Martedì , 14 Agosto 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Andrea Sarubbi. Non è tempo per noi
05 Gennaio 2013
 

La notizia era nell’aria già da fine dicembre, ma all’inizio dell’anno ho avuto la conferma – da fonti pluri-incrociate e attendibilissime – che il Pd non mi inserirà nelle liste dei candidati al Parlamento per la prossima legislatura. Sarei stato una presenza abbastanza scomoda, certamente troppo montiano per la linea del partito e di un nuovo gruppo parlamentare più spostato a sinistra, ma credo di poter dire con sincerità che avrei comunque combattuto le mie battaglie (per i diritti umani, l’immigrazione, la trasparenza) con lo stesso spirito di sempre. Non credo abbia molto senso recriminare a oltranza, perché sono cose che nella vita succedono: è successo pure a quel fenomeno di Andrea Pirlo, che si è trovato senza contratto perché non rientrava più nei piani del Milan, figuriamoci a un mezzo scarparo come Andrea Sarubbi. Ma con l’onestà di sempre vorrei spiegare perché è successo.

Sul perché io non mi sia candidato alle primarie ho già scritto più volte: qualcuno me lo ha contestato, moltissimi lo hanno capito, io credo – con quelle regole – di aver fatto la scelta giusta. Avrei partecipato se, accanto al voto locale, ce ne fosse stato uno anche per i candidati “nazionali”, sui temi, magari online o con un’altra scheda, anziché delegare la loro scelta al famoso listino delle competenze. Che va benissimo per alcuni nomi-annuncio provenienti dalla società civile, come ero stato io nel 2008, e che Bersani sta scegliendo con cura: una come Rosaria Capacchione, per dire, alle primarie sarebbe stata bocciata ancora (come lo fu del resto alle ultime Europee nella circoscrizione Sud), ma è giusto che la sua voce simbolo della lotta alla camorra trovi spazio in Parlamento; uno come Pietro Grasso avrebbe preso un quarto dei voti di Francantonio Genovese, il deputato Pd più votato alle primarie in tutto il territorio nazionale, del quale pure fatico a ricordare interventi in Aula di un certo rilievo. Il problema sono gli altri, ossia i parlamentari uscenti che – nei loro 5, 10, 12, a volte 17 o 20 anni di lavoro – si sono distinti per competenze specifiche in un certo argomento: la loro scelta sta avvenendo per appartenenze, ossia per correnti, con quote fisse assegnate ai singoli leader. Il discorso della ditta, tanto caro a Bersani, stavolta vale poco: se mai, l’immagine è quella di una holding con varie società, ognuna con un proprio bilancio. A Letta toccano 5 deputati nel listino? Bene. A Fioroni ne toccano altri 5? Benissimo. A Renzi ne toccano 17? Perfetto. Ognuno decida nel suo, chi resta fuori è fuori, le competenze c’entrano molto meno delle appartenenze. Nel mio caso, ad esempio, è andata così: la massima responsabile del Pd per l’immigrazione, donna retta e generosa che risponde al nome di Livia Turco, ha insistito molto sulla mia candidatura, perché riteneva appunto che le mie competenze sull’argomento potessero essere preziose; la risposta ricevuta da più parti è stata che, se anche fossi stato un fenomeno, in ogni caso di me avrebbe dovuto farsi carico il mio capocorrente. E siccome alle primarie ho sostenuto Renzi, da uomo libero e senza nulla a pretendere, scopro che il mio destino dipende da come si sveglia alla mattina il sindaco di Firenze: i “suoi” 17 li sceglie lui, la holding non ci mette bocca. Così, quando l’artefice unico e sommo del mio destino decide che non ricandiderà parlamentari uscenti, il Pd ne prende atto e Sarubbi è fuori. Me la devo prendere con Matteo, sul quale avrei così tanto da dire che poi dovrei andarmi a confessare seduta stante? Me la devo prendere con un partito che ragiona in base a criteri che farebbero fallire qualsiasi azienda? Me la devo prendere con me stesso, perché ho passato cinque anni a occuparmi dei temi senza mai pre-occuparmi del mio destino personale? Siamo sinceri: un po’ tutte e tre le cose. Shit happens, la mia storia di parlamentare Pd (molto sui generis, lo ammetto, stravagante, rompiscatole e dissidente) pare finita qui. Dicono che noi ci stiamo buttando via, ma siam bravi a raccoglierci.

 

Andrea Sarubbi

(dal suo blog, 5 gennaio 2013)


Articoli correlati

  Marco Cappato. Diritti civili, Agenda Monti e Agenda Napolitano
  Simone Sapienza. L'Italia SÌ muova! Da Catania a Treviso
  Martina Simonini. Vicolo cieco, con un'unica... certezza
  Luca Vitali. La Media Education e le elezioni
  Emiliano Silvestri. Perché è importante un voto alla lista “Amnistia Giustizia Libertà”
  Martina Simonini. Donne e politica
  Sondrio. Candidati e raccolta firme “Per fermare il declino”
  Giuseppe Civati. Casino Royale
  Un voto Radicale al Senato per legalizzare Sondrio e l'Italia
  Appello a firmare per consentire la presentazione delle liste radicali
  Tsunami Tour. Non solo Grillo ma soprattutto una grande festa per tutti
  Lidia Menapace. Il centrodestra di Monti
  Sondrio. Incontro pubblico con Oscar Giannino
  Valter Vecellio. “Amnistia, Giustizia, Libertà”, l’unico, vero voto utile (al cittadino)
  Vincenzo Donvito. Spending review ed election day
  Gigi Fioravanti. Appello elettorale
  Consumo di suolo e tutela del paesaggio: cosa ne pensano i candidati alle elezioni?
  ancoracade. I dieci Passi
  Mario Staderini. Grazie a noi riduzione firme per tutti
  5Stelle. A Tirano e a Cosio Valtellino per il dopo-elezioni
  Le Primarie della Cultura
  Vittorio Bellavite. Il Vaticano ha perso l’occasione di stare zitto
  Lidia Menapace. Il rischio massimo
  Maurizio Turco. Legge Elettorale: solo convenienze, mai convinzioni, tantomeno legalità
  Vetrina/ Gigi Fioravanti. Consigli elettorali
  Luca Comellini. F35, promesse di Bersani e asini “volanti”…
  Primo Mastrantoni. Berlusconi e la “non sfiducia”
  Mauro Del Barba, Roberta Songini, Angelo Costanzo, Francesca Zucchetti
  Firma Day: Rush del Movimento 5 Stelle per arrivare alle elezioni
  Gino Songini. Dalla villa di Arcore a quella di Sant'Ilario, da un pifferaio a un altro
  Prossima Italia. Una firma per #primarieparlamentari
  Giuseppe Civati. Missione impossibile (ma però)
  Lista di scopo AMNISTIA GIUSTIZIA e LIBERTÀ? Parliamone...
  Le liste Amnistia Giustizia e Libertà in Emilia Romagna
  Il tempo è scaduto non ci sono più scuse
  Balotelli. Della Vedova: “Ora sfido Berlusconi e Lega ad approvare legge su cittadinanza figli immigrati”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.3%
NO
 23.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy