Domenica , 17 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gino Songini. Dalla villa di Arcore a quella di Sant'Ilario, da un pifferaio a un altro
27 Febbraio 2013
 

Dato un calcio nel sedere (pardon, un calcetto, un calcetto leggerissimo) al re di Arcore, ecco venire avanti sul palcoscenico Italia un arruffato arruffapopolo che sa occupare la scena da par suo. Su col morale, amici: il divertimento è assicurato. “Apriremo il parlamento come una scatola di tonno!” aveva detto. In effetti un fiume in piena irrompe nelle stantie e polverose aule parlamentari del nostro paese, forze nuove, dalle quali ci si potrebbe anche attendere che contribuiscano a svecchiare quel mondo di cariatidi, o a ripulire le acque torbide della politica nelle quali da troppo tempo, insieme a tanti pesciolini che vanno e vengono senza una meta, nuotano pescecani affamati e pericolosi.

Il parlamento italiano si apre dunque a questa onda d'urto che sembra destinata a travolgere ogni cosa e i cittadini osservano chi con simpatia, chi con perplessità, chi con timore quanto sta avvenendo. Che dire? Intanto è bene ricordare che milioni di voti sono stati guadagnati con slogan qualunquistici ma di straordinaria efficacia propagandistica, cavalcando il reale e profondo malessere della società scossa da una crisi senza precedenti. I giovani non trovano lavoro, le aziende chiudono, le fabbriche delocalizzano all'estero, la pressione fiscale è grande, l'evasione altrettanto, la benzina è la più cara d'Europa, la disoccupazione aumenta ogni giorno, la pensione è rimandata ad anni lontani, ecc. Insomma il cahier de doléances è pieno come non mai. E così, in questa strana e balorda campagna elettorale, nella quale se abbiamo sentito una verità ci è toccato ascoltare almeno cinquecento bugie, hanno avuto buon gioco negromanti, ciarlatani e imbonitori. Dicevano una volta al mio paese: Al val pèsè 'na buna lapa chè 'na buna zapa. Ed ecco l'arruffapopolo che declama urlando come un cane che abbaia (e si spera non morda): “In nome di Dio, andatevene! Onorevoli disonorati. Facce di bronzo, facce di merda, facce da impuniti, facce da dimenticare se si vuole riacquistare un minimo di serenità. Facce di responsabili dello sfacelo economico e sociale che si fanno il lifting, i sorrisi tirati ormai in un ghigno, l'incedere da uomini di potere che si credono statisti... Non capiscono che sono come Ceauşescu al balcone, Mussolini nel camion verso la Svizzera vestito da soldato tedesco, Hitler nel bunker di Berlino...”

Pur contenendo anche qualche sacrosanta verità, bisogna ammettere che questi discorsi sono un po' troppo facili da fare. È facile censurare, dissacrare, condannare. E in fondo non è stato neanche troppo difficile pescare voti nel grande bacino elettorale anche a motivo del malcontento che serpeggia tra la gente oppressa, come si diceva, da una crisi che non finisce mai e sconcertata da una serie di scandali di gravità inaudita. E allora vai con Grillo. Al suo movimento – guai a chiamarlo partito – si sono avvicinati e hanno aderito giovani e meno giovani, manager e disoccupati, ingegneri e casalinghe. I candidati del Movimento 5 Stelle, scelti sulla rete magari con poche centinaia, a volte con poche decine di voti, hanno ottenuto grandiosi risultati nella competizione elettorale. Sarà “vera gloria”? Chissà. Personalmente ritengo che questi nuovi deputati e senatori, per lo più giovani e pieni di entusiasmo, possano davvero contribuire a rinnovare la classe politica, il governo, le istituzioni e persino i quadri e le strutture dello stato (ma qui la vedo dura). Mi infastidisce invece il comportamento del grande capo che a volte assume atteggiamenti da taumaturgo per poi passare, senza troppe esitazioni, ad atti di Grande Inquisitore che scomunica su due piedi chi non è fedele ai suoi comandamenti. Basta un twit sulla rete per cancellare dalla scena chi osa mettere in discussione il sacro verbo. C'è qualcosa del guru, dello sciamano, del capo-setta, dell'ayatollah in tutto questo. Vengono alla mente infiniti esempi in tempi vicini e lontani di altri “Capi” che hanno portato, il cielo non voglia, a notevoli disastri. “Giudice in terra del bene e del male”, come cantava Fabrizio De André, Grillo non ammette rilievi ai suoi editti: chi non è con me è contro di me. E poi grida che i partiti sono morti (lo erano anche per Mussolini, Hitler e Stalin), che i sindacati bisogna abolirli, che la stampa è di regime, ordina ai suoi di evitare la televisione, proprio lui che con la televisione ha fatto i miliardi, non risponde alle domande dei giornalisti, ecc. In compenso attraversa a nuoto lo stretto di Messina, galleggia nelle piazze d'Italia sopra le teste dei suoi fans, manda “affan...” di volta in volta Monti, Berlusconi, Bersani, Napolitano, Casini, ecc. mettendo tutti senza distinzione in un calderone e gridando: “La crisi sono loro, dei veri ritardati morali, con gravi psicopatologie, hanno la prostata gonfia, per due tette e un culo sfasciano la famiglia, sono pieni di viagra, questo è un paese morto!”

Populismo sfrenato, qualunquismo che dilaga come un fiume senza sponde. Linguaggio che un tempo si sarebbe definito “triviale” ma che oggi sappiamo ampiamente sdoganato. Linguaggio che fa presa soprattutto sui giovani incattiviti per la crisi e giustamente indignati di fronte alla marea montante degli scandali.

Ci troviamo dunque di fronte a un fenomeno nuovo, difficile da interpretare, che presenta, come sempre accade in simili frangenti, le solite due facce della medaglia. Da un lato il faccione irsuto e urlante del comico ligure che, mosso dall'ambizione personale e dalla sete di conquista intende fare concorrenza a quell'altro comico, assai meno presentabile, che pontifica in quel di Arcore, e dall'altro tanti giovani pieni di buona volontà che attratti dalla musica del pifferaio con la barba lo seguono con slancio vigoroso e fede indefessa. La domanda che tutti si fanno è sempre quella: dove ci porterà tutto questo? Bella domanda. Intanto prendiamo atto che lo tsunami annunciato si è abbattuto sul parlamento della Repubblica. Nei templi della politica irrompe una massa di gente nuova, per lo più giovani e giovanissimi, fedeli al sacro verbo del web e al suo profeta. Proviamo a guardare il bicchiere mezzo pieno. Chissà che tante incrostazioni non cadano davvero, che tanta polvere e tante ragnatele non vengano finalmente tolte da quelle pareti, chissà che una ventata di aria fresca possa dare respiro all'asfittica e tediosa politica italiana. Stiamo a vedere. Oggi come oggi (27 febbraio 2013) non mi interessano più di tanto le alchimie politiche, quale esecutivo si potrà formare, quali accordi parlamentari si potranno determinare, quali programmi di governo si potranno attuare. Mi interessa invece vedere quale impatto avrà sulla nostra società, e non soltanto sulla vita parlamentare, questa onda d'urto che si è abbattuta sulle mura del Palazzo. Andremo verso una politica più attenta ai reali bisogni della gente, più sensibile alle difficoltà che i cittadini vivono ogni giorno, più sobria, più pulita, più onesta? Ma...

Sarà perché ho una certa età, ma non posso fare a meno di ripetermi che la prudenza è d'obbligo. «A Montecitorio e a Palazzo Madama la purezza dura al massimo dodici mesi, poi in genere le lusinghe romane (vedi gli extraparlamentari, vedi anche i leghisti come sono finiti) prendono il sopravvento e più che politica si può pensare che è la vita». Parole, dette da un noto politologo, che fanno pensare. Resta il fatto che la seconda Repubblica guidata per vent'anni dal pifferaio di Arcore (restituiremo l'IMU! Aspetta e spera...) ci ha consegnato a un altro pifferaio forse meno avido del primo ma altrettanto amante delle scorciatoie e degli slogan populisti e qualunquistici. Dicevano i progenitori romani: Di bene vortant (che gli dei la mandino buona).

 

Gino Songini

(per 'l Gazetin, marzo 2013)

 

 

 

E voi come la pensate?

Potete esprimere la vostra opinione con il » Sondaggio di Tellusfolio


Articoli correlati

  Emiliano Silvestri. Perché è importante un voto alla lista “Amnistia Giustizia Libertà”
  Le Primarie della Cultura
  Appello a firmare per consentire la presentazione delle liste radicali
  Un voto Radicale al Senato per legalizzare Sondrio e l'Italia
  Mauro Del Barba, Roberta Songini, Angelo Costanzo, Francesca Zucchetti
  Sondrio. Incontro pubblico con Oscar Giannino
  Mario Staderini. Grazie a noi riduzione firme per tutti
  Consumo di suolo e tutela del paesaggio: cosa ne pensano i candidati alle elezioni?
  Martina Simonini. Vicolo cieco, con un'unica... certezza
  Tsunami Tour. Non solo Grillo ma soprattutto una grande festa per tutti
  Lidia Menapace. Il rischio massimo
  Vincenzo Donvito. Spending review ed election day
  5Stelle. A Tirano e a Cosio Valtellino per il dopo-elezioni
  Balotelli. Della Vedova: “Ora sfido Berlusconi e Lega ad approvare legge su cittadinanza figli immigrati”
  Prossima Italia. Una firma per #primarieparlamentari
  Giuseppe Civati. Casino Royale
  Luca Vitali. La Media Education e le elezioni
  Firma Day: Rush del Movimento 5 Stelle per arrivare alle elezioni
  Andrea Sarubbi. Non è tempo per noi
  ancoracade. I dieci Passi
  Maurizio Turco. Legge Elettorale: solo convenienze, mai convinzioni, tantomeno legalità
  Martina Simonini. Donne e politica
  Marco Cappato. Diritti civili, Agenda Monti e Agenda Napolitano
  Simone Sapienza. L'Italia SÌ muova! Da Catania a Treviso
  Gigi Fioravanti. Appello elettorale
  Sondrio. Candidati e raccolta firme “Per fermare il declino”
  Luca Comellini. F35, promesse di Bersani e asini “volanti”…
  Valter Vecellio. “Amnistia, Giustizia, Libertà”, l’unico, vero voto utile (al cittadino)
  Lidia Menapace. Il centrodestra di Monti
  Lista di scopo AMNISTIA GIUSTIZIA e LIBERTÀ? Parliamone...
  Vittorio Bellavite. Il Vaticano ha perso l’occasione di stare zitto
  Le liste Amnistia Giustizia e Libertà in Emilia Romagna
  Giuseppe Civati. Missione impossibile (ma però)
  Primo Mastrantoni. Berlusconi e la “non sfiducia”
  Vetrina/ Gigi Fioravanti. Consigli elettorali
  Il tempo è scaduto non ci sono più scuse
  Anche Beppe Grillo a sostegno dei referendum radicali?
  'L GAZETIN nella mischia delle Primarie
  Propongo un “Va”, impegnativo e positivo
  Alice Suella: No a censure per Santoro e Travaglio
  Marco Pannella. La mia lettera a Beppe Grillo
  Valeria Manieri. Insomnia café 5. “Non ho l’età?” Lettera a un giovane radicale
  Maria G. Di Rienzo. Scuole future
  Segretario Pd e par condicio (di Gianluigi Corinto - www.aduc.it)
  Rosario Amico Roxas. Quamquam ridentem dicere verum quid vetat?
  Valter Vecellio. Chi ha paura di Beppe Grillo? Con postfazione di Marco Pannella
  Salvatore Sblando: Beppe Grillo è tornato a fare il comico
  Marco Lombardi. Aiuto: ho un grillo per capello!
  Rosario Amico Roxas. I paradossi della realtà!
  Piero Cappelli. Dai cacciabombardieri al Superenalotto e… i poveri, tanti! Che Italia, ragazzi!!
  Erminia Passannanti: Blogging, Dissidence e Comunità on-line.
  Carlo Forin. La legge sui partiti
  Gino Songini. L'abbiamo scampata bella
  Gino Songini. Non ci resta che piangere
  Vetrina/ Gino Songini. In morte di Nelson Mandela
  Vetrina/ Gino Songini. Lettera al “Che”
  Gino Songini. «Somos todos americanos»
  Gino Songini. Elogio del lavoro manuale
  Gino Songini. Il cavallo non domato (o indomabile?) dell'energia nucleare
  Gino Songini. Ma diamogli un calcio nel sedere (metaforico, s'intende)
  Gino Songini. “Se un paese è l'aereo, la scuola è il suo motore”*
  Gino Songini. Gli esami non finiscono mai
  Scuola e Diritti. “Se i meccanici sabotano i motori, l’aereo precipita!”
  Gino Songini. NO e ancora NO ai reati di opinione
  Gino Songini. A cosa può servire una interminabile crisi
  Gino Songini. Brevi note sulla pittura e sulla musica.
  Gino Songini. Zibaldone estivo
  Gino Songini. A proposito della libertà di stampa
  Gino Songini. Nella giungla informatica, tra felici scoperte e trappole insidiose
  Gino Songini. Una guerra mondiale “a pezzi”
  Gino Songini. Beati coloro che possiedono certezze e verità
  Gino Songini. Una gita con Berlusconi
  Gino Songini. Le crisi come le ciliegie: una tira l'altra
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy