Venerdì , 20 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Moratoria universale delle esecuzioni capitali. Perché, da oggi, sciopero della sete
30 Maggio 2007
 

Marco Pannella, Sergio D'Elia e gli altri dirigenti e militanti radicali impegnati dal 16 aprile in uno sciopero della fame ad oltranza, dopo gli annunci dei giorni scorsi, hanno ribadito al Presidente del Consiglio Prodi e al Ministro degli Esteri D’Alema la fiducia nell'azione del Governo italiano sull'obiettivo della moratoria universale delle esecuzioni capitali e coerentemente cercano di conferire loro anche la fame e sete di nonviolenza, di giustizia e di pace iniziando da oggi uno sciopero totale della fame e della sete.

Le ragioni e l'obiettivo di questo accresciuto impegno sono state spiegate in una lettera di Marco Pannella, resa pubblica ieri attraverso i siti radicali, che riportiamo integralmente di seguito.

 

 

Roma, 29 maggio 2007

Da domani, dunque, dal gruppo di esponenti e militanti radicali impegnati nell’iniziativa di “sciopero della fame ad oltranza” s’aggiunge anche un passaggio alla forma estrema di sciopero totale della fame e della sete.

Occorre dire chiaramente che, malgrado il successo del CAGRE a Bruxelles del 14 maggio, si sta riprecipitando nelle sabbie mobili che tendono a ingoiare, a seppellire per la tredicesima volta in tredici anni il diritto-dovere dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite di proclamare la Moratoria Universale sulla pena di morte, e di votare una apposita Risoluzione.

Ancora oggi, infatti, dieci mesi dopo esser stata per l’ennesima volta richiesta dal Parlamento italiano, dopo cinque mesi da quando è stato richiesto per la prima volta, deliberato dal Parlamento Europeo, questa Risoluzione proclamata, il 2 gennaio e solennemente proclamata dal Governo Italiano come suo obiettivo e suo impegno non solo non è stata ancora votata, o discussa, o anche solo ricevuta dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite attualmente ancora in corso per qualche settimana, ma semplicemente non esiste.

Il Governo italiano pur sostenuto in questa da uno straordinario sostegno dell’intero Parlamento europeo da dichiarazioni a gogò della Presidenza in esercizio del Consiglio, dalla Commissione Barroso, dal Segretario Generale dell’ONU, ha dovuto fare i conti (ormai è necessario denunciarlo ad alta voce) con il proseguirsi, il confermarsi di un inspiegabile tanto quanto feroce ed efficace ostracismo volto sin dal 1994 a impedire la proclamazione della Moratoria Universale della pena di morte con il voto di una sua solenne Risoluzione al riguardo.

In extremis, sostenuto dal Parlamento italiano, dal Movimento radicale di Nessuno tocchi Caino e del Partito Radicale Transnazionale, il Governo italiano era riuscito, con l’esibito sostegno della Presidenza tedesca, ad ottenere finalmente il mandato di organizzare la presentazione all’Assemblea Generale dell’ONU, attualmente ancora in corso, della Risoluzione sulla Moratoria Universale.

Questo, sulla base della co-sponsorship dei più autorevoli rappresentanti degli Stati Membri delle varie Regioni costituite dell’ONU.

Ad oggi, non risulta che il Governo italiano abbia ottenuto la necessaria approvazione della presidenza del Consiglio in Europeo in esercizio, su una qualsiasi testo di Risoluzione.

In tal modo viene beffato persino il parere unanime dei ventisette Ministri europei costituenti il CAGRE.

Siamo ormai certi che ci si avvia a “constatare con rammarico” che i tempi sono ormai scaduti perché si compia l’obiettivo del voto della Moratoria da Parte della presente assemblea generale delle N.U.

Resta, infatti, un complesso ed enorme lavoro da compiere, quindi, in circa dieci giorni, quello stesso per il quale si sono letteralmente persi cinque mesi, aggiuntisi ai precedenti tredici anni di efficace ostruzionismo.

Per questo noi riteniamo doveroso aggravare ancora lo sforzo estremo nel quale siamo impegnati; sforzo di sostegno all’opera ed all’obiettivo del governo italiano. È quanto esige la forza e la moralità della nonviolenza radicale.

Ripetiamolo: il nostro sforzo è volto a sostenere il Governo italiano.

Il 2 gennaio la partita ingaggiata, anche su mandato del nostro Parlamento e con l’immediato sostegno successivo dalla unanimità di tutti i gruppi del Parlamento europeo, venne assunta in una condizione oggettiva favorevolissima, politicamente e tecnicamente anche facilissima.

Non è possibile rassegnarsi, subirne la dissipazione senza assumere una responsabilità forse senza precedenti.

In queste stesse ore, a Berlino, in primo luogo a Bruxelles, a New York e a Roma occorre finirla con questo menare il can per l’aia. Subirlo, anziché riuscire ad imporne la definitiva, positiva conclusione vorrebbe semplicemente significare che siamo, come Europa, come Italia, un’Europa e un’Italia istituzionali proprio buone a niente. La responsabilità, il prestigio la serietà dell’Italia istituzionale si traducono con responsabilità formale e sostanziale del Governo, nel bene e nel peggio. Per questo rivolgiamo anche un appello a tutte, diciamo proprio tutte le altre forze, istituzionali, politiche, morali, individuali o collettive che siano per sostenere in queste ore, diciamo proprio: ore, di uscire dal torpore, dall’estraneità, dalla distanza nella quale ci e si immergono.

Al Presidente del Consiglio Prodi, al Ministro degli Esteri D’Alema ribadiamo la nostra fiducia e coerentemente cerchiamo di conferire loro anche la nostra fame e sete di nonviolenza, di giustizia e di pace.

Ma se tutti insieme fallissimo, ancora una volta non avremmo più, certo, nessun motivo di restare, in qualsiasi modo insieme. L’unità di buoni a niente è men, peggio che niente. Forza e auguri!

 

Marco Pannella


Articoli correlati

  Moratoria: una vittoria del diritto e della vita, di tutti
  Moratoria pena di morte. Lo sciopero della fame a oltranza prosegue
  Moratoria. Anche il Dalai Lama si appella a Prodi
  Pena di morte. Zamparutti: i numeri per vincere all’Onu sulla moratoria
  Pena di morte. Raggiunto l'obiettivo della correzione di marcia sulla campagna per la Moratoria
  Moratoria. Veltroni: «Voglio dar vita ad una presa di posizione dei sindaci delle città europee»
  “Vivo!” Kenneth Foster: la sua storia e la nostra storia
  Pena di morte. Governo battuto all’unanimità alla Camera su moratoria Onu
  Pena di morte, Genova. «Grazie sindaco Vincenzi»
  Pannella: oggi un evento politico senza precedenti nella storia del Parlamento Europeo
  Pena di morte. Dai sindaci europei un appello per la moratoria delle esecuzioni
  Marco Pannella sospende dopo 183 ore lo sciopero della sete e prosegue quello della fame
  Moratoria esecuzioni capitali. Lettera alla Merkel consegnata al Console tedesco a Milano
  «Moratoria, laicità-temi etici, giustizia, costo della politica, Turchia Israele e Marocco nell’UE»
  Valter Vecellio. Moratoria. A prescindere dal risultato…
  Iran: droga e pena di morte. Grazie alla collaborazione dell'Italia?
  Pena di morte. Radicali: sconfitto l'anno del mai
  Pena di morte. Da stasera al 10 ottobre la Mole Antonelliana sarà rossa
  Paul Kagame. Perché il Ruanda ha abolito la pena di morte
  Pena di morte. I Radicali chiedono all'Ue di rispettare gli impegni presi e di sostenere la moratoria
  Anche Formigoni dopo Bresso e Chiamparino...
  Rai. Continua l'occupazione di parlamentari e dirigenti radicali della sede di Roma
  Radicali occupano la sede Rai di Viale Mazzini. Annunciata per domenica 3 giugno una manifestazione
  “Moratoria della pena di morte anche per Tareq Aziz”
  Marco Pannella. Quando lo Stato è il vero Caino
  Pena morte. Straordinaria adesione da tutto il mondo all'appello per la Moratoria subito
  Valter Vecellio. Moratoria Sciopero della fame Informazione. Lo stato dei fatti
  Pena di morte: Nessuno Tocchi Caino lancia appello per una moratoria già da questa Assemblea generale
  Matteo Mecacci. Da Roma un altro passo verso la Moratoria
  Moratoria sulla pena di morte. «Contro la strategia del rinvio»
  Moratoria, sciopero della fame e della sete di Pannella
  Marcia di Pasqua per la Moratoria delle esecuzioni capitali
  Romano Prodi. Moratoria pena di morte: è giunto il momento del “fare”
  Pena di morte. Radicali in sciopero della fame a oltranza per la Moratoria all’Onu subito
  Moratoria delle esecuzioni capitali all’ONU
  La pena di morte nel mondo. Presentazione del Rapporto 2007 di “Nessuno tocchi Caino”
  Moratoria esecuzioni. Aspettando insieme il voto al Palazzo di Vetro
  Non c’è solo il digiuno della “sporca dozzina”...
  La Moratoria all’ONU. La parola a Prodi
  Susanna Ricci. Il rapporto di Nessuno Tocchi Caino sulla pena di morte nel mondo
  Pena di morte: Bravo Prodi, ma ora non ti fermare
  Pena di morte. Oggi conferenza stampa, domani diretta dalla sede radicale per il voto sulla moratoria
  Pena di morte. L'Italia aiuta l'Iran a condannare i propri cittadini al patibolo. Interrogazione
  Mellana. Pena di morte
  Pena di morte, Pannella e Cappato: anche il Parlamento Europeo chiede una moratoria subito
  Sciascia, Welby, Pannella, i temi della vita e della morte
  Benedetto Della Vedova. Sulla moratoria delle esecuzioni capitali
  Cappato. Parlamento Europeo imbavagliato riuscirà ad esprimersi su Pena di Morte a Saddam?
  Piero Capone. Punto economia. Primavera radicale
  Pena di morte. Mandato unanime del CAGRE all'Italia e alla presidenza Ue per preparare il testo di risoluzione sulla Moratoria, da presentare all'Onu
  Moratoria. Matteo Renzi: «Un’iniziativa nel segno della nonviolenza gandhiana»
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy