Sabato , 04 Aprile 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Daniele Castri. “Regione Lazio non costruirà altri inceneritori” 
Bene! Allora nemmeno quello “autorizzato” di Albano?
Michele Civita, Nicola Zingaretti, Giuseppe Labarile e Stefano Leoni (Fondaz. Sviluppo Sostenibile)
Michele Civita, Nicola Zingaretti, Giuseppe Labarile e Stefano Leoni (Fondaz. Sviluppo Sostenibile) 
17 Dicembre 2013
 

«Ci aspettiamo ora, dalla Regione Lazio, che alla promessa ufficiale di “non procedere con la costruzione di nuovi inceneritori”, segua anche la revoca dell’Autorizzazione Ambientale (A.I.A. n. B-3694 del 13.08.2009) che, ancora oggi, permetterebbe al Co.E.Ma. di Manlio Cerroni, Acea ed Ama l’avvio del cantiere e, inoltre, l’intercessione per l’annullamento, presso il Ministero per lo sviluppo Economico, della Convenzione preliminare Co.E.Ma.-G.S.E. che, ancora peggio, permetterebbe il conferimento di circa 500 milioni di euro di fondi Cip-6 (7 x 100 della bolletta elettrica) per costruire, a spese dell’erario pubblico, l’inceneritore dei Castelli Romani».

Era, ormai, il segreto di Pulcinella, ma finalmente la notizia è divenuta pubblica ed ufficiale. È stato Giuseppe Labarile, presidente di Confservizi-Lazio – la nota associazione di aziende e imprese private che gestiscono servizi pubblici quali rifiuti, acqua, gas, energia e trasporti – a darne notizia, ancora prima del Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti e dell’Assessore Regionale ai rifiuti, Michele Civita: «non appare necessario procedere alla costruzione di nuovi impianti di incenerimento nella Regione Lazio, ma solo di ampliare od ultimare quelli già esistenti».

La notizia è stata comunicata nel corso del Convegno (foto) dedicato a “Rifiuti e Piano regionale nel Lazio, dallo scenario all’attuazione”, tenutosi venerdì mattina, alle ore 11 nella Sala Tevere della Presidenza della Regione Lazio, promosso col sostegno della stessa Confervizi e della Camera di Commercio di Roma.

È molto probabile, quindi, che i pezzi delle due linee di incenerimento del gassificatore di Albano stoccati, da tre lunghi anni, nella discarica di Roncigliano, finiranno presto a Malagrotta, dove dovrebbero essere integrati, quanto prima, all’unica linea pre-esistente, costruita nel corso del 2009, e ferma ormai da due anni e mezzo.

In sostanza, si cambia solo sito, ma l’incenerimento resta, oggi come domani – e almeno fino al 2020 – un vero e proprio caposaldo del “nuovo” Piano rifiuti. Tant’è vero che la portata annuale di materiale incenerito e gassificato passerà, in soli due anni, dalle attuali 500 mila tonnellate all’anno, a circa 720 mila.

Certo che il Piano Rifiuti della Regione Lazio, che verrà votato entro febbraio, determina scelte politico-industriali relative SOLO al futuro,disegna un vero e proprio scenario industriale per gli anni a venire. Ma l’Inceneritore di Albano, invece, è un impianto approvato definitivamente, a livello amministrativo, ben 4 anni e mezzo fa, con la contestatissima Autorizzazione Ambientale n. B.3694 del 13 agosto 2009. Ci aspettiamo ora, quindi, dalla Regione Lazio, che alla promessa ufficiale di “non procedere con la costruzione di nuovi inceneritori”, segua anche la revoca dell’Autorizzazione Ambientale (A.I.A. n. B-3694 del 13.08.2009) che, ancora oggi, permetterebbe l’avvio del cantiere e, inoltre, l’intercessione per l’annullamento, presso il Ministero per lo sviluppo Economico, della Convenzione preliminare Co.E.Ma.-G.S.E. che, ancora peggio, permetterebbe il conferimento di circa 500 milioni di fondi Cip-6/92 (7 x 100 della bolletta elettrica) per costruire, a spese dell’erario pubblico, l’inceneritore dei Castelli Romani.

Per il resto, sembra di vedere un film già visto e rivisto: «in conseguenza della forte crisi economica», dichiara poco dopo il Presidente Zingaretti, «c’è stata una significativa riduzione dei rifiuti prodotti nella Regione Lazio». E prosegue ancora: «inoltre la differenziata ha avuto, negli ultimi due anni, un incremento del 4% su base regionale». Eppure la Regione Lazio sta portando a compimento istruttorie amministrative per raddoppiare, tonnellata in più, tonnellata in meno, la «capacità volumetrica complessiva delle discariche regionali». Che significa? Attualmente nelle discariche del Lazio sono disponibili circa 2 milioni e mezzo di metri cubi residui di spazio. Sono in via di autorizzazione definitiva, presso l’Ufficio rifiuti della Regione, circa altri 2 milioni di nuovi metri cubi. Fatevi un po’ i conti. Stesso, inoltre, dicasi per gli impianti di compostaggio, le cosiddette centrali a bio gas/massa a rifiuti. Al 2010 risultavano autorizzati 19 impianti, per un totale di 290 mila tonnellate di rifiuti trattati all’anno. Sono in corso di istruttoria ed autorizzazione impianti per il trattamento di altre 400 mila tonnellate all’anno.

E la raccolta differenziata porta a porta, invece? «Il piano prevede il raggiungimento dell’ambizioso obbiettivo del 65% di porta a porta al 2020», ci dice il Presidente. Ma Zingaretti lo sa che il Governo, appena pochi giorni fa, ha approvato una disposizione che obbliga i Comuni italiani a raggiungere il 65% di porta a porta entro e non oltre il 31 dicembre 2016? Pare di no!

 

Daniele Castri

Comitato No Inc


Articoli correlati

  Maria Lanciotti. Il No Inc incontra i Dirigenti GSE
  Maria Lanciotti. Sei sindaci al 13° corteo di Albano
  Maria Lanciotti. Rifiuti. Pillole avvelenate dispensate dal presidente Cremonesi
  “No Inc” Albano. Sabato assemblea pubblica a Genzano
  Maria Lanciotti. Da Marrazzo a Clini
  Albano Laziale, Rifiuti. Il tempo stringe e la decisione finale si avvicina
  Maria Lanciotti. La vera faccia del corteo contro l’inceneritore di Albano
  Daniele Castri. Ancora una volta tutti in piazza contro l'inceneritore dei Castelli Romani
  Maria Lanciotti. Dodicesimo corteo contro l’inceneritore di Albano Laziale
  Daniele Castri. Costruzione dell’Inceneritore ai Castelli Romani ad alto rischio
  Maria Lanciotti. Inceneritore dei Castelli Romani: Allarme rosso
  Daniele Castri. Sabato Albano risponde con un corteo alle pressioni del re della monnezza
  Contro lo scempio del territorio castellano e nel quadrante a sud di Roma
  Maria Lanciotti. Il 7 marzo avvio cantiere per mega inceneritore di Roncigliano?
  Maria Lanciotti. Senza tregua: nuova denuncia presentata da No Inc
  NoInc Castelli Romani. Dalle stelle… alle stalle
  Maria Lanciotti. La collina degli oleandri
  Daniele Castri. Castelli Romani: le carte son tante, ma grandi son anche la voglia di trasparenza e la determinazione dei cittadini
  DifferenziaTi. I Castelli Romani rifiutano l'inceneritore di Cerroni
  Daniele Castri. Albano Laziale in attesa del Consiglio di Stato
  In Regione il Coordinamento contro l’inceneritore di Albano Laziale
  Roncigliano, Castelli Romani. Una torta con quattro candeline
  “No Inc” Albano. Sulla manifestazione di sabato
  Facce nuove, vecchie ricette
  Maria Lanciotti. Il “No Inc” di Albano all’attacco
  Cerroni invitato dal No Inc ad Albano, per un dibattito pubblico
  Indagini Procura di Roma su inceneritore Albano, Rando si dimette
  Maria Lanciotti. Il sabato dei Villaggi
  Maria Lanciotti. Ad Albano si fa il punto in assemblea
  Maria Lanciotti. Prossimo weekend dis-camping del No Inc alla IV edizione
  “No Inc” di Albano. Presentato esposto nei confronti del Ministro all'Ambiente, Corrado Clini
  Torna l’incubo Inceneritore ai Castelli Romani e Litorale Laziale
  Maria Lanciotti. Lotte tante: a suon di corretta informazione...
  Maria Lanciotti. V campeggio al Villaggio Ardeatino
  Maria Lanciotti. Comunanza d’intenti e amicizia al corteo di Albano
  Maria Lanciotti. Albano Laziale: Assoluzione piena per tutti i manifestanti denunciati
  Maria Lanciotti. Inceneritore di Albano. Roba che scotta
  Albano Laziale. No Inc: sabato nuovo presidio per chiusura discarica Roncigliano
  Maria Lanciotti. Rifiuti Lazio. La terra dei fuochi spenti
  Albano Laziale. Cancellare l’inceneritore, chiudere e bonificare la discarica di Roncigliano
  La partita contro l’inceneritore di Albano Laziale ancora non è chiusa
  Maria Lanciotti. Multicolore, pacifico, inattaccabile, irreprensibile, motivato...
  “No Inc” Albano. Un’infamia contro la popolazione dei Castelli Romani
  Maria Lanciotti. Rifiuti: Un eccidio mascherato che non regge più il trucco
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.1%
NO
 25.9%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy