Domenica , 17 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Emiliano Silvestri. Perché è importante un voto alla lista “Amnistia Giustizia Libertà”
Emiliano Silvestri collabora anche con
Emiliano Silvestri collabora anche con 'Radio Radicale' 
11 Febbraio 2013
 
   Alcuni giorni fa ho ricevuto una mail da mia cugina. Mi collegava ad un video comparso sul sito di Grillo, dove un regista a me sconosciuto inneggiava alla libertà e all’amore. Mentre i notiziari mi informavano dell’imminente nuovo e legalitario 28 ottobre in piazza San Giovanni, dove Beppe Grillo riunirà i maglioncini multicolori del suo movimento 5 stelle; mentre ascoltavo i lavori del Comitato Nazionale di Radicali Italiani, al quale mi aspettavo di essere invitato in quanto candidato n. 3 al Senato in Lombardia per la lista Amnistia, Giustizia, Libertà; ho deciso di rispondere. Ne è uscito un testo che spiega anche i motivi della mia candidatura nella lista e contiene un appello al voto. Eccolo di seguito.
 
 
   Nel profondo di ciascuno di noi abita la speranza di uno spazio d'amore. E l’esigenza di costruirlo. Io ci provo da quando portavo i capelli lunghi e giravo con il simbolo del fucile spezzato, sotto il quale stava scritto: “fate l'amore, non la guerra”. Cosa difficile. Quante comuni libertarie sono fallite, in quegli anni, per liti nutrite dalla gelosia! Oggi lo spazio dell’amore – nella coppia, in famiglia, nelle amicizie – è sempre più soffocato dalla dominante credenza che proclama ricchezza il vuoto accumulo di oggetti poveri; che ci chiede di ridurre chiunque a strumento per conquistarla.
   Poi c'è il quotidiano. E la cultura che ci circonda; che addita tutti coloro che non sono conformisti e non si sentono pecore, che controlla i comportamenti e crea capri espiatori.
   E c'è l'impegno sociale. E quello politico; che dovrebbe trasformare le critiche allo stato di cose presente in proposte. E dare forza al cambiamento.
   In anni ormai lontani, ho aderito al Partito Radicale, che già aveva riportato alcune vittorie: introduzione del divorzio, cancellazione del reato di aborto, nuovo diritto di famiglia, voto ai diciottenni. Incombeva la saldatura tra Partito Comunista Italiano e Democrazia Cristiana e, anche per difendere quello spazio d’amore, diventai un attivista. Partecipai ad una campagna referendaria che, tra l’altro (e proprio oggi è l'anniversario della firma dei Patti Laternanensi, ndr), proponeva l’abolizione del concordato (richiesta non ammessa dalla Corte Costituzionale, che vanificò la concreta possibilità di spezzare la continuità con il regime fascista rigettando anche la richiesta di abolizione di alcune norme che limitavano la libertà di espressione e associazione).
   Altri referendum furono battuti – con la truffa – dai partiti associati. Un esempio per tutti: l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti (confermata al 90,3% dal “popolo sovrano” che fu poi punito con la moltiplicazione dei contributi).
   Ottenemmo vittorie, come nella campagna contro lo sterminio per fame e guerra nel mondo (in particolare in Africa). E sconfitte. Come quella per il disarmo unilaterale; come quella della legalizzazione delle “droghe”, innanzitutto hashish e marijuana.
   Poi il Partito Radicale della nonviolenza divenne mondiale e accreditato all'ONU. Negli anni ha conquistato al mondo l'istituzione della Corte Penale Internazionale (punisce i crimini come genocidi e pulizie etniche); la sospensione universale della pena di morte; la recentissima messa al bando delle mutilazioni genitali sulle bambine.
Ma oggi si vota; in elezioni truccate dai padroni dell'informazione e delle istituzioni. E’ c’è la lista “Amnistia, Giustizia e Libertà”. Un tentativo di lanciare l'allarme sul fatto che l'Italia è condannata da anni dalla Corte Europea dei Diritti dell'uomo perché non rende giustizia ai cittadini.
Perché viola la propria Costituzione e i diritti umani.
   Perché tortura i detenuti concentrati nelle sue carceri, in grandissima parte immigrati, tossicodipendenti e carcerati senza condanna, mentre la prescrizione salva invece (130.000 nel 2012) chi ha soldi e buoni avvocati). E, in pratica, se ne frega. A partire dal suo rassegnato Presidente, che non ha mai inviato un messaggio alle Camere. E se ne frega anche del monito “state vanificando lo stato di diritto!” del Consiglio d'Europa.
   Già. Perché in Italia non governa la legge (i potenti – vedi le firme false per Formigoni – non la rispettano). La “porcata” (la legge elettorale che chiamano “porcellum” per non farti capire) ti impedisce di scegliere i tuoi rappresentanti, come esigerebbe quella Costituzione che si sono messi sotto i piedi da sessant'anni.
Puoi votare solo un simbolo; deputati e senatori li scelgono il capo o i maggiorenti del partito.
   C’è chi sostiene debbano governare i “migliori”. L'esperienza – da ultimo il caso Monte dei Paschi – dimostra che comandano i peggiori incapaci.
   E poi c'è Beppe Grillo. Un bel vaffanculo e abbiamo risolto la questione?
   Io poi ho sessantatre anni, e non posso dare fiducia a chi mi vuole togliere il voto. Ritengo inoltre sbagliata e deleteria la riproposizione della sovranità assoluta dello Stato-Nazione; già ci è costata due guerre mondiali e l'unificazione del continente tentata da Hitler.
Meglio che la dimensione europea, l'unica che ci consentirebbe di essere alla pari con gli altri colossi (Cina, Russia, USA, India ecc.) si strutturi sul modello liberale, popolare e democratico degli Stati Uniti d'Europa.
Per questo sono nella lista di Pannella “Amnistia, Giustizia e Libertà”. Per ricordare a tutti coloro che potranno sentire – e che spero ascoltino – che il rispetto dei diritti umani e il governo della legge sono, insieme alla separazione dei poteri, i migliori strumenti immaginati fino ad ora dall'umanità per difendere i deboli e gli inermi dai prepotenti; da chi ritiene che “la ragione è del più forte”. Per assicurare la pacifica coesistenza; per assicurare una feconda e fraterna convivenza tra quelli che qualcuno ha efficacemente definito “stranieri morali”. Rinnegare questi principi significa preparare ulteriori sofferenze e altre morti, e non soltanto nelle carceri.
   Ti prego dammi una mano. Invia questa richiesta di aiuto a tutti i tuoi amici. Anche un voto in più per la nostra lista è importante.
 
Emiliano Silvestri
(da Notizie Radicali, 11 febbraio 2013)

Articoli correlati

  Le Primarie della Cultura
  Appello a firmare per consentire la presentazione delle liste radicali
  Un voto Radicale al Senato per legalizzare Sondrio e l'Italia
  Mauro Del Barba, Roberta Songini, Angelo Costanzo, Francesca Zucchetti
  Sondrio. Incontro pubblico con Oscar Giannino
  Mario Staderini. Grazie a noi riduzione firme per tutti
  Consumo di suolo e tutela del paesaggio: cosa ne pensano i candidati alle elezioni?
  Martina Simonini. Vicolo cieco, con un'unica... certezza
  Tsunami Tour. Non solo Grillo ma soprattutto una grande festa per tutti
  Lidia Menapace. Il rischio massimo
  Vincenzo Donvito. Spending review ed election day
  5Stelle. A Tirano e a Cosio Valtellino per il dopo-elezioni
  Balotelli. Della Vedova: “Ora sfido Berlusconi e Lega ad approvare legge su cittadinanza figli immigrati”
  Prossima Italia. Una firma per #primarieparlamentari
  Giuseppe Civati. Casino Royale
  Luca Vitali. La Media Education e le elezioni
  Firma Day: Rush del Movimento 5 Stelle per arrivare alle elezioni
  Andrea Sarubbi. Non è tempo per noi
  ancoracade. I dieci Passi
  Maurizio Turco. Legge Elettorale: solo convenienze, mai convinzioni, tantomeno legalità
  Martina Simonini. Donne e politica
  Marco Cappato. Diritti civili, Agenda Monti e Agenda Napolitano
  Simone Sapienza. L'Italia SÌ muova! Da Catania a Treviso
  Gigi Fioravanti. Appello elettorale
  Sondrio. Candidati e raccolta firme “Per fermare il declino”
  Gino Songini. Dalla villa di Arcore a quella di Sant'Ilario, da un pifferaio a un altro
  Luca Comellini. F35, promesse di Bersani e asini “volanti”…
  Valter Vecellio. “Amnistia, Giustizia, Libertà”, l’unico, vero voto utile (al cittadino)
  Lidia Menapace. Il centrodestra di Monti
  Lista di scopo AMNISTIA GIUSTIZIA e LIBERTÀ? Parliamone...
  Vittorio Bellavite. Il Vaticano ha perso l’occasione di stare zitto
  Le liste Amnistia Giustizia e Libertà in Emilia Romagna
  Giuseppe Civati. Missione impossibile (ma però)
  Primo Mastrantoni. Berlusconi e la “non sfiducia”
  Vetrina/ Gigi Fioravanti. Consigli elettorali
  Il tempo è scaduto non ci sono più scuse
  Carceri. Il decreto-legge della ministra Cancellieri è in vigore da oggi
  Respinto dalla Corte Europea per i Diritti dell'Uomo il ricorso dell’Italia
  Indulto e amnistia. Lo chiede il Presidente della Repubblica con un messaggio al Parlamento
  Rita Bernardini. Incontro con il Ministro della giustizia Annamaria Cancellieri
  Valter Vecellio. Vade retro amnistia
  Lettera del Partito radicale al Partito democratico
  Mario Staderini. Caro Epifani, l'amnistia è per la Repubblica, non per Berlusconi
  Carceri. Rita Bernardini: “Io sarò in Calabria e in Sicilia”
  Alessandro Barchiesi. Convivenza carceraria
  Valter Vecellio. Giustizia giusta: la lezione di diritto che (ancora una volta) ci viene dall’Europa
  Carceri/San Vittore: Presidio radicale accoglie Napolitano al grido “Amnistia”
  Stefano Santarossa. Referendum radicali: Casson favorevole alla responsabilità civile dei magistrati
  Giorgio Napolitano: “La detenzione non deve umiliare la dignità delle persone”
  Radicalweb. #iostoconMarco contro lo Stato fuorilegge
  Carceri assassine: è avvenuto oggi il primo suicidio del 2014
  8 marzo a Salerno assieme alle Dame Bianche
  La clemenza necessaria. Amnistia, indulto e riforma della giustizia
  Amnistia, giustizia e libertà: così il Garante dei detenuti di Sondrio
  Milano. Domani sit-in a San Vittore a conclusione della 5 giorni nonviolenta
  Rita Bernardini. Proposte di legge per riforma giustizia e carceri
  Rita Bernardini. A Regina Coeli con Marco Pannella e Roberto Giachetti
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy