Martedì , 21 Maggio 2024
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Albano Laziale. In piazza contro il mega inceneritore di Gualtieri per la monnezza di Roma 
di Maria Lanciotti
29 Marzo 2023
 

Ennesimo corteo sabato 25 marzo per ribadire il no alla costruzione di nuove bombe ecologiche. Né qui né altrove.

È chiara la volontà di chiudere la bocca ai cittadini, altrettanto chiara dovrà essere la volontà popolare di rispedire al mittente questo mortifero progetto che ha il solo scopo di moltiplicare ricchezza nelle tasche di pochi e condannare interi territori e la salute di migliaia di cittadini”.

Piazza Mazzini ad Albano Laziale, ore 15:30. Mentre si prepara la partenza del corteo No Inc diretto ad Ariccia, raccogliamo voci.

Una domanda secca per una risposta netta: perché ci troviamo qui?

Cecilia S. 68 anni, già operativa nell’ambito dei Beni Culturali: “Sono qui perché vorrei vivere e non trovarmi con un tumore nei prossimi anni, se come sembra si voglia procedere con questo impianto cancerogeno per l’uomo e per la natura. Troppi interessi non chiari sulla gestione dei rifiuti”.

Antonio B. pensionato: “Mi trovo qui per i miei nipoti e i miei figli. Questa cosa rappresenta una minaccia da qualunque punto di vista si consideri. Non c’è una giustificazione, discariche e inceneritori è risaputo che sono la risposta sbagliata, e se si deve parlare di produzione di energia non è certo quello il sistema. Prima di tutto ridurre i rifiuti”.

Simona B., 50 anni, operatrice centri antiviolenza: “Sono qui perché non potremmo che essere qui. Alla discarica di Roncigliano, al Comune di Roma, alla Regione. Una volta eravamo in piazza con i figli piccoli per mano e ora scenderemo con i passeggini dei nostri nipoti. Ma qui siamo”.

Francesca G. 45 anni, grafica: “Sono qui perché non bisogna smettere di lottare per i nostri elementari diritti e perché ci si attenga alla Costituzione che è più proiettata di noi nel futuro”.

Antonio G. pensionato: “La cosa che più fa incazzare è come si possa passare sopra la testa della gente, il che vuol dire non tenere in considerazione gli interessi dei cittadini”.

Mario D. 62 anni, dipendente pubblico: “Siamo qui perché c’è una discarica a Cecchina ed è stata discarica della Capitale per gravi negligenze del Comune di Roma e della Regione Lazio. Ci troviamo oggi tutti assieme ad affrontare il grave pericolo dell’inceneritore a Santa Palomba. E questo incontro viene fatto anche per dare un segnale, e non solo ai nostri figli, sui rischi dell’inquinamento ambientale”.

Eleonora N. 37 anni, neo eletta segretaria Pd di Pomezia: “Non vogliamo l’inceneritore di Roma perché è una politica vecchia nel merito e nel metodo. Perché dobbiamo parlare del ciclo dei rifiuti, che è il futuro”.

Andrea M. 21 anni, ingegnere informatico: “Sono venuto qui da Roma per prendere parte alla protesta. È ingiusto che non vengano rispettate le leggi per il profitto che non tiene conto delle necessità delle persone”.

Chiara S. 44 anni, impiegata: “Vogliamo far sentire la nostra voce a chi ha il potere che impone dall’alto soluzioni che non sono legittime. Un abuso di potere”.

Elena C. 40 anni, parrucchiera: “Siamo qui per lottare contro la costruzione di impianti nocivi le cui conseguenze minano la salute nostra e dell’ambiente”.

Matteo M. 30 anni, programmatore: “Contestiamo il modello della gestione dei rifiuti che riteniamo sia sbagliato. Si faccia il porta a porta. Roma ha avuto in passato la possibilità di adottare un sistema di gestione virtuosa dei rifiuti e ha ripiegato invece su un modello superato basato sulla ricerca del profitto”.

Manuela M. 41 anni, disoccupata: “Sono qui in piazza perché spero tanto che si eviti di inquinare ulteriormente il territorio”.

Federico P. 19 anni, in attesa di una occupazione: “E ci manca solo questo!”

Aldo Garofolo del Coordinamento No Inc, al volo: “Si è raccolta l’adesione di molti comitati dell’area sud di Roma, della zona di Santa Palomba, e molti comitati di quartiere dei Castelli Romani e di Albano. Per noi è molto importante l’adesione di alcuni comitati romani, in particolare del Coordinamento Regionale Sanità e dei Movimenti per il diritto all’abitare. Giovedì scorso, 23 marzo si è svolta un’assemblea pubblica informativa al Porto Fluviale in zona Ostiense sull’intero piano dei rifiuti di Roma incentrato sull’inceneritore”.

Pareri discordi sull’opportunità o meno di tali manifestazioni da parte dei commercianti sul Corso Matteotti, c’è chi ‒ come Gianluca P. ‒ commenta: “Ben vengano, e a ragion veduta” e altri che lamentano: “A noi ci porta male, pur ritenendo valide le motivazioni”.

Camminando camminando, raccogliamo spezzoni dei vari interventi, accesi e lucidi, che si alternano al megafono:

Cittadini e cittadine, non è vero che non serve a niente scendere in piazza. Partecipare alle iniziative ed essere solidali, questo significa essere cittadini in un paese democratico”.

Con l’inceneritore si consumerebbe acqua che non abbiamo, Lago Albano e di Nemi che vanno prosciugandosi, disastro ambientale ed economico per cui paghiamo e pagheremo, anche sanzioni a livello europeo”.

Unici interessati i poteri economici. Una soluzione che non possiamo permetterci, non solo per noi ma per chi verrà. E non è vero che non c’è alternativa”.

Ferdinando Bonessio, consigliere al Comune di Roma: “Nessun luogo può accettare un inceneritore nel 2023. Siamo stanchi. È stata appurata la presenza di microplastiche nella placenta umana. Altro che sciare a Copenaghen sull’inceneritore!”

Siete voi, siete voi, la rovina dell’Italia siete voi” ‒ s’alza il canto sulle note di “È tutto un attimo”.

Di bambini ne nascono sempre meno in Italia, ma sabato 25 marzo se ne sono visti tanti circolare lungo il corteo, una lunga camminata controsole nell’aria primaverile.

Una bella dimostrazione sul ponte di Ariccia con la formazione delle lettere NO INC tramite disposizione di corpi e cartelli bianchi puntati in alto verso possibili droni magari della Nato, e si arriva a Piazza di Corte.

In conclusione: “Siamo in tanti contro la costruzione di ecomostri. Nel 2008 sembrava cosa fatta l’inceneritore a Roncigliano ma così non è stato. Solidarietà e continuiamo così. Un impegno personale. Faremo comunque in modo di vendere cara la pelle. Ricordare i passaggi positivi e rimanere in contatto, stabilire iniziative e fare il punto della situazione come si fa da quindici anni. Con la voglia, il coraggio la rabbia che ci hanno permesso di arrivare fin qui. No agli inceneritori, né qui né altrove”.

E questo, succintamente, è quanto. Si prosegue, con spirito alto, bandierine e nuovi striscioni.

Passaparola. (Castellinotizie.it)

 

» Coordinamento contro l’inceneritore di Albano
Contro tutte le nocività


Articoli correlati

  Maria Lanciotti. Inceneritore di Albano. Roba che scotta
  Daniele Castri. “Regione Lazio non costruirà altri inceneritori”
  Indagini Procura di Roma su inceneritore Albano, Rando si dimette
  Maria Lanciotti. Il sabato dei Villaggi
  Daniele Castri. Ancora una volta tutti in piazza contro l'inceneritore dei Castelli Romani
  In Regione il Coordinamento contro l’inceneritore di Albano Laziale
  Maria Lanciotti. Albano Laziale. Rintocco di campane a morto alla discarica di Roncigliano
  Maria Lanciotti. Dodicesimo corteo contro l’inceneritore di Albano Laziale
  Maria Lanciotti. Il “No Inc” di Albano all’attacco
  Maria Lanciotti. Lotte tante: a suon di corretta informazione...
  Maria Lanciotti. Albano Laziale: Assoluzione piena per tutti i manifestanti denunciati
  Maria Lanciotti. Il 7 marzo avvio cantiere per mega inceneritore di Roncigliano?
  Torna l’incubo Inceneritore ai Castelli Romani e Litorale Laziale
  Albano Laziale. Cancellare l’inceneritore, chiudere e bonificare la discarica di Roncigliano
  Roncigliano, Castelli Romani. Una torta con quattro candeline
  Daniele Castri. Sabato Albano risponde con un corteo alle pressioni del re della monnezza
  Maria Lanciotti. Ad Albano si fa il punto in assemblea
  NoInc Castelli Romani. Dalle stelle… alle stalle
  Maria Lanciotti. Rifiuti. Pillole avvelenate dispensate dal presidente Cremonesi
  Maria Lanciotti. Sei sindaci al 13° corteo di Albano
  Maria Lanciotti. Senza tregua: nuova denuncia presentata da No Inc
  Daniele Castri. Costruzione dell’Inceneritore ai Castelli Romani ad alto rischio
  “No Inc” Albano. Sulla manifestazione di sabato
  Maria Lanciotti. La vera faccia del corteo contro l’inceneritore di Albano
  Albano Laziale. No Inc: sabato nuovo presidio per chiusura discarica Roncigliano
  Maria Lanciotti. Prossimo weekend dis-camping del No Inc alla IV edizione
  Cerroni invitato dal No Inc ad Albano, per un dibattito pubblico
  “No Inc” Albano. Sabato assemblea pubblica a Genzano
  Maria Lanciotti. Rifiuti Lazio. La terra dei fuochi spenti
  La partita contro l’inceneritore di Albano Laziale ancora non è chiusa
  Facce nuove, vecchie ricette
  Maria Lanciotti. Comunanza d’intenti e amicizia al corteo di Albano
  DifferenziaTi. I Castelli Romani rifiutano l'inceneritore di Cerroni
  Maria Lanciotti. Inceneritore dei Castelli Romani: Allarme rosso
  Maria Lanciotti. Il No Inc incontra i Dirigenti GSE
  Daniele Castri. Castelli Romani: le carte son tante, ma grandi son anche la voglia di trasparenza e la determinazione dei cittadini
  Maria Lanciotti. V campeggio al Villaggio Ardeatino
  Albano Laziale, Rifiuti. Il tempo stringe e la decisione finale si avvicina
  “No Inc” Albano. Un’infamia contro la popolazione dei Castelli Romani
  Maria Lanciotti. Da Marrazzo a Clini
  Contro lo scempio del territorio castellano e nel quadrante a sud di Roma
  “No Inc” di Albano. Presentato esposto nei confronti del Ministro all'Ambiente, Corrado Clini
  Maria Lanciotti. Multicolore, pacifico, inattaccabile, irreprensibile, motivato...
  Daniele Castri. Albano Laziale in attesa del Consiglio di Stato
  Maria Lanciotti. La collina degli oleandri
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 5 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy