Martedì , 07 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Romano Prodi. Moratoria pena di morte: è giunto il momento del “fare”
30 Agosto 2007
 

Gli italiani hanno compreso prima di altri il valore civile e morale di una battaglia contro la pena capitale. E il nostro paese ha il merito, fin dal 1994 e grazie a tutti i governi che si sono da allora succeduti, di aver guidato la lotta contro la pena di morte nel mondo, registrando sulla nostra proposta di moratoria universale il sostegno dell’opinione pubblica, una convergenza straordinaria in Parlamento di forze politiche sia di maggioranza sia di opposizione e incontrando negli anni il crescente sostegno di paesi in ogni continente. Con l’abolizione della pena di morte dai codici militari nel 1994, l’Italia infatti non solo cancellava l’ultimo retaggio ancora presente nell’ordinamento interno, ma intraprendeva un percorso che l’ha portata ad essere il paese che più ha fatto in concreto, nelle sedi internazionali e nei confronti di paesi mantenitori, per fermare le esecuzioni capitali.

 

Una Risoluzione per la moratoria fu presentata per la prima volta all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite già nel 1994. Anche se battuta (per soli otto voti!), ciò non impedì alla Commissione dell’ONU per i diritti umani, tre anni dopo, e su iniziativa del Governo da me presieduto, di approvare a maggioranza assoluta una risoluzione che chiede «una moratoria delle esecuzioni capitali, in vista della completa abolizione della pena di morte». Con ciò per la prima volta, un organismo delle Nazioni Unite stabiliva che la questione della pena di morte attiene alla sfera dei diritti umani e che la sua abolizione costituisce «un rafforzamento della dignità umana e un progresso dei diritti umani fondamentali». Da allora, per nove anni, la Risoluzione è stata ininterrottamente approvata a Ginevra, ed è anche grazie a questo se la situazione della pena di morte è oggi decisamente mutata, con abolizioni e moratorie stabilite ovunque nel mondo che hanno salvato dal patibolo migliaia di persone.

 

In questi anni l’Italia ha fatto valere la sua posizione contraria alla pena di morte anche nei confronti dei paesi che ancora la praticano. Il 25 giugno 1996, con una sentenza storica, la Corte Costituzionale del nostro paese ha posto una riserva assoluta a estradare verso i paesi mantenitori persone che lì rischiano di essere condannate a morte, italiani o stranieri che siano, che risiedano o vivano sul nostro territorio. Un paese che ha abolito totalmente la pena di morte – stabilisce la Corte – non può cooperare alla sua applicazione ovunque nel mondo.

 

È giunto ora il tempo di affrontare il passaggio decisivo per portare a compimento la nostra iniziativa: la moratoria universale delle esecuzioni capitali. L’impegno mio e del Governo affinché questa moratoria venga attuata, è forte, sulla base anche della decisa mobilitazione del Parlamento Italiano. Su questo tema ho chiesto innanzitutto uno sforzo dei paesi europei a riaprire la questione in Assemblea generale alle Nazioni Unite. Abbiamo in questi mesi ingaggiato una significativa azione a Bruxelles e a livello internazionale e con la nostra proposta di moratoria ci siamo confermati capofila di una grande battaglia di civiltà. Sono per questo particolarmente soddisfatto per la decisione presa il 18 giugno scorso dall’Unione Europea di presentare, nell’ambito di un’alleanza interregionale la risoluzione per la moratoria delle esecuzioni capitali all’apertura della prossima sessione all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. È stato un grande successo dell’Italia, delle associazioni, di chi su questo non ha mai cessato di battersi, del Parlamento e del Governo. Ritengo doveroso ringraziare il ministro Massimo D’Alema per aver insistito coi paesi partner europei sull’esigenza di procedere il più presto possibile con un atto concreto per una battaglia di civiltà che ci vede in prima linea.

 

L’Italia e l’Europa non sono sole. Molti paesi nelle diverse aree del mondo hanno nel frattempo deciso di sostenere la nostra iniziativa. Nel gennaio scorso, intervenendo al vertice dell’Unione Africana ad Addis Abeba, ho rivolto un appello ai leader africani a lavorare insieme sulla moratoria universale. Ritengo particolarmente straordinario l’impegno dell’Africa: Sud Africa, Mozambico, Angola, Senegal, ma anche paesi come la Liberia, la Repubblica Democratica del Congo e il Ruanda, che nella loro storia recente hanno conosciuto le più gravi violazioni al diritto umanitario internazionale, si sono uniti alla nostra campagna globale. Con questo impegno l’Africa dimostra di non voler più essere solo terra di colpi di stato, di esecuzioni sommarie e di esecuzioni capitali; anzi, di essere capace di lanciare al mondo anche segnali di nonviolenza e messaggi di civiltà. Il conferimento al presidente Paul Kagame del premio di Nessuno tocchi Caino “l’Abolizionista dell’Anno”, coglie lo straordinario valore simbolico, oltre che giuridico e politico, dell’abolizione della pena di morte in Ruanda, una terra dove la catena perpetua della vendetta e l’eterna vicenda di Caino e Abele hanno avuto forse una delle rappresentazioni più tragiche e attuali. L’esempio del Ruanda e di altri paesi africani dilaniati dalla violenza, spesso fratricida, è espressione di una via da seguire per giungere alla fine della pena capitale nel mondo. Chiedere l’abolizione tout court in situazioni particolari come quelle di paesi nei quali vige uno stato di emergenza o sono in corso conflitti internazionali o sono appena terminate guerre civili, sarebbe una mera petizione di principio. La moratoria universale decisa dalle Nazioni Unite, invece, può essere una via pragmatica ed efficace contro questo flagello.

 

Conseguire l’obiettivo di una moratoria avrà un significato politico di enorme portata. Una decisione a favore della moratoria in vista dell’abolizione da parte dell’organismo maggiormente rappresentativo della Comunità internazionale, presa anche solo a maggioranza, avrà l’indiscutibile effetto di consolidare l’opinione mondiale della necessità di mettere al bando le esecuzioni capitali così contribuendo allo sviluppo dell’intero sistema dei diritti umani. Molte e autorevoli voci si sono levate in Italia e nel mondo a sostegno di questa battaglia di civiltà. Di questo vorrei ringraziare i Premi Nobel e le prestigiose personalità internazionali che nei mesi scorsi, rivolgendomi un appello personale, hanno sostenuto il Governo in questa iniziativa, e tutti gli esponenti del Partito Radicale e di Nessuno tocchi Caino, a partire da Marco Pannella, che su questo obiettivo continuano la loro lotta nonviolenta a testimonianza di uno straordinario impegno politico e civile.

 

Romano Prodi

 

 

NOTA. Prefazione al volume La pena di morte nel mondo. Rapporto 2007, a cura di Elisabetta Zamparutti, Reality Book, 18 euro.


Articoli correlati

  Pena di morte. Radicali: sconfitto l'anno del mai
  Pena di morte. Radicali in sciopero della fame a oltranza per la Moratoria all’Onu subito
  Benedetto Della Vedova. Sulla moratoria delle esecuzioni capitali
  “Vivo!” Kenneth Foster: la sua storia e la nostra storia
  Marcia di Pasqua per la Moratoria delle esecuzioni capitali
  Non c’è solo il digiuno della “sporca dozzina”...
  Marco Pannella sospende dopo 183 ore lo sciopero della sete e prosegue quello della fame
  Moratoria esecuzioni. Aspettando insieme il voto al Palazzo di Vetro
  Rai. Continua l'occupazione di parlamentari e dirigenti radicali della sede di Roma
  Paul Kagame. Perché il Ruanda ha abolito la pena di morte
  Pannella: oggi un evento politico senza precedenti nella storia del Parlamento Europeo
  Mellana. Pena di morte
  Cappato. Parlamento Europeo imbavagliato riuscirà ad esprimersi su Pena di Morte a Saddam?
  Iran: droga e pena di morte. Grazie alla collaborazione dell'Italia?
  Radicali occupano la sede Rai di Viale Mazzini. Annunciata per domenica 3 giugno una manifestazione
  Moratoria delle esecuzioni capitali all’ONU
  Pena morte. Straordinaria adesione da tutto il mondo all'appello per la Moratoria subito
  Valter Vecellio. Moratoria Sciopero della fame Informazione. Lo stato dei fatti
  Moratoria sulla pena di morte. «Contro la strategia del rinvio»
  “Moratoria della pena di morte anche per Tareq Aziz”
  Pena di morte. Governo battuto all’unanimità alla Camera su moratoria Onu
  Pena di morte. Zamparutti: i numeri per vincere all’Onu sulla moratoria
  «Moratoria, laicità-temi etici, giustizia, costo della politica, Turchia Israele e Marocco nell’UE»
  Moratoria: una vittoria del diritto e della vita, di tutti
  Marco Pannella. Quando lo Stato è il vero Caino
  Pena di morte. I Radicali chiedono all'Ue di rispettare gli impegni presi e di sostenere la moratoria
  Pena di morte: Nessuno Tocchi Caino lancia appello per una moratoria già da questa Assemblea generale
  Moratoria. Anche il Dalai Lama si appella a Prodi
  Pena di morte. L'Italia aiuta l'Iran a condannare i propri cittadini al patibolo. Interrogazione
  Moratoria. Veltroni: «Voglio dar vita ad una presa di posizione dei sindaci delle città europee»
  Moratoria pena di morte. Lo sciopero della fame a oltranza prosegue
  Pena di morte. Dai sindaci europei un appello per la moratoria delle esecuzioni
  Piero Capone. Punto economia. Primavera radicale
  Pena di morte. Raggiunto l'obiettivo della correzione di marcia sulla campagna per la Moratoria
  La Moratoria all’ONU. La parola a Prodi
  Valter Vecellio. Moratoria. A prescindere dal risultato…
  Pena di morte. Da stasera al 10 ottobre la Mole Antonelliana sarà rossa
  Anche Formigoni dopo Bresso e Chiamparino...
  Moratoria esecuzioni capitali. Lettera alla Merkel consegnata al Console tedesco a Milano
  Susanna Ricci. Il rapporto di Nessuno Tocchi Caino sulla pena di morte nel mondo
  La pena di morte nel mondo. Presentazione del Rapporto 2007 di “Nessuno tocchi Caino”
  Pena di morte. Oggi conferenza stampa, domani diretta dalla sede radicale per il voto sulla moratoria
  Moratoria, sciopero della fame e della sete di Pannella
  Moratoria. Matteo Renzi: «Un’iniziativa nel segno della nonviolenza gandhiana»
  Sciascia, Welby, Pannella, i temi della vita e della morte
  Pena di morte, Genova. «Grazie sindaco Vincenzi»
  Pena di morte, Pannella e Cappato: anche il Parlamento Europeo chiede una moratoria subito
  Moratoria universale delle esecuzioni capitali. Perché, da oggi, sciopero della sete
  Matteo Mecacci. Da Roma un altro passo verso la Moratoria
  Pena di morte: Bravo Prodi, ma ora non ti fermare
  Pena di morte. Mandato unanime del CAGRE all'Italia e alla presidenza Ue per preparare il testo di risoluzione sulla Moratoria, da presentare all'Onu
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy