Lunedì , 19 Agosto 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Moratoria delle esecuzioni capitali all’ONU 
Risoluzione di Radicali italiani sulla Campagna
27 Giugno 2007
 

La Direzione di Radicali Italiani

 

Accoglie con favore la decisione presa lo scorso 18 Giugno dal Consiglio Affari Generali per le Relazioni Esterne dell’Unione Europea (CAGRE), di presentare una Risoluzione contro la pena di morte alla 62ma sessione dell’Assemblea Generale dell’ONU. Questa decisione rappresenta un primo ed importante successo che interrompe oltre un decennio di rinvii, incertezze e mancate decisioni da parte dell’Unione Europea e che ci avvicina al momento in cui sarà finalmente consentito all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite di proclamare – esprimendo una maggioranza che già esiste da tempo - la Moratoria Universale della Pena di Morte.

Un risultato tanto più importante in quanto lo scorso 18 giugno, l’Unione Europea ha deciso la presentazione della Risoluzione non a proprio nome, ma nell’ambito di una coalizione transregionale, e cioè decidendo di coinvolgere a fianco di quei paesi che all’interno dell’UE sono i leader di questa battaglia, un numero significativo di paesi che appartengono a regioni diverse del mondo, dove peraltro il numero degli Stati abolizionisti o che praticano la Moratoria delle esecuzioni è cresciuto in modo esponenziale nel corso degli ultimi anni.

 

Radicali Italiani, in coordinamento con tutti i soggetti politici dell’area radicale, a partire in primo luogo da Nessuno Tocchi Caino e dal Partito Radicale Transnazionale, ha contribuito al raggiungimento di questo primo importante risultato, sostenendo con determinazione l’azione del Governo Italiano, attraverso una campagna di mobilitazione internazionale durata molti mesi che si e’ articolata in iniziative istituzionali al Parlamento Europeo, Italiano e Britannico, lettere alla Presidenza tedesca dell’Unione Europea e a tutti i Ministri degli Esteri dell’UE, manifestazioni pubbliche, uno sciopero della fame ad oltranza condotto per oltre 60 giorni da 7 militanti e dirigenti radicali e per altri svariati giorni da oltre 300 cittadini e uno sciopero della fame e della sete condotto per 11 giorni (con una sospensione di due ore dopo 6 giorni) dal Parlamentare Europeo Marco Pannella; una mobilitazione che è culminata con un appello al Presidente del Consiglio italiano Romano Prodi, sottoscritto da 55 Premi Nobel, tra i quali i Premi Nobel per la Pace Lech Walesa, Desmond Tutu, Shirin Ebadi, il Dalai Lama, Jodi Williams, Betty Williams, Mairead Corrigan Maguire, Mikhail Gorbachev, John Hume, Wangari Maathai e da oltre 500 parlamentari.

 

Decisivo in sede europea è stato l’intervento del Ministro degli Esteri Francese Bernard Kouchner (foto) che, sollecitato in tal senso dal Ministro Emma Bonino, ha saputo rimuovere gli ostacoli burocratici che hanno finora impedito all’Unione Europea di assumere impegni formali per la presentazione della risoluzione per la Moratoria all’Assemblea Generale dell’ONU.

 

Adesso occorre agire immediatamente per ottenere che nelle prossime settimane si realizzi uno storico avanzamento del diritto internazionale verso l’affermazione dell’indisponibilità, per lo Stato, del diritto di vita, o di morte, sui propri cittadini. A questo fine il Governo Italiano e tutti i paesi membri dell’UE, fin dalle prossime ore dovrebbero adottare un piano d’azione che veda avviato da subito, sia nelle capitali che alle Nazioni Unite a New York, il lavoro per la presentazione della Risoluzione per la Moratoria della Pena di Morte, all’inizio della 62ma sessione dell’Assemblea Generale.

 

Per questo riteniamo che in occasione della riunione degli esperti dell’UE del 28 e 28 giugno, siano assunte le seguenti decisioni:

 

1) Paesi Presentatori. La coalizione transregionale, o mondiale, che dovrà presentare formalmente la Risoluzione – di cui faranno parte i paesi presentatori della risoluzione, i cosiddetti tablers – dovrà essere composta in numero uguale da paesi appartenenti a ciascun continente, in modo da esprimere e rappresentare, anche formalmente, il carattere universale di questa iniziativa. Inoltre, essendo l’Italia e la Francia i due paesi che più, e da più tempo, si sono impegnati all’interno dell’Unione Europea per vincere questa battaglia, riteniamo che siano i candidati naturali a rappresentare l’UE all’interno della coalizione dei paesi presentatori, essendo chiaro che tutti i paesi dell’EU saranno comunque cosponsor della Risoluzione, insieme a decine di altri paesi da tutto il mondo. Infine, riteniamo che l’Italia, in base al ruolo di leadership svolto su questo fronte da oltre un decennio, sia il candidato naturale a svolgere anche il ruolo di primo presentatore della Risoluzione, oltre che per condurre tutta l’attività di coordinamento di questa campagna, non solo all’interno dell’UE, ma anche in sede ONU;

 

2) Tempi e Procedure. È indispensabile che il mese di luglio veda un impegno prioritario nella raccolta dei paesi cosponsor della Risoluzione in modo che, con l’apertura della 62ma Sessione dell’Assemblea Generale il prossimo Settembre, la presentazione della Risoluzione per la Moratoria possa essere già sostenuta, come è possibile, da molte decine di paesi, per essere poi presentata formalmente presso il Terzo Comitato dell’Assemblea Generale dell’ONU nella prima decade di ottobre, ed essere così portata al voto il prima possibile. Ogni ritardo o rinvio dell’inizio di questo lavoro nella raccolta dei cosponsor, sia a New York che nelle capitali, renderebbero impossibile il voto sulla Risoluzione entro la fine della Sessione principale dell’Assemblea Generale dell’ONU (a dicembre), e rappresenterebbe un ennesimo ritardo burocratico e una clamorosa smentita del mandato politico che i Ministri degli Esteri dell’UE riuniti a Lussemburgo lo scorso 18 Giugno hanno chiaramente dato.

 

(Primo firmatario Matteo Mecacci, Risoluzione approvata all’unanimità dalla Direzione di Radicali Italiani del 23 giugno 2007)

 

(da Notizie radicali, 26 giugno 20007)


Articoli correlati

  Cappato. Parlamento Europeo imbavagliato riuscirà ad esprimersi su Pena di Morte a Saddam?
  Iran: droga e pena di morte. Grazie alla collaborazione dell'Italia?
  Pannella: oggi un evento politico senza precedenti nella storia del Parlamento Europeo
  Valter Vecellio. Moratoria. A prescindere dal risultato…
  Pena di morte. Zamparutti: i numeri per vincere all’Onu sulla moratoria
  Moratoria. Matteo Renzi: «Un’iniziativa nel segno della nonviolenza gandhiana»
  Moratoria: una vittoria del diritto e della vita, di tutti
  Radicali occupano la sede Rai di Viale Mazzini. Annunciata per domenica 3 giugno una manifestazione
  «Moratoria, laicità-temi etici, giustizia, costo della politica, Turchia Israele e Marocco nell’UE»
  Pena di morte. Raggiunto l'obiettivo della correzione di marcia sulla campagna per la Moratoria
  “Vivo!” Kenneth Foster: la sua storia e la nostra storia
  Anche Formigoni dopo Bresso e Chiamparino...
  Pena di morte. I Radicali chiedono all'Ue di rispettare gli impegni presi e di sostenere la moratoria
  Pena di morte, Pannella e Cappato: anche il Parlamento Europeo chiede una moratoria subito
  Pena di morte, Genova. «Grazie sindaco Vincenzi»
  Pena di morte. Dai sindaci europei un appello per la moratoria delle esecuzioni
  Moratoria esecuzioni capitali. Lettera alla Merkel consegnata al Console tedesco a Milano
  Marco Pannella sospende dopo 183 ore lo sciopero della sete e prosegue quello della fame
  “Moratoria della pena di morte anche per Tareq Aziz”
  Pena di morte. Radicali: sconfitto l'anno del mai
  Moratoria pena di morte. Lo sciopero della fame a oltranza prosegue
  Pena di morte. Da stasera al 10 ottobre la Mole Antonelliana sarà rossa
  Paul Kagame. Perché il Ruanda ha abolito la pena di morte
  Marco Pannella. Quando lo Stato è il vero Caino
  Rai. Continua l'occupazione di parlamentari e dirigenti radicali della sede di Roma
  Pena morte. Straordinaria adesione da tutto il mondo all'appello per la Moratoria subito
  Valter Vecellio. Moratoria Sciopero della fame Informazione. Lo stato dei fatti
  Pena di morte. Governo battuto all’unanimità alla Camera su moratoria Onu
  Pena di morte. L'Italia aiuta l'Iran a condannare i propri cittadini al patibolo. Interrogazione
  Matteo Mecacci. Da Roma un altro passo verso la Moratoria
  Moratoria sulla pena di morte. «Contro la strategia del rinvio»
  Marcia di Pasqua per la Moratoria delle esecuzioni capitali
  Romano Prodi. Moratoria pena di morte: è giunto il momento del “fare”
  Pena di morte. Radicali in sciopero della fame a oltranza per la Moratoria all’Onu subito
  Moratoria. Anche il Dalai Lama si appella a Prodi
  La pena di morte nel mondo. Presentazione del Rapporto 2007 di “Nessuno tocchi Caino”
  Moratoria esecuzioni. Aspettando insieme il voto al Palazzo di Vetro
  Non c’è solo il digiuno della “sporca dozzina”...
  La Moratoria all’ONU. La parola a Prodi
  Susanna Ricci. Il rapporto di Nessuno Tocchi Caino sulla pena di morte nel mondo
  Pena di morte. Oggi conferenza stampa, domani diretta dalla sede radicale per il voto sulla moratoria
  Pena di morte: Bravo Prodi, ma ora non ti fermare
  Mellana. Pena di morte
  Pena di morte: Nessuno Tocchi Caino lancia appello per una moratoria già da questa Assemblea generale
  Moratoria. Veltroni: «Voglio dar vita ad una presa di posizione dei sindaci delle città europee»
  Sciascia, Welby, Pannella, i temi della vita e della morte
  Benedetto Della Vedova. Sulla moratoria delle esecuzioni capitali
  Moratoria universale delle esecuzioni capitali. Perché, da oggi, sciopero della sete
  Moratoria, sciopero della fame e della sete di Pannella
  Piero Capone. Punto economia. Primavera radicale
  Pena di morte. Mandato unanime del CAGRE all'Italia e alla presidenza Ue per preparare il testo di risoluzione sulla Moratoria, da presentare all'Onu
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy