha ridotto la lettera, e pubblicato, il 15 settembre scorso, questo testo:

 

«Siamo convinti che per ottenere la presentazione della Risoluzione pro-moratoria all'apertura dell'Assemblea generale dell'ONU, il 24 settembre, sia opportuna, necessaria e urgente la più ampia mobilitazione nonviolenta possibile; e per questo, dal 2 settembre, Marco Pannella e una dozzina di noi radicali hanno cominciato uno sciopero della fame. Per associarsi a questa iniziativa basta andare al sito: www.radicali.it. Quanti partecipano allo sciopero della fame, contribuiscono anche economicamente a sostenere questa grande iniziativa nonviolenta di digiuno l'equivalente(anche simbolico: ad esempio, dieci euro al giorno), del costo dei pasti. Se non è ora il momento di aiutarci e aiutarsi, quando? Se non così, come?

Ps.: è velleitario, è assurdo chiedere che la RAI predisponga, in tempi rapidi giornate "speciali" tipo Telethon, da dedicare al tema della moratoria?».

 

Questa la documentazione. Ognuno ne tragga le considerazioni che più ritiene opportuno e agisca come crede, può e sa.

 

Valter Vecellio

(da Notizie radicali, 17 settembre 2007)


Articoli correlati

  Moratoria: una vittoria del diritto e della vita, di tutti
  Pena di morte. Raggiunto l'obiettivo della correzione di marcia sulla campagna per la Moratoria
  “Vivo!” Kenneth Foster: la sua storia e la nostra storia
  Pena di morte. Governo battuto all’unanimità alla Camera su moratoria Onu
  Pena di morte, Genova. «Grazie sindaco Vincenzi»
  Pannella: oggi un evento politico senza precedenti nella storia del Parlamento Europeo
  Pena di morte. Dai sindaci europei un appello per la moratoria delle esecuzioni
  Marco Pannella sospende dopo 183 ore lo sciopero della sete e prosegue quello della fame
  Moratoria esecuzioni capitali. Lettera alla Merkel consegnata al Console tedesco a Milano
  Pena di morte. L'Italia aiuta l'Iran a condannare i propri cittadini al patibolo. Interrogazione
  «Moratoria, laicità-temi etici, giustizia, costo della politica, Turchia Israele e Marocco nell’UE»
  Valter Vecellio. Moratoria. A prescindere dal risultato…
  Iran: droga e pena di morte. Grazie alla collaborazione dell'Italia?
  Pena di morte. Radicali: sconfitto l'anno del mai
  Pena di morte. Da stasera al 10 ottobre la Mole Antonelliana sarà rossa
  Paul Kagame. Perché il Ruanda ha abolito la pena di morte
  Anche Formigoni dopo Bresso e Chiamparino...
  Rai. Continua l'occupazione di parlamentari e dirigenti radicali della sede di Roma
  Radicali occupano la sede Rai di Viale Mazzini. Annunciata per domenica 3 giugno una manifestazione
  “Moratoria della pena di morte anche per Tareq Aziz”
  Pena di morte. Oggi conferenza stampa, domani diretta dalla sede radicale per il voto sulla moratoria
  Pena morte. Straordinaria adesione da tutto il mondo all'appello per la Moratoria subito
  Marco Pannella. Quando lo Stato è il vero Caino
  Pena di morte. Zamparutti: i numeri per vincere all’Onu sulla moratoria
  Moratoria. Matteo Renzi: «Un’iniziativa nel segno della nonviolenza gandhiana»
  Pena di morte: Nessuno Tocchi Caino lancia appello per una moratoria già da questa Assemblea generale
  Matteo Mecacci. Da Roma un altro passo verso la Moratoria
  Moratoria sulla pena di morte. «Contro la strategia del rinvio»
  Moratoria. Anche il Dalai Lama si appella a Prodi
  Marcia di Pasqua per la Moratoria delle esecuzioni capitali
  Romano Prodi. Moratoria pena di morte: è giunto il momento del “fare”
  Moratoria. Veltroni: «Voglio dar vita ad una presa di posizione dei sindaci delle città europee»
  Pena di morte. Radicali in sciopero della fame a oltranza per la Moratoria all’Onu subito
  Moratoria delle esecuzioni capitali all’ONU
  La pena di morte nel mondo. Presentazione del Rapporto 2007 di “Nessuno tocchi Caino”
  Moratoria pena di morte. Lo sciopero della fame a oltranza prosegue
  Moratoria esecuzioni. Aspettando insieme il voto al Palazzo di Vetro
  Non c’è solo il digiuno della “sporca dozzina”...
  La Moratoria all’ONU. La parola a Prodi
  Susanna Ricci. Il rapporto di Nessuno Tocchi Caino sulla pena di morte nel mondo
  Pena di morte: Bravo Prodi, ma ora non ti fermare
  Cappato. Parlamento Europeo imbavagliato riuscirà ad esprimersi su Pena di Morte a Saddam?
  Mellana. Pena di morte
  Sciascia, Welby, Pannella, i temi della vita e della morte
  Benedetto Della Vedova. Sulla moratoria delle esecuzioni capitali
  Pena di morte. I Radicali chiedono all'Ue di rispettare gli impegni presi e di sostenere la moratoria
  Moratoria universale delle esecuzioni capitali. Perché, da oggi, sciopero della sete
  Moratoria, sciopero della fame e della sete di Pannella
  Piero Capone. Punto economia. Primavera radicale
  Pena di morte, Pannella e Cappato: anche il Parlamento Europeo chiede una moratoria subito
  Pena di morte. Mandato unanime del CAGRE all'Italia e alla presidenza Ue per preparare il testo di risoluzione sulla Moratoria, da presentare all'Onu
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy