Giovedì , 27 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Matteo Mecacci. Da Roma un altro passo verso la Moratoria 
Ma ancora non basta per sconfiggere l’ostruzionismo europeo
02 Settembre 2007
 

Ieri è stata sicuramente una giornata importante per la campagna radicale per la moratoria universale delle esecuzioni capitali visto a Roma il Presidente del Consiglio Romano Prodi ha consegnato il premio “abolizionista dell’anno” di Nessuno Tocchi Caino al Presidente del Rwanda Paul Kagame, che è stato appunto recentemente protagonista promotore dell’abolizione della pena di morte in quel paese.

Tuttavia, va riscontrato che il Presidente del Consiglio Romano Prodi non è andato oltre un importante, ma non definito, chiaro e rinnovato impegno del Governo italiano sul fronte della moratoria delle esecuzioni. Come infatti ho ricordato ieri a Radio Radicale notizie importanti sul fronte di questa battaglia iniziano ad arrivare anche da New York e dalle Nazioni Unite dove nei giorni scorsi, si è svolto il primo incontro tra il Portogallo in qualità di Presidente dell’Unione Europea e un primo gruppo di paesi appartenenti ad altre regioni per discutere il testo della risoluzione sulla pena di morte che dovrà essere presentato all’inizio della prossima Assemblea Generale dell’ONU che si apre qui a New York il 24 settembre.

Innanzitutto, va detto che l’Unione Europea ha finora scelto incredibilmente di escludere da questo primo gruppo di paesi coautori della risoluzione due paesi fondamentali nella battaglia per la moratoria delle esecuzioni capitali e cioè Sudafrica e Russia; un’esclusione che rischia di essere politicamente suicida visto che rende molto più difficile la raccolta di sostegni sulla risoluzione in molti paesi africani e nell’area di influenza russa, in particolare nell’Asia centrale.

Ma ciò che è più grave è che l’Unione Europea si è presentata a questo appuntamento qui a New York con un testo di risoluzione che, smentendo quanto richiesto a più riprese dal Parlamento Europeo e dal Parlamento Italiano, privilegia l’obiettivo dell’abolizione totale della pena di morte rispetto a quello della moratoria delle esecuzioni. Come da molte settimane abbiamo denunciato, e in particolare lo ha fatto Marco Pannella, questa scelta dell’Unione Europea avrebbe avuto l’effetto di dividere il fronte dei paesi pro moratoria, con il rischio quindi di determinare l’ennesimo fallimento, o a questo punto sarebbe forse meglio dire l’ennesimo episodio di boicottaggio, di questa campagna, proprio da parte di chi come l’Unione Europea ogni giorno non esita a chiedere a tutti di abolire immediatamente la pena di morte, non comprendendo come invece la richiesta di una moratoria delle esecuzioni sia stata storicamente e sia ancora oggi lo strumento che si e’ rivelato più efficace nel raggiungere l’obiettivo anche della sua abolizione completa.

E comunque, come volevasi dimostrare, nella riunione svoltasi a New York si è avuta conferma di ciò che era noto da tempo, e cioè che alcuni paesi sia asiatici che dell’America Latina, in particolare le Filippine e il Messico, considerano il testo di risoluzione proposto dall’Unione Europea espressione del “fondamentalismo abolizionista”, e perciò hanno già proposto degli emendamenti che rimettono l’obiettivo della moratoria delle esecuzioni al centro di questa iniziativa. Un obiettivo questo che per mesi è stato condiviso dal Presidente del Consiglio italiano, ma che il nostro Governo non è riuscito a far prevalere in sede Europea dove, peraltro, la settimana prossima si tornerà ad affrontare questo nodo politico irrisolto e dove, senza adeguato impegno e preparazione da parte dell’Italia, il fronte dei paesi fondamentalisti rischia di prevalere per l’ennesima volta dopo che per 14 anni è riuscito a impedire all’Assemblea Generale di proclamare la moratoria.

Di fronte a tutto questo la necessità di una ripresa diretta di impegno prioritario dei radicali è nelle cose, ed ancora una volta occorre che accada per ottenere il possibile contro ciò che invece appare probabile, e cioè l’insabbiamento di questa campagna. Per questo è essenziale che come è stato annunciato ieri da Marco Pannella alla fine della presentazione del rapporto, se ne discuta già dalle prossime ore.

 

Matteo Mecacci

(da Notizie radicali, 31 agosto 2007)


Foto allegate

Articoli correlati

  Mellana. Pena di morte
  Pena di morte. Radicali in sciopero della fame a oltranza per la Moratoria all’Onu subito
  Pena di morte: Bravo Prodi, ma ora non ti fermare
  «Moratoria, laicità-temi etici, giustizia, costo della politica, Turchia Israele e Marocco nell’UE»
  Pena di morte. L'Italia aiuta l'Iran a condannare i propri cittadini al patibolo. Interrogazione
  Non c’è solo il digiuno della “sporca dozzina”...
  Cappato. Parlamento Europeo imbavagliato riuscirà ad esprimersi su Pena di Morte a Saddam?
  Pena morte. Straordinaria adesione da tutto il mondo all'appello per la Moratoria subito
  “Vivo!” Kenneth Foster: la sua storia e la nostra storia
  Radicali occupano la sede Rai di Viale Mazzini. Annunciata per domenica 3 giugno una manifestazione
  Pena di morte: Nessuno Tocchi Caino lancia appello per una moratoria già da questa Assemblea generale
  Pena di morte, Genova. «Grazie sindaco Vincenzi»
  Susanna Ricci. Il rapporto di Nessuno Tocchi Caino sulla pena di morte nel mondo
  Piero Capone. Punto economia. Primavera radicale
  Moratoria: una vittoria del diritto e della vita, di tutti
  Marco Pannella sospende dopo 183 ore lo sciopero della sete e prosegue quello della fame
  Moratoria esecuzioni capitali. Lettera alla Merkel consegnata al Console tedesco a Milano
  Paul Kagame. Perché il Ruanda ha abolito la pena di morte
  Pannella: oggi un evento politico senza precedenti nella storia del Parlamento Europeo
  “Moratoria della pena di morte anche per Tareq Aziz”
  Iran: droga e pena di morte. Grazie alla collaborazione dell'Italia?
  Anche Formigoni dopo Bresso e Chiamparino...
  Benedetto Della Vedova. Sulla moratoria delle esecuzioni capitali
  Moratoria esecuzioni. Aspettando insieme il voto al Palazzo di Vetro
  Moratoria. Matteo Renzi: «Un’iniziativa nel segno della nonviolenza gandhiana»
  Pena di morte. Radicali: sconfitto l'anno del mai
  Moratoria. Anche il Dalai Lama si appella a Prodi
  Moratoria pena di morte. Lo sciopero della fame a oltranza prosegue
  Moratoria sulla pena di morte. «Contro la strategia del rinvio»
  Marco Pannella. Quando lo Stato è il vero Caino
  Marcia di Pasqua per la Moratoria delle esecuzioni capitali
  Rai. Continua l'occupazione di parlamentari e dirigenti radicali della sede di Roma
  Pena di morte. Dai sindaci europei un appello per la moratoria delle esecuzioni
  Pena di morte. Governo battuto all’unanimità alla Camera su moratoria Onu
  Moratoria. Veltroni: «Voglio dar vita ad una presa di posizione dei sindaci delle città europee»
  Valter Vecellio. Moratoria Sciopero della fame Informazione. Lo stato dei fatti
  Moratoria delle esecuzioni capitali all’ONU
  Romano Prodi. Moratoria pena di morte: è giunto il momento del “fare”
  Pena di morte. Raggiunto l'obiettivo della correzione di marcia sulla campagna per la Moratoria
  Pena di morte. Zamparutti: i numeri per vincere all’Onu sulla moratoria
  La Moratoria all’ONU. La parola a Prodi
  Valter Vecellio. Moratoria. A prescindere dal risultato…
  Pena di morte. Da stasera al 10 ottobre la Mole Antonelliana sarà rossa
  La pena di morte nel mondo. Presentazione del Rapporto 2007 di “Nessuno tocchi Caino”
  Moratoria, sciopero della fame e della sete di Pannella
  Sciascia, Welby, Pannella, i temi della vita e della morte
  Moratoria universale delle esecuzioni capitali. Perché, da oggi, sciopero della sete
  Pena di morte. Oggi conferenza stampa, domani diretta dalla sede radicale per il voto sulla moratoria
  Pena di morte. I Radicali chiedono all'Ue di rispettare gli impegni presi e di sostenere la moratoria
  Pena di morte. Mandato unanime del CAGRE all'Italia e alla presidenza Ue per preparare il testo di risoluzione sulla Moratoria, da presentare all'Onu
  Pena di morte, Pannella e Cappato: anche il Parlamento Europeo chiede una moratoria subito
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy