Venerdì , 29 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
“No Inc” Albano. Un’infamia contro la popolazione dei Castelli Romani 
Il Consiglio di Stato cancella la sentenza TAR che bloccava l’inceneritore di Cerroni
27 Marzo 2012
 

Dice il Consiglio di Stato che il TAR Lazio non doveva intervenire nel merito della ampia discrezionalità, propria delle pubbliche amministrazioni nella scelta del pubblico interesse. Così, in un colpo solo, il Consiglio di Stato da una parte cancella la ragione stessa di esistere di un Tribunale Amministrativo, dall’altra afferma che i cittadini, i comuni, le ASL del territorio, non rappresentano l’interesse pubblico che, invece, è monopolio di Marrazzo, Di Carlo (benché defunto), Cerroni e Polverini.

Una sentenza costruita su una sequenza impressionante di falsità e disinvolti ossequi al comando padronale. La dichiarazione di pubblica utilità di Marrazzo nel 2007, benché emanata prima di ogni obbligatoria Valutazione Ambientale, è pienamente legittima; la VIA negativa per Cerroni, nel marzo 2008, non è più una Valutazione Impatto Ambientale, ma una specie di avviso alla proprietà; le reiterate sospensive emanate in violazione degli stessi termini fissati dalla Regione, rientrerebbero nelle… discrezionalità amministrative; la VIA positiva di ottobre 2008 pubblicamente rivendicata da Di Carlo e cassata dal TAR nel 2010, una cosa magnifica che risolve tutti i problemi. Dice il Consiglio di Stato che la veste dell’impianto come esce dalla VIA di ottobre 2008 prefigura un impianto che non impatta con le falde acquifere ed è praticamente senza emissioni in atmosfera.

Ora, a parte il fatto che le falde in discarica dove Cerroni vuole costruire il suo inceneritore sono già ampiamente compromesse, come accertato da ARPA nel 2010 ed ENEL nel 2011, sulla base dei numeri di Cerroni i consumi idrici di questo impianto oscillerebbero tra i 670 mc3/giorno nella prima VIA, poi 300 mc3/giorno nella VIA successiva, infine 150 mc3/giorno nell’ultima versione, ottenuta falsificando i consumi nel reattore, nelle vasche per la formazione del granulato, nei processi di raffreddamento in caldaia, negli scambiatori di calore, nelle torri di evaporazione. Per quanto riguarda le emissioni in atmosfera, basta computare i dati relativi al funzionamento della 1ª e unica linea di esercizio dell’inceneritore di Malagrotta per osservare le tonnellate di ossidi di azoto, carbonio e zolfo emesse, oltre le quantità di diossine e quelle mai definite di nano-polveri connesse.

In un solo punto i Giudici della V sezione del Consiglio di Stato non hanno potuto favorire Cerroni: l’autorizzazione alla cantierizzazione firmata da Marrazzo nell’ottobre 2008 come commissario straordinario quando il commissariamento era scaduto dal giugno precedente. Cerroni, AMA, ACEA non potranno usare fondi pubblici CIP 6. Naturalmente il CdS ha travolto qualsiasi vincolo: destinazione urbanistica e zona agricola, nonché le previsioni dei Piani Paesistici regionali e provinciali, e così via. Il Consiglio di Stato insomma ha scelto per sé il ruolo del plotone di esecuzione, ma noi non abbiamo nessuna intenzione di aspettare passivamente il colpo di grazia. Valuteremo tutti gli strumenti legali residui: la Corte Europea, nuovamente il TAR, il Tribunale Civile e quello Penale; è però chiarissimo che la partita si gioca tutta sulla capacità che avremo tutti e tutte noi di IMPEDIRE MATERIALMENTE QUESTO SCEMPIO. IMPEDIAMO LA COSTRUZIONE DELL’INCENERITORE, CHIUDERE LA DISCARICA DI RONCIGLIANO.

 

PROSSIMI APPUNTAMENTI:

  • VENERDI 30 MARZO ORE 17:00
    CONFERENZA STAMPA ALL’APERTO PIAZZA S. PIETRO – ALBANO

  • SABATO 31 MARZO ORE 16:30
    ASSEMBLEA PUBBLICA CIRCOSCRIZIONE – via del Mare – PAVONA

 

Coordinamento contro l'inceneritore di Albano


Articoli correlati

  Maria Lanciotti. Rifiuti. Pillole avvelenate dispensate dal presidente Cremonesi
  Torna l’incubo Inceneritore ai Castelli Romani e Litorale Laziale
  La partita contro l’inceneritore di Albano Laziale ancora non è chiusa
  “No Inc” Albano. Sulla manifestazione di sabato
  Maria Lanciotti. Da Marrazzo a Clini
  Maria Lanciotti. Il “No Inc” di Albano all’attacco
  Albano Laziale, Rifiuti. Il tempo stringe e la decisione finale si avvicina
  Maria Lanciotti. Il No Inc incontra i Dirigenti GSE
  Daniele Castri. Costruzione dell’Inceneritore ai Castelli Romani ad alto rischio
  Maria Lanciotti. Sei sindaci al 13° corteo di Albano
  Maria Lanciotti. La vera faccia del corteo contro l’inceneritore di Albano
  Daniele Castri. Ancora una volta tutti in piazza contro l'inceneritore dei Castelli Romani
  “No Inc” Albano. Sabato assemblea pubblica a Genzano
  Maria Lanciotti. Albano Laziale: Assoluzione piena per tutti i manifestanti denunciati
  Maria Lanciotti. Inceneritore dei Castelli Romani: Allarme rosso
  Daniele Castri. Sabato Albano risponde con un corteo alle pressioni del re della monnezza
  Albano Laziale. Cancellare l’inceneritore, chiudere e bonificare la discarica di Roncigliano
  Maria Lanciotti. Prossimo weekend dis-camping del No Inc alla IV edizione
  Maria Lanciotti. Il 7 marzo avvio cantiere per mega inceneritore di Roncigliano?
  NoInc Castelli Romani. Dalle stelle… alle stalle
  Maria Lanciotti. Senza tregua: nuova denuncia presentata da No Inc
  Albano Laziale. No Inc: sabato nuovo presidio per chiusura discarica Roncigliano
  Maria Lanciotti. La collina degli oleandri
  Maria Lanciotti. Comunanza d’intenti e amicizia al corteo di Albano
  Maria Lanciotti. Dodicesimo corteo contro l’inceneritore di Albano Laziale
  Daniele Castri. Castelli Romani: le carte son tante, ma grandi son anche la voglia di trasparenza e la determinazione dei cittadini
  Daniele Castri. Albano Laziale in attesa del Consiglio di Stato
  In Regione il Coordinamento contro l’inceneritore di Albano Laziale
  Contro lo scempio del territorio castellano e nel quadrante a sud di Roma
  Roncigliano, Castelli Romani. Una torta con quattro candeline
  Cerroni invitato dal No Inc ad Albano, per un dibattito pubblico
  DifferenziaTi. I Castelli Romani rifiutano l'inceneritore di Cerroni
  Maria Lanciotti. Il sabato dei Villaggi
  Maria Lanciotti. V campeggio al Villaggio Ardeatino
  Maria Lanciotti. Ad Albano si fa il punto in assemblea
  Maria Lanciotti. Rifiuti Lazio. La terra dei fuochi spenti
  “No Inc” di Albano. Presentato esposto nei confronti del Ministro all'Ambiente, Corrado Clini
  Facce nuove, vecchie ricette
  Maria Lanciotti. Lotte tante: a suon di corretta informazione...
  Indagini Procura di Roma su inceneritore Albano, Rando si dimette
  Daniele Castri. “Regione Lazio non costruirà altri inceneritori”
  Maria Lanciotti. Multicolore, pacifico, inattaccabile, irreprensibile, motivato...
  Maria Lanciotti. Inceneritore di Albano. Roba che scotta
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.3%
NO
 25.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy