Domenica , 12 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In Regione il Coordinamento contro l’inceneritore di Albano Laziale 
a cura di Maria Lanciotti
01 Maggio 2015
 

“Le risposte non ci hanno soddisfatto, non è infatti chiaro né chiarito se la revisione dell’AIA fungerà da sanatoria dei disastri pregressi. La Tosini lo nega ma noi non ci fidiamo”

 

 

Una delegazione del Coordinamento contro l’inceneritore di Albano Laziale ha incontrato, mercoledì 29 aprile, l’ing. Flaminia Tosini, dirigente della Direzione territorio, urbanistica, mobilità e rifiuti della Regione Lazio, area ciclo integrato dei rifiuti.

L’incontro è stato richiesto per avere dalla dirigente risposte certe, nonché delucidazioni, in merito alla diffida che la Regione ha inviato il 2 febbraio 2015 alla Pontina Ambiente (gruppo Cerroni) a seguito di gravi disfunzioni gestionali emerse nel complesso della discarica di Roncigliano. Dovevano passare d’allora trenta giorni e sono passati invece quasi tre mesi, senza che la diffida abbia sortito effetti, e come sempre si è dovuto fare l’atto di forza per stabilire un contatto chiarificatore con il nuovo dirigente, subentrato a Luca Fegatelli indagato per associazione a delinquere. Le informazioni riguardo il risultato dell’incontro e i gravi motivi che l’hanno sollecitato ci sono state gentilmente fornite da un esponente di spicco della delegazione No Inc, e integralmente vengono qui riportate:

«Gli accertamenti di Arpa Lazio effettuati in sede di revisione dell’AIA B3695/2009 avevano rilevato, nel corso del 2014, decine di violazioni delle prescrizioni nella gestione dell’impianto di trattamento meccanico biologico (TMB), del VII invaso e dei vecchi invasi della discarica, nonché dell’impianto a biogas della Marco Polo Engineering Spa.

Tra l’altro erano stati rinvenuti due grandi laghi di acque stagnanti nel VII invaso, erano state smaltite in discarica tipologie di rifiuti non autorizzati, i sistemi di captazione delle acque, del percolato e del biogas risultavano irregolari, nelle acque sotterranee di uno dei pozzi spia della discarica era stato trovato per il terzo anno consecutivo l’idrocarburo cancerogeno 1,2-diclorometano etc.

La relazione di Arpa Lazio (25/11/2014) aveva in altri termini configurato una situazione gravissima, tale da imporre a nostro giudizio il blocco delle attività e la successiva chiusura e bonifica del sito.

La Regione aveva diffidato la P. A. all’adempimento alle prescrizioni indicate (solo una parte del totale) entro il termine di 30 giorni. Contestualmente aveva manifestato l’intenzione di riesaminare l’AIA visto che quella in scadenza incredibilmente non comprendeva i vecchi invasi, il TMB e i due impianti a biogas.

Abbiamo quindi chiesto all’ing. Tosini anzitutto se la Pontina Ambiente avesse ottemperato ai punti nei termini fissati e nel caso di averne copia. Le risposte di P.A., a suo dire, sono arrivate e sono attualmente oggetto di esame, per cui l’accesso agli atti ci è stato negato fino a completamento.

Poi abbiamo chiesto conto delle tante violazioni alle quali è praticamente impossibile rimediare in 30 giorni visti i danni già prodotti alle falde acquifere e alla qualità dell’aria, visto che manca a tutt’oggi uno straccio di caratterizzazione idrogeologica delle acque sotterranee e infine visto che la stessa normativa regionale e/o nazionale è carente in punti importanti quali la definizione dei limiti delle emissioni odorigene e quella di “buona qualità chimica” delle acque.

Le risposte non ci hanno soddisfatto, non è infatti chiaro né chiarito se la revisione dell’AIA fungerà da sanatoria dei disastri pregressi. La Tosini lo nega ma noi non ci fidiamo.

Non ci è piaciuto il rimpallo tra uffici diversi ed enti diversi della responsabilità di interventi essenziali e urgenti da effettuare. Basti citare il caso della caratterizzazione idrogeologica.

Non ci è piaciuta la sottovalutazione dei tanti episodi di inquinamento delle acque sotterranee degli anni scorsi e della conseguente diffida provinciale del 2011 che aveva dato il via ad una Conferenza dei servizi ad oggi inconcludente e ignorata.

Per quanto ci riguarda unico punto (o quasi) all’attivo della riunione è la possibilità di nostro accesso/presenza alla Conferenza del Riesame che dovrà occuparsi della revisione dell’AIA”.

Quadro nefasto, nel suo insieme. Mentre ancora pende come una spada di Damocle l’“affare inceneritore” a Roncigliano.

L’8 maggio il T.A.R. del Lazio deciderà se il Ministero dello Sviluppo Economico dovrà tornare a finanziare con i “nostri” soldi (ben 500 milioni di euro) il progetto del consorzio Co.E.Ma.

Dopo anni di mobilitazione c’è ancora bisogno di opporsi.

Il Coordinamento No Inc lancia un appello per sfilare nuovamente in corteo per le vie dei Castelli Romani.

Sabato 2 maggio alle ore 15:00 raduno in piazza Mazzini ad Albano Laziale».


Foto allegate

Articoli correlati

  Albano Laziale. No Inc: sabato nuovo presidio per chiusura discarica Roncigliano
  Torna l’incubo Inceneritore ai Castelli Romani e Litorale Laziale
  La partita contro l’inceneritore di Albano Laziale ancora non è chiusa
  “No Inc” Albano. Sabato assemblea pubblica a Genzano
  Maria Lanciotti. Prossimo weekend dis-camping del No Inc alla IV edizione
  Maria Lanciotti. Il “No Inc” di Albano all’attacco
  DifferenziaTi. I Castelli Romani rifiutano l'inceneritore di Cerroni
  Maria Lanciotti. La vera faccia del corteo contro l’inceneritore di Albano
  “No Inc” Albano. Sulla manifestazione di sabato
  “No Inc” Albano. Un’infamia contro la popolazione dei Castelli Romani
  Albano Laziale, Rifiuti. Il tempo stringe e la decisione finale si avvicina
  Daniele Castri. Ancora una volta tutti in piazza contro l'inceneritore dei Castelli Romani
  Indagini Procura di Roma su inceneritore Albano, Rando si dimette
  Maria Lanciotti. Sei sindaci al 13° corteo di Albano
  Maria Lanciotti. Rifiuti Lazio. La terra dei fuochi spenti
  Maria Lanciotti. Il No Inc incontra i Dirigenti GSE
  Maria Lanciotti. Inceneritore dei Castelli Romani: Allarme rosso
  Daniele Castri. Sabato Albano risponde con un corteo alle pressioni del re della monnezza
  Maria Lanciotti. Il 7 marzo avvio cantiere per mega inceneritore di Roncigliano?
  Maria Lanciotti. Rifiuti. Pillole avvelenate dispensate dal presidente Cremonesi
  Maria Lanciotti. Senza tregua: nuova denuncia presentata da No Inc
  NoInc Castelli Romani. Dalle stelle… alle stalle
  Maria Lanciotti. La collina degli oleandri
  Maria Lanciotti. Albano Laziale: Assoluzione piena per tutti i manifestanti denunciati
  Maria Lanciotti. Dodicesimo corteo contro l’inceneritore di Albano Laziale
  Daniele Castri. Castelli Romani: le carte son tante, ma grandi son anche la voglia di trasparenza e la determinazione dei cittadini
  Daniele Castri. Albano Laziale in attesa del Consiglio di Stato
  Contro lo scempio del territorio castellano e nel quadrante a sud di Roma
  Albano Laziale. Cancellare l’inceneritore, chiudere e bonificare la discarica di Roncigliano
  Maria Lanciotti. Inceneritore di Albano. Roba che scotta
  Roncigliano, Castelli Romani. Una torta con quattro candeline
  Cerroni invitato dal No Inc ad Albano, per un dibattito pubblico
  Maria Lanciotti. Il sabato dei Villaggi
  Maria Lanciotti. V campeggio al Villaggio Ardeatino
  “No Inc” di Albano. Presentato esposto nei confronti del Ministro all'Ambiente, Corrado Clini
  Maria Lanciotti. Da Marrazzo a Clini
  Daniele Castri. Costruzione dell’Inceneritore ai Castelli Romani ad alto rischio
  Maria Lanciotti. Comunanza d’intenti e amicizia al corteo di Albano
  Facce nuove, vecchie ricette
  Maria Lanciotti. Lotte tante: a suon di corretta informazione...
  Maria Lanciotti. Ad Albano si fa il punto in assemblea
  Daniele Castri. “Regione Lazio non costruirà altri inceneritori”
  Maria Lanciotti. Multicolore, pacifico, inattaccabile, irreprensibile, motivato...
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy