Giovedì , 14 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Un voto Radicale al Senato per legalizzare Sondrio e l'Italia 
Dichiarazione di Giovanni Sansi
21 Febbraio 2013
 

Con l'eliminazione dalla competizione elettorale regionale e per la Camera dei Deputati della lista AMNISTIA GIUSTIZIA LIBERTÀ, che ha posto come obiettivo prioritario quello di interrompere le condizioni di criminalità delle istituzioni lombarde e nazionali, il voto radicale sarà possibile solo per la competizione al Senato, dove sono presenti quei militanti radicali che hanno condotto l'unica lotta politica e giudiziaria di alternativa al sistema di potere Formigoni-Penati-Compagnia delle Opere-Cooperative, avendo scoperto e denunciato la truffa delle firme false del Pdl ed ottenuto le dimissioni di due Consiglieri regionali (uno del Pd, Costanzo, e uno del Pdl, Pozzi), eletti ancorché incandidabili.

 

Nella lista AMNISTIA GIUSTIZIA LIBERTÀ per il Senato i candidati locali sono:

GIOVANNI SANSI, iscritto al Partito Radicale Nonviolento Transnazionale ed alle associazioni Radicali dall'inizio degli anni '90 e da una decina di anni referente locale per il Partito Radicale, ha partecipato attivamente a tutte le campagne elettorali che hanno visto impegnati i Radicali, dalle liste “Bonino-Pannella” alla “Rosa nel Pugno” oltreché alle iniziative politiche referendarie sui diritti civili e le libertà economiche e più recentemente alle manifestazioni per l'amnistia, associandosi al digiuno di Marco Pannella.

FRANCO GIANONCELLI, presidente dell’Associazione Avanti Diritto, che per la sua storia, per il suo vissuto, per le sue battaglie è il miglior candidato al parlamento che la provincia di Sondrio possa esprimere per rappresentare la lista “Amnistia Giustizia e Libertà”, che fa dei diritti umani e della giustizia il proprio cavallo di battaglia.

Per la campagna elettorale è stato realizzato un manifesto con l'immagine dei due candidati, affisso in tutta la provincia, dove si chiede provocatoriamente agli elettori:

Vi siete chiesti quanti arrestati, indagati e coinvolti in scandali ci sono stati nel partito che avete votato alle precedenti elezioni? E chi sono coloro che, dal governo e dall’opposizione, hanno accumulato l’attuale spaventoso debito pubblico e consentito lo sfascio della giustizia? Sono quelli che ora chiedono il “voto utile” (certamente per loro) e promettono di cambiare!... se volete crederci ancora...

Sempre nel manifesto, un rimando al sito di Radicali Sondrio per conoscere alcune scomode verità sul tribunale di Sondrio, principalmente la gestione della Sezione fallimentare che da trent'anni è coinvolta in scandalosi episodi di saccheggio delle risorse di aziende fallite o fatte fallire e su cui i Radicali hanno promosso manifestazioni di denuncia.

Giovanni Sansi, a cui l'ottusa burocrazia penitenziaria ha impedito di compiere la visita delle carceri lombarde che si era prefisso con il Consigliere regionale Paola Camillo, ha dichiarato:

Dopo 25 anni di ripetute condanne delle Corti europee a causa dello sfascio del sistema giudiziario e penitenziario, oggi siamo persino arrivati ad un' ordinanza senza precedenti con cui il Tribunale di Sorveglianza di Padova solleva una questione di incostituzionalità e chiede alla Consulta se vi sia la facoltà di sospendere e rinviare l'esecuzione in carcere della pena di un detenuto non soltanto quand'essa potrebbe determinare «grave infermità fisica» (unico evento oggi contemplato dalla legge), ma anche nei casi in cui verrebbe scontata in condizioni intollerabili di sovraffollamento e dunque si risolverebbe in «trattamenti disumani e degradanti», secondo la definizione della Corte europea dei Diritti dell'uomo di Strasburgo nelle sentenze che hanno condannato già due volte l'Italia per aver lasciato ai carcerati meno di 3 metri quadrati a testa.

E ancora, poche settimane fa, il rapporto annuale dell’EURISPES ci dice che sui diritti civili la stragrande maggioranza degli italiani è molto più avanti della politica: 71,2% di favorevoli alle unioni di fatto, 79,4% alla fecondazione assistita, 63,9% alla pillola abortiva, 77,3% al testamento biologico, 64,6% alla eutanasia. Intanto i vertici dei partiti, che dovrebbero legiferare tenendo conto di questi dati, nei loro programmi ignorano i diritti civili o avanzano proposte del tutto inadeguate. Tutti, tranne i radicali e la lista da loro promossa per le prossime elezioni: Amnistia, Giustizia e Libertà.”

 

Radicali Sondrio


Articoli correlati

  Maurizio Turco. Legge Elettorale: solo convenienze, mai convinzioni, tantomeno legalità
  Emiliano Silvestri. Perché è importante un voto alla lista “Amnistia Giustizia Libertà”
  Mario Staderini. Grazie a noi riduzione firme per tutti
  Le Primarie della Cultura
  Appello a firmare per consentire la presentazione delle liste radicali
  Mauro Del Barba, Roberta Songini, Angelo Costanzo, Francesca Zucchetti
  Consumo di suolo e tutela del paesaggio: cosa ne pensano i candidati alle elezioni?
  Martina Simonini. Vicolo cieco, con un'unica... certezza
  Tsunami Tour. Non solo Grillo ma soprattutto una grande festa per tutti
  Lidia Menapace. Il rischio massimo
  Gigi Fioravanti. Appello elettorale
  Vincenzo Donvito. Spending review ed election day
  5Stelle. A Tirano e a Cosio Valtellino per il dopo-elezioni
  Prossima Italia. Una firma per #primarieparlamentari
  Giuseppe Civati. Casino Royale
  Lidia Menapace. Il centrodestra di Monti
  Luca Vitali. La Media Education e le elezioni
  Firma Day: Rush del Movimento 5 Stelle per arrivare alle elezioni
  Andrea Sarubbi. Non è tempo per noi
  Sondrio. Incontro pubblico con Oscar Giannino
  ancoracade. I dieci Passi
  Martina Simonini. Donne e politica
  Marco Cappato. Diritti civili, Agenda Monti e Agenda Napolitano
  Balotelli. Della Vedova: “Ora sfido Berlusconi e Lega ad approvare legge su cittadinanza figli immigrati”
  Simone Sapienza. L'Italia SÌ muova! Da Catania a Treviso
  Vetrina/ Gigi Fioravanti. Consigli elettorali
  Gino Songini. Dalla villa di Arcore a quella di Sant'Ilario, da un pifferaio a un altro
  Luca Comellini. F35, promesse di Bersani e asini “volanti”…
  Primo Mastrantoni. Berlusconi e la “non sfiducia”
  Valter Vecellio. “Amnistia, Giustizia, Libertà”, l’unico, vero voto utile (al cittadino)
  Lista di scopo AMNISTIA GIUSTIZIA e LIBERTÀ? Parliamone...
  Vittorio Bellavite. Il Vaticano ha perso l’occasione di stare zitto
  Le liste Amnistia Giustizia e Libertà in Emilia Romagna
  Giuseppe Civati. Missione impossibile (ma però)
  Il tempo è scaduto non ci sono più scuse
  Sondrio. Candidati e raccolta firme “Per fermare il declino”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy