Mercoledì , 20 Giugno 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Prossima Italia. Una firma per #primarieparlamentari 
Una petizione on line per chi ritiene importante sgomberare il campo dalle scuse
11 Dicembre 2012
 

È on line da pochi minuti una petizione pubblicata congiuntamente da Pippo Civati e Salvatore Vassallo, estensori e proponenti di una proposta di regolamento per le primarie per i parlamentari, e da lungo interno impegnati nel Pd per promuoverle.

L’appello è rivolto a tutti gli elettori e le elettrici, del Pd e del centrosinistra, e l’invito è a sottoscriverlo per accelerare ulteriormente una decisione ormai irrevocabile, visto l’accelerarsi della fine della legislatura.

Nella petizione si chiede che i prossimi parlamentari vengano scelti, stante il Porcellum, con consultazioni aperte, si propone un modello di regolamentazione aggiornato, si chiede di procrastinare di pochi giorni la scadenza per la presentazione delle liste, e di fissare nella prima data utile, il 13 gennaio, il giorno delle consultazioni.

Un appello da firmare e da far circolare il più possibile.

 
 
Il testo della Petizione
 
A: Anna Maria Cancellieri, Pierluigi Bersani, Nichi Vendola
 
Primarie per i parlamentari il 13 gennaio
 
L’Italia non merita un altro Parlamento di nominati. Fissiamo subito la data e le regole per le primarie.
La repentina crisi del Governo Monti ha già messo a repentaglio la stabilità finanziaria e la credibilità internazionale che l’Italia aveva faticosamente ricostruito negli ultimi mesi. Ma il rapido ricorso alle elezioni, senza che sia stato rimosso il vulnus delle liste dei nominati, rischia di produrre un ulteriore disastro: di mortificare ancora la legittimità del Parlamento e con esso di chi sarà chiamato a governare nella prossima legislatura. Non possiamo permetterlo!
 
1. Qualora la data delle elezioni sia fissata per il 17/18 febbraio, chiediamo al Presidente della Consiglio e al Ministro dell’Interno di stabilire con decreto che la presentazione delle liste possa avvenire, anziché fino al 34°, fino al 31° giorno antecedente alla data delle elezioni, anche al fine di rendere più agevole lo svolgimento di elezioni primarie per la scelta dei candidati.
2. Chiediamo al segretario Bersani e alla Direzione Nazionale del PD di convocare in ogni caso primarie per i parlamentari, aperte a tutti i nostri elettori, per il 13 gennaio o, qualora non sia emanato il decreto di cui sopra, per il 12 gennaio, e di adottare il regolamento già presentato alla Assemblea Nazionale all’inizio di quest’anno, qui di seguito riproposto con pochi adattamenti che lo rendono immediatamente applicabile.
3. Auspichiamo che Nichi Vendola e i leader delle altre forze politiche della coalizione “Italia Bene Comune” che intendano presentare proprie liste decidano di convocare, per la stessa data, elezioni primarie per la scelta dei loro candidati, in modo che tutti gli elettori di centrosinistra, ciascuno per le liste del proprio partito, possano partecipare in un’unica giornata e negli stessi luoghi a questa necessaria e fondamentale prova di democrazia, che completa il percorso avviato insieme con le primarie per il candidato comune a Presidente del Consiglio.
 
Regolamento per le primarie dei candidati PD al Parlamento
1. fatta eccezione per la candidatura del Segretario Nazionale, i candidati al Parlamento del PD per la XVII legislatura vengono selezionati per mezzo di elezioni primarie convocate per il giorno 13 gennaio 2013;
2. a tal fine, ogni provincia costituisce un collegio; su proposta della Direzione provinciale e delibera della Direzione regionale, nelle province con più di 1.000.000 abitanti possono essere costituiti collegi sub-provinciali eventualmente corrispondenti ad unioni territoriali del PD, quelle con popolazione inferiore a 500.000 abitanti possono essere aggregate a collegi territorialmente contigui;
3. al fine di assicurare un leale e corretto rapporto dei candidati con il partito, la presentazione delle candidature è accompagnata dalla sottoscrizione di almeno il 5% dei componenti della Direzione provinciale ovvero di almeno il 3% degli iscritti al partito nel medesimo ambito territoriale;
4. i candidati si impegnano a rispettare lo Statuto, il Codice etico, il Regolamento per le primarie ed a presentare un rendiconto dettagliato dei contributi e delle spese sostenute per la propaganda elettorale delle primarie, i quali non potranno comunque superare il limite di 20.000 euro; è fatto in ogni caso divieto ai dirigenti e ai quadri del PD di utilizzare risorse finanziarie e organizzative, mezzi di comunicazione interna o personale dipendente del partito per promuovere specifiche candidature; il mancato rispetto di tali norme comporta l’esclusione dalla candidatura al Parlamento nelle liste del Partito Democratico;
5. le candidature sono presentate in maniera indistinta per la Camera e per il Senato;
6. possono votare tutti i cittadini che il giorno delle primarie si recano al seggio del territorio in cui risiedono, esibiscono il loro certificato elettorale ed un valido documento di identificazione, sottoscrivono un documento in cui dichiarano di essere “Elettori del Partito Democratico”, autorizzano l’inclusione dei loro dati anagrafici nel relativo “Albo degli elettori”, versano la somma minima di un euro come contributo alle spese delle primarie e della campagna elettorale del PD;
7. ciascun elettore può esprimere fino ad un massimo di due voti, purché siano espressi per candidati di genere diverso;
8. per stabilire l’ordine in cui, nell’ambito di ciascuna regione, i candidati alle primarie hanno diritto ad essere inseriti in lista, si suddivide innanzitutto il totale dei voti validamente espressi in ciascun collegio a favore del PD in occasione delle elezioni per la Camera dei Deputati del 2008 per 1, 3, 5, 7 e così via ottenendo una serie di quozienti di entità decrescente; la prima candidatura viene assegnata al collegio che dispone del primo quoziente più alto e, nell’ambito del collegio, al candidato alle primarie che ha ricevuto il maggior numero di voti; le successive candidature sono assegnate al collegio con il quoziente non ancora utilizzato più alto e, all’interno del collegio, al candidato alle primarie non ancora selezionato che ha ottenuto il maggior numero di voti;
9. i candidati esercitano l’opzione per la Camera o per il Senato nell’ordine in cui sono stati selezionati e vengono quindi collocati nella lista prescelta immediatamente dopo il candidato che aveva esercitato prima di loro l’opzione per la medesima lista.
 
Giuseppe Civati – Salvatore Vassallo
 
 
» QUI per firmare la petizione

Articoli correlati

  Il PD farà le primarie anche per la scelta dei candidati al Parlamento
  Mauro Del Barba, Roberta Songini, Angelo Costanzo, Francesca Zucchetti
  Giuseppe Civati. La campagna dei bottoni
  Gianfranco Camero. A volte ritornano...
  Giuseppe Civati. Non ci resta che scegliere (ripropost)
  Tsunami Tour. Non solo Grillo ma soprattutto una grande festa per tutti
  Le Primarie della Cultura
  Maurizio Turco. Legge Elettorale: solo convenienze, mai convinzioni, tantomeno legalità
  Consumo di suolo e tutela del paesaggio: cosa ne pensano i candidati alle elezioni?
  Martina Simonini. Donne e politica
  Gigi Fioravanti. Appello elettorale
  5Stelle. A Tirano e a Cosio Valtellino per il dopo-elezioni
  Simone Sapienza. L'Italia SÌ muova! Da Catania a Treviso
  Martina Simonini. Vicolo cieco, con un'unica... certezza
  Emiliano Silvestri. Perché è importante un voto alla lista “Amnistia Giustizia Libertà”
  Giuseppe Civati. Casino Royale
  Un voto Radicale al Senato per legalizzare Sondrio e l'Italia
  Primo Mastrantoni. Berlusconi e la “non sfiducia”
  Vincenzo Donvito. Spending review ed election day
  Il tempo è scaduto non ci sono più scuse
  Valter Vecellio. “Amnistia, Giustizia, Libertà”, l’unico, vero voto utile (al cittadino)
  Andrea Sarubbi. Non è tempo per noi
  Gino Songini. Dalla villa di Arcore a quella di Sant'Ilario, da un pifferaio a un altro
  Balotelli. Della Vedova: “Ora sfido Berlusconi e Lega ad approvare legge su cittadinanza figli immigrati”
  Marco Cappato. Diritti civili, Agenda Monti e Agenda Napolitano
  Appello a firmare per consentire la presentazione delle liste radicali
  Sondrio. Incontro pubblico con Oscar Giannino
  Vetrina/ Gigi Fioravanti. Consigli elettorali
  Mario Staderini. Grazie a noi riduzione firme per tutti
  Lidia Menapace. Il rischio massimo
  Luca Comellini. F35, promesse di Bersani e asini “volanti”…
  Sondrio. Candidati e raccolta firme “Per fermare il declino”
  Lidia Menapace. Il centrodestra di Monti
  Vittorio Bellavite. Il Vaticano ha perso l’occasione di stare zitto
  ancoracade. I dieci Passi
  Firma Day: Rush del Movimento 5 Stelle per arrivare alle elezioni
  Lista di scopo AMNISTIA GIUSTIZIA e LIBERTÀ? Parliamone...
  Giuseppe Civati. Missione impossibile (ma però)
  Luca Vitali. La Media Education e le elezioni
  Le liste Amnistia Giustizia e Libertà in Emilia Romagna
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy