Lunedì , 15 Luglio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Dialogo Tf
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gino Songini. Zibaldone estivo  
Caldo. Dobermann senza museruola e senza guinzaglio. Da Atene all'Europa unita. Vacanze retiche con P.S.
Aiutiamoli a casa loro...
Aiutiamoli a casa loro... 
24 Settembre 2015
 

Caldo

Estate calda. La protezione civile dirama i suoi allarmi a intervalli regolari e con potenti megafoni: «Sono a rischio vecchi e bambini, cardiopatici e cagionevoli di salute in genere. Bere molta acqua. Evitare sforzi, soprattutto nelle ore più calde, ecc. ecc.»

Come ogni estate, si parla di temperature record. Mai un luglio così caldo! Mai un agosto tanto torrido! Poi succede che intorno a ferragosto qualcosa cambia. Una corrente fredda percorre il nord-Italia e le cime delle montagne appaiono imbiancate da una bella passata di neve fresca. Esco la sera in moto e dopo neanche un chilometro mi tocca fare dietrofront per tornarmene a casa a indossare la giacca a vento. Alla faccia del caldo record, dell'emissione dei gas serra e del buco dell'ozono. Quindi la temperatura torna a salire un poco ma arrivano nebbia e pioggia. Di nuovo torna un po' di caldo. Ma dov'è la novità? Perché tanti allarmi? L'estate del 2003 fu veramente eccezionale per il caldo intenso e prolungato ma di estati come questa del 2015 mi pare di averne già viste più di una, ahimè (gli anni passano e i bimbi crescono).

 

Dobermann senza museruola e senza guinzaglio

In televisione, nella pigra televisione dell'estate, gli opinionisti (bel mestiere quello di essere pagati a cianciare) come sempre dicono la loro su tutto e su tutti. In verità si parla quasi sempre delle stesse cose, l'immigrazione, l'economia, la cronaca, Renzi, Salvini, Grillo ecc. Ed ecco che in uno dei vari salotti televisivi irrompe come troppo spesso avviene un dobermann senza museruola e senza guinzaglio: il solito azzannatore che nessuno riesce e a contenere e che io proprio non riesco a sopportare. Sgarbi, sempre lui. Per non sentire insulti, sproloqui e turpiloqui, spengo la televisione e vado in cucina a bere un bicchiere di acqua fresca. Ma anche là arrivano attraverso le finestre aperte delle case le urla di questo individuo che è diventato famoso abbaiando in televisione peggio di un cane con la rabbia. Questo scalmanato, come al solito, si scaglia gridando contro tutto e contro tutti, facendo però sempre attenzione a non urtare il potente o i potenti di turno. Penso che se lo studio dell'arte (costui si dichiara critico d'arte) porta a simili risultati allora è meglio non occuparsi né di Giotto né di Piero della Francesca, ma impiegare il proprio tempo andando a cercare mirtilli sulle montagne della Valgerola. Ovviamente questa è soltanto una battuta perché l'arte non ha nessuna colpa delle intemperanze del personaggio. La colpa è di chi invita a parlare in televisione un simile elemento, che ogni volta che apre bocca fa lo stesso effetto di un tubo della fognatura che si rompe e riversa i suoi liquami proprio al centro di una bella piazza.

 

Da Atene all'Europa unita

Uno dei temi ricorrenti più discussi e sviscerati dell'estate è stato sicuramente quello della crisi greca. Come molti ho letto abbastanza sull'argomento, ho ascoltato altrettanto, mi sono sforzato di documentarmi. Ma non mi si chieda cosa penso della faccenda perché dopo tanto leggere, dopo tanto ascoltare, dopo tante discussioni riconosco di saperne come prima, cioè quasi niente. Mi sembra che i giornali non abbiano fatto altro che insistere sui soliti stereotipi: da una parte l'immagine di una Grecia spendacciona vissuta per anni al di sopra dei propri mezzi, dall'altra l'immagine di una Germania severa, dura e inflessibile che non ha alcuna comprensione per chi è più debole. Può essere che ci sia del vero in ognuna di queste due posizioni e allora mi dico che forse, come sempre, la verità sta nel mezzo. Ma ho appena detto di non sapere quasi niente della questione e allora la chiudo qui. Quello che invece mi pare di aver capito, al di là della crisi greca e delle difficoltà della moneta unica, è quanto sia più che mai necessario uno sforzo comune per superare gli egoismi nazionali e andare verso quell'unione politica dell'Europa che già i padri europei di sessant'anni fa avevano preconizzato. Gli Stati Uniti d'Europa rappresenterebbero a mio avviso la svolta più significativa e positiva nell'Europa del nuovo millennio. Certo, c'è molto da fare. Abbiamo decine di stati con storie diverse, tradizioni diverse, economie diverse, lingue diverse. Sono ancora visibili le cicatrici di una storia d'Europa fatta di conflitti spaventosi. Ma se ci si pone il traguardo dell'unità, si trova sicuramente il modo per raggiungerlo. Siamo nel 2015 e, senza dimenticare il passato, dobbiamo guardare avanti, a un'Europa integrata, libera, solidale, pronta alle sfide globali di un mondo sempre più complesso. Dobbiamo marciare insieme, da Lampedusa a Capo Nord. Se ci uniremo avremo fatto un passo decisivo per superare le diverse crisi e per lasciare a chi verrà dopo di noi un'Europa e un mondo migliori di come li abbiamo trovati.

 

Vacanze retiche

Sono africani. Il più vecchio avrà venticinque anni. Il più giovane diciotto. Sono una quindicina, forse più. Alti, robusti, la pelle colore dell'ebano. Passano i pomeriggi di questa calda estate sulle affollate rive del torrente, tuffandosi ogni tanto nelle limpide acque del Màsino. Poi si riposano al fresco sulle sdraio bianche e blu del giardino della locanda. La sera escono per la passeggiata e se c'è una sagra o una festa con orchestra non mancano di dare spettacolo sulla pista da ballo. Colazione, pranzo, cena, doccia con l'acqua calda. Nella locanda le camere sono linde e accoglienti. Ma chi sono questi ragazzi che passano l'estate da perfetti vacanzieri amanti della montagna? Sono i cosiddetti profughi ospitati in Valle. Profughi? Ma da chi e da che cosa fuggono? Dalla fame? A occhio non direi. Dalla guerra? Ma se fuggono dalla guerra perché non c'è con loro la famiglia? E poi alcuni di loro dicono di provenire da Ghana e Senegal dove, grazie al cielo, non c'è traccia di guerra.

Tutte le province d'Italia ospitano ormai un gran numero di giovani e meno giovani provenienti da ogni dove. E la loro distribuzione sul territorio nazionale costituisce uno degli argomenti più dibattuti. Opinionisti, politici e gente comune si dividono solitamente in due fazioni nettamente contrapposte: quelli che parlano di accoglienza e solidarietà a prescindere e quelli che parlano di invasione e respingimenti sempre e comunque. Guelfi contro ghibellini. I primi hanno il loro faro nientemeno che in papa Francesco, gli altri si richiamano più modestamente al verbo leghista e al suo profeta Matteo Salvini (anche quando non votano Lega).

E chi scrive? In tempi non sospetti ho già detto la mia sulla questione immigrazione scrivendo sul Gazetin (Una Disneyland che ha per nome Italia, ottobre 2007) quello che penso. Non ho cambiato idea e pertanto non ho niente da aggiungere. Aggiungo invece, anche se la cosa è del tutto irrilevante, che per motivi miei non voto per la Lega di Salvini, ma che questa faccenda dell'accoglienza a prescindere e della solidarietà pelosa mi lascia quantomeno perplesso. L'immagine poi di quei giovani beatamente distesi sulle sdraio della locanda mi sembra l'ennesima dimostrazione dello sfacelo politico-amministrativo in cui versa il nostro paese. Via, una cosa del genere è o non è uno scandalo? Di fronte alle tante difficoltà dell'Italia possiamo permetterci questo spreco?

La mafia nord-africana comandata dagli schiavisti-scafisti moderni manda in Italia migliaia di sbandati ogni settimana e la mafia nostrana li accoglie (si fa per dire) e li gestisce sfruttando i finanziamenti che piovono come la manna dal cielo. La totale incapacità delle nostre amministrazioni di controllare il fenomeno permette a sfruttatori di ogni specie di spartirsi la ricca torta. Altro che accoglienza e solidarietà!

Personalmente mi arrabbio non poco quando, di fronte alla questione degli immigrati, sento dire che una volta eravamo così anche noi. Così anche noi? dove? quando? Ho visto con i miei occhi – era la fine degli anni Sessanta – i nostri emigrati in Svizzera prepararsi la cena dentro una baracca di pietra e di legno costruita vicino alla cava di granito dove lavoravano dieci ore al giorno. In quel modesto alloggio avevano il fornello a gas, le brande, le scorte di pasta e di vino. Per risparmiare e portare un po' di soldi a casa affrontavano fatiche e rinunce. Eravamo così anche noi! Via, non diciamo bestemmie. Non offendiamo una storia fatta di dignità e di sacrifici.

Ma torniamo ai cosidetti profughi africani (per quelli che fuggono dalla Siria il discorso è diverso). Quando io ero ragazzo, in Africa c'erano molte più guerre di adesso, molta più miseria, più fame, più oppressione, ma da quel continente non arrivava nessuno. Ora si sono aperte le cateratte del cielo. I barconi, quando non affondano, scaricano sulle nostre coste una marea di gente che nessuno è in grado di controllare. Il governo italiano, lo stato italiano, si dimostrano totalmente impotenti di fronte a questo fenomeno. Soltanto le mafie trionfano. I nostri rappresentanti politici, di maggioranza e di opposizione, parlano, parlano, parlano. Le parole sono più o meno sempre quelle: fatto epocale, accoglienza, solidarietà, invasione, respingimento. I cittadini italiani ripetono a loro volta le stesse parole. Intanto nulla cambia. I ragazzi dalla pelle color ebano nel giardino della locanda maneggiano i loro tablet e i loro cellulari comodamente sdraiati nel verde. A questo punto probabilmente qualcuno mi darà del razzista. Ma niente è più lontano da me del razzismo. Se quei ragazzi invece che neri fossero bianchi con i capelli biondi e gli occhi azzurri il mio giudizio non sarebbe diverso: queste vacanze pagate da Pantalone sono uno scandalo, un autentico scandalo.

 

P.S. - Un altro esempio tra i tanti. 24 agosto 2015: in viaggio sulla nave Tirrenia da Porto Torres a Genova. Cabina prenotata a febbraio, per fortuna (euro 450). Saloni, corridoi, sala poltrone e bagni intasati da decine e decine di profughi o presunti tali accompagnati da numerosi carabinieri. I cosiddetti profughi viaggiano naturalmente a titolo gratuito impedendo, anche senza volerlo, a chi ha sborsato fior di quattrini di fruire dei saloni, delle poltrone, dei bagni ecc. Non dico un lombardo o un piemontese, ma qualsiasi cittadino sardo paga per muoversi dall'isola centinaia, a volte migliaia di euro. E si tratta pur sempre di italiani che vivono e lavorano in Italia, pagano le tasse e sono soggetti alle leggi di questo squinternato paese. I profughi africani invece si muovono a piacere, senza sborsare un centesimo, magari diretti a qualche piacevole località di soggiorno. Si può continuare così?

 

Gino Songini

(da 'l Gazetin, settembre 2015)

 

 

Immagine:

Aiutiamoli a casa loro...

Quale casa? Questa è Kobane, la città di Aylan Kurdi, il bimbo morto annegato.

(@rinaldosidoli, 04/09/2015 – foto internazionale.it)


Articoli correlati

  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Qualche volta ho pregato il Cielo...
  Anche a Gioiosa i migranti puliscono il paese
  Padova. Libdem: La libertà è ancora di moda?
  Morbegno. “Migranti e accoglienza”
  Roberto Malini. In viaggio con Alex verso un mondo giusto e accogliente
  Anna Lanzetta. Di fronte alla morte di Aylan, bimbo siriano
  Gordiano Lupi. Generazione 'tipo'
  Vetrina/ Pino Dell'Ago. Se qualcuno al bar o in grigi
  Lidia Menapace. La cancelliera federale germanica
  La marcia delle donne e degli uomini scalzi
  L’11 settembre marceremo scalzi a Gioiosa in solidarietà coi migranti
  Carlotta Caldonazzo. Abbattere un muro per costruirne cento?
  Luigi Fioravanti. Migranti, tanto peggio tanto meglio per Salvini & Co.
  Lidia Menapace. Una modesta proposta
  Vetrina/ Alberto Figliolia. La canzone dei migranti che furono
  Salvatore Ambrosi, PD Sondrio: L'estiva lezione di turismo di Salvini
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Lenzuola di nuvole...
  Marco Lombardi. La CEI e gli esami di coscienza
  Gino Songini. NO e ancora NO ai reati di opinione
  Gino Songini. Il cavallo non domato (o indomabile?) dell'energia nucleare
  Gino Songini. “Se un paese è l'aereo, la scuola è il suo motore”*
  Gino Songini. A cosa può servire una interminabile crisi
  Gino Songini. Ma diamogli un calcio nel sedere (metaforico, s'intende)
  Gino Songini. Gli esami non finiscono mai
  Gino Songini. Una guerra mondiale “a pezzi”
  Scuola e Diritti. “Se i meccanici sabotano i motori, l’aereo precipita!”
  Gino Songini. Brevi note sulla pittura e sulla musica.
  Vetrina/ Gino Songini. In morte di Nelson Mandela
  Vetrina/ Gino Songini. Lettera al “Che”
  Gino Songini. Elogio del lavoro manuale
  Gino Songini. Le crisi come le ciliegie: una tira l'altra
  Gino Songini. Dalla villa di Arcore a quella di Sant'Ilario, da un pifferaio a un altro
  Gino Songini. L'abbiamo scampata bella
  Gino Songini. A proposito della libertà di stampa
  Gino Songini. Nella giungla informatica, tra felici scoperte e trappole insidiose
  Gino Songini. Non ci resta che piangere
  Gino Songini. «Somos todos americanos»
  Gino Songini. Beati coloro che possiedono certezze e verità
  Gino Songini. Una gita con Berlusconi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.4%
NO
 24.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy